R.E.S. – RivoEvoSofia – “Reblog.33” del 29.5.2014

Immagine
(18cm2ndafila) – Wormhole. Voce fuori campo: “Rappresentazione cosmologica della teorie einsteiniana. Le caratteristiche di spazio e tempo sono le peculiarità dell’energia che sono presenti nell’universo di questa fascia di dimensione vibrazionale ordinaria. Fuori da questa specifica fascia non ci sono le premesse per queste misurazioni. Rivoevosofia instaura delle procedure di logica-ragionata per superare queste implicazioni. Il corpo neurosensoriale esterno e quello casuale non hanno a che fare con questi indici di misurazione”. Micio e canino che ridono: “Hei voi! sono canino, quello che pe’ solidarietà se porta dietro er micio. Devo di’ che è lui che ride sempre a crepapelle e io je vado dietro. Ormai l’ho adottato e me lo tengo. Ve volevo di’ che ce trovamo su un artro pianeta, sempre de ‘sta galassia. Semo dovuti scappa’ de corsa perché er tigre ce se voleva magna’. Io ho aperto uno woho e me so trasferito all’istante senza spazio e senza tempo, ovviamente me so legato er micio alla coda sennò l’avrei perso. Prima o dopo me spiegate chi è ‘st’einstein e che ce voleva fa’ lui co’ ‘sti buchi. M’hanno detto che le sue so’ solo teorie. Adesso ve faccio ‘na proposta: se io je spiego bene come se usano gli woho a ‘sto einstein, lui potrebbe mette ‘sta tigre in un circo e me la leva de torno. Perché io e er micio vorremmo ritorna’ su la tera che ce manca tanto!… riporta’ su la tera? Perché ce manca tanto!… Allora che me rispondete!?… Ehi… c’è quarcuno!?…”

NUOVO CORSO DI EVOLUZIONE ENERGETICA DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014
Uscita settimanale –giovedi. (Post n.16 del 22 e parte del 23-10.2013 -2nda.3za.Parte-)

Immagine

(1,6cm.1mafila) – 6449 Gattino che fa ginnastica: “Se ho capito bene, qua se magna come se deve, altro che i croccantini dell’MCS. Dicono che co’ ‘sto magnà se diventa energetici e il corpo fisico pija muscoli come gnente. Adesso me cominciò a allenà a la Rambo, prima ancora de fa’ ‘sto primo pasto. M’hanno detto che in cinque mesi potrei diventà ‘na tigre!!…” Tigre: “Io sinceramente non ho parole, ma chi è che li scrittura ‘sti buffoncelli. Praticamente, se io facessi le stesse cose, che me dovrebbe succede? Senti a specie de gatto nano friskies, prima che tu diventi ‘na tigre er sole diventerà ‘na supernova. A me me viene da pensà che fin’adesso hai sempre ciuccato ar posto de magna’. Quanno so’ diventata ‘na cacciatrice RES, pensavo che avrei fatto ‘una vita noiosa, perché già ero ‘na cacciatrice coi fiocchi e mejo de così che avrei potuto fa’? Invece ogni giorno assisto a ‘n teatrino e me sto veramente a divertì. L’unico problema al momento è che non trovo quei due, er canino e er micio che ridono ma do’ se saranno nascosti, ho battuto la foresta parmo a parmo cor fatto che la fame m’è pure aumentata. Quanno li pijo invece de magnammeli me li bevo ma sta a vede che ortre a la colazione, devo sarta’ pure er pranzo!!…”

ATTENZIONE: COMUNICATO PER I LETTORI-CACCIATORI:
Dal reblog.30 le foto hanno cessato di essere delle accompagnatrici del testo e i personaggi hanno assunto la qualità di attori. Questi attori che partecipano alla vita delle pubblicazioni spesso si ripetono ed interagiscono tra loro. Dall’iniziale divertimento i loro dialoghi stanno inclinandosi alla conoscenza rivoevosofica. L’aumento dei dati allunga le pubblicazioni. Per questo motivo allo scopo di poterne assimilare correttamente i contenuti ne è stata decisa una singola uscita settimanale. Attendo tutti i commenti dei lettori-cacciatori sul blog di wordpress. Le letture possono essere effettuate anche sul magnifico blog di tumblr.

Titolo: Molte le indicazioni per trattare il corpo fisico BOSN adeguatamente, quindi ad elevato livello igienico. L’HISB, il suo corrispettivo neurosensoriale in quanto senza organismo, può andare ovunque perché lavora nell’area riferibile alla “lunghezza di Planck” dove il tempo non può essere misurato perché, nell’energia non si sono ancora formate le caratteristiche adatte alla sua presenza. Anche lo spazio non può essere identificato alla stregua di quello della fascia di dimensione vibrazionale ordinaria, dove l’universo è presente a partire dalla meccanica quantistica dell’infinitivamente piccolo. Questo discorso che appartiene all’HISB è dato per considerare che senza la base non c’è HISB e la sua base è il BOSN, quindi è relativamente a come esso si tratta se il suo corrispondente HISB può viaggiare ed effettuare le meraviglie di risposta che è in grado di dare all’evoluzione individuale energetica del suo organismo strutturale e neurosensoriale al quale è intimamente collegato. Dopo le pratiche di tipo igienico, abbiamo quelle di tipo fisico per il solo BOSN che condurranno alle successiva pratiche che verranno effettuate in contemporanea.
Eccoci alle regole igieniche del BOSN che il primo emissario di Rivoevosofia attua per l’ottenimento di una energia di buona qualità ed un elettromagnetismo corrispondente.
Adesso, quando succederà che vi dirò casualmente che avevo fame e ho mangiato…, guardate da dove derivano quelle semplici scelte e semmai non mettetevi in testa che dovete assorbirle per procedere. Continuo a dire di respirare i dati in modo leggero, facendoli entrare e basta, serve solo questo. I dati utili si sommeranno a quelli simili del proprio bagaglio di appartenenza a tutto vantaggio della conoscenza personale, poi con quella conoscenza ogni cacciatore saprà cosa desidera fare. Aumentare i dati, quindi la conoscenza specifica del collegamento diretto all’energia che ha formato questo universo e a tutte le attività ad essa correlate, è indispensabile per l’evoluzione della specie umana e per i termini di ingaggio individuali.
La scelta di quello che faccio per il mio BOSN ha certe basi, con le quali ho raggiunto un neurosenso specifico di qualità evoluta e sufficiente ad indicarmi cosa devo fare in ogni circostanza per quanto riguarda le dosi e la frequenza di somministrazione.

