R.E.S. – RivoEvoSofia – “Reblog.30” del 18.5.2014

Immagine
(17,1cm2ndafila) – Gatto bocca in giù. “Sono molto arrabbiato e sarò severo con tutti quelli che mi creeranno problemi, quindi spiegatevi bene, sennò sono guai, siete avvertiti!!.. Io sono severo tanto severo… Cominciamo subito, primo chi sarebbe ‘sto pittore dell’universo, secondo che cacchio so’ ‘sti fotoni che scoppiano e terzo dove starebbe ‘sta massa de corona. Cercate de capì che se c’è na corona in giro non po’ esse che la mia, quindi non fate li furbi e tirate fori ‘sta corona, siete avvertiti!!…”

NUOVO CORSO DI EVOLUZIONE ENERGETICA DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014
Uscita giovedi e domenica (Estratto dal post n.14 del 17-18-19.10.2013 -1ma.2nda.3rzaParte-)

Immagine

(17,1cm.3zafila) – Micio in fasce. “Mi hanno detto del titolo, ma io sono piccolo, devo ancora andare a scuola!… Fate pure quello che vi pare, ma io non voglio guai. Sono piccolo io!…, lasciatemi stare, poi farò tutto quello che volete, vi prego!… Io non mi arrabbierò mai e non voglio succedere a quello qui sopra che vuole la corona. La corona ve la potete tenere. Datela a qualcun altro, io devo crescere…, lasciatemi crescere per favore e se proprio volete darmi qualcosa datemi qualche crocchetto ma se non volete non fa gnente…, capito. So’ piccolo io…”.

ATTENZIONE: Da questo reblog.30 inizia una sorta di fumettologia che sarà presente solo sui blog di wordpress e tumblr. Le foto porteranno monologhi o dialoghi sui temi di Rivoevosofia, divertenti per quanto sarà nella capacità dell’autore. L’attore di ogni foto potrà ripresentarsi in altri blog creando a volte un filo diretto con le sue uscite precedenti. Il commento-fumetto dell’attore della foto potrà essere molto lungo, dopodiché reinizierà il testo. I lettori-cacciatori riconosceranno i temi di Rivoevosofia all’interno dei commenti. Permane la facilità di commentare sul blog di wordpress e se questo blog dovesse togliere le foto, recandosi sul blog di Tumblr, le stesse saranno sempre disponibili.

Titolo: …era come se il pittore di questo infinito universo dipingesse l’esatta sovrapposizione di quello che avevo e stavo creando, maggiorandolo visibilmente. Tutto intensificato dall’evento di una dimensione vibrazionale che sembrava ottenuta da uno scoppio di fotoni sparati direttamente dalla massa coronale della nostra stella. Proprio questa mattina, dalla fascia di dimensione vibrazionale ordinaria del mio corpo fisico BOSN, sono entrato in ulteriori due dimensioni vibrazionali perfettamente sovrapposte, tanto da trovarmi di fronte ad un’esperienza unificata. Ho potuto osservare chiaramente l’implemento energetico che si attiva proprio dall’insistenza nel voler catturare ogni possibile dato significativo da poter passare a tutti i cacciatori che vanno al collegamento diretto con l’energia. Arrivano i DACScde per definire tutto il ragionamento logico che li riguarda, evolvendosi finalmente nell’area dei gradi di intensità del loro specifico neurosenso.

PRIMA PARTE
Con la precedente pubblicazione avevo introdotto l’attitudine dei cacciatori ad occuparsi dell’evoluzione individuale energetica di altri simili a loro. Una attitudine che si espleta nel corso delle esperienze che vengono acquisite sul campo mediante le pratiche rivoevosofiche. La qualità della conoscenza che deriva dal dedicare ad altri simili le proprie conoscenze energetiche è una vera sorpresa e mano a mano che si alimenta l’intensità del suo neurosenso specifico, quindi che si avanza nel destinare agli altri il frutto del proprio perseguimento, si acquisisce un implemento di quella stessa conoscenza altrimenti improponibile.
Sotto il profilo di questo insegnamento dell’energia, quindi rivoevosofico, devo dirvi che non appena credete di aver acquisito un reale vantaggio per mezzo di un’esperienza energetica, l’impegnarsi ad assumere al meglio i dati concernenti, con l’indicazione primaria di doverli trasferire ad altri, diviene di fatto la più importante acquisizione del proprio personale vademecum evolutivo. Tutto questo non ha nulla a che fare con il senso del dono e della generosità del precedente software dell’MCS che pure hanno una profonda importanza propedeutica.

Immagine

(16,7cm3zafila) – Tigre in acqua. “Tutte queste storie… ma voi vi ostinate a far entrare i gatti nelle pubblicazioni. Non sanno nemmeno nuotare, è chiaro che si spaventano per un nonnulla. Io i DACScde me li mangno a colazione e poi preparatemi il pranzo con un contorno di woho che me magno pure quelli!…” Voce fuori campo “ma qui si parlava di pittore, fotoni e massa coronale, forse tigre hai sbagliato pubblicazione?” Tigre “Ma che ho sbagliato e sbagliato…. C’è un pittore? Benissimo, a noi der bengala la carne ce piace, poi dici che c’è un fottone e sarà sul tipo di un furbone e io me magno pure quello e alla fine hai detto che c’è una massa co’ la corona, bhè… me la magno piano piano, perché mejo aveccela ‘na massa che non aveccela. Adesso me so’ spiegata bene?…”

