R.E.S. RIVOEVOSOFIA 1.2.2015

keplero

P.E.: primo emissario res. lr14,5

TITOLO: il programma di addestramento res prosegue per effetto di una recente esperienza energetica avuta da una cacciatrice di energia res. Possiamo considerarlo il 4° step o “fase”. Questo progetto di evoluzione si va diversificando in modo ordinato su vari punti di addestramento. La conoscenza specifica dell’energia originaria che ha dato moto a questo universo si fa sempre più attuabile e proponibile. Con una pubblicazione successiva si estenderanno alcune argomentazioni mentre parti di questa verranno riprodotte in quattro lingue (italiano, inglese, spagnolo e francese). E’ una promessa.

http://www.nationalgeographic.it/scienza/spazio/2012/01/10/news/un_pianeta_due_soli_e_una_ipotetica_luna-783370/ Quando il programma tratta l’addestramento per cacciatori di energia viene sempre mandato un link su un prodotto di questo universo con grande impatto visivo i cui riferimenti scientifici sono disponibili alla sua apertura.

Fantasy_006

TESTO

Nell’apertura delle due community è stata bloccata una pubblicazione, dalle funzioni di un moderatore, che invita la comprensione del percorso di evoluzione energetica in quattro lingue: italiano, inglese, spagnolo e francese. lr8,6

Lo scopo è quello di facilitare la comprensione del percorso di evoluzione energetica individuale intrapreso dalla specie umana. E’ molto poco importante chi sia ad iniziare un percorso e, spesso colui che viene indicato dal sistema di massa non è stato propriamente lui a far partire l’origine di un prodotto o di un’idea, semmai è stato il primo ad essere collettivamente riconosciuto.

Questo fatto è accaduto più volte nel sistema mentale collettivo “MCS”, e ripeto non importa chi inizia ma che un percorso evolutivo come questo …inizi. Non si tratta di un cambiamento di paradigma progressivo pur se accelerato ma di un parallelismo. Si tratta di passare dall’evoluzione biologica a quella energetica, ripeto dall’evoluzione biologica, dove gli organismi si evolvono come struttura proponendo una elevata qualità neurosensoria (la specie umana con il più evoluto cervello) a quella energetica dove la stessa qualità neurosensoria si evolve ad un fattore non organico ma energetico. E’ il caso in cui i tentativi dei precedenti migliaia di anni divengono effettivamente operativi.

Gli organismi della specie umana più evoluta possono infine addestrarsi in una postazione diversa da quella che occupano fisicamente con la struttura.images (20) Lo spostamento è a carico dell’apparato neurosensorio guidato dal cervello. Non si tratta più di tentativi che anche per poco finiscono in “blindhole”, ovvero nel nulla di fatto lasciando qualcosa di incomprensibile, magari soltanto avvicinandosi ad una realtà, sfiorandola appena. lr11,2

Proprio questa mattina una cacciatrice di energia mi ha detto di essere entrata in un’esperienza molto intensa e vivida vissuta con il corpo energetico neurosensorio che, nell’ambito comune si è portati a confondere con un sognare più o meno di qualità ma sporcato dall’azione nefasta del sistema collettivo mentale, MCS. L’esperienza indicava di essere in ambito acquatico con la presenza di soggetti tipo meduse. La cacciatrice mediante il suo apparato neurosensorio portato ad alta intensità dall’esperienza che viveva, era consapevole di stare immersa in una forma complessa dell’energia originaria che ha messo in moto questo universo. Queste esperienze fatte da cacciatori sono impossibili da indicare perché non abbiamo comparazioni nell’ambito ordinario e, cercare di spiegare fatti incondivisibili, non farebbe che alimentarne l’entanglement.

Ho subito accennato quanto esperienze di quel tipo, che al ritorno rimangono più vivide di qualsiasi realtà ordinaria, devono essere prima di tutto assimilate come energia con il corpo di alta intensità neurosensoriale che il cacciatore può manipolare direttamente, quindi, con lo stesso corpo il cacciatore che ne fa esperienza può portare quel pezzo naturale o antropico che sia, in un’area energetica raggiungibile a piacimento.

Quest’area può benissimo partire da quell’estratto dell’esperienza che essendo molto coeso permane come una seconda realtà vivibile e di vissuto ripetibile a piacimento dal cacciatore. images (15)Poi i cacciatori possono costruire intorno a quell’esperienza altre parti, allargando l’area dove poter vivere in un mondo neurosensoriale elaborato secondo la sua intima necessità o predilezione. Si tratta di una realtà parallela antropica di tipo energetico neurosensorio.

