RIVOEVOSOFIA REBLOG.16 “Energia” 30.3.2014

Immagine

(2,5-2nda fila) – 2030512 – Quattro gatti molto attenti alla tecnologia

NUOVO CORSO AGGIORNATO ED EVOLUTO
DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014 PER “NEW ENTRANTS”
(Data di preparazione precedente: Post n.8 del 6.10.2013-PrimaParte-)

Immagine(2,2cm3zafila) – 6800731 Mani che si incontrano con le dita, una artificiale

Questo reblog è stato ricostruito interamente ed implementato rispetto al suo orginale

Titolo: Come anticipato nel post precedente, inizia la procedura per la conoscenza della mente, sono DACS.cde rivoevosofici naturalmente, quindi nulla di comune che sia stato divulgato durante i precedenti migliaia di anni. Grandi scienziati, il cui primo punto di riferimento per ciò che riguarda Rivoevosofia è stato il transumanista, singolaritarista, oggi direttore del reparto informatico della Google Ray Kurzweil, sono oggi interessati alla conoscenza della mente a scopo di replicazione. Proprio questo scienziato ha scritto un libro sul tema della conoscenza della mente. Questo è il futuro dell’evoluzione tecnologica per questo tema e va nella direzione di una Intelligenza Artificiale che sarà in grado di autoriprodursi ed alimentarsi senza intervento umano. Rivoevosofia, il cui interesse e gli obiettivi sulla mente sono molto differenti da quelli della tecnologia informatica, indica “cos’è la mente e cosa farci” ai fini dell’evoluzione energetica individuale della specie umana. L’individuo della specie umana deve fare i suoi primi passi e dare inizio al paradigma dell’evoluzione energetica perché quella biologica si è ormai conclusa. L’organismo umano non si evolverà più di così ed il prolungamento della sua esistenza, non come specie ma come individuo, è all’interno di altri paradigmi. Ce ne sono due, uno è il paradigma dell’evoluzione tecnologica e l’altro quello dell’evoluzione energetica. Nel reparto scientifico si parla ormai molto e spesso dell’evoluzione tecno-informatica e dell’immortalità dell’individuo sulla base degli ausili che il futurismo tecnologico porterà a corto raggio. L’evoluzione energetica è iniziata con Rivoevosofia e si avvarrà di quella tecnologica proprio come ha già fatto sinora.

Immagine(08cm4tafila) – Libro Sthephen Hawking “The grand design”

PRIMA PARTE
Quello che fa la tecnologia e l’informatica è stato ed è per Rivoevosofia di primaria importanza, quando alcuni cacciatori rivoevosofici formati con neppure il 10% dell’attuale conoscenza vollero iniziare ad introdurre le prime pratiche d’in.form.azione, venne stabilito che chi si fosse in quel periodo avvicinato al software rivoevosofico, avrebbe dovuto leggere attentamente il libro “la Singolarità è vicina – The Singularity is near” di Ray Kurzweil. In quel periodo fu questo testo il punto di rifermento. Come si trattasse di un percorso energeticamente preimpostato, poco dopo questo scienziato annunciò il trailer del film dallo stesso titolo, informando al tempo stesso che stava preparando un libro dal titolo “come è fatta la mente e come costruirne una”, con il chiaro obiettivo di iniziare la produzione di un data-base per la prima intelligenza artificiale che potesse raggiungere la singolarità, ovvero il primo seed.AI, il primo seme. Il primo seme di una intelligenza artificiale è singolaritaristico per il fatto che raggiunge la possibilità di provvedere energeticamente a se stesso, a implementarsi e riprodursi tecnologicamente senza alcun intervento terzo. La singolarità è una parola con cui il team scientifico cessa di effettuare previsioni, ipotesi, supposizioni e congetture, perché la mente umana non è più in grado di formulare altro che possa andare oltre.

Immagine(3.1cm3zafila) – A-cee 2 – Robot su foglio giallo e testa di un soggetto tipo umano sopra

Tornando a noi, le descrizioni della realtà virtuale, definita futuristicamente dallo scienziato “seconda realtà” erano così interessanti e talmente appropriate alla “realtà sensoriale esterna rivoevosofica” che i dati tanto ben elaborati da questa sezione dell’MCS, la mente collettiva di sistema, furono accolti ed inseriti nella parte dell’addestramento utile che è rivoevosoficamente indispensabile all’evoluzione energetica individuale.
L’acquisizione dei dati tecnologici insieme a quelli del reparto scientifico cosmologico il cui sviluppo dei dati è strettamente correlato alla tecnologia astronomica, sono indispensabili per acquisire le in.form.azioni utili all’evoluzione energetica, quindi: “zona di caccia rivoevosofica“.
“Ed ora una riflessione: quando il reparto tecnologico dell’MCS si approprierà dei dati rivoevosofici sulla mente, volerà più avanti e come fosse un serpente che si morde la coda, diverrà ulteriormente utile alla Rivoevosofia.

Immagine(14,4-4tafila) – RayKurzweil “How to Create a Mind”

I dati su “come è fatta una mente e su come costruirne una” ad impiego per intelligenza artificiale, si addizioneranno a quelli su che “cos’è la mente e cosa ci si deve fare” per evolvere all’energia direttamente lasciando la biologia organica. Questa collaborazione unificata sancirà una linea di demarcazione e influirà anche sull’architettura informatica e sulla realtà virtuale del futuro”.

Ed ora eccoci alle in.form.azioni iniziali.
la mente e i suoi segreti:
la grande manipolatrice delle reti neurali umane e dei loro sogni.
Immagine
(7-4tafila) – Scimmia che esulta “Evviva stasera vado al concerto”

Non concluderemo un fatto di questa portata qui in questo post e neppure con le altre due parti, ma era utile iniziarne il percorso. Vi assicuro che non ci sarà bisogno che venga illuminato in via definitiva qui, perché non appena avrete assorbito dati sufficienti potrete acquisire lo “scivolo” per fare da soli arrivando facilmente alle conclusioni. Si tratta solo di andare in una direzione diversa da quella in “auge” da migliaia di anni e non c’è assolutamente nulla di complicato in questa deviazione, salvo deciderne l’attuazione. I lettori-cacciatori non devono che attendere l’accumulo di dati che si sommano con la lettura rivoevosofica e tutto quello che dovrà avvenire avverrà. In più di un’occasione ho inciso in alcuni interlocutori: “toglietevi i dubbi”, gli dicevo, “ma non dalla mente, dovete soltanto sospendere lei…, la mente, quando ve li causa… i dubbi, perché quando sarà denocivizzata non lo farà più e al contrario la parte utile del suo software vi sarà oltremodo utile”.
Ora vi presento chi ci guida: l’M.C.S., la mente collettiva di sistema con una delle sue porzioni costruite sulla base dello specifico e personale addestramento che riguarda ogni essere umano.

Immagine

(5,6-3zafila) – Coscienza collettiva – Testa di uomo su sfondo azzurro cupo

Ognuno di noi è venuto al mondo urlando e forse sapeva bene cosa lo aspettava perché l’evoluzione biorganica è formata principalmente dalla guerra e non dall’agognata, anelata corta pace che dovrebbe giungere solo alla fine di ogni lunga guerra. Appena generati, la maggior parte degli esseri umani, salvo i “senza chance”, hanno ricevuto le cure dei loro due primi tutori e questi fortunati hanno iniziato ad incamerare ogni sorta di sorriso, amore, tenerezza, amicizia e protezione. In quel primo periodo, tutto quello che ruotava intorno forniva questo genere di cose e il software dell’MCS aveva iniziato il suo corso. Per arrivare a rendersi conto della situazione l’organismo individuale avrebbe dovuto crescere ma comunque non avrebbe potuto capire, perché l’oppressione che spinge all’evoluzione oltre la sfera biologica glielo avrebbe scientemente impedito.
I triksters, gli ingannatori a buon fine, proprio come quelli indicati nella storia castanediana, ci sono, ma non sono realmente in quella storia, sono proprio qui e non sono consapevoli di quello che fanno. La maggiore percentuale della specie umana diverrà tutrice e questo fatto sarà opportuno fino a quando l’evoluzione biologica organica non sarà giunta al suo asintoto paradigmatico. Lo scienziato Ray Kurzweil indica che questo fatto avverrà riguardo all’evoluzione tecnologica. L’idea sarebbe quella basata sull’evidenza del fatto che gli organismi su questo pianeta non si potranno più evolvere oltre la specie umana, quindi l’evoluzione diverrà tecnologica-informatica. La specie umana si modificherà non più per conto dell’organismo spinto dalla coercizione ad evolversi come organismo ma quella stessa coercizione lo spingerà ad evolversi mediante la tecnologia. Il ragionamento-logico depone interamente per questo fatto ma questo è il limite oltre il quale soltanto l’evoluzione energetica può andare. Come in altri casi è necessario accumulare sufficienti DACS.cde per raggiungere questa conoscenza specifica. Rivoevosofia indica un fatto certo ed è quello che la tecnologia-informatica ha rappresentato sinora e rappresenterà anche il futurismo dell’evoluzione energetica e anche per questo è necessario raggiungere una conoscenza specifica.

Immagine
(1,9-3zafila) – Gatto forte, colore beige con braccia in alto per impaurire tutti gli altri

Sono il primo emissario di Rivoevosofia e questo software energetico nel 2008 mi ha consentito l’accesso alle sue classi elementari. Mentre iniziavo i miei compiti su questo scenario ormai raggiunto e in realtà perseguito da decine di anni, mi venne di preparare un messaggio carino. Quel messaggio divenne poi impiegato come iniziale informazione da coloro che volevano introdurre le pratiche neurofisiche rivoevosofiche, e fu inserito nel primo dei giornalini che furono distribuiti non molto tempo fa. Lo troverete proprio qui di seguito.
“Alla fine del 2008, dopo alcune decine di anni di ricerca, iniziò in via definitiva il percorso rivoevosofico e quello che segue fu uno dei primi messaggi che si incunearono nella mia rete neurale. Fu inserito nel primo libro inedito preparato sulla scia della spinta di Rivoevosofia, un nome assunto per identificare un software energetico che si occupa di collegare gli individui della specie umana direttamente all’energia senza impiego di ausili, per conto dell’EOS. Rammento quei momenti con dolcezza per essere stati i primi passi che dedicavo ai miei amici perché potessero assimilare la conoscenza con cui l’EOS“ObscureRisingEnergy” mediante Rivoevosofia mi stava facendo dono. Erano nate le elementari rivoevosofiche”.