Come tutte le altre indicazioni rivoevosofiche questa apertura non nasce da un’idea, ma da un fatto di implemento nato proprio sulla scia di fare tutto quello che è nelle mie possibilità per portarvi per come posso DACS rivoevosofici. Ho spiegato che il mio impegno parte dalla trincea, ovvero dal momento che inizio ad occuparmi del collegamento diretto con l’energia e non appena assumo qualcosa di nuovo e di evolutivo, la mia prima attitudine, potrei dire prioritaria, è quella di come si può e si deve somministrare agli altri componenti, intendo a tutti quelli che si sentono spinti ad uscire dal mare delle oppressioni per entrare in un universo “propriamente nell’universo”, proprio questo qui fuori, sotto o sopra, dove vi fa piacere che sia. Quella prima attitudine prioritaria a cui ho accennato è il neurosenso specifico energetico.
Questa mattina, durante il consueto rifornimento di energia, ho avuto un incremento di DACScde relativamente alle fasce di dimensioni vibrazionali. Sembra essere una piccola aggiunta di dati ma quando, come in questo caso, sono di grande significatività possono marcare una differenza sostanziale.
In precedenza avevo dato il via alla somministrazione di alcune facili pratiche per il corpo esterno e ne sono stato talmente influenzato che mi sono soffermato come non facevo da tanto nelle prime schermaglie di uscita, proprio perché mi stavo occupando di come fare per trasferirle. In quel frangente mi sono detto, senza dirmelo né a voce né in formato subsonico, “fammi entrare nel dettaglio per effettuare una migliore e più semplice somministrazione, in modo che tutti possano superare ogni ragionevole dubbio di non poterne fruire”, ed è allora che mi sono giunti dati evolutivi “nuovi” sulle infinite possibilità del corpo esterno, come vi ho già accennato in esperienze già acquisite (la ragazza mora che mi viene incontro etc. v.p.). Ora, proprio questa mattina a seguire di questo fatto, stavo camminando con il corpo esterno sul piano attico per andarmene nella postazione del terrazzo da cui parto per il primo rifornimento di energia ed ero molto concentrato sulle modalità dello spostamento che è un fondamento della pratica di coesione del corpo esterno, dal momento che questo attua la sua prima messa in moto. Ad un certo punto mentre guardavo una parte dell’appartamento, tutta l’area ha assunto due dimensioni vibrazionali differenti, nello stesso posto e di identica composizione della struttura, talmente identica da essere sostanzialmente la stessa. Praticamente la fascia di dimensione vibrazionale casuale si sovrapponeva a quella della dimensione vibrazionale creata dall’HISB. Era come se il pittore di questo infinito universo dipingesse l’esatta sovrapposizione di quello che avevo creato con il mio corpo neurosensoriale esterno HISB e che stavo ancora creando, maggiorandone visibilmente e sostanzialmente l’intensità. Infatti tutto quello che creavo davanti a me veniva intensificato dall’intervento dell’evento della fascia di dimensione vibrazionale casuale.

Immagine

(16,2cm2ndafila) – Scimmia che legge con cane. La scimmia: “Tu leggi con me, lascia perde quello che stanno a dì. Se tratta de un corso superiore, quelli invece de legge vibrano. Da retta a me lasciali stà!…” Cane: “Si si e chi esce da qui dietro, però perché te sento vibrà, non è che per caso sei uno di loro, di quei cacciatori e te sei travestito da scimmia per fregamme a me?” Scimmia “no, no ‘sto solo tremando di paura, perché se ce pijano famo ‘na brutta fine sia te che io”. Cane: “Ma che stai a dì, non è che con la tremarella te sei bevuto il cervello, non lo sai che ‘ste cose non le fanno più da tempo a tutti noi?” Scimmia: “Er cervello te lo stai a beve te pe’ la strizza che non te fa ragiona’, pure se non tremi. Che pensi de stà in Italia, il sto’ giornale l’ho fregato proprio a uno de quelli che ce volevano fa’ fori!…”

Ora vorrei chiarire che l’evoluzione del precedente software dell’MCS comporta l’esclusione di termini a cui la specie umana è stata addestrata, quando questi indurrebbero sicura confusione. Il termine che viene evitato lungo questo esperienze è quello di “sogno e sognare”. Gli esseri umani quando, per evolversi individualmente, vanno al collegamento diretto con l’energia, non sognano ma passano da una fascia di dimensione vibrazionale ad un’altra e nel caso dei cacciatori le fasce sono tre. Di queste tre fasce una è quella ordinaria e un’altra è casuale come quelle che sono disponibili e di cui fa esperienza tutta la specie di appartenenza, soltanto che il cacciatore mediante un implemento progressivo di DACScde, apprende ad impiegarle a proprio vantaggio con maggiore profitto energetico. Inoltre il cacciatore dispone, soltanto lui, di un’ulteriore fascia, la terza, che si trova in mezzo tra le due già descritte, a fare da ponte, ed è quella che raggiunge con il suo corpo esterno neurosensoriale HISB. Mano a mano che un cacciatore incrementa l’ECS“External NeurosensoryCohesion, coesione esterna neurosensoriale, dI un corpo riprodotto capillarmente nella sostanza e nella forma, totalmente simile al suo BOSN, entra con maggiori proprietà di ingaggio in una specifica fascia di dimensione vibrazionale che diverrà un vero e proprio ponte di collegamento con quella casuale. Le esperienze sul tipo di quella descritta sopra diverranno in questo modo sempre più marcate e meno casuali tanto da far dire che i cacciatori le provocano continuamente. Le esperienze di questo tipo sono delle vere e proprie fonti di energia extra e sono un vero e proprio rapporto di collegamento diretto con l’energia che ha messo in moto questo universo. Per avere un’idea ordinaria di questo rapporto di collegamento dovremmo scomodare la “lunghezza di Planck” e la Teoria delle Stringhe della cosmologia astrofisica, fattori che si trovano al di là del big bang ma per quello che riguarda l’evoluzione individuale energetica dei cacciatori sono solo ipotesi fantasmagoriche rispetto a quello che devono trattare direttamente per la fruibilità che cercano in modo incessante.
To be continued

SECONDA PARTE
Apro questa seconda parte ripercorrendo ancora un momento l’esperienza che vi ho già descritto ed entrando in dettagli che spesso formano una quantità maggiore di DACScde del corpo centrale dell’esperienza.