Immagine

(2cm4rtafila) – 895 tigre dai denti a sciabola. “Ehi voi!… ho l’impressione che state creando molta confusione. Poco fa ho incontrato un gatto che non s’è spaventato per niente e facendomi vedere il suo bicipite mi ha detto: scansate da lì, nun vedi che so’ na tigre…, io vengo dar bengala, capito… smamma. Mi fate sapere bene cosa state combinando voi della RES”. Voce fuori campo: “Il gattino quando si è presentato ha detto che mangiando in un certo modo sarebbe diventato ‘na tigre e adesso tu dici che si è addirittura presentato come una tigre del bengala, quindi a quanto sembra è andato oltre le sue iniziali previsioni, non ti sembra caro smilodonte? Non ha neppure avuto paura di te, il che è tutto dire, che ne dici?” Tigre dai denti a sciabola: “Hei voce, messa così questa faccenda non è che la si capisce molto, insomma ‘sto nano friskies che roba è?” Voce fuori campo: “Scusa smilodonte, tu prima non eri una tigre del bengala e mò sei ‘no smilodonte, quindi perché te stupisci tanto se er nano friskies è diventato ‘na tigre”. Tigre dai denti a sciabola: “Aiuto… me sa che vado dar gorilla e mi faccio da’ ‘n’aspirina, speriamo che non se le sia finite tutte”.
Arrivano!…: sono una bella quantità di dati significativi sul comportamento igienico del mio BOSN, nel pieno rispetto delle sue esigenze energetiche”.

—OGNI volta che mangio faccio attenzione al fatto che il totum del cibo sia ottimizzato alla composizione. Ad esempio, non assumo una quantità di gelato se non è assemblata a delle proteine pure e la scelta del gelato cade su quello alla cioccolata e alla frutta secca: pistacchi, nocciole, pinoli che garantiscono una eccezionale qualità dei grassi. Per ogni cento grammi di gelato in genere abbino da 10 a 15 grammi di proteine. E’ un fattore che, fuori pasto, ovunque mi trovo, mi garantisce pronta energia, facile approvvigionamento e assenza di fame per molto tempo.
IN generale la composizione di un pasto va assemblata sulla base di tre scelte specifiche: carboidrati provenienti da vino, verdure e frutta + proteine di elevato valore biologico compresa una buona presenza di aminoacidi ramificati (lisina, e arginina…) + grassi dop con massima decurtazione di quelli saturi e totale decurtazione di quelli idrogenati o di pessima qualità. Per quello che mi riguarda i cereali tutti sono scarsamente presenti e i legumi fanno qualche comparsa ma molto dissociata da altri cibi. L’equazione definita completa, cereali-legumi, non è da me praticata. Al posto dei cereali tradizionali impiego chicchi quinoa ed avena.
-OPERO sempre sulla scelta di alimenti che presentino un alto numero di elementi nutrizionali in antiossidanti, vitamine e minerali. Tra questi alimenti faccio la scelta dei più appropriati secondo le esigenze personali del momento. Ad esempio, se fosse necessario elevare la protezione per macula e retina, scelgo quelli che contengano adeguate quantità di luteina e zeaxantina e mi curo di maggiorare l’ingresso di peperoncino in polvere rossa a favore della qualità delle tuniche dei piccoli e medi capillari. L’ingresso in grande quantità di peperoncino in polvere molto rossa, che è capillarmente attivo, senza piccare esageratamente, si facilita con il pomodoro cotto a lungo a fuoco molto basso, fatto che aumenta la quantità di carotenoidi, tipo licopene, capaci di far emergere un sinergismo più attivo dell’insieme dei componenti utili. Questo è solo un esempio. Per luteina e zeaxantina eviterò di assumere spinaci perché hanno anche una loro tossicità e preferirò la cicoria perché molto più terapeutica, facendo attenzione al loro grado di inquinamento. Comunque queste due sostanze si trovano in molti altri ortaggi.
VALUTO sempre la compatibilità alimentare che prevede l’assenza di frutta durante i pasti principali. Se voglio comunque inserirla lo faccio prima di iniziare il pasto e, meglio ancora assumo una monofrutta per evitare che più tipi creino incompatibilità litigando nel mio ambiente gastrico e proseguendo nel duodeno dove mi gonfieranno. Comunque inizio sempre con del buon vino assente di polifosfati e altre sostanze. Nel caso di più tipi di frutta opero dando delle priorità d’ingresso, comunque non supero mai i cento, duecento grammi in totale secondo il tipo di frutta.