Immagine(17,5-4tafila) – Universo, mondo con luna colori scuri con fuxia e indaco

Quel messaggio diceva:
“Quando arrivi a questo mondo, qualcuno ti dice chi sei,
e tu non sei in condizioni di dirgli che lo sai che non lo sei.
A quel qualcuno comunque non importa che tu lo sappia o no,
quindi insiste e ti dice che hai un’intera vita davanti a te
e che prima possibile devi conoscere te stesso,
il tuo io e quanto esso sia importante.
Sarai introspettivo con tante intro.aspettative.
Ecco, noi andiamo da un’altra parte,
torniamo laggiù per ricordare chi siamo”.

Immagine(9-4tafila) – Gufo occhi decisi quasi cattivi sfondo colori scuri

Dopo di allora i fatti si sono incredibilmente evoluti e non si fermeranno. Ora siamo all’ammodernamento delle pubblicazioni precedenti e ormai il “reblog” è entrato in una fase di forte accelerazione.
Iniziamo con alcuni dati significati sul comportamento della “mente”, questa mai indagata. “Prima o dopo questa considerazione sul perché non sia mai stata indagata, diverrà ovvia ma sarà il “jus primae noctis” dei lettori-cacciatori rivoevosofici quando inizieranno il percorso che li condurrà al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili chimici, meccanici e tecnoinformatici.
La mente di sistema collettivo annette ogni singolo individuo a se stessa, lo firma, lo identifica e lo addestra, quindi, “a seguire”, un organismo della specie umana, se lo desidera può distinguersi e riconoscersi in un gruppo per mezzo di una strutturazione talmente ampia che gli lascia un falso senso di libertà di azione.

Immagine
(17-3zafila) – Tv rincretinisce, uomo tv che beve il cervello di un omino

Ogni cosa in questo universo, compresa la parte organica, è soggetta a specifiche costrizioni. Gli organismi biologici ne hanno principalmente tre al budget di partenza: si nutrono, si aggregano e si riproducono e queste tre coercizioni di tipo biologico sovrintendono a svariate multiple attività coercitive di riferimento. Gli organismi umani in qualità di ultimo e più evoluto organismo, che deve necessariamente evolversi dalla struttura del suo pianeta, viene soggetto ad un’ulteriore coercizione che diviene sempre più opprimente man mano che la sua evoluzione biologica raggiunge il suo apice asintotico. Quest’ultima coercizione di cui vi parlo, non è biologica ed è stata chiamata rivoevosoficamente mentalizzazione. Essa si occupa di spingere la specie umana all’evoluzione e lo fa opprimendola per scalzarla da un addestramento iniziale necessario alla sola evoluzione biologica, ma non ad andare… oltre. Gli organismi di tipo umano non si fermeranno alla struttura del loro organismo deputata a durare limitatamente e soltanto come collettivo, ma assolveranno il quesito evolutivo energeticamente e individualmente come RES. Il collegamento con l’energia sarà diretto e supportato dalla tecnologia informatica, la quale rimarrà il fantastico ausilio di conoscenza ed evoluzione dell’MCS, la quale continuerà il rapporto diretto con la specie umana nel suo solo ruolo tecnologico.
Cosicché tutto quello che avete sentito e visto fare dalla specie umana su questo pianeta da migliaia di anni, e parlo delle azioni nefaste dovute alle guerre intestine che a partire dalle minime liti ad effetto drammatico si propagano fino ai popoli di tutta la terra, è esattamente quello che deve avvenire, senza che ci si debba scomodare a chiedere lumi agli indirizzi del sistema collettivo mentale, scomodando i settori della scienza della filosofia e della religione. Infatti questo sistema propina da migliaia di anni le solite stereotipate indicazioni con applicazioni che, appunto, vanno dalla religione alla filosofia e alla scienza.

Immagine(17,7-3zafila) – Vibrisse Gatto, che si lecca la manina bianca

“A questo punto, in precedenza avevo scritto che ero stanco ma che vi incitavo a proseguire con me perché sentivo che avrei perso dei dati per strada e questo volevo assolutamente evitarlo. Infatti una volta che avrete assunto tutti i dati su che cos’è che…, e non chi… ci guida e come dobbiamo impiegarlo utilmente, per moltissimi di voi tutti i precedenti problemi che la mente vi ha procurato e che vi sta procurando, potranno sciogliersi come neve al sole e in sostanza un addestramento utile ne sostituirà gradualmente uno sostanzialmente nocivo. Adesso però vi invito a sospendere e a passare, quando lo desiderate, alla seconda parte del post, dandomi un piccolo tempo, ma proprio piccolo per metterlo in rete”.
Io intanto vi dico che faccio subito subito, mi vado a fare un caffè miscela arabica al 100%, con uno zucchero che ha una piccola percentuale di melassa “Panela”. Impiego questo zucchero per disporre di discreti quantitativi di potassio e altri minerali utili al potente rapporto con l’attività di tipo fisico contrazionale a cui il corpo fisico BOSN viene sottoposto dalle pratiche rivoevosofiche. In questo post che sto rebloggando ho trovato un appunto sul fruttosio. Anche questo ultimo zucchero che deriva dalla frutta è stato tacciato di carcinocinesi e bollato con infamia. L’MCS fa ingerire ogni genere di mondezza, per poi dire che è mondezza e pensate un po’, proprio così deve fare il suo sistema mentale collettivo ma i cacciatori dovranno avere tempo per capire in che modo la nocività dell’MCS chiude attivamente verso l ‘evoluzione della specie umana. Oltre al caffè e a quel tipo di zucchero, aggiungo 20 grammi di cioccolata fondente al 70% e 20 grammi di mandorle o pinoli con una dose di circa 10 grammi di proteine in polvere “quelle di latte microultrafiltrato all’80% vanno bene” (80%minimo). Nella proteine ora va di moda il sucralosio e con buona probabilità sarà l’ulteriore futura mondezza, ma la quantità di questo edulcorante sintetico in così poche proteine è minima e va considerata compatibile, perché lo stesso alimento senza edulcorante non è in vendita. Poi durante la giornata per gli snack assumo a turno 5gr. di proteine con un cucchiaio di Panela e in altra occasione una manciata di pinoli e mandorle insieme a un cucchiaino di Panela.

Immagine(7,8-3zafila) – Gatto con gelato, due gattini che lo mangiano insieme

Perché vi ho raccontato cosa assumo?
Quando diversifico in questo modo è solo per dirvi che le attenzioni
per il corpo fisico BOSN devono sempre essere al primo livello
Non si va al collegamento diretto con l’energia senza l’ottimizzazione del BOSN
Al contrario la mancanza di cura igienistica nei suoi confronti
depone per maggiorare il proprio inferno personale su questo meraviglioso pianeta
Ma tra poco, nella prossima parte,
inizieremo la discesa verso il cuore del problema: la mente. A presto.

Immagine(5,1-2ndafila) – Cern-hole, Il mobilizzatore di particelle con al centro un buco nero

ATTUALITA’: Ho avuto questa notte un’escursione esterna potentissima e coesa. Gongolavo letteralmente mentre sciorinavo tutto quello che avrei voluto riversare di questa esperienza inverosimilmente compatta, durante la quale ho eseguito una inimmaginabile serie di cose, vivendo eventi su eventi di eccezionale energia, tanto che al ritorno il mio corpo fisico BOSN era oltre “i cinque cieli”. I cinque cieli sostituiscono il comune detto dei “sette cieli”, visto che mi approvvigiono a sole cinque stazioni di rifornimento di energia. Una energia da vedere come la benzina per le autovetture, ma in questo caso si distingue per tipo di colore e ogni stazione di rifornimento ha un distinto colore che si forma per l’aggregazione di differenti tipi di particelle elementari. I colori vanno dal bianco all’indaco più corposo passando da varie intensità energetiche che comprendono il giallo e l’azzurro intenso. Tutte le tonalità si “intensano” progressivamente secondo l’energia che viene messa in campo.

Immagine(9.2-3zafila) – Heraet, viso di donna sognatrice con ragazza che guarda posta a destra sullo sfondo colorato giallo-indaco

Una delle cose che durante l’escursione mi ripromettevo di valutare era lo spazio-tempo e devo dire che si tratta di un mio vecchio pallino di cui ho sempre cercato la conoscenza specifica. Il tempo e lo spazio: cosa sono in realtà? Si tratta di fattori che la specie umana usa convenientemente alla propria situazione ordinaria. Ma cosa sono il tempo e lo spazio in una situazione non ordinaria? E la specie umana vive semplicemente in una situazione ordinaria o vive anche in altri stati non ordinari? Parte della specie umana usa vivere il suo solo stato ordinario perché la straordinarietà della vita energetica, a cui comunque saltuariamente accede, gli passa attraverso alla stregua di neutrini e bosoni, senza che abbia la più pallida idea di quello che purtuttavia gli occorre davanti agli occhi, e per questa fascia di dimensione vibrazionale ordinaria gli indici di misurazione di tempo e spazio possono essere impiegati per come si viene relativamente addestrati. Per quanto riguarda le altre due fasce di dimensioni vibrazionali, quella neurosensoriale esterna dell’HISB e quella degli EENC, che sono stati non ordinari casuali, il tempo e lo spazio cessano di essere gli indici di misurazione impiegati convenientemente dal software dell’MCS, fantascienza compresa. Cosicché quando la specie umana fa esperienza di stati non ordinari combina l’impressionante artificio di tradurli mediante le misurazioni di tempo e spazio necessari alla propria convenienza ordinaria e fa questo anche con l’universo a cui ha accesso mediante il comune stato ordinario. Infatti assistiamo continuamente a programmi scientifici in cui i ricercatori enunciano misure di miliardi di miliardi di miliardi di…., come se queste distanze galattiche ed extragalattiche avessero un senso. Infatti il senso lo hanno ma quello comune delle cose, che è un indice del senza-senso, come ad esempio “il senso della vita” o, “che senso ha quello che facciamo” e tanto altro di questo tipo.