Immagine

(16,2cm1mafila) – String. “Ho sentito parlare di questa coesione esterna ECS. Per me non è una novità, sono un esperto della teoria delle stringhe. Io vengo proprio da lì. Sono praticamente stato nutrito con croccantini di ECS, quindi se avete delle difficoltà chiamatemi che vi spiego tutto io. Sono figlio di un cacciatore e già conoscevo tutto prima di nascere. Comunque non vi fermate, continuate, continuate, è interessante…”

Mentre il mio BOSN era sul letto tirato su di schiena, verso le 05.00, ho ottenuto prima un buon ECS“ExternalNeurosensoryCohesion” mediante l’applicazione di numerosi woho sparsi un poco ovunque con la solita predilezione ai punti di deficit organico o a quelli delle parti che voglio mantenere in ottima efficienza, poi mi sono deliziato a guardare il mio BOSN dall’HISB. Come già avevo in precedenza fatto l’ho anche penetrato andando dall’altra parte come se disponessi di una doppia faccia, una che guarda avanti e una indietro e ho fatto molte volte la staffetta dall’uno all’altro guardandomi bene dalle rispettive postazioni. In questo caso posso aggiungere l’in.form.azione che quando il BOSN osserva l’altro, quest’ultimo è meno intenso, quindi il BOSN vede il suo corrispettivo HISB meno coeso e colorato di quando avviene il contrario. Comunque se un cacciatore volesse aumentare l’intensità di come vuol vedere il suo HISB potrà farlo, credo, senza alcuna difficoltà. Questo che vi racconto lo potrete vedere da voi stessi non appena le vostre pratiche ve lo consentiranno. Rivoevosofia indica la prima MEC poi i cacciatori la confermano direttamente per loro stessi.
A questo punto me ne sono andato in giro passo per passo senza saltare, come facevo di solito, direttamente alle stazioni di rifornimento e questo mi ha donato altre meraviglie di coesione.
Mentre passeggiavo a piedi, la dimensione vibrazionale del corpo esterno, nella quale entro abitualmente si è implementata di energia, come se una supernova fosse collassata in quel momento sul mio personale piccolo panorama. In quel momento quello che vedevano i miei occhi del corpo esterno era intenso di energia vibrante e netto in ogni particolare e molto, molto simile a quello che mi capita di vedere quando mi trovo nella fascia di dimensione vibrazionale casuale del corpo astrale “nei casi in cui questo si manifesta ad alta intensità”.
Si è trattato infatti di un effetto coeso di due dimensioni vibrazionali congiunte che occupavano lo stesso spazio, quindi questo fatto ci continua energeticamente a dire, in ogni modo, che dalla dimensione vibrazionale del corpo esterno HISB, manipolabile a proprio vantaggio da tutti i cacciatori, si ha un accesso facilitato ad un’altra dimensione vibrazionale che l’EOS mette a disposizione degli organismi della specie umana che hanno raggiunto un dato ingaggio evolutivo. Lungo la strada tutti gli organismi che partecipano all’evoluzione biologica usufruiscono di questa dimensione vibrazionale ma non ne hanno i DACScde e nella maggior parte dei casi questa dimensione vibrazionale di tipo casuale non viene mai raggiunta consapevolmente a causa di un software, quello dell’MCS, molto sofisticato nel nasconderla.

Immagine

(15,8cm1mafila) – Sognare. Si tratta di dimensioni vibrazionali in cui gli EENC vivono la loro presenza di indicatori. Trasformarli nei sogni è stata uno vero autentico atto di magia dell’MCS, la mente collettiva di sistema. Ha ridotto gli EENC a pallide fugaci apparizioni spesso neppure ricordate e le ha chiamate sogni ed infatti questi EENC ridotti così non sono altro che sogni della fascia di dimensione vibrazionale ordinaria. I cacciatori vivono gli EENC e a quelli sognare non si addice affatto, però se parlate con l’esperto delle stringhe di qui sopra forse vi potrà chiarire meglio la situazione.