Ad esempio la cacciatrice ha detto di voler creare, lì vicino, un posto dove potersi rilassare dopo quel bagno energetico ed è stata sollecitata dal suo addestratore a portare in quel sito una o più persone che gli siano gradevoli (animali compresi), in modo da poter alimentare il corpo neurosensorio con stimolazioni differenti, di qualsiasi tipo. Inoltre l’indicazione propone, se non è stato già realizzato, di creare un sito dover potersi allenare in contemporanea con il corpo fisico lasciato al posto di partenza. L’allenamento con pratiche di tipo fisico (alcune estratte dalle asana dell’hatha-yoga tibetano) aumenta la coesione del corpo neurosensorio energetico nel posto dove lui stesso pratica. Al tempo stesso, questo addestramento, instaura nel corpo fisico una viabilità neurosensoriale che facilità il prolungamento della sua efficienza e della sua durata. Il cacciatore usufruisce anche dell’innalzamento della qualità generale neurosensoriale con una maggiore capacità di acquisire conoscenza specifica di questo nostro universo. fbb8,3

Questo addestramento verrà poi riprodotto dai cacciatori in contemporanea, mentre quello descritto poco prima avviene solo nel corpo energetico neurosensorio, in quella zona non strutturale, fatta di una realtà creata energeticamente. gatto-in-verticaleL’addestramento in contemporanea lavora gli allungamenti della struttura osteo-tendineo-articolare e dona con brevi sedute un indurimento incomparabile. fbb8,5

La natura di questo addestramento diviene possibile perché aprendo dei piccoli portali nel corpo neurosensorio non strutturale, “hisb”, si annullano le infiammazioni che vengono prodotte con la stimolazione ad andare oltre le proprie precedenti possibilità.

Quindi in aggiunta al fatto di andare oltre le proprie possibilità di allungamento degli arti, che era stato ottenuto in precedenza, non si hanno le proverbiali risposte negative successive e l’addestramento procede con molta rapidità, il tutto a dispetto dell’età e della  propria precedente situazione.

 Il corpo fisico diviene potente e durevole quanto mai prima in ogni parte della sua struttura e come effetto collaterale aumenterà per ogni cacciatore di energia la possibilità di poter annullare le infiammazioni generiche che accadono al corpo fisico durante la vita di ogni giorno. download (15) Intendo dire che il proprio cervello spostandosi nel corpo neurosensorio e aprendo lì dei piccoli portali dove è necessario, annulla spesso all’istante un disagio dovuto ad un trauma o ad una alterazione del funzionamento di un organo. Il cacciatore sufficientemente addestrato può dire addio a molti malanni senza impiegare sostanze né chimiche né naturali…, cosiddette. fbb5,5

Questa è l’evoluzione energetica individuale e non si poteva pensare che fosse un’opera da poco conto. L’indicazione lascia trasparire fatti che non sono ancora stati mai conosciuti.

Abbiamo presentato con una “leccata”, ovvero in modo minimale quello che segue, il quale potrà poi essere approfondito tema per tema. Per questo motivo è stato numerato per dare corso in modo ordinato alle successive pubblicazioni sul tema dell’addestramento al collegamento diretto con l’energia originaria.

4° step o “fase”

 1aaBird-white-owl-face (1)

5 argomenti specifici da sviluppare (utile seguire il percorso precedentemente descritto nella pubblicazione originali del blog.

Ecco il link: https://rivoevosofia.wordpress.com/2015/02/01/

1-creazione di un corpo esterno neurosensorio;

2-maggiore facilità ad avere “vissuti paralleli neurosensoriali casuali” di alta intensità energetica, assorbibili come energia e trasferibili se il cacciatore lo prevede in un’area energetica dove poterne usufruire a piacimento. Questi vissuti molto  intensi neurosensoriali sono indicati con l’acronimo “vpnc”.

3-creazione di una realtà energetica senza struttura ma vivibile e del tutto simile a quella gradita: verrà chiamata “wesr”, world-energetic-neurosensory-reality. Potrà accomunare parti create con quelle assorbite dai “vpnc”.

4-addestramento di tipo fisico ma esclusivamente effettuato con il corpo neurosensorio che il cacciatore manipola a suo piacimento.

5-addestramento in contemporanea tra i due corpi, quello lasciato in postazione fisica e quello neurosensorio nell’altra realtà energetica. Prima inizia l’addestramento neurosensorio nel corpo della realtà energetica e subito dopo in contemporanea quello fisico ripete le escursioni. Escursioni di tipo fisico che vengono protette dall’altro corpo, sia con specifica tecniche di allungamento che con l’apertura di piccoli “woho”, portali che il cacciatore apre in luoghi specifici immettendo al loro interno il suo elettromagnetismo base (lattugine bianca in continuo movimento). Una lattugine che spesso appare davanti agli occhi aperti o anche chiusi del cacciatore durante il suo addestramento.

 galai

Alla prossima da res.

Annunci