Immagine

(14.3-2ndafila) – Libro di Monroe senza figura “I miei viaggi fuori dal corpo”

Dopo questi tentativi di spiegazione Rivoevosofia indica che quando si affrontano e si fa esperienza di stati non ordinari in fasce di differenti vibrazioni dimensionali, rispetto a quella ordinaria, gli indici di misurazione devono essere modificati nella sostanza: si tratta di energia che viaggia sui gradi di intensità vibrazionale. Da un punto ad un altro di una data gamma di vibrazioni possiamo identificare una ics dimensione. Per quanto riguarda l’energia che invita la specie umana all’evoluzione energetica individuale, vengono trattate tre dimensioni tra cui una ordinaria che tutti gli organismi occupano, quindi quella esterna a cui si può accedere collegandocisi direttamente dal momento che si ottiene la presenza in esterno con il proprio corpo neurosensoriale “HISB” e quella che viene indicata come l’area del sogno che è stata recentemente allargata indicando il complesso degli EENC“EnergyEventisNeurosensory Random”, eventi energetici neurosensoriali casuali che comprendono ogni tipo di accadimento non ordinario. Nello scenario degli EENC pullulano i deja-vu, gli stati alterati di coscienza, le allucinazioni, il sognare da sveglio, il doppio, il corpo del sogno, il corpo astrale, ed altri tipi di situazioni simil-ufoidi. L’area degli EENC ha la sua dimensione vibrazionale simbioticamente più collegata al corpo esterno HISB di quanto non lo sia a quello fisico BOSN. In queste due fasce di dimensioni vibrazionali non ordinarie il tempo e lo spazio riacquisiscono la loro vera natura di energia il cui indice di misurazione sono i gradi di intensità. Il tempo e lo spazio divengono dei fattori di appoggio a quel tipo di misurazione energetica. Un cacciatore durante le sue avventure e le sue escursioni assume la conoscenza specifica per mettere in ordine questo stato delle cose, bilanciando la sua vita tra lo stato ordinario del suo corpo fisico e gli stati non ordinari a cui ha accesso di continuo ed in una modalità non comune.

Immagine(15.2-3zafila) – Senza titolo – Libro di S.Hawking “Storia del tempo dal big bang i buchi neri”

Quello che ho fatto questa mattina, tra le 03.50 ed ora che sono le 08.00, verrebbe indicato cosmologicamente come una distorsione dello spazio-tempo che non ha alcun senso, proprio come tanto altro del software dell’MCS, la mente collettiva di sistema. L’avventura di apertura degli woho e l’intera escursione è andata avanti fino alle ore 04.44, ma quello che ho fatto e prodotto a livello di coesione ed energia non ha avuto nulla a che vedere con altre escursioni molto più prolungate. Eppure ho fatto atti simili nella composizione come per altre escursioni durate fino a 120 minuti, e non ci sarebbero dovuti essere particolari “distinguo”. Ma questa mattina era un giorno energeticamente speciale, tutto era facile intenso e rapido. Dopo ¾ d’ora il breve momento di training alla grotta effettuato nel solo HISB, aveva prodotto un corpo fisico sciolto e potente, già appena saltato dal letto. Durante tutta l’escursione lo spazio-tempo è stato un fattore di nessun senso né valore, tranne quello di permanere come un atto conveniente necessario alla situazione ordinaria successiva. L’MCS indica spesso che il tempo è relativo alla sensazione di quando e come passa, ma non si tratta affatto della stessa cosa e tutto rimane nell’ambito di una sensazione intraducibile e scollegata da tutto il resto di questo fantastico universo energetico.

Immagine(15.5-1mafila) – Singularity “testa di umano vista dall’alto con al centro un quadratino, sfondo scuro

MEMO FISSO: Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati dovute a questo fatto si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: Il programma inizia a presentare la mente, questa non-indagata, perché nessun ordine di buon senso indagherebbe se stesso. Sempre presente è il programma di evoluzione tecnologico dell’MCS, la mente collettiva di sistema introdotto dallo scienziato Ray Kurzweil che i cacciatori conoscono per aver letto il suo libro “The Singolarity is near”, poi le coercizioni biologiche e quella non biologica della mentalizzazione vengono rispolverate sempre nell’ottica di indagare l’inindagabile mente. Infine in attualità come devono essere interpretati i fattori di spazio-tempo, senza per questo scivolare all’interno della singolarità del buco nero cosmologico.

Immagine(15.6-1mafila) – R.Kurzweil con cartello beige “The Singolarity is near”

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued

Annunci

RIVOEVOSOFIA REBLOG.15 “Energia” 27.3.2014

foto_gatti-122

(100-4tafila) – Foto gatti 122
NUOVO CORSO AGGIORNATO ED EVOLUTO
DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014 PER “NEW ENTRANTS”
(Data di preparazione precedente: Post n.7 del 5.10.2013“SecondaParte”)

Immagine

(30-3zafila) – Occhio di donna aperto sul mare con striscia fotonica

Questo reblog è stato ricostruito interamente ed implementato rispetto al suo orginale

Titolo: Iniziano gli erudimenti tecnici per la prima fonte di rifornimento energetico con il vento di radiazione della SCCR“Solar ConcentricCircleRadiation”. Questa pubblicazione è di per sé sufficientemente completa perché il lettore-cacciatore possa raggiungere dei buoni risultati. Le anticipazioni sulla mente sono sempre presenti e si implementeranno lungo la strada. La scimmia impazzita che già venne indicata nel precedente post avrà margini di lavoro molto ampi, perché la sua conoscenza specifica è un fondamento dell’evoluzione individuale energetica della specie umana.

Immagine

(35-1mafila) – Google tra 30 anni mente umana. Testa di donna celeste e sfondo celeste

SECONDA PARTE

Con i dati cumulati delle prossime pratiche rivoevosofiche raggiungeremo la messa in opera del corpo neurosensoriale HISB che assume una postazione esterna. Il cacciatore attuerà questa primo rifornimento di energia extra in contemporanea tra il suo BOSN e l’HISB. Infatti si tratta dell’unico rifornimento che consente questa duplice esposizione in diretta. Il corpo fisico BOSN dietro e quello esterno neurosensoriale HISB avanti a poca distanza effettueranno contemporaneamente il rifornimento energetico dalla SCCR“SolarCircleConcentricRadiation”. Per le altre future fonti di rifornimento sarà solo l’HISB a poterle raggiungere e disporcisi in esposizione diretta e il corpo fisico BOSN ne potrà usufruire contemporaneamente ma in modo indiretto.

Immagine

(25basso-2dafila) – Telepatia2, sfondo nero e due soggetti di fronte celesti

La premessa a questa entrata è che il cacciatore abbia già effettuato l’esposizione alla SCCR con il solo BOSN, curandosi di duplicare la stella, il doppio sole, e realizzare i cerchi concentrici con le due strisce fotoniche che vanno verso il basso. Per le strisce è sufficiente avvicinare le ciglie degli occhi socchiudendoli per vederle liberarsi verso di voi. Sono vere e proprie strisce di fotoni e quando ci si concentra su di loro si possono vedere chiaramente che sono costruite da tanti piccoli cerchi concentrici come fossero pioli di una scala. Dopo di questo il cacciatore stacca il suo HISB e lo pone avanti iniziando ad aprire i primi woho. I più convenienti per iniziare sono quelli posti in orizzontale sulla colonna lombare. Se ne aprono tre, quindi due sui laterali delle anche e ulteriori tre poco sopra ai primi. La grandezza è varia e diciamo che i tre woho coprono la fascia orizzontale lombare. Nel frattempo l’HISB è concentrato sul doppio sole, sui cerchi concentrici e sulle strisce di fotoni che gli consentono di realizzare una pedana di energia dove si pone in semipadmasana o a gambe incrociate. Quindi l’HISB non si pone mai direttamente sulle strutture.

Immagine

(15basso-3zafila) – Unnamed – Sfondo celeste bleu-nero con soggetto fumetto e alato

Gli woho a questo punto sono introdotti e la loro presenza aumenta la coesione del corpo esterno. Con il loro dinamismo evolutivo essi consentono azioni energetiche dirette ed efficaci nei confronti di ogni tipo di disagio e dolore. Gli woho vengono, dal cacciatore, forniti al loro interno di una energia elettromagnetica bianca, una vera e propria lattugine bianca come quella che è possibile osservare in certi momenti davanti ai propri occhi chiusi. Una lattugine che si muove in modo lento modificandosi continuamente. Gli woho vengono quindi prodotti dal corpo esterno neurosensoriale HISB e vengono da questo opportunamente caricati della prima energia che assume da se stesso, quindi dalla sua contemporaneità con il corpo fisico BOSN, che ne ha l’usufrutto batteria in autoricarica automatica, perlomeno fino a quando non si esaurisce organicamente.