Abbiamo citato spesso i DACScde ed ora ne tentiamo una maggiore introduzione nel comparto della logica-ragionata con lo scopo di raggiungerne il neurosenso specifico, poi non avremo più necessità di indicare qualcosa circa il loro intimo significato. Già la loro indicazione dovrebbe dire tutto perché indica con dacs, i dati significativi accumulati verso una conoscenza specifica e non certo a vanvera, poi con l’aggiunta di cde ne indica la direzione che è quella del collegamento diretto all’energia senza impiego di ausili siano essi di sostanze organiche biologiche o farmacologiche e neppure meccaniche, tecnologiche o informatiche. Si tratta di un collegamento diretto all’energia attuato dal centro neurocitologico del cervello di un individuo umano senza altri fattori o intrighi. L’MCS nel suo software precedente, durante la spinta all’evoluzione biologica indicava e tutt’ora lo fa, le magie e l’intervento degli dei per ottenere quel collegamento in un modo simile, ora sta spingendo tutto all’evoluzione tecnologico-informatica della realtà virtuale e dell’intelligenza artificiale ma è anche arrivato il momento in cui la specie umana ha raggiunto la prima fase dell’evoluzione energetica. Oltre a tutto quello che è stato descritto poc’anzi l’MCS veste anche i panni della RES e con questa modifica dei dati del suo precedente software evolve al collegamento diretto con l’energia.
I cacciatori debbono cercare di comprendere che tutto questo movimento produce una grande variabile percentuale tra le tre fasi i cui paradigmi continueranno insieme per lungo periodo. Tre differenti tipi di evoluzione che non si daranno la staffetta ma continueranno cambiando la porzione percentuale. L’evoluzione biologica e quella tecnologica hanno convissuto e quella tecnologica ha arrancato lentamente per lungo tempo ma ormai è entrata in fase di potente accelerazione e ha staccato una valida percentuale di porzione a suo favore. Questo è il primo aspetto da valutare, ed ora è entrata l’evoluzione energetica che ha iniziato lentamente ad assumere una percentuale di porzione. Si tratta, al momento, di una piccola percentuale ed è a carico dei cacciatori già in attività sul campo e dei lettori-cacciatori che stanno iniziando la sola lettura di Rivoevosofia. Questi tre paradigmi, biologico, tecnologico ed energetico, andranno gradualmente scemando e incrementandosi a favore e a sfavore l’uno dell’altro, cosicché gradualmente il primo biologico dove imperano le magie e le leggende lascerà del campo all’altro tecnologico dove le magie e le leggende diverranno concrete ed attuabili perdendo il loro carattere di non conoscenza, casualità e coincidentalità. Infine tutto questo contribuirà ad implementare il paradigma del collegamento diretto all’energia confermando con i DACS.cde l’impegno dell’EOS nella messa in opera della con.figur.azione di questo universo.

Immagine

(15,1cm1mafila) – Scienza. Le magie tecnologiche sono già entrate e stanno anche accelerando in evoluzione in modo evidente ma la vera magia dell’MCS non è quella di produrle ma di rendere i fruitori incapaci di vederne i disegni. La RES sta spiegando tutto questo e si tratta di DACScde a cui i cacciatori possono attingere. I cacciatori devono solo fare attenzione allo sfascista di cui si è parlato in apertura altrimenti potrebbero fare la fine del gorilla o del cyborg.

(Estratto dal 16mo giornalino-dispensa di Rivoevosofia, aprile-maggio2013)
Viene riportato un opportuno allargamento della conoscenza sui DACScde

Si tratta della conoscenza diretta dell’energia che si evolve in parallelo con tutti i precedenti del software dell’MCS. Il parallelismo vuol dire che il software dell’MCS con la sua forsennata spinta all’evoluzione biologica, non va comunque in pensione e continua la sua corsa modificando tutti i suoi parametri precedenti sull’asse di un’accelerazione della corsa tecnologica e informatica dell’Intelligenza Artificiale e della Realtà Virtuale o Seconda Realtà.

Vediamo alcuni aspetti dell’MCS, nella linea su cui stiamo andando.

Ad esempio, il precedente concetto di immortalità dell’MCS era legato alle favole o ai congressi sull’anima che ascende, ed ora con la sezione tecnologica e informatica questo concetto assume una concreta possibilità di essere soddisfatto sull’asse della cibernetica e del trasferimento dei propri dati neurali nell’ambito di un data-base inindeteriorabile. Validi scienziati stanno cercando di far resistere il loro organismo in attesa degli eventi tecnomagici che gli consentiranno il prolungamento indefinito della vita. Con questi orientamenti e sulla base del previsto futurismo dell’evoluzione tecnologica, l’MCS sposterà la parte “up” della specie umana a modificare tutti i concetti con cui ha, sino ad oggi, trainato il sistema collettivo mentale. E’ anche evidente come l’MCS mantenga sul pianeta tutta la grande brodaglia di eventi elaborati in precedenza, sin dal passato remoto, in una forma percentuale: dagli aborigeni, passiamo indifferentemente allo sciamanesimo, ai cultori di riti, fino alle filosofie con intervalli di ripristino delle tradizioni in un eterno balletto che solo in apparenza sembra andare avanti ed indietro ma in realtà è proprio in questo modo che si evolve, soprattutto mediante infinite ripetizioni. Ora però in modo ormai molto evidente l’MCS effettua un balzo in avanti evolvendo alla tecnologia informatica e propagandosi in questa forma nella massa.
To be continued

Immagine

(15,1cm1mafila) – Scimmia – “Ahia!… è arrivata la terza parte e qui c’è il CEP. Appena ne ho sentito parlare mi si è rivoltato il cervello… ma come è possibile che io c’ho il CEP e dove stà ‘sto CEP?. Devo assolutamente parla’ col gatto che è amico del Buddha. Forse lui mi sa dire qualcosa!!… E se non bastasse?… Mi hanno detto che quando uno ha delle difficoltà è meglio che si rivolge a beretta per avere una soluzione. Che cos’è ‘sta beretta che comunque risolverebbe ogni problema? Speriamo che non sia ‘na fregatura, perché potrebbe essere la mia ultima speranza!?…”

TERZA PARTE
In questa terza parte inizieremo nel trovare un posticino al CEP, nel comparto utile della logica-ragionata all’interno della rete neurocerebrale dei cacciatori. Il CEP“EnergeticPresenceCode”, codice energetico di presenza, è risultato adeguato a definire una compatta sfera di energia precursore che nel caso di una successiva fase organica si manifesta sulla base di quelle che evidenziammo in precedenza come sostanze “border-line”. Agglomerazioni capaci di ordinare e governare la trascrizione genetica. Durante il colloquio teatrale tra gene Pilotta, il centralinista del CEG, Consorzio Energetico Geni, e il “parlatore”, questi “border-line” vennero indicati come AR, agenti regolatori dai quali sarebbero potute partire le trascrizioni ai 22.000 geni.