Immagine

(8cm2ndafila) – Gatto incredulo. “Ma davvero, davvero dite che con queste regole divento Schwarzenegger e che nessuna gattina mi resisterà mai, poi anche che la mia padroncina mi riempirà di crocchetti e diventerò pure famoso come quell’amico mio de pochi giorni fa? Non è che me state a prende per…, non scherziamo su queste cose, eh!” Voce fuori campo: “Possibile che pensate tutti a magna’ e beve, vi ricordo che siete scritturati per promuovere la RES, per praticare gli woho e diventare dei cacciatori. Tu un tempo eri un cacciatore de topi e riacquisire un neurosenso molto vicino non ti dovrebbe rimanere difficile a meno che non vuoi che te rimando a caccia de topi nella giungla del Madagascar così te rifai il rodaggio e poi ritorni, che ne dici?” Gatto incredulo: “No ti prego voce, divento subito un cacciatore e mi collego immediatamente all’energia in modo diretto senza ausili di nessun tipo, neppure quelli alimentari, va bene? Però non me rimanna’ a caccia de topi, bhea… che schifo!!…” Voce fuori campo: “De gustibus… gatto incredulo, se proprio lo vuoi, ma ti ricordo che gli alimenti devono essere molto ben selezionati e non eliminati come gli altri ausili se veramente vuoi andare a caccia di energia”. Gatto incredulo: “Ho capito tutto e giuro… guarda, mò metto le zampette incrociate e le bacio, d’accordo?”

QUANDO voglio assumere frutta lo faccio lontano dai pasti aggregandola ad una proteina magrissima e ad una modesta distanza dall’ingestione. La proteina potrebbe essere un 80% in polvere di latte microultrafiltrata, oppure chiare d’uovo sodo, oppure carne magra bianca o rossa o prosciutto crudo magro, SanDaniele o Parma, assente di nitriti e nitrati, però ora che ci penso non mangio carne, quindi…, la proteina in polvere è quella che gradisco di più. Secondo il tipo di frutta 100gr. hanno bisogno di un minimo di 5gr. di proteine fino ad un massimo di 10gr. Ad esempio se assumo una banana di 100gr., abbino 8gr. di proteine in polvere, magari li frullo, poi mi “beo” di un alto gradiente di compatibilità e di un immediato indice metabolico che mi consente un’attività muscolare o mentale sia di sforzo che di resistenza con grande profitto. Penso che tutti gli anziani che entrano in difficoltà metaboliche se ne potrebbero avvantaggiare e, con questi sistemi che non erano al livello di oggi, ho fatto vivere bene mia madre per ulteriori 15 anni dopo un ictus devastante. 20gr. di datteri vogliono a scelta 8gr. di proteine, due chiare d’uovo o 40gr. di carne bianca o rossa; 100gr. di banana, di mela o di pera vogliono più o meno la stessa cosa, ma per le arance i kiwi, mandarini e pompelmi come pure per melone e cocomero si può arrivare a 200 grammi. Tutti ottimi spuntini, ma se lo ritengo opportuno raddoppio o triplico tutto. Questo non mi leva la fame ma mi da sostanza e forza neurofisica, poi se voglio calmare la mia fame dopo un’oretta mi riempio la bocca di frutta secca, preferendo mandorle e pinoli e a quel punto sono anche sazio.
DURANTE i pasti assumo solo acqua specialmente alla fine perché avvenga correttamente il metabolismo dei grassi ingeriti, quindi anche dopo la frutta secca bevo un poco.
IL VINO, lo adoro e lo assumo solo all’inizio di un pasto anche prima della frutta, in qualità di aperitivo: rosso d’inverno e bianco d’estate, periodo in cui mi abbuffo di prosecco dop e tutto in barba a pesce o carne (quest’ultima non la mangio). Comunque sempre secondo il piacere personale. Badate che il vino sia, per quanto possibile, assente da polifosfati ed altri inquinanti.
SCELGO in genere alimenti biologici, con tanta attenzione alle truffe, oppure quelli che sicuramente non hanno bisogno di essere trattati.

Immagine

(9,8cm2ndafila) – Gatto famoso. “Che c’ha da di sto gatto qui sopra sur fatto che so’ famoso? E’ tutto guadagnato cor sudore… Ahò!…. So’ riuscito a fa capì ‘sta cavolo de MCS. Non me sarei mai aspettato che da quel momento non m’avrebbero più dato un attimo de pace. Comunque c’è stato un risvolto positivo, perché ogni giorno me portano a un ristorante de lusso e me servono tutti gli alimenti giusti, poi me accarezzano tanto che c’ho un pelo che non te lo dico!… Niente invidie èh, diventate lettori-cacciatori e forse diventerete famosi pure voi, io però so’ er primo. Calma calma ragazzi,… altri dieci minuti poi me vado a ritirà’ che so’ stanco. C’ho proprio bisogno de annamene in escursione nel mio wesr preferito col mio HISB ma quello che faccio là lo dirò durante la prossima intervista perché dobbiamo pattuire il compenso. Anzi adesso vojo proprio vede’ se le quattro gattine che m’avete promesso me stanno a aspettà. Non credo che fate i fasulli vero!?…”.