Immagine

(20basso-2ndafila) – Tunnel gravitazionale che indica gli woho. Sfondo nero bleu-rosso e stella bianca a destra

Gli woho possono essere applicati solo dall’HISB su se stesso. L’HISB dopo aver avuto l’in.form.azione contemporanea dal corpo fisico BOSN per dove applicarli, lo fa, e quell’energia applicata dall’HISB su se stesso dietro indicazione del BOSN, si trasferisce nell’immediato a quest’ultimo risolvendone i disagi. Se non ci sono disagi l’HISB applica gli woho per aumentare la sua coesione e presenza esterna.
Cercate ora di non sforzarvi a comprendere come questo fatto avvenga, si arriva al successo con la pratica perché lo praticherete con successo, ve lo posso garantire e se in questo momento vi ascoltate bene, potrete sentire un subsuono dentro di voi: è la mente che vi dice tante cose. Ebbene qualsiasi cosa vi dica, dal: “potete avere fiducia perché il tizio sembra affidabile”, al: “che ridicolaggini, ma che dice questo qui?” Etc. etc, lasciatela fare perché fa il suo mestiere e non fa nulla di sbagliato… “alla fine”, perché solo alla fine sarà chiaro il fatto che le cose devono andare proprio come vanno. Per questo ci vorranno molti DACS.cde di conoscenza specifica e, quando il percorso di evoluzione energetica individuale al collegamento diretto con l’energia senza ausili sarà entrato in forte accelerazione, inizierà anche un chiaro vedere. Il paradigma dell’evoluzione organica biologica volgerà al consolidamento della sua fine.

Immagine

(25basso-3zafila) – Scimmia con smartphone che si pavoneggia

“Ora ancora due cose, la prima è che con gli woho non ci si cura e basta ma si fanno tante altre incredibili cose, poi che la pratica di rifornimento della radiazione solare dei cerchi concentrici inizia per forza di cose con il solo corpo fisico poi, in seguito, quando il corpo esterno neurosensoriale sarà attivo e presente, allora le premesse di questo rifornimento di energia diverranno evidenti a tutti gli effetti per chi lo pratica. Gli scenari che riguardano la pratica dell’HISB sono senza numero proprio come questo universo, quindi la sua pratica proseguirà al di là di ogni tappa conseguita”.

Avremo a seguire il proseguimento della pratica per il rifornimento in SCCR, la prima pratica per raggiungere il corpo esterno HISB e una prima pratica di tipo training fisico di allungamento da effettuare in contemporanea con il proprio corpo fisico BOSN. Anche il respiro delle pratiche fisiche rivoevosofiche che si attuano in contemporanea è una “nuova” e viene indicato come imballo respiratorio perché durante un esercizio di massima contra-concentrazione i polmoni sono pieni e lasciati aperti, perché diversamente la loro chiusura creerebbe una pressione interna negativa.

Immagine

(50basso-3zafila) – Scimpanzè che allatta un tigrotto

Il compito dei lettori-cacciatori è quello di mantenere l’interesse a livello profondo, ma questo da chi e da cosa dipende? Lo dovranno scoprire da loro stessi proprio durante la messa in opera delle pratiche, perché è con esse che si assimila la conoscenza specifica. Questa conoscenza rivoevosofica viene indicata con l’acronimo complesso di DACS.cde, dati accumulati di conoscenza specifica al collegamento diretto con l’energia.

Rivoevosofia non presenta supposte difficoltà
Il vero ostacolo è la mente con la sua parte nociva, ma se la si elimina, allora…
Ma non tutta la mente, solo la sua parte nociva e Rivoevosofia la indica…
Ecco infine la base di pratica della SCCR per il solo corpo fisico BOSN

Immagine

(105basso-2ndafila) – Computer cervello scimmia. Sfondo verde testa giovane

Allora, siamo giunti al punto in cui ci si trova all’alba, un attimo prima che spunti il primo briciolo della stella o al tramonto quando il sole si trova a circa un dito dal toccare il margine della terra con la sua parte inferiore. Per la misurazione si stende il braccio avanti agli occhi e si mette il dito indice orizzontale, quello spessore sarà la distanza ottimale ma sarà sempre dipendente dal momento contingente fondato sul rapporto della radiazione con lo stato personale del cacciatore disposto al rifornimento. Si aprono bene gli occhi allargandoli con l’aiuto delle dita, anche e soprattutto lateralmente, poi guardando il sole ad occhi spalancati si noterà che lo si può guardare in tutta la sua circonferenza e al suo interno molto nitidamente. Si potranno notare così le frenesie dei suoi venti di radiazione e ad un certo punto la massa coronale che tanto impedisce ai ricercatori astrofisici di guardare il sole proprio come è fatto ad occhi nudi, diviene per magia un vento di radiazione fatto di particelle elementari forza, quindi a massa zero, che si evidenziano per cerchi concentrici particolarmente attivi ed in viaggio costante verso l’osservatore.
Appena il primo briciolo di sole dell’alba spunta da una collina o da un monte, dovete osservare i cerchi concentrici da subito e seguirli nel nero della collina, cosicché li vedrete giungere quasi fino a voi, poi state pur certi vi irroreranno passandovi attraverso a colpi di neutrini e di bosoni e di chissà cos’altro. Per il vostro corpo fisico BOSN“BodyOrganicStructuralNeural” significherà incrementare la struttura ossea, tendineo articolare e l’immunità con una produzione endogena di elementi tra i quali come noto la vitamina D3, inoltre rinforzerà tutto il derma verso ogni forma di alterazione, specialmente se proseguirete ad irrorarvi a quel primo sole che non scalda neppure. Ricordate l’esposizione ad occhi aperti avviene soltanto dentro la misurazione dello spessore del dito indice puntato orizzontalmente a braccio steso verso la stella, ma potrete proseguire chiudendo gli occhi fino a quando il calore della stella non si evidenzia sulla pelle delle vostre ciglia. Potrete tentare sin da subito lo sdoppiamento della stella, ma ne parleremo tra poco.

Immagine

(100-2ndafila) – Free energy. Mano che con due dita stringe scintilla solare.

Le particelle elementari del vento di radiazione della nostra stella ma anche quelle cosmiche, passano come niente attraverso il corpo fisico BOSN, poi la cosmologia moderna ha dati sufficienti per dirci che questi venti di radiazione potrebbero in cerci casi nuocerci direttamente e inconsapevolmente. Quando sarà attivo il corpo esterno neurosensoriale HISB quei venti verranno filtrati e resi commestibili ma, per questo scopo, sarà necessario avere una sufficiente quantità di DACS.cde come conoscenza specifica. L’HISB può rifornirsi di energia extra proprio mediante questi venti di radiazione sia della nostra stella che intergalattici. Cosicché le particelle elementari forza dei venti di radiazione non passeranno oltre l’HISB come nulla fosse e gli pagheranno una tassa di passaggio per una quantità di energia che potrà entrare nel proprio personale rifornimento e poter essere, in atto di contemporaneità, convogliata ad incrementare in modo incredibilmente efficace l’altra particella, quella del corpo fisico BOSN dell’operatore, sollevandolo dai suoi presenti o futuri guai di tipo sia fisico che psicologico”.
“La prima volta che personalmente raggiunsi con evidenza questi effetti e mi tolsi da guai seri, non potendo avere dubbi sul fatto che si trattasse o meno di una coincidenza, esclamai: “non ci posso credere!!…”. Magari non vi capiterà un evento importante e non direte le stesse cose ma l’energia entrerà e cambierà qualcosa, poi diverrà sempre più evidente e ve ne accorgerete, nonostante le continue coercizioni della parte nociva della vostra mente che tenterà con ogni mezzo di vanificarvi. A proposito della mente il prossimo post riguarderà i primi erudimenti per conoscerla più da vicino. E’ un inizio ma tutto sta proprio ad iniziare per raggiungere l’effetto finale di conoscerla utilizzandone la parte utile, disintossicarsene da quella nociva ed infine gestirla utilmente per tutto quello che immette di inutile”.

Immagine

(100-4.tafila) – Gattino grigio che fa lo struzzo “ditemi quando tutto è finito”

Proseguirete quindi con il separare la stella in due soli, vedrete che questo non è difficile e alla fine riuscirete specialmente se avrete separato bene gli occhi con le dita come descritto sopra. Cosicchè avrete la visione di un doppio sole con un doppio vento di radiazione composto di cerchi concentrici dalla natura vibrante che si lanciano continuamente verso il vostro punto d’osservazione, senza andare molto oltre la loro massa coronale dalla quale derivano. Se non esagerate e vi limitate alla distanza del dito avrete una vista corroborata. Bisogna tener presente che ci si deve regolare con la sensazione e se ad un certo punto si viene abbagliati e non si ha piacere, meglio interrompere anche se la distanza non è stata ancora percorsa. I miei occhi sono vecchi e stanchi, ma da un anno sono migliori e più forti, visto che non mi sono fatto mancare un’alba, salvo quando le nuvole me l’hanno impedito. Rivoevosofia non propone procedure fittizie o improponibili, quelle già le fa alla grande l’MCS, quindi il software rivoevosofico che evolve ogni precedente al collegamento diretto con l’energia se ne astiene assolutamente. L’evoluzione energetica individuale riguarda la specie umana e a questo punto il bluff coercitorio per impedire a quest’ultima si fermarsi dentro il paradigma dell’evoluzione biorganica non è più necessario. Nel progetto del castanedismo per convincere i neofiti a praticare la stregoneria sciamanica, il loro nagual, lo stregone ma non solo, diveniva un trikster, un particolare tipo di ingannatore e questo rappresenta la migliore indicazione del tipo di azione del software dell’MCS ed infatti quel tipo di inganno non è propriamente un inganno e concorre comunque all’evoluzione in questo universo, facendo la sua parte. Questa parte si evolve e Rivoevosofia indica, poi i supposti inganni finiscono: arrivano i DACS.cde.