Ogni organismo umano possiede quindi un suo specifico CEP, che lo contraddistingue come energia di fronte a questo immenso universo che lo attende… al ritorno.

Il CEP potrebbe anche essere identificato come il disegnatore energetico delle nostre intime individuali chance. Un’area che racchiude i nostri personali e sconosciuti disegni prima ancora che essi vengano disegnati.

Ho ancora in.form.azioni utili sui DACS.cde perché entrino in una più coesa definizione

Quando i cacciatori iniziano ad attivarsi con le pratiche rivoevosofiche e vanno al collegamento diretto con l’energia implementano il loro corredo di DACScde e con essi concorrono alla progressiva eliminazione di tutto quello che ignorano e che debbono conoscere che riguarda la loro evoluzione individuale energetica. Va con sé che tutti i dati o meglio tutte le possibili in.form.azioni nella direzione del collegamento diretto con l’energia si evolvono nell’accumulo di DACScde, così che ogni loro minimo implemento modifica tutto l’incedere della rete neurocerebrale del cacciatore che li assimila. La mente di sistema collettivo ha addestrato la massa umana a dipendere da elementi che si gonfiano di entusiasmi ed illusioni e che si sgonfiano poi nello stesso modo di come si sono gonfiati e questo tipo di spinta ha precisi valori nell’ambito dell’evoluzione biologica degli organismi, dove la massa ha funzione da “carne da macello”, in quanto quello che fa e che non può fare a meno di fare… riceve. Questo è proprio quello che, tutti coloro che abbiano in qualche modo eliminato perlomeno parzialmente la parte nociva dell’MCS, potrebbero osservare accadere agli attuali sei o sette miliardi di organismi della specie umana presente sul pianeta. In questa situazione l’individuo è sacrificabile al collettivo e non il contrario, in barba al fatto che nell’apparenza qualcuno sembra essere esentato da questo sacrificio ma è un bluff perché non ce n’è per nessuno. Con i DACScde il cacciatore arriva presto a comprendere che tutto quello che è stato indicato qui sopra, in questo universo, non è che un fatto evolutivo.

Immagine

(14,9cm3zafila) – 98% del genoma umano. Una voce dall’interno: “Ciao a tutti, noi siamo qui dentro. Siamo gli AR. Abbiamo sentito dire che i cacciatori hanno sviluppato i “parlatori” e possono mandarli a parlare con noi, ma cosa aspettano? Quanto è lunga ‘sta preparazione?…” Voce fuori campo: “eccome qua sono il gatto della corona, quello che ha aperto la pubblicazione e nessuno più di me può parlare, quindi dovrei essere il parlatore, che ne dite?” Dall’interno: “brusio indistinto e nessuna voce”. Gatto della corona: “Ehi, non me fate arrabbia’, rispondete…, sennò ve faccio taja la lingua, capito!…”

I cacciatori non hanno alcun bisogno di entusiasmarsi e deprimersi cercando come “stitici” il senso della vita, un senso da dare ad ogni cosa. Senza alcun entusiasmo e senso della vita, un cacciatore si alimenta di energia direttamente e concorre alla sua evoluzione energetica con la stessa spinta energetica gravi.traente con cui questo stesso universo si evolve.
Più che una idiosincrasia esiste una naturale impossibilità di conferire ai DACScde un posticino nell’ambito dell’evoluzione biologica degli organismi della specie umana, perché essi fanno parte dell’evoluzione energetica che evolve la precedente, quindi non possono occupare una posizione in quel paradigma e non potranno mai essere impiegati per riconfezionare i precedenti prodotti dell’MCS, definitivamente adulterati se dovessero essere posti nell’ambito dell’evoluzione energetica. I prodotti dell’MCS come l’immortalità, l’amicizia, l’amore, insieme a tutta l’enorme banda di indicatori che confezionano l’umanistica della specie, non possono essere sostituiti da altre caratterizzazioni di maggiore caratura, perché la natura reale del loro valore è stata quella di portare oltre i limiti, impossibili da sopportare, le coercizioni e le oppressioni. Questa roba corrisponde tra l’altro all’ambizione, all’avventura a costo della propria vita, alla ricerca dello sballo, delle forti emozioni e del darsi al collettivo sacrificando se stessi ma ora dobbiamo reprimerci, perché cercare di prendere in esame tutto il panorama non ha alcun senso. I DACScde non sono l’equilibrio, il controllo delle situazioni, la giusta cosa da fare, il senso di quello che si vorrebbe fare e tante altre cose, poi i DACS non sono, non sono, non sono…
Per i cacciatori è sufficiente dirigere la propria rete neurocerebrale sul bordo di tutto questo per intravedere tutto il resto, la monumentale massa di dati che i DACScde rappresentano e la guida che forniscono per viaggiare sul percorso di un’alta intensità neurosensoriale

Immagine

(14,9cm2ndafila) – s20, Scenario di mondo. C’e tanto da vedere, proprio poco oltre il bordo ed è tutto laggiù nelle fasce di dimensioni vibrazionali esterna e casuale. La fascia ordinaria non avrebbe senso se non potesse evolversi all’energia per mezzo di quelle due fasce. I disegni dell’EOS non sarebbero poi tanto complessi se l’MCS non facesse quello che purtuttavia deve fare. Se qualche cacciatore dovesse avere problemi con lo “sfascista” che gli procura dubbi e lo ingarbuglia, non deve far altro che unirsi agli altri protagonisti delle foto, perché l’unione fa la forza.