SCELGO sempre alimenti puliti dove possibile, carichi di nutrienti e ottimizzati sia per composizione che per compatibilità, poi faccio attenzione al sapore perché deve sempre raggiungere un alto grado di intensità. Nel mondo rivoevosofico è tutto altamente intenso, quindi…, e se all’interno di un pasto per necessità c’è qualcosa che non gradisco molto, lo contorno di altro dal sapore svenevole. La vista e l’odore devono essere al top per garantire un buon metabolismo e li ascolto sempre perché, se mi obbligassi a mangiare per forza, otterrei di andare in carenza enzimatica, ad esempio di tripsina pancreatica, e entrerei nella zona dell’incompatibilità che forma sostanza cancerogene direttamente nel nostro stomaco. Allora me ne sto a digiuno in attesa che gli eventi cambino.
SCELGO sempre grassi di elevatissima qualità e su di un pasto è sicuramente meglio optare a favore dei grassi che non dei carboidrati. Se si esagera con i carboidrati, soprattutto composti da cereali, lo squilibrio ormonale pancreatico, prima o dopo la fa pagare cara alterando il rapporto dell’insulina nel sangue, mentre se questi vengono contenuti e si sale un poco con i grassi, tipo alimenti fritti in olio d’oliva dop o grassi provenienti dal pesce, tipo alici anche fritte, non succede nulla. Dopo un certo periodo l’organismo andrà metabolicamente a caccia di grassi convertendoli in energia, senza bisogno di farlo soltanto con i carboidrati e, udite udite…, se ne andrà gradualmente il grasso dove non lo avete mai potuto aggredire prima con ogni altro metodo. Il grasso se ne andrà da solo per atto di autocannibalismo, convertendosi in energia cinetica degli organi interni che miglioreranno il loro stato di servizio metabolico generale. Questo è quanto accade al mio BOSN ed è una goduria.
-GLI spuntini a base di frutta secca sono i miei benvenuti, sia per l’elevato carico di nutrienti che posseggono, che per altro. Ai primi posti metto mandorle e pinoli, che sono provvisti di un buon rapporto tra proteine, carboidrati e grassi. Non alterano il mio programma ormonale pancreatico e mi danno energia, sia di potenza che di resistenza. 20gr. mi sono in genere sufficienti, specialmente se mi devo attivare subito o se mi devo creare un ponte antifame per giungere al pasto principale poi,bevo subito dopo acqua”.
PENSAVO di buttare giù un leggero metaforico antipasto e mi sono lasciato andare, ma questo è un vademecum generico che vi sarà molto utile in futuro e ve lo ricorderò.
-ORA mi fermo perché il post si sta allungando troppo e vi anticipo che più avanti vi posterò uno schema in cui voi potrete trovare le vostre composizioni personali, garantendovi alta energia e un valido aiuto nel caso delle principali malattie della nostra “civiltà”, mediante la sola igienistica nutrizionale. Potrete combinare gli alimenti per avere un effetto sul tipo “zona” alla Barry Sears. Lo schema si chiama Inp ed è attivo da molto prima dell’avvento di Rivoevosofia, nasce infatti nel 1998. Vi darà tante indicazioni ma soprattutto vi consentirà di farvi delle schede pasto con gli alimenti che preferite raggiungendo l’ottimale composizione per il vostro fabbisogno giornaliero. La cinetica organica ve ne sarà grata, dipenderà da voi.

Immagine

(1,1cm1mafila) – Orso bruno. “Ahò… che avete detto? Ce so’ i grassi boni e ‘ndo’ stanno? Diteme tutto, che devo anna’ in letargo e c’ho il fegato a pezzi, so’ sempre affaticato, ansimo tanto e sto sempre co’ la lingua de fori. Se non me volete sulla coscienza, diteme ndo’ stanno ‘sti grassi boni!”. Gatto che guardandosi allo specchio se vede come un leone: “A orso… ma che te sei bevuto er cervello! va bhè che non c’hai ‘no specchio a disposizione come me ma poi anna’ comunque a guardatte dentro un ruscello come Narcisio. Sei diventato ‘na botte e voi ancora magna’, per di più i grassi boni, e che voi diventà un caterpillar, poi pe’ cerca’ ‘na tana rifiugio per l’inverno te toccherà entra in una metropolitana ma lì dovrai fa a botte cor treno e quello artro che la lingua, te tira fori pure er cervello. Però me sa che de cervello non è che ce n’hai tanto eh?” Orso bruno: “No, no… è che io so’ un bonaccione e tutta ‘sta roba non la capisco proprio, allora cerco quarcuno che me da ‘na mano. Diciamo che me butto avanti e stò a vede che posso raccoje, tu me capisci vero?” Gatto: “Senti adesso c’ho da fa’ ma te prometto che ‘n’artra vorta ne parlamo mejo, va bhè!?…”

PER quanto mi riguarda, ho dovuto fare di più di questo, visto che corro sempre sulla lama di un rasoio. Ho organizzato il mio palato in modo che l’assoluta assenza di sale si trasformasse in un esplosione di sapore, poi ho organizzato l’acqua filtrandola e caricandola elettromagneticamente e tante altre cose. I benefici mi hanno sempre compensato adeguatamente.
ALLA fine ogni tanto vi dirò quello che mangio, e non vi dirò mai cosa è meglio per voi, così non avrete bisogno di effettuare improprie valutazioni e se siete degli esperti, o anche se non lo siete, non dovrete mai rinunciare a quello che di buono avete ottenuto con i vostri precedenti dati. Dovete soltanto immettere dati, ve lo ripeto, non dovete fare altro. Cosicché farete sempre quello che diverrà più conveniente per voi.
PER quanto mi riguarda ho saputo e dovuto fare meraviglie con gli alimenti, i fitoterapici e gli aromaterapici, eliminando tutto il sistema mentale collettivo. Ora sono in periodo di collaborazione e non avrei bisogno di estromettere tutto, ma ormai sono lanciato e non ho più bisogno di nulla, di nulla…, proprio di nulla.
Solo per non dimenticare: …ad una splendida igienistica pro-BOSN, si aggiunge l’energia elettromagnetica degli woho rivoevosofici.
Ancora un elemento di informazione igienica per la vista, uno dei doni neurosensoriali più preziosi che l’EOS ha elargito per l’evoluzione individuale dei suoi organismi, poi inizieremo con un minimo impegno per le pratiche rivoevosofiche di tipo fisico per il solo BOSN. Ricordo ai cacciatori che le pratiche della contemporaneità che verranno elaborate insieme tra BOSN ed HISB sono il fattore di allungamento delle possibilità che guardano all’evoluzione energetica. Longevità, cura di sé e benessere sono soltanto un effetto collaterale necessario e gradito, senza dubbio alcuno! ma… Rivoevosofia non indica facilmente queste spinte improprie perché sono appannate dalla parte nociva dell’MCS. Non possono esserci elementi di comparazione tra i due software MCS e RES perché quest’ultimo è l’evoluzione del primo e il cambio di nome è necessario per identificare questo successore, “nuovo paradigma” dell’evoluzione energetica individuale, rispetto alla precedente biorganica.