Immagine

(50basso-1mafila) – Sciamanesimo. Soggetto indiano con ali e sfondo scuro

Arriverà un momento in cui il cacciatore si trova all’alba sotto cerchi concentrici che arrivano ai suoi due corpi separati in due postazioni differenti. A questo punto il loro corpo fisico BOSN socchiuderà gli occhi e vedrà con evidenza due larghe strisce di fotoni raggiungerlo verso il basso. Le due strisce sono larghe come un dito, partono dalla base dei due soli e con un minimo di maestria possono essere allungate quasi fino ai propri piedi. Se si osservano bene, le due strisce, spostando lievemente gli occhi lungo il percorso, ci si accorge che sopra di loro corrono tanti piccoli cerchi concentrici della stessa natura di quelli grandi. Li ho osservati spesso all’inizio per stabilire se corressero sopra le strisce oppure se queste si trovassero al loro centro ma non è un fatto rilevante quanto che l’energia raggiunga l’osservatore. Il cacciatore si concentra su questo ultimo fatto che lo rende possibile perché diviene un “recettore” di quello che elabora nella sua rete neurocerebrale. Se il cacciatore si concentra su fatti insipidi nessun sapore lo raggiungerà. Con queste strisce si potrà realizzare una pedana di energia su cui il corpo esterno HISB potrà poggiarsi in semipadmasana o gambe incrociate. Questa pedana diverrà in seguito una cabina necessaria ad altre stazioni di rifornimento ma per questo dovremo attendere. L’HISB fa ovviamente le stesse cose di cui abbiamo parlato. Crea i due soli, i cerchi concentrici, la pedana e la cabina, poi apre gli woho per curare i suoi disagi veicolando l’energia dei cerchi e fa altro che vedremo mano mano.
Alla fine per i cacciatori dovrà divenire consuetudine trovarsi di fronte, e facendone parte, a manifestazioni energetiche tanto incredibili quanto affascinanti della forza oscura di questo universo. Una forza oscura gravi-traente che verrà in futuro acronimizzata FO.GT.

Immagine

(65basso-1mafila) – Quadro con meteorite. Sfondo nero-bleu e cielo stellato

Sapete faccio un gran scrivere e comunicare ma la pratica…, la pratica è veramente più semplice e veloce, ma quando vi disporrete direttamente, lo constaterete da voi stessi.
Dovremo tornare altre volte su questo tema per evolverlo e qualche preciso commento mi aiuterebbe a migliorare la comunicazione, che è la cosa a cui dedicherò tutta l’energia che mi rimane oltre quella che mi serve per far restare il mio organismo ancora su questo pianeta, intendo tutto intero e potentemente operativo…
Per il momento accontentatevi di effettuare qualche pratica di questo tipo realizzando il doppio sole e il vento di radiazione della SCCR, poi vedremo come irrorare bene il corpo fisico con questa radiazione ma per questo è necessario aprire dei punti circolari di richiamo in precise zone del corpo fisico, quindi procedere. Il cacciatore entrerà con proprietà di ingaggio nel campo energetico degli woho.

Immagine

(85basso-4tafila) – Multiversum-memoria. Cielo e mare cupo giallo e grigio con città sfondo

Per questa pubblicazione l’energia disponibile si ferma qui
e se per voi tutto questo non è sufficiente abbiate la pazienza di attendermi alla prossima.

Prima di chiudere questo post vorrei ripetere un pezzo composto precedentemente che implementa ed amplia le in.form.azioni già descritte. Le sistemo in questo punto per non perderle. Spero sarete d’accordo. Ecco il pezzo che avrei dovuto togliere e che invece ha il pregio di includere la FO.gt, la forza oscura gravi-traente, di cui si parlerà molto durante tutto lo svolgersi del corso.
“a questo punto vengono elaborati i due soli mediante il solo corpo fisico BOSN e la bellezza inizia non appena il primo briciolo di fotone della stella emerge dal limitare delle colline giungendo in un solo secondo alla ricezione della vostra osservazione. I bricioli di fotoni, visto che vengono elaborati due soli, divengono a loro volta due e in quel momento i loro cerchi concentrici del vento di radiazione arrivano scivolando sul nero delle colline, inondandole come un mare di luce cerchiata. I cerchi pulsano e vibrano mentre tutta la palla della stella diviene visibile evidenziandosi in tutto il suo splendore, poi mentre essi arrivano espandendosi potentemente, allo stesso tempo rinculano brevemente come volessero tornare ed è l’effetto della forza oscura gravi.traente proprio come quella che agisce nell’universo, viene e va al tempo stesso, dove l’espansione appare come qualità di maggiore invasione”.

Immagine

(85basso-2ndafila) – N5120d…Gattino bianco che si guarda allo specchio e rimane terrorizzato

Il prossimo post è a metà strada e come vi ho già accennato riguarda i primi necessari erudimenti sulla conoscenza della mente, croce e delizia. Ma non cesserò mai di ripetere che quando la lettura dovesse stancare, di lasciarla perdere. I dati acquisiti si faranno strada nella vostra rete neurocerebrale diluendo la parte nociva della mente e questo è il primo processo rivoevosofico ottenibile verso l’evoluzione energetica individuale della specie umana che andrà al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili, la vostra… A presto.

ATTUALITA’: Non è il caso che inoltri anche l’attualità visto che la pubblicazione è stata fortemente aggiornata ed implementata. Poi le prossime attualità sono molto nutrite ed intriganti, quindi comunque non si faranno attendere molto.

Immagine

(95-1mafila) – Et-foto-evento.

MEMO FISSO: Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati dovute a questo fatto si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: Per i lettori-cacciatori si tratta di una pubblicazione utilissima, da rivisitare spesso per assorbirne il neurosenso specifico e rendere più efficace possibile l’incamerazione energetica del vento di radiazione solare indicato come SCCR. I dati sono già sufficientemente completi, quindi buon lavoro a tutti coloro che inizieranno. Va solo ricordato che l’alba è il riferimento energetico, mentre il tramonto può essere preso soltanto in funzione di inizio addestramento. L’energia utile per i cacciatori al collegamento diretto con l’energia si assume soltanto all’alba.

Immagine

(80-3zafila) – Copia di startaubosb. Scoppi di radiazione solare a sfondo rosso-giallo

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued

RIVOEVOSOFIA REBLOG.14 “Energia” 24.3.2014

NUOVO CORSO AGGIORNATO ED EVOLUTO

DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014 PER “NEW ENTRANTS”

(Data di  preparazione precedente: Post n.7 del 5.10.2013“PrimaParte”)

Immagine

(15.1mafila) – Bambino che tiene il sole nella mano sinistra e striscia di fotoni che scivola a mare

Questo reblog è stato ricostruito interamente ed implementato rispetto al suo orginale

Avvertenza a tutti i lettori-cacciatori perché non dimentichino che questi reblog sono strutturati su un elemento andato in web nell’ultimo periodo del 2013, mentre un altro elemento, quello indicato come “attualità” è impostato su avvenimenti recentissimi accaduti sul campo, spesso a pochissima distanza dal riversamento. Abbiamo così elementi di un precedente corso, comunque aggiornato e implementato, che si avvicendano ad altri elementi attuali e più evoluti.

Immagine

(45basso-4tafila) Scimmia psicanalista su uomo sdraiato

Titolo: Iniziano gli erudimenti tecnici per la prima fonte di rifornimento energetico con il vento di radiazione della SCCR“SolarConcentricCircleRadiation”, poi… un’anticipazione: la mente, quella scimmia impazzita, così definita in uno stralcio del Mahabarata, la Bagavad-Gita, inizia a rivelare i suoi misteri… ma il quadro d’assieme sarà completo congiungendo la seconda parte che troverete con la prossima pubblicazione.

Immagine

(45-3zafila) Scimmia impazzita a terra e mani umane la tengono

PRIMA PARTE

Questo riversamento nasceva come riflessione, ma proprio come per il precedente, lungo il percorso si è allungato divenendo un post. Sarebbe il caso di dire che questo post è nato a seguire dalle riflessioni sul campo di poco a lui precedenti.

Per le mie conoscenze iniziali della comunicazione via blog, per riflessione, intendo tra l’altro, qualcosa di più o meno breve in cui mi immergo di frequente durante le mie pratiche profonde, mentre un post è qualcosa di più strutturato e completo di cui ho già i confini di partenza che poi si allargano inevitabilmente durante lo sviluppo della messa in opera diretta, perché comunque entro in riflessione a posteriori.

 Immagine

(50-3zafila) – Scimmia supina con mano sx sulla fronte e gamba sollevata, come immersa in profondità interiori

La riflessione di cui parlo è uno stato straordinario in cui mi trovo e in cui vengo inondato di dati, veri e propri DACS.cde rivoevosofici, ovvero “dati accumulati di conoscenza specifica al collegamento diretto con l’energia”. In funzione del precedente lungo addestramento, in quei momenti mi accade un fatto insolito, perché riesco ad educare e trasformare in tempo reale quell’intera messe di dati in un prodotto che possa essere assimilato da tutti coloro che fossero energeticamente in linea con lo specifico interesse che corrisponde al desiderio di collegarsi direttamente con l’energia senza impiego di ausili. In quei momenti sono interamente dedicato a cercare le opportune modalità per far comprendere a tutti i lettori-cacciatori quello che sta accadendo. Tutto questo è, in quei momenti, al centro del mio stato neurosensoriale ed è un fenomeno di generosità che appartiene all’evoluzione individuale energetica, che non isola gli individui, ma li concentra come unità simili e collaborative altamente generose nello scambio dei dati. La generosità energetica non ha nulla a che vedere con quello che fa l’MCS, dove ogni individuo deve essere sacrificato al collettivo, pena un sofferente stato interno di solitudine e di isolamento. La solitudine, la tanto patita sensazione di sentirsi isolato e solo, “è un dispersore energetico di elevata qualità sapientemente gestito dal software dell’MCS”. Nel software rivoevosofico non c’è nulla di simile ed evolve dal precedente eliminando per ogni singolo individuo tutte le precedenti dispersioni energetiche mentali che rappresentano la parte più nociva di quel sistema.