C’è un quesito non da poco che per migliaia di anni la specie umana si è sempre posta ed è quello che riguardava l’immortalità individuale. Questo fatto dovrebbe chiarire la nocività di questo termine e di tutti quelli che gli sono vicini e simili anche se impossibili da individuare per delle soltanto apparenti divergenze. Questo termine non esiste in RES, perché in questo software evolutivo del precedente esso diviene una vera fesseria e come tanti altri termini simili è stato totalmente abolito. Rivoevosofia non impiega in assoluto le PISC, previsioni, ipotesi, supposizioni e congetture. I cacciatori in breve tolgono tutta questa roba e procedendo con i criteri rivoevosofici dell’evoluzione energetica individuale al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili, giungono presto a quello che debbono e possono fare. I cacciatori arriveranno agli EENC i quali divengono in breve vere e proprie immersioni nell’energia manifestandosi in vpnc e cenc. I cacciatori entrano spesso nelle altre due fasce di dimensioni vibrazionali assumendo energia extra e soprattutto implementando enormemente la loro fascia di dimensione vibrazionale ordinaria. I loro ricordi divengono una montagna rispetto a quelli che gli avevano detto essergli destinati e il loro presente è spesso esentempo ed esenspazio. La linearità della vita perde il senso ordinario per acquisire un’avventura indefinita. Però tutto questo i cacciatori lo sapranno presto mediante la messa in opera delle pratiche di Rivoevosofia.
Tutti i nocivi “coni” dell’MCS che sono stati da poco descritti hanno avuto una precisa indicazione evolutiva nell’oppressione con cui l’MCS ha condotto il sistema a non adagiarsi in questo meraviglioso mondo sulla stregua di un ordine utopico e di una pace-godimento meravigliosi. Se la specie umana avesse raggiunto sul pianeta questa condizione indescrivibile, trasformandolo in un paradiso ad ampia convergenza, l’evoluzione si sarebbe arrestata sull’asse biologico, quindi i cacciatori possono ben vedere in questa spinta oppressiva l’unico necessario presidio che potesse essere messo in campo a tale scopo dall’EOS che li attende al ritorno.
Con la prossima pubblicazione rientreremo nelle pratiche che riguardano il solo corpo esterno HISB poi procederemo anche con quelle che vanno operate in contemporaneità con il corpo fisico BOSN. A presto.

Immagine

(14,8cm1mafila) – a Il futurismo della realtà virtuale prima ancora dell’intelligenza artificiale potrà dare una grande spinta all’acquisizione degli EENC e all’evoluzione individuale energetica ma Rivoevosofia ha tracciato già la strada da percorrere e i cacciatori sono già in campo. Poi arrivano pure tutti gli altri delle foto e allora cane e gatto non smetteranno mai di ridere…

ATTUALITA’: Sono rientrato da poco da un’escursione in HISB, e ho potuto sommare ulteriori DACScde a due fattori. Il primo è una conferma, semmai ce ne fosse stato bisogno, che ineluttabilmente quando si rientra da un’escursione con il corpo esterno HISB, questo è più coeso. Ho osservato bene la coesione del mio HISB alla partenza e al ritorno. Al ritorno era molto coeso e poteva distinguere con precisione tutta la creazione su cui si era adoperato alla partenza. Durante l’escursione alle stazioni di rifornimento ci sono molte occasioni di stazionamento in alcuni punti degli WESR già creati “delle parti di mondo o strutture” e in quelle occasioni si aprono continuamente woho e si opera riformando le strutture da adoperare. In pratica l’HISB crea energeticamente di continuo e questo aumenta gradualmente la coesione. Il secondo fattore riguarda il fatto che nel frattempo ho avuto un vissuto parallelo casuale “quello che l’MCS indica genericamente come un sogno”, oltremodo disdicevole e una figura importante del passato si è comportata male. Al rientro dopo aver raggiunto la massima coesione dell’HISB, sono tornato nella mia camera dove il BOSN stazionava e mi sono posto dietro, poi o richiamato tutti gli eventi come in una ampia bolla posta su uno sfondo fatto di un grande foglio nero. Dentro la bolla ho situato tutti gli eventi del “vpnc” accumulandoli in un bolla e l’ho disintegrata e ho poi continuato aprendo altre bolle dei ricordi di questo tizio e di collegamenti di altri ricordi avuti con lui e ho disintegrato anche questi, quindi ho scansato con una mano il foglio annerito della disintegrazione facendo apparire la solita cascata del mio WESR, che sono solito sovrapporre a quei precedenti dati neurali che ho cancellato. Questa volta ho creato meglio la barca e il nostromo che la governa, quindi ho implementato i dintorni creando uno sbocco a mare. In questo modo mi può raggiungere lo yacht che si trova in altra parte compresi i due amici delfino e squalo tigre che gli girano intorno, con i quali ho avuto molte avventure al chiosco sul lago. Si tratta di alcuni WESR su cui ho vissuto spesso in precedenza.

Immagine

(15cm3zafila) – Sciammia-psico “Tu stai con me, che chi cambia la strada vecchia per quella nuova sa quel che lascia ma non sa quel che trova”. L’uomo: “Si si, sarei pure d’accordo con te ma hai sentito come è facile con l’HISB? Qui è ‘na palla!!… so’ diventato floscio e rilasciato a forza de sta’ sdraiato!…”. Scimmia: “Mo che è st’HISB, che stai a fa’ il furbo, pensi che sia come il gorilla alle prese co’ lo sfascista? Uomo: “No no, non te arrabbià, la tua professione non sarà mai in discussione, anzi se pure tu diventassi un cacciatore!…” Scimmia: “cacciatore? Perché no, e con che potrei comincià a fa’ ‘sta caccia?”