Immagine

(2,8cm4rtafila) – gatto allo specchio. “La vista, sì, la vista è una gran cosa. Io me vedo proprio bene e non saprei proprio come fa se non me potessi vede’ così bene. A RES, damme sta formula pe’ l’occhi, che me la faccio subito. Che hai detto?… E’ una formula che se fa in cucina? Benissimo, mentre me faccio un piatto de crocchetti, quella se prepara. M’avete assicurato che co la formula, me vedrò ancora mejo de così e che non dovrò neppure miagolare? Come… potrei arrivare pure al barrito? Porca miseria, dateme subito ‘sta formula!!…” Dopo un certo tempo di rimirazione gatto allo specchio: “Come me vedo bene, roaaaarrrrr…. C’ho l’impressione che se dev’esse sparsa la voce, perché Orso bruno m’ha chiesto cose che riguardano i cacciatori. Lui pure se vorrebbe vedè riflesso in uno specchio e lo dovrò accompagna’ al laghetto, poi lo devo manna’ in HISB, così lo butto in morphing e da quella barca che è, lo faccio vede’ magro magro. Lui è convinto che deve ancora magna’ tanti grassi boni… Poi quanno sarà diventato ‘na balena je insegno a creasse ‘na grotta grossa grossa dove se po’ mette a sverna’. Er primo emissario ha detto che bisogna esse generosi per evolversi e io che so’ già ‘n leone chissà che potrò diventa’ se continuo così!”

Proprio da poco, in televisione, stavano parlando della degenerazione della macula, ed il fenomeno più pericoloso sembra essere quello essudativo. Nella seconda parte avevo già indicato qualcosa circa gli alimenti per gli occhi, in quanto la visione è un fondamento sensoriale al servizio del corpo esterno HISB, quindi la sua efficienza e durata è dal sottoscritto molto ricercata. Ne parlano non perché sia un fenomeno giunto ora ma per il fatto che hanno trovato delle cure, magari costose però efficaci e l’organizzazione dell’MCS propone punture per inserimenti oculari di farmaci e quant’altro capaci di risolvere il problema.
Allo scopo di allungare e tenere alta la capacità di questa struttura neurosensoriale, già da tempo mi preparo un collirio in cucina. Prendo dei chiodi di garofano “Eugenia caryophillata”, li trito e li porto ad un minuto circa di ebollizione, poi a fuoco spento aggiungo due punte di cucchiaino di Achillea millefolium folium.flos e di Zingiber officinalis, sempre tritate. Lascio decantare il prodotto che si deposita sul fondo poi, ancora caldo lo metto in una boccetta con contagocce e mi ci irroro gli occhi in quantità per due o tre giorni di seguito. Il prodotto va in frigo e mia moglie lo utilizza anche per la pulizia e disinfezione della pelle oltre che per i microcapillari del viso. L’acqua deve essere assolutamente demineralizzata, quella minerale a bassissimo residuo, ci si sciacquano bene anche i recipienti di preparazione e la bottiglietta contagocce. Questo per l’esterno, e per l’interno ricordate di assumere ritualmente luteina e zeaxantina, poi la SCCR “Solar ConcentricCircle Radiation” farà il resto. Lo stesso prodotto messo in un ostia lo assumo con un bicchiere d’acqua, così per il piacere delle mie tuniche arterovenose e per migliorare la circolazione vascolare del cervello…, oltre che degli occhi. Una puntina di Eugenia caryophillata (c.garofano), è sufficiente, mentre Achillea e Zingiber un grammo l’uno a dose. Non ho mai avuto effetti collaterali anche quando ho assunto tutto questo per 4 o 5 volte al giorno. Delle volte ho ottenuto una infusione con la stessa dose in un litro di acqua minerale e l’ho impiegata per risciacquarmi, capelli compresi, dopo una doccia. Il mio BOSN gradisce sempre tanto questi trattamenti. Ne ho utilizzati centinaia, ma il ricordo di questo è venuto alla luce motivato da eventi di giornata, così l’ho pubblicato per darvi i dati specifici di quello che ho fatto in questa occasione.
Invece, “è successo proprio due giorni fa”, come spesso mi accade appena alzato, il mio occhio destro era appannato e “dagli” ad aprire e chiudere e strofinare, non ne voleva sapere di normalizzarsi e il mio collirio era scaduto, allora mi sono ricordato dell’energia, sono andato nel corpo esterno e ho applicato uno woho sul bulbo. Si è normalizzato all’istante. Può accadere anche questo…, che ve ne pare? Però accade ai cacciatori che sommano DACScde di conoscenza specifica rivoevosofica.