Immagine

(45-4tafila) – Rete neurocerebrale, cervello viola solo cranio visto dall’alto.

 “Ora vi devo anticipare che mentre stavo ultimando il post di questa riflessione, si è prodotta una deviazione ed è uscito fuori un intermezzo su alcune in.form.azioni utili ad identificare la mente. Il motivo principe del perché un fattore di cui si parla così tanto, risulti tuttora inidentificabile è molto semplice: è lei “la mente” che parla e guida, non la personale rete neurocerebrale che ovviamente non si può educare ed addestrare da sola. L’MCS ha in questo modo il completo controllo ed educa ad uno specifico addestramento ogni nascita che perde il suo stato individuale d’origine. La necessità evolutiva di questo orientamento è esclusivamente biologica e potrà cessare nel momento in cui l’evoluzione affronterà direttamente il collegamento con l’energia senza ausili meccanici e tecnoinformatici. Rivoevosofia è questa evoluzione energetica individuale.

Immagine 

(40quasi-4tafila) – Occhi di donna con mente guidata da chip

Con questi “reblog”, in qualità di primo emissario di Rivoevosofia, mi sono dato l’obiettivo di ricostruire ed aggiornare gli originali. Per questo motivo chi ricontrollasse i precedenti troverebbe che mancano interi periodi. In questo successivo corso molti dati sono divenuti inservibili, quindi non li troverete, ma troverete ben altro. Facciamo ora un salto alla parte del post che è di sicuro interesse.

Eccoci al resoconto della riflessione di partenza.

Poche ore fa ero in terrazza ad attendere la nostra stella sorgente dalle colline a sud, più o meno, coperto a burka per evitare freddo e zanzare. Questa manovra è energetica ed è il primo approccio per il reclutamento e il rifornimento di energia in più di cui ho necessità per continuare la mia avventura come organismo utile. Ascoltatemi per cortesia, anche se attualmente solo alcuni di voi conoscono direttamente la possibilità di incamerare energia in questo modo. Questo modo succede alla logica e al ragionamento ridivenendo un neurosenso specifico di elevata intensità, più evoluto dei neurosensi animali con i quali questi ultimi operano, facilitati dalla totale assenza di logica-ragionata.

Immagine 

(25basso-1mafila) – Gattino grigio con scritta su “string theoree”, molto interessato

Proprio adesso sto osservando in una serie televisiva un falco pellegrino all’inseguimento di un piccione. Il piccione viaggia in linea retta a 100 km. orari mettendo in difficoltà il falco, poi questo si leva in alto e picchia a oltre 300 km. orari sul piccione artigliandolo. Un altro falco cacciatore di libellule, le caccia con perizia in mezzo ad una palude, poi da mesi osservo un piccione e un piccolo passerotto che attuano delle circonvoluzioni di elevatissima perizia in perfetto sincrono aereo: per qualche misterioso motivo quei due hanno deciso di fare gli “artisti dell’aria”, cosicché non ci sono, in giro, soltanto degli eccezionali artisti di strada.I neurosensi animali raggiungono standard elevatissimi rispetto ai sensi umani, ma soltanto perché l’evoluzione biologica non prevede di coltivarli oltre misura visto che deve inoltrarsi nel terreno del ragionamento-logico, quindi di un utilizzo specifico in quella direzione dell’attività neurosensoriale. La specie umana non metterà le ali per volare, ma impiegherà il suo sistema neurocerebrale per ottenere ogni cosa con gli ausili meccanici, tecnici ed informatici. Si evolverà con la tecnologica e andrà miliardi di “parsec” più lontano -il parsec è un’unità astronomica-.

Immagine 

(5-4tafila) – Aquila marrone in volo su sfondo verde-azzurro “ali basse”

Ora andiamo al resoconto della prima manovra energetica da attuare, magari una volta a letto o quando ci si sveglia durante la notte. Personalmente metto in genere la sveglia alle ore 03.30, poi mi sollevo con la schiena sulla sponda del letto, posiziono le gambe distese e l’HISB inizia a staccarsi dal corpo fisico BOSN. Naturalmente se viene effettuata di giorno potete posizionarvi ovunque, anche su un prato.

Come prima manovra energetica sposto di qualche metro avanti al mio corpo fisico BOSN, il corpo neurosensoriale HISB. L’HISB assume una posizione a gambe incrociate o semipadmasana e poggia su una pedana fatta di energia elettromagnetica dello stesso tipo di quella che è possibile assumere dalla radiazione SCCR“SolarCircleConcentricRadiation”. La pedana è quadrata ed è grande abbastanza per essere seduti comodi. Essendo una pedana di energia consente di assumere la posizione migliore indipendentemente dalle strutture esistenti, quindi ovunque dove il cacciatore lo consideri opportuno per effettuare un buon rifornimento.

Immagine 

(30basso-4rtafila) – Sole a massa coronale a destra su sfondo buio

In questo caso i due corpi, uno il bosn la particella del corpo fisico e l’altro l’hisb la sua antiparticella del corpo neurosensoriale, attuano un efficace parallelismo neurale con il quale rimangono strettamente e intimamente collegati pur oscillando in LOF. Il Lof è la lunghezza d’onda e la frequenza con cui si relazionano i due corpi, nonostante si trovino in due differenti fasce di dimensione vibrazionale. Questo, sempre che il lettore-cacciatore abbia raggiunto la presenza in esterno con il proprio corpo neurosensoriale HISB. Riguardo al “LOF” il cacciatore deve solo sapere che il parallelismo neurocerebrale è discontinuo ma non per questo impedisce l’addestramento. E’ corretto interpretare che, l’esserci, ora nell’uno ora nell’altro, ora in ambedue alla pari, accade a vari gradi secondo l’intensità neurosensoriale posseduta in quel momento. Alcune volte la presenza in esterno è così piena ed evidente che ogni dubbio si scioglie come neve al sole, mentre altre volte, sfruttando una precaria intensità energetica, la mente si incunea, con i soliti giochetti, cercando di ridicolizzare tutto quello che viene messo energeticamente in opera. Sarebbe sufficiente rispondere, e obbligare la mente a dirsi: “vedi quanto sei ridicola tu…“, per poi continuare implacabilmente con le procedure energetiche. Si farà attenzione anche ad una mente che simula un totale accordo, perché sarà sempre pronta al disfattismo e all’interruzione delle procedure che esulano dal suo software di addestramento precedente. Se durante tutto questo il lettore-cacciatore dovesse chiedersi “chi è la mente”, questa sarebbe una bella domanda per la quale gli consiglierei di attendere i DACS.cde, quindi l’accumulo della conoscenza specifica al riguardo. Un cacciatore quando vede la confusione sospende quel tipo di attività e procede. Come quando non ci si volesse bagnare e si trovasse lungo il proprio cammino un fiume: un cacciatore lo evita semplicemente modificando in evoluzione quello che avrebbe dovuto fare. Un cacciatore non converte la confusione, la sospende ineluttabilmente smettendo di convertire ed è quello che facciamo proprio ora.

Immagine 

(3basso-2ndafila) Uomo astrale nero in porta quadrata illuminata a contorni verdi

Stabilita la posizione dell’HISB si devono adottare le tecniche energetiche di presenza, per le quali vengono impiegati gli woho“wormhole”. Si tratta di aree circolari di energia che dovranno essere applicate in punti specifici. Sono punti che rispetto ad altri sono maggiormente capaci di instaurare la presenza esterna. Adesso andiamo in attualità e comunque buona lettura, procederemo con la prossima pubblicazione.

Entrando in attualità i lettori-cacciatori si troveranno nel moderno e l’indicazione di massima che posso dare è quella di separare accuratamente i due settori, amalgamandoli poi per come lo si ritiene possibile. Il primo è un reblog di una pubblicazione effettuata alcuni mesi or sono, mentre il secondo che segue proprio tra poco, riguarda quello che sta accadendo ora, quindi più evoluto. I due settori, precedente e recente potrebbero determinare una momentanea confusione. In questo caso l’attualità tratta proprio il tema dell’applicazione degli woho e viene anche fatto il riferimento alla SCCR, con molto altro. Ripeto non è un’anomalia se il corpo della pubblicazione è meno evoluto di quello che viene riversato in attualità. Comunque buona lettura.  

Immagine 

(10basso-4tafila) – Uomo microcosmico. Mezzo corpo di colore bleu sfondo scuro e parte alta in giallo

ATTUALITA’: Non ho idea di quando ho preparato questo pezzo ma è comunque molto recente, dopo la seconda settimana di questo mese di marzo 2014, mentre, l’originale del precedente pezzo, da come potrete vedere, data il 5.10.2013. In questa sede indico cosa deve fare il lettore-cacciatore per spostarsi con il solo suo corpo neurosensoriale all’esterno. Ovviamente entrano in carica gli woho e le stazioni di rifornimento. L’angolazione di questa descrizione può essere assemblata ad altre e tutte le descrizioni che vengono iterate di continuo hanno lo scopo di spingere al viaggio il lettore-cacciatore, che prima o dopo si metterà in cammino.

La presenza in HISB si ottiene con azioni coesive. Le vie preferenziali di queste azioni iniziano con l’atto di spostamento dell’intero corpo neurosensoriale all’esterno ma vicino al proprio corpo fisico. Stiamo parlando dell’HISB e del BOSN. Una volta in postazione avanti o accanto a sé sulla destra o sulla sinistra o dietro ma in questo caso siete costretti a vedervi, “l’HISB che vede il BOSN è sempre un fatto intrigante”, iniziate accarezzandovi con le mani il viso e i capelli, poi toccatevi il corpo fino ai piedi ed iniziate il secondo, indispensabile e più importante atto di coesione: l’apertura degli innumerevoli woho“wormhole”, i buchi di tarlo di Einsteiniana memoria, ma in questo caso per nulla teorici perché gli woho rivoevosofici sono energetici e fanno tutto quello che promettono iniziando da un potente atto di coesione del proprio corpo esterno.