Già feci presente che se non basta, questa operazione di disintegrazione va ripetuta e quando le operazioni vengono ripetute l’HISB trova già pronto quel materiale messo su in fretta e furia per l’occasione, quindi è più coeso ed efficace. Tali manovre non sono un “vuoto a perdere” utile solo allo scopo di liberarsi dalla parte nociva di un accadimento, ma provocano coesione dell’HISB, quindi la loro effettuazione genera sempre una positiva coesione. I cacciatori non hanno più a che fare con i marchingegni della sezione scientifica delle neuroscienze dell’MCS, che si occupano di ripristinare gli equilibri mentali in quello specifico sistema. Queste analisi di ripristino degli equilibri mentali sono operate da professionisti che hanno loro stessi in opera le tre parti dell’MCS: nociva, inutile e utile. Se non si tratta di professionisti delle neuroscienze già cacciatori, opereranno con marchingegni miscelatori delle loro sensazioni con quelle del soggetto di cui si occupano e questo nell’area di operazione dell’MCS fa parte del progetto evolutivo biologico. I cacciatori vanno all’evoluzione individuale energetica e tendono ad eliminare la parte nociva, non a trattenerla e ad implementarla perché non devono più occuparsi dell’evoluzione biologica ma di quella energetica. I cacciatori tendono inoltre ad utilizzare la parte inutile dove sia possibile e necessario trasformandola in utile. All’interno dell’attività ancora in opera dell’MCS riguardo agli orgnismi, tutto deve permanere proprio com’è ed essere spinto “mediante oppressione” ad ultimare l’evoluzione biologica. Quando il paradigma cambia e l’MCS assume il nuovo ed evoluto software, arriva la RES e i suoi cacciatori: inizia l’evoluzione energetica individuale. Le modalità di un inizio paradigmatico sono sempre le stesse, in apparenza frastagliate e contraddittorie ma solo in apparenza e lo scienziato Ray Kurzweil lo esprime compiutamente nel suo libro “La Singolarità è vicina”.

Ora abbiamo un problema che dobbiamo mettere a fuoco nel giusto modo, quello energetico.
La coesione dell’HISB come deve essere valutata?

Immagine

(15cm2ndafila) – Tigrotto al biberon “nzu.. nzu… che c’è da valuta’ adesso?…” Scimmia a tigrotto: “Non te preoccupa’, bevi bevi che te fai grossa. Poi potrai valuta’ quanto te pare”. Scimmia con un pensiero fuori campo: “Si si, me viene da ride già da mò… Me immagino quando sentirai parlà de coesione, sai le risate…” Scimmia ancora al tigrotto: “Pensa a magnà, pensa a magnà che è mejo”

La coesione dell’HISB è la sintesi dell’evoluzione energetica individuale e in questa sintesi un individuo della specie umana si evolve all’EOS, una energia oscura sorgente in se stessa che è estranea alla valutazione della coppia degli opposti della coercizione mentale: non ha origine ed allo stesso tempo è esente dall’opposizione e dall’opposto che questa frase promuove. E’ un’energia innumere, ovvero senza numero base. Questo non è che un mero tentativo di discutere un fatto indiscutibile. Un cacciatore arriverà a quella conoscenza mediante neurosensi specifici e DACS.cde e non certo con il solo ragionamento-logico che ne è alla base e si limita utilmente a quello che abbiamo fatto da poco.
La coesione dell’HISB dovrebbe essere lasciata stare per tutto quello che un ragionamento-logico comporterebbe sull’immortalità inorganica, l’anima immortale e la possibilità di permanere senza organismo in piena consapevolezza. L’HISB è un corpo neurosensoriale esente da organismo nella sua fascia di dimensione vibrazionale esterna ma a questo intimamente ed indissolubilmente collegato. Ha la peculiarità di creare mettendo così in opera le forme che più gli sono gradite, sia umane che animali comprese le strutture che può creare a proprio piacimento impiegando la sua ingegneria neurale zeppa di dati antropici. Mediante la coesione di questo corpo esterno il cacciatore usufruisce di un ponte che elimina la distanza con gli eventi dell’energia che allignano copiosi nella fascia di dimensione vibrazionale casuale: gli EENC. La fascia di dimensione vibrazionale casuale è stata fortemente inflazionata dall’MCS con migliaia di anni di prodotto teosofico-animistico di cui sono parte anche gli eventi di bilocazione, i viaggi astrali e quelli sciamanici. Su questa medesima scia abbiamo ancora gli echi della decennale produzione del castanedismo, che sulla base di un ipotetico corpo di sogno consapevole, raggiunto in modo stabile, prometteva l’immortalità inorganica per qualche miliardo di anni sulla scia dei suoi nagual stregoneschi che se ne andavano via bruciando al fuoco del profondo e liberandosi nel serpente piumato di quetzalcoatl. Alla prossima da Rivoevosofia.

Immagine

(14,9cm4rtafila) – Gatto “Senti a pozzo de scienza, me trovi la pagina de ‘sto quetzalcoatl? M’hai detto ch’è un serpente. Che è ‘sto serpente, una roba che se magna? Che hai detto…, che il serpente c’ha le piume… e co’ le piume che ce dovrei fa? Mica so’ un indiano io. Che dici? Con le piume se vola ma io lo posso fa’ solo se divento un gatto stregone? Mmmm… non è che me stai a pija in giro eh!…”

MEMO FISSO: Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati, dovuti a questo fatto, si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INFO per tutti i “lettori-cacciatori”: Ogni tanto i reblog potranno essere sospesi per dare spazio ai commenti, quando questi instaurano delle risposte molto prolungate. Commenti che divengono di grande utilità perché danno modo a Rivoevosofia di rispondere allargando ulteriormente gli scenari ed evolvendoli a vantaggio di tutti gli altri lettori-cacciatori. I commenti sono semplici da effettuare su wordpress e Rivoevosofia risponderà ad ogni lettore-cacciatore che commenterà su questo blog ma poiché dopo un certo numero di giorni questo blog cancella le foto, indispensabili per alleggerire la lettura, Rivoevosofia invita a consultare il blog “tumblr”, nel quale le stesse foto sono sempre presenti.