Immagine

(5,2cm3zafila) – donna e gatto si allungano. Parla il gatto: “Ehi!…, se le pratiche rivoevosofiche per il BOSN so’ queste non me sembrano malaccio. Se sta proprio comodi su sto tappetino rosso e quant’è morbido… mmm, poi ogni volta che finisco l’allungamento, la mia bella padroncina mi accarezza tutto dappertutto e me da tanti pezzetti de parmigiano. Il parmigiano mi piace perché ce potrei trovà dentro anche un topolino come sorpresa. ‘Sta RES è sempre più sorprendente!!…” Voce fuori campo: “Non mi sembra che tu abbia capito bene di cosa si tratta e cosa dovrebbe fare un cacciatore, caro gatto in allungamento”. Gatto in allungamento: “Lo sapevo, lo sapevo che ce cascavi a voce. Che m’hai preso pe’ un godurioso? Te sei messo a guarda’ quella bella femmina e non te sei reso conto che quello era il BOSN mentre io ero L’HISB, e che stavamo a fa’ le pratiche in contemporanea. Poi dopo me porto la femmina nel wesr e lì lei me fa tutto quello che desidero compreso er topolino ner parmigiano”. Voce fuori campo: “Scusami tanto gatto in allungamento, mi hai veramente sorpreso non mi aspettavo che fossi già così progredito. In fondo non è da tanto che ti ho scritturato. Buon lavoro gatto cacciatore!…”

Procediamo con le pratiche per il corpo fisico BOSN “BodyOrganicStructuralNeural”
Inizialmente entra in campo il solo BOSN perché a buona ragione presumo che il vostro HISB non sia ancora attivo.
Prendiamo due posizioni fisiche specifiche, per fare nulla di ciò che non abbiate ancora possibilmente conosciuto, ma è solo una base di partenza. Le due posizioni sono definite a pinza cioè quelle posizioni in cui il corpo si piega in avanti per raggiungere i piedi. Le posizioni sono due perché una si prepara dalla posizione in piedi e l’altra a terra. Lo Yoga indica questa posizione con il nome sanscrito di “paschimotta” al quale aggiunge il suffisso di asana che significa esercizio.
PRIMA FASE: ponetevi in piedi, mantenendo questi ad una distanza di circa 20cm. tra loro per ottenere un buon equilibrio, quindi andate verso il basso con le braccia e le mani allungate come per giungere a terra. Indipendentemente da quanto siete sciolti raggiungete la massima posizione ma senza tirarla.
SECONDA FASE: è quella dell’imballo respiratorio che va preceduta da una cinquantina di corti respiri molto veloci che vanno effettuati dalla bocca aperta tenendo la lingua in pressione sul palato duro. Seguite dopo con l’imballo che si effettua prendendo aria dal naso lentamente senza produrre deficit respiratorio e ci si ferma quando i polmoni sono pieni. Senza chiudere assolutamente la gola trattenete l’aria con la forza muscolare che mantiene i polmoni aperti, vedrete che potrete stare molto in questa condizione senza espellere l’aria.
In questa situazione di imballo respiratorio e nella posizione descritta, cercate ora le dita dei vostri piedi senza guardarle “quando l’imballo finisce, lo ripetete e continuate”. Durante l’imballo respiratorio la percezione del corpo è maggiorata, quindi arriverete a vedere in modo tridimensionale le parti del corpo che vorrete vedere, come se aveste gli occhi interni. Tanto per dire potrete vedere l’unghia del vostro alluce e al tempo stesso l’area del derma che si trova dall’altra parte. Dopo le dita proseguirete scivolando sul resto del corpo facendo attenzione a farlo come possibile capillarmente, pelle, ossa, carne compresi. Passeggerete all’interno delle vostre gambe, poi del vostro bacino, quindi di tutti gli organi interni fino a polmoni e cuore, poi scenderete nelle braccia fino alle mani e alle dita, e tornerete per finire al cranio sezionandolo in ogni parte: collo, tiroide, cervicale, gola, tutte le zone degli organi di senso come lingua bocca, denti, naso occhi e orecchie, ed infine tutto il cervello, il cervelletto, considerando a parte le due ghiandole ipofisi ed epifisi che si trovano una dietro gli occhi e l’altra dietro a quest’ultima, poi la corteccia cerebrale dove si trovano le cellule fusiformi promotrici dell’intelligenza emotiva e i capelli.
Se all’inizio sentite una pressione all’interno del cranio troppo elevata interrompete e ripartite senza preoccuparvi troppo.

Immagine

(5,2cm4rtafila) – Gatto in allungamento: “Senti ho cominciato pure io come m’hai consigliato, però a me questa qui non m’ha dato gnente. Né parmigiano e ne carezze, poi s’è fatta pure male e c’è mancato poco che m’acciaccava col tacco della scarpa. M’ha pure tenuto co’ la testa in giù tanto tempo cor rischio de famme venì un’ictus da er tanto sangue che me scoppiava dentro la testa. Un artro po’ e ce rimanevo. Se questa è la RES te la raccomando. A te poi te faccio vede’ io col damme ‘sti consigli de benessere. Fa che te pijo, vedrai te!!…”. Voce fuori campo: “E’ proprio vero che sulla carta non si può mai prevedere nulla e RES insegna le procedure passo passo senza PISC, previsioni, ipotesi, supposizioni e congetture, come è in uso nel software dell’MCS. In partenza avrei pensato che questo gatto in allungamento fosse il favorito e invece sentite un po’ che dice? Non se po’ sentì!, speriamo bene e soprattutto speriamo che non tratti male chi l’ha consigliato tanto bene anche se lui non l’ha capito. Pensate un po’ con quel personal trainer che c’ha se lamenta pure!…”.