Immagine 

(9basso-3zafila) – Viso Einstein con piccoli viso intorno.

Uno woho è un elemento circolare vuoto al suo interno, diciamo un cerchio vuoto che viene applicato nella zona voluta e la cui grandezza è confezionata dal cacciatore secondo il suo gradimento, ma in genere lo woho è mediamente grande, salvo casi particolari: varia dalla grandezza di una nocciola a quella di una mano aperta. Dopo che il cacciatore, la cui preda è il collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili, ha aperto uno woho lo attiva con la propria energia di base: un elettromagnetismo di colore bianco somigliante ad una lattugine che si modifica continuamente. Se il cacciatore è un profondo meditatore, un ritualista del “mantrismo” o di altro vademecum religioso, oppure è un sensitivo, avrà ad un certo punto visto che davanti ai suoi occhi chiusi si agitano delle particelle elementari subatomiche che mettono in scena un teatro fatto di lattugine bianca in continua trasformazione, quando non arrivano a creare forme colorate entrando a volte anche nella sfera delle visioni e del movie che chiamiamo sogno. In sostanza la lattugine che va impiegata è esattamente di quel tipo e se ancora il cacciatore non ne ha fatto esperienza, sarà comunque semplice produrla da queste indicazioni. L’interno di uno woho va riempito da quell’elettromagnetismo di lattugine bianca, dopo che è stato applicato nella zona voluta”. In altra sede indicherò tutti gli woho che apro io stesso secondo l’energia che mi ritrovo al momento che effettuo il tentativo di andare in escursione.

Immagine 

(9basso-1mafila) Uomo bleu con braccio sx sollevato e mano aperta e sfondo azzurro tipo sensitivo

Raggiunta la coesione a colpi di woho sono in piena attività contemporanea. Il mio BOSN è immobile con diritto di movimento se lo necessità e il mio HISB è attivo e coeso per iniziare l’avventura dell’escursione. Poiché preparo l’HISB ad un paio di metri davanti al mio BOSN, il primo atto a partire da qui è quello di alzarmi dalla posizione di semipadmasana assunta in precedenza “tipo gambe incrociate, ma con un piede sopra la coscia opposta” e girarmi per guardare il mio BOSN che lascio in sede, poi inizio a camminare e traverso tutte le stanze della casa per aumentare la coesione. E’ una buona norma che durante la preparazione della coesione con gli woho, l’HISB e il BOSN non assumano la stessa posizione. Personalmente ho le gambe del BOSN distese mentre l’HISB ha le gambe incrociate in padmasana.

A questo punto parte il secondo atto dove con la tecnica energetica degli woho produco un portale. Il portale è grande tanto da far passare oltre il mio intero HISB, che è a sua volta identico al mio corpo fisico BOSN. Questo woho è un grande cerchio posto in verticale con un velo di gas bianco che impedisce una chiara visione del nero che è dall’altra parte. A questo punto l’HISB inizia la sua attività di creazione e delibera cosa si deve trovare dall’altra parte dello woho-maxiportale. Dopo aver realizzato oltre il portale la postazione dove deve andare, lo attraversa forando il velo di lattugine bianca e assimilandola a sé, poi si trova nel luogo dove ha deciso di andare. Andando continuamente in escursione un HISB crea pezzo per pezzo l’area dove vuole stare e la completa di strutture e organismi umani ed animali. Ad un certo punto troverà già pronto quello che ha creato e sarà il suo primo WESR, un mondo energetico di realtà sensoriale, dove potrà stare e applicare le tecniche energetiche di cui ha necessità.

Immagine 

(22basso3zafila) – Leone maschio e tigre bengala insieme

Questi sono i primi passi per l’attività del corpo esterno neurosensoriale HISB. La coesione con il tempo aumenterà sempre di più e stare all’esterno sarà per un cacciatore una vera avventura. A volte la quantità di energia di cui un cacciatore dispone rende tutto molto intenso e coeso rendendogli quel vissuto stupefacente e questo vuol dire che in altre occasioni avrà meno energia di base e incontrerà delle difficoltà. Comunque farà tutto questo senza alcun ausilio e produrrà già ora quello che la realtà virtuale informatica tecnologica inneggia da tempo e il cui ausilio attuale si chiama “VirtualSphere”.

Immagine 

(70-4tafila) – RayKurzweil con scritta Caprica e sfondo libro nero

Per la coesione serve energia di base, quindi il corpo fisico BOSN va trattato adeguatamente in quanto è una ottima batteria organica che rende in funzione di come viene alimentato e preparato. Le pratiche rivoevosofiche, tra l’altro, richiedono per il lato fisico pochi minuti di preparazione  e donano potenza, armonia, bellezza e funzionalità che durano nel tempo rispetto ad ogni precedente tentativo ordinario sulla base del rapporto spesa-resa.

Poi l’HISB va a rifornirsi all’esterno per assumere energia extra e per questo motivo tutti avranno una chance, anche chi di energia disponibile ne ha ormai pochina. Un giovane ha tanta energia ma crede di vivere un tempo interminabile e non si trova certo con le spalle al muro. In tal modo perde continuamente ed inutilmente energia gettandola a destra e a manca e questo fatto gli toglie ogni voglia di mettersi in gioco, visto che è sempre scarico. D’altro canto un anziano non ha più energia per fare nulla e coloro che mantengono grandi velleità vanno incontro a seri disagi.

Immagine 

(70basso-1mafila) Palpito. Triangolo esoterico con giallo alla base e striscia azzurrina tipo quella fotonica, tutto luminoso ma scuro

Ebbene, quando i cacciatori raggiungono le cinque stazioni di rifornimento che Rivoevosofia gli indica, possono assumere energia extra ed avere una “chance”, al di là di ogni possibile situazione. La prima stazione è interplanetaria e non ha bisogno di una cabina di protezione per essere assunta: è il vento di radiazione solare della SCCR“SolarCircleConcentricRadiation”. Ormai molti cacciatori conoscono questo vento di radiazione che si assume all’alba in doppia postazione di BONS ed HISB: l’HISB è posto avanti.

In seguito, come vi ho descritto in questa attualità, il corpo neurosensoriale potrà andare da solo a rifornirsi nello stesso posto realizzato con i due corpi in attività contemporanea: il cacciatore non deve mai dimenticare che quando è in HISB è un creatore. A presto.

Immagine 

(70basso-2dafila) Paralel. Uomo che varca una porta marrone in tre fasi. Una diviene evanescente dopo il passaggio

MEMO FISSO:Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati dovute a questo fatto si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: La pubblicazione originale, che è stata aggiornata e decurtata di parti che per quanto riguarda questo secondo corso sono ormai inservibili, tratta in particolare le modalità tecniche necessarie al primo dei cinque rifornimenti di energia extra. Rifornimenti che sono possibili da raggiungere da ogni lettore-cacciatore. Vengono descritte le primissime cose che il cacciatore fa quando si prepara per spostarsi all’esterno. Poi in attualità entrano in carica molti dati sullo stesso tema ma iterati ed ancora più evoluti. Su questo tono proseguiremo anche nella prossima pubblicazione. Comunque in questa sede è stato spiegato il fattore del “reblog” su pubblicazioni che iniziano dal settembre scorso, con l’attualità che presenta dati di ultima attuazione sul campo. Il lettore-cacciatore potrà assemblare i dati precedenti e recenti in quanto non si contraddicono. Sempre in attualità entrano in carica gli woho e le stazioni di rifornimento. L’angolazione di questa descrizione può essere assemblata ad altre e tutte le descrizioni che vengono iterate di continuo hanno lo scopo di spingere al viaggio il lettore-cacciatore, che prima o dopo si metterà in cammino.

Immagine 

(75basso-3zafila) – Roditori-Suricati che pigrottano ammassati uno sull’altro

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued

RIVOEVOSOFIA REBLOG.13 “Energia” 21.3.2014

NUOVO CORSO AGGIORNATO ED EVOLUTO

DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014 PER “NEW ENTRANTS”

(Data di  preparazione precedente: Post n.6 del 1.10.2013)

Immagine

Questo reblog è stato ricostruito interamente ed implementato rispetto al suo orginale

Titolo: i commenti sono aria da respirare, indicazioni chiare, meno chiare, celate e benvenute. Utili a tutti i lettori-cacciatori, perché possono essere completati da Rivoevosofia che li espande. Rivoevosofia non risponde ad un lettore-cacciatore come ordinariamente si dovrebbe fare, ma espande la sua risposta pur mantenendo la comunione con il commento a cui si riferisce. In questo modo l’unificazione tra il commentatore e Rivoevosofia implementano il patrimonio di conoscenza specifica utile a tutti quelli energeticamente simili. L’universo con la sua forza vibrante-duplice gravi-traente, FO.gt., concentra-collassa ed allarga-espande. Tutto quello che ci riguarda in questo universo agisce in questo modo e se ci si allinea consapevolmente a questo neurosenso specifico si è in asse con il collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili, quindi all’evoluzione energetica individuale a cui la specie umana inizia a concorrere con Rivoevosofia.

Immagine

Rivoevosofia dedica tutto quello che ha fatto e che sta facendo a tutti…, tutti coloro che gli accedono spinti in qualche modo dai gradi d’intensità di un interesse. L’interesse di capire…, capire e praticare, oppure l’interesse per una semplice, aerea, leggera lettura senza altre implicazioni. Rivoevosofia passa dal romanzo all’impegno mentale più acceso, fino a pratiche di tipo fisico ed è totalmente dedicata a chi accede e segue, quindi qualsiasi commento rappresenta un’indicazione utile che dove possibile influirà nel progetto che viene messo in opera come si stesse svolgendo a terra un tappeto.