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: Abbiamo un EENC significativo in cui le tre fasce di dimensione vibrazionale vengono unificate consentendo al primo emissario di Rivoevosofia di godere di un’esperienza di alto livello di intensità energetica. Poi complessivamente nelle tre parti vengono rilasciati molti dati sui DACScde, i dati di conoscenza specifica al collegamento diretto con l’energia e il CEP, il codice energetico di presenza. Infine ci sono anche dei veloci riferimenti a come un cacciatore si libera degli episodi negativi del suo presente e del suo passato, disintegrandoli dalla sua rete neurale per mezzo del suo corpo esterno HISB mettendo al loro posto immagini create di propria intima predilezione. Impedire che le fonti di dispersione energetica continuino a gravare nella propria rete neurale è un’arte che il cacciatore apprende ed attua con estrema facilità e deve solo convincersi di metterla in opera.

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued

 

Annunci

2 pensieri su “R.E.S. – RivoEvoSofia – “Reblog.30” del 18.5.2014

  1. Ciao Res … io e una mia amica ci chiedevano sempre alcune cose rispetto all’Hisb, proseguendo un po’sulla scia dell’ultima domanda che ti ho sottoposto .
    Quando ci si trova in Hisb si continua ad avere percezione del Bosn, per esempio, se mentre si sta in Hisb il Bosn fosse in pericolo ci si accorge, ti tale pericolo?
    E poi quando si sta in Hisb si ha contatto con altri corpi, ci si può accarezzare, si toccano le cose o le persone … si possono avere anche rapporti di tipo amicale e/o amoroso?
    ESISTE IL TEMPO E LO SPAZIO????
    Sì, sono tante domande, mi rendo conto, ma sono frutto della spinta sollecitata dagli ultimi post e dai commenti delle ultime foto.. 😉 davvero troppo carine ..
    Attendiamo le tue risposte …
    Grazieeee mille!!!

    • Ciao Fenicep, un saluto molto largo a te e la tua amica per le richieste che avete portato nel blog. Saranno utilissime e già nel momento che vi rispondo, ho redatto tutto con cura.
      Come sapete sono il primo emissrio di Rivoevosofia e grazie all’immissione nei blog e al prendermi cura di trasferire ad ogni lettore-cacciatore la conoscenza specifica dell’energia che può essere manipolata dal centro neurocerebrale di ultima generazione umana, ho accumulato una quantità di DACS.cde, dati di conocenza specifica al collegamento diretto con l’energia. Tutto questo lavoro viaggia in parallelo a quello tecnologico esibito dall’MCS con il suo scienziato Ray Kurzweil di cui da sempre indico di leggere il suo libro “La Singolarità è vicina”. Quindi assumendo le indicazioni di come si comporta un paradigma, quello rivoevosofico sembra accelerare senza ritegno.
      Ad esempio ora dispongo di due sacche di energia extra di scorta il cui utilizzo probabilmente ha accelerato l’attività degli woho, quindi la rapidità con cui mi tolgo dai guai fisici. Proprio questa mattina dopo una immissione graduale l’attività batterico-virale che presentava sintomi già accreditati come infiammazione all’orecchio sinistro e perdita di sangue dalla bocca, aveva proseguito arrivando alle ore 03.30 della notte con l’invasione di catarro, gola e naso intasati e l’intero fianco sinistro in difficoltà osteoarticolare. Senza energia avevo liberato una parte di quella delle sacchette e da straiato avevo iniziato ad applicare gli woho. Alle ore 04.00 mi sono sollevato con il busto e ho proseguito, poi alle 04.30 era tutto finino. Alle ore 05.00 stavo davanti ad un caffè fumante con 2 cucchiaini di zucchero-melassa e uno di polvere di fave di cacao (22%proteine20%carboidra- ti13%grassi e null’altro), poi ho messo in un bicchiere MelilotusAchilleaSpavir e OeGeranioCipressoArancioamaro. Questo per insegnare ai lettori-cacciatori che il BOSN deve essere smepre ben adiuvato da attenzioni se si vuole andare dentro quell’universo di energia che attende tutta la specie umana alla sua evoluzione individuale energetica collegandosi direttamente all’energia della sorgente.
      Dunque dicevo che ho redatto tutto con cura ma la vostra risposta con i commenti uscirà nei blog con la pubblicazione n°37. Avrò modo comunque di avvisarvi. La risposta è lunga e a mio avviso molto curata ma poggia sui dati delle precedenti pubblicazioni specialmente su queste che verranno fino alla 37. Per questo non posso anticiparla. Ma la vostra attesa, vi assicuro sarà ben ripagata e così pure quella di tutti gli altri lettori-cacciatori. In questo ultimo periodo la fumettologia ha preso sempre più spazio e porterà dati addizionali oltre che divertenti, quindi va bene leggere con cura quello che gli animali hanno da dire.
      Le domande sono affascinanti e le risposte pure ma per goderne appieno bisognerebbe avere meno nocività possibile del software dell’MCS. Per il momento portare dentro la propria rete neurale dati di un certo tipo è una buona cosa. Tutto quello che riguarda la cosmologia, la tecnologia informatica della realtà virtuale e dell’intelligenza artificiale è buona cosa e pur fossero favole un cacciatore prima o dopo saprà come scremarne le parti inutili e nocive.
      A presto da Rivoevosofia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...