“—Dopo aver fatto questo passaggio neurale avrete appreso il primo passo per vedere l’interno del vostro corpo fisico BOSN. Lo dovrete conoscere tutto ampiamente se vorrete intervenire in ogni suo problema con l’energia, quindi con calma, cercherete di vedere anche gli organi interni come sono fatti, tipo il fegato etc. Per esempio, se vedete i vostri occhi dovete proprio vedere tutto il bulbo, proprio com’è fatto e quanto è grande. Tutto questo non è affatto complicato come doverne parlare o doverne scrivere, quindi attuatelo e vedrete, state iniziando un’evoluzione che vi porterà oltre quella biologica, quindi si deve insistere, iterare, iterare, iterare: verrete ripagati oltre ogni vostra previsione. Non sarebbe male dare un occhiata ad un atlante del corpo umano per darsi un’idea delle posizioni specifiche degli organi come reni, milza, le specifiche ossa etc. Non cercate di memorizzare i nomi, ma le loro forme per avere le corrette in.form.azioni, quelle che sono utili per evolversi all’energia. Quando indico in.form.azioni con i puntini voglio intendere delle azioni che impongono la forma e non la parola: la parola viene impiegata alla partenza poi va lasciata andare e in seguito si va direttamente alla forma. Per dirla breve quando cercherete di vedere il vostro fegato sapendo come è fatto e come sta, penserete solo per un attimo alla formazione della parola, andando direttamente nella zona dove si trova realizzandone la visione di come è con.figurato.
In pratica accade come per i neurosensi specifici i cui gradi di intensità si formano sulla base del ragionamento-logico che dopo essere messo in campo va tolto di torno. Acquisirete così il neurosenso specifico per attivare le zone che vedete internamente in una frazione di attimo, eliminando per sempre il ragionamento logico che vi ci ha portato e addestrato, dopo che ve ne sarete serviti. Da un certo momento in poi il neurosenso specifico assume in sé anche i criteri di partenza del ragionamento logico.
Cosicchè abbiamo anche inserito un implemento di dati a vantaggio del fattore energetico dei neurosensi specifici di cui abbiamo parlato nelle precedenti pubblicazioni”.
A questo punto, quando ripetete il passaggio neurosensoriale, dopo aver raggiunto l’imballo respiratorio e durante il suo mantenimento, insieme all’attivazione neurosensorale richiamerete tutte le fibre muscolari che si trovano nello stesso percorso ma che non sono state in questa fase richiamate. La perizia in questo caso è quella di cercarne l’unificazione. Non bisogna sparare la forza qua e là come in genere si sarebbe abituati a fare, bensì equilibrarla dai piedi, alle mani, al cranio. Si deve raggiungere la neurosensazione specifica che tutte le fibre muscolari stiano impiegando la stessa forza e che siano collegate tra loro. Le fibre più forti non devono esercitare quella forza ma adeguarsi a quelle più deboli che invece cercheranno di andargli incontro stimolandosi al massimo.
Finisce qui questa prima fase delle pratiche fisiche del BOSN

Immagine

(5cm1mafila) – Cane al computer: “Ancora insistete co’ ‘sti gatti. Per uno che va bene, co’ l’altri ce fate la coppa e gli sfrizzoli. Oltre tutto ‘sti due che avete reclutato ancora non so’ andati a scuola. Non sanno neppure che nel parmigiano non ce stanno i topi. Continuate a snobba’ noi cani che stamo sempre al vostro servizio. Continuate, continuate!!…” Primo gatto in allungamento quello dell’HISB: “A cane da caccia tu me sa che poi anna’ a caccia solo l’uccelli, quindi la RES non te poteva da ‘ste femmine come personal trainer!… non te pare? Poi pel fatto de essere annati a scola ma tu che ne sai se semo annati all’estero. Io per esempio so’ stato a Cambridge a studia’ la scienza claytronica dei catomi e della materia programmabile, hai capito sapientone? Tu che hai fatto, sei stato a scuola dietro casa tua?” Cane al computer: Silenzio lungo poi… “ buuuu… buuuu, che umiliazione!…” Gatto in allungamento: “Dai non te la prendere, non volevo… Senti appena torno dal wesr rientro nel BOSN e te vengo a ‘nsegna’ le pratiche rivoevosofiche. Se vai bene te metto ar posto de quer fesso de gatto. Pensa che j’avevo dato pure la mejo femmina e non c’ha capito gnente”.