Immagine

Inserimento:In questo periodo ho avuto tre commenti, uno di benvenuto, il primo, poi il secondo molto divertente di chi ti dice ma che cavolo stai facendo o dicendo e il terzo che indicava qualcosa circa la mente. Questo ultimo commento diceva in sostanza che la mente ostacola l’inserimento dei dati rivoevosofici. Bene è proprio sulla conoscenza profonda della parte nociva della mente che ho dovuto sacrificare buona parte della scesa in campo a cui Rivoeovosofia mi ha spinto dal 2008 e se ora posso trasferirvi questa comunicazione significa che tutti ce la possono fare. Il benessere che provo in certi momenti, durante le pratiche rivoevosofiche, non è descrivibile, ma praticabile, quello si, e accessibile, quello si, e a tutti. Un cacciatore si convincerà presto di quello che è lì a portata di mano non appena si metterà in gioco.

Immagine

C’è qualcosa di nuovo, evolutivo, non reimpastato dal vecchio, qualcosa di totalmente nuovo, anche se ogni cosa in questo universo muta semplicemente cambiando vestito. Qualsiasi tipo di impegno e di lettura, qualsiasi commento fatto, rappresentano energia in movimento per dati d’in.form.azione significativa che si inseriscono nell’ambito del sistema mentale collettivo e quello che ognuno metterà su questo tavolo di comunicazione sarà parte di un contributo importante all’evoluzione verso il collegamento diretto all’energia.

A presto.

ATTUALITA’: Pensate, quando ho riattivato questa pubblicazione per il consueto “reblog”, mi sono accorto che era molto corta e non in linea con l’attuale progetto, sì iterativo, ma anche potentemente aggiornato ed implementato. Pensavo allora di accorpare una seconda pubblicazione per dare consistenza al programma. Proprio in quel frangente è arrivato un commento di un attivista lettore-cacciatore, che si è affiancato a Rivoevosofia sin dai suoi primi movimenti. Ancora ricordo la sua persistenza nel cercare di individuare l’HISB, con manovre che di fatto hanno facilitato altri lettori-cacciatori. Tanto per dire che i suoi interventi calzano spesso al momento giusto. Infatti questa corta pubblicazione, da come si è potuto leggere indicava i commenti e il commento di Mickey Mouse l’ha agganciata. Questo fatto mi consente una risposta allargata che da corpo al “reblog” dandogli quella consistenza opportuna e necessaria per allinearlo ai “reblog” precedenti. Quindi ecco il commento e a seguire la risposta.

Immagine

Commento Mickey Mouse del 18.3.2014: Caro Res, qualche giorno fa ho eseguito la tecnica del SSCR e dopo aver visualizzato lo sdoppiamento e i cerchi sono capitate due cose che quindi vorrei chiarire. La prima riguarda il fatto che questi cerchi venendo verso di me subivano delle oscillazioni provocate dal vento. La seconda è che fissandomi sul sole di sinistra, è iniziata pian piano a staccarsi una “bolla” di luce di un giallo più intenso rispetto alla restante parte della stella e che veniva verso di me. Questo evento mi incuriosisce per un motivo ossia che, dopo diversi giorni ovvero ieri mattina, ho avuto la stessa identica manifestazione in una esperienza onirica molto articolata ma anche molto ma molto energetica. Grazie a presto.

Immagine

Risposa Rivoevosofia: Ciao Mickey sono molto contento che stai affrontando la SCCR, quindi se non l’hai già fatto, per la prossima metterai a punto la grotta e poi costruirai la cabina per andare più lontano. Tranne la SCCR e la grotta, per uscire dalla stratosfera del nostro pianeta anche l’HISB ha necessità di protezione. Più che altro per assimilare l’energia in modo che possa essere assimilata dal suo BOSN, una energia che più volte ho potuto constatare per gli effetti sul campo, quindi niente teorie astronomiche o astrofisiche ma pratiche…, pratiche rivoevosofiche.

Immagine

Il vento, come nel tuo caso, non mi ha mai provocato delle oscillazioni dei cerchi e non lo dovrebbe poter fare, perché le particelle subatomiche dei cerchi attraversano con facilità ogni altra struttura, quindi non ne possono essere influenzati, tranne il poter essere assorbiti dal nostro HISB. Quello che osservo sempre è l’attività vibrante dei cerchi. Una energia che li spinge e li ritira ed è la FO.gt in azione, di cui ho parlato spesso, la quale va applicata alle pratiche per essere in asse con quello che questo universo ci fa vedere e ci mette a disposizione. Vibrazione, collasso-spinta e trazione-espansione sono le caratteristiche prime della forza che ha dato il via a questo universo big o no bang. Inoltre ricorda che l’HISB si unifica facilmente con gli EENC del sogno, quindi è possibile che mentre si opera in questo corpo avvengano delle addizioni non ordinarie provenienti da quel lato, che ovviamente sono un vedere reale e insieme. I misteri di questo universo anche quando vengono rivelati sono affascinanti e mantengono la loro denominazione di misteriosi EENC, eventi energetici neurosensoriali casuali.

Immagine

Inoltre per la bolla che dici, sempre tenendo presente quello che è stato detto da poco, dobbiamo considerare che la nostra stella ha un’attività costante e tumultuosa che produce variazioni spesso individuate dai cosmologi come eventi di cui temere. Microvariazioni sono quindi una costante della SCCR e tengono conto del “recettore”, in questo caso tu. Ho sempre detto che dopo la prima mappa, il primo passo, indicato da Rivoevosofia, il cacciatore procede per conto proprio e dona altre possibilità evolutive. Personalmente non ho mai avuto quella variante della bolla, ma è comunque energia che si muove e quando il “recettore” è collegato, arriva. Il fatto che questo venga riprodotto in sede di EENC, riguardanti il sogno, è personale e nel tuo caso non mi stupisce, visti i precedenti. Dall’EENC del sogno come dall’HISB si assimila energia direttamente, salvo che gli EENC essendo casuali e non del tutto controllabili, possono riservare sia sorprese positive che negative, come a volte accade dove al rientro da un EENC di sogno ci si trova scarichi di energia. Gli episodi del vento e della bolla potrebbero essere degli EENC di sogno da sveglio in cui le due fasce di dimensione vibrazionale esterna neurosensoriale dell’HISB e quella del sogno si unificano mantenendo attive le due postazioni in contemporanea, come accade tra le due fasce del BOSN e dell’HISB. Un cacciatore mano mano acquisisce coesione e prima o dopo diviene in grado di riconoscere distintamente gli eventi che gli occorrono con precisione. E’ tutta una questione di pratica energetica, la quale si evolve costantemente nel soggetto che la mette costantemente in opera.

Immagine

Nella fascia di dimensione vibrazionale ordinaria i cosmologi indicano che delle radiazioni di tipo circolare a mo’ di bolla si staccano violentemente dal sole ogni certo numero di anni e provocano alterazioni ai parametri della vita sulla terra. Ora questi sono eventi violenti ma microeffetti radianti accadono ogni giorno perché la stella è in continua trasformazione come tutto il resto in questo universo. Proprio in questi giorni di alba utile ho potuto constatare come potessi assorbire energia anche dopo che la nostra stella si era levata ben alta sulle colline e invece ricordo ad una certa distanza che avevo dovuto togliere lo sguardo dopo poco che il sole si era levato dalla linea delle colline. Un cacciatore deve essere un claytronico “branca dell’MCS che studia la materia programmabile dell’evoluzione tecnologica in atto che impiega nanorobot detti catomi”, quindi modificarsi all’occorrenza senza stabilire linee fisse. Quella radiazione che ha concesso energia, in altro momento, potrebbe sollevare delle perplessità e in quel caso sarà bene agire di conseguenza. Quando ti trovi sotto SCCR, chiudendo leggermente gli occhi fai arrivare due larghe strisce fotoniche verso il basso. Il tuo HISB, lo farà anche lui e produrrà una base di energia su cui può poggiarsi in “padmasana” o a gambe incrociate, posizione dalla quale potrà poi alzare le pareti di una cabina, sempre impiegando questo tipo di energia che va dal bianco al giallo. Tu rimarrai all’interno della cabina costruita e passerà solo l’energia perfettamente assimilabile, soprattutto quando mediante un macro-woho ti sposterai fino all’orizzonte degli eventi della massa coronale della stella. In quel luogo la cabina, solo lei, ruota ad una certa andatura “qualche giro al secondo” e questo tipo di rotazione fa entrare energia che la cabina filtra e rende assimilabile al cacciatore che si trova al suo interno. La rotazione fa collassare l’energia all’interno e il filtro della “cab” rende possibile tutto questo. Si tratta di una energia di colore giallo più intenso della precedente. Dall’interno della cabina il cacciatore apre,  poco oltre, uno macrowoho per rientrare al punto dove è partito, oppure per recarsi ad altra destinazione, magari un’altra stazione di rifornimento. Comunque al rientro riacquisisce l’energia spesa per le pareti della “cab” e fa quello che predilige, energia consentendo.

Immagine

Ho avuto l’occasione di indicarti cose che sicuramente hai letto. Per i cacciatori è sempre molto gratificante sapere che da qualche parte c’è chi lavora per l’evoluzione al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili. Sempre benvenuta la tua pertinente presenza ai commenti Mickey Mouse. Alla prossima da Rivoesofia. 

Immagine

MEMO FISSO: Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati dovute a questo fatto si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: Ci sono dati nella risposta ad un commento che riguardano la SCCR e la grotta oltre al come fare per la costruzione della cabina che trasporterà il corpo esterno neurosensoriale HISB alle stazioni di rifornimento extraplanetarie e galattiche.

Immagine

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued

RIVOEVOSOFIA REBLOG.12 “Energia” 18.3.2014

NUOVO CORSO AGGIORNATO ED EVOLUTO

DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014 PER “NEW ENTRANTS”

(Data di  preparazione precedente: Post n.5 del 30.9.2013)

Immagine

Questo reblog è stato ricostruito