Già questa sarà una vera scoperta sensoriale ma è solo l’inizio. Tutto il corpo ne beneficerà se seguite correttamente le procedure senza strafare e soprattutto se operate a digiuno ma non scarichi di energia come chi deve mangiare per sostenersi. Optando per una via di mezzo tutto avverrà al meglio.
Dopo aver effettuato la pratica della pinza in piedi, la ripeterete a terra andando verso i piedi e poggiandovi con le mani su un punto delle vostre gambe dove arrivate. Non si tratta affatto della stessa posizione messa in modo diverso. Lo capirete praticandola. Ricordate di non andare mai con il capo verso il basso ma di allungare la schiena partendo dal lombosacro fino alla cervicale. Recupererete i cm. di altezza che state perdendo nel caso non foste più giovani.
Per ambedue le posizioni dovete fare molta attenzione a forzare mantenendo unificate le fibre che corrispondono al bacino. Come già osservato non dovete mai in questa posizione curvare la colonna vertebrale per raggiungere terra o i vostri piedi, ma dovete raggiungere questi ultimi con la forza della bassa zona pelvica che deve avvicinare come può i laterali pelvici che corrispondono alle coxofemorali interne, cercando di unirli alla parte alta delle cosce: vi trovate sulla linea orizzontale della zona sovra-pubica. In modo grezzo spingete la bassa pancia verso le alte cosce e fatelo mettendo la forza all’interno delle strutture osteoarticolari della zona pubica interna, evitando assolutamente di raggiungere la migliore postazione con una nociva curva della colonna nella zona lombare, la quale verrà coinvolta ma non deve essere richiamata a fare la prima donna. Quando i cacciatori diverranno esperti nell’impiego della FOgt “forza oscura gravi.traente”, “sapranno radunare espandendo nello stesso istante” ma per questo fatto sarà necessario raggiungere un buon quantitativo di DACScde, quindi assorbite l’indicazione anche se non è comprensibile.
Mi sorprendo sempre di quanto si debba scrivere ma faccio del mio meglio per darvi corrette indicazioni. Potrete capire meglio il mio stato neurosensoriale quando evolvendo i dati che vi indico e superando come è logico, giusto ed auspicabile il punto di riferimento che rappresento, farete anche voi le stesse cose per altri che vi sono energeticamente simili. Allora raggiungerete il neurosenso specifico della generosità e forse vedrete che sarete stati oltremodo generosi con… voi prima di tutto.
Alla prossima occasione, vedremo di proseguire con le pratiche per il corpo esterno HISB che erano arrivate a staccarsi con le mani, con il cranio e con una parte parziale del busto dal proprio BOSN. Può darsi che vi proporrò di spostarvi in esterno direttamente da una delle due posizioni che abbiamo identificato come pinza o paschimotta dell’hatha-yoga fisico tantrico. A presto.

Immagine

(17,8cm3zafila) –Universo – Voce fuori campo: “La forza oscura gravitraente, FOgt, che l’HISB è in grado di effettuare dalla sua postazione esterna compie delle meraviglie che si riversano sul corpo fisico BOSN quando l’attività viene effettuata in contemporanea tra i due corpi. I cacciatori che stanno iniziando ad acquisirne i DACScde, la conoscenza specifica, effettueranno un vero salto evolutivo. Si tratta della prima forza dell’universo messa in campo dall’EOS. Una forza unica che si manifesta in modo duplice, oltre ad essere vibrante di continuo. I cacciatori, se sanno come e dove guardare, la possono osservare nel comportamento della radiazione solare SCCR. L’HISB fa scendere questa forza mentre espleta gli esercizi in contemporanea con il suo corpo fisico BOSN e gli effetti sono tutti da godere” Gatto in allungamento quello dell’HISB: “Cavolo, Porca Porfiria, adesso che è ‘sta’ novità de la FOgt. Se ce dovessi riuscì artro che er gatto famoso divento ma a me in albergo me dovranno fa trovà ‘na squadra de calcio de micine e siccome so’ generoso chiederò pure due o tre canine affascinanti per il mio amico cane, quello del computer, che m’ha fatto tanta tenerezza!…”

ATTUALITA’: Dobbiamo soprassedere per questa volta vista la lunghezza della pubblicazione rebloggata. Avviso però i lettori-cacciatori che le prossime attualità saranno quanto mai interessanti ed evolutive..

MEMO FISSO: Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati, dovuti a questo fatto, si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INFO per tutti i “lettori-cacciatori”: Ogni tanto i reblog potranno essere sospesi per dare spazio ai commenti, quando questi instaurano delle risposte molto prolungate. Commenti che divengono di grande utilità perché danno modo a Rivoevosofia di rispondere allargando ulteriormente gli scenari ed evolvendoli a vantaggio di tutti gli altri lettori-cacciatori. I commenti sono semplici da effettuare su wordpress e Rivoevosofia risponderà ad ogni lettore-cacciatore che commenterà su questo blog. Si invita anche a consultare il lavoro equivalente nel magnifico blog di tumblr.

Immagine

(17,8cm2ndafila) – Canino giovane molto intellettuale con gli occhiali: “Se c’è una sola speranza che si possa andare a fondo nella comprensione e nell’applicazione della FOgt, dovete lasciar perdere i gatti. Noi cani, specialmente se piccoli, siamo i soli in grado di sviluppare i neurosensi simili ai vostri e la mancanza di fiducia che avete non è certo una bella cosa!…, soprattutto dopo quello che facciamo per voi. Io mi sono dovuto mettere addirittura gli occhiali per cercare di esservi utile. Dovete cambiare… cambiare, adesso, non chissà quando, ok!?… Che volete che vado in HISB e vi porto in un WESR per cantarvela?… Facciamo che avete capito, eh?…”. Voce fuori campo: “Non t’arrabbiare canino, tu sei sempre in cima ai nostri pensieri e ti riteniamo un grande cacciatore, figuriamoci!!… Però non denigrare i gatti, hai visto come il gatto dell’allungamento non ha esitato a prendersi cura del cane e ha allontanato l’altro gatto al quale aveva dato fiducia e la migliore femmina come personal trainer? Non è una questione di gatti o cani circa i cacciatori ma una questione di individui, non di massa collettiva, comprendi caro canino?…” Canino intellettuale: “Voce… e se ti dicessi che quel gatto ero io in morphing!!???…” Voce fuori campo: “…Silenzio…”.

 

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: Dopo un excursus sul comportamento igienico vengono inoltrate anche delle iniziali pratiche fisiche fondamentali per la massima cura ed energia del proprio corpo fisico BOSN, quindi arrivano le prime due posizioni per iniziare le pratiche rivoevosofiche che porteranno a quelle della contemporaneità dove il BOSN e l’HISB lavoreranno insieme. La ricchezza della pubblicazione è fuori discussione.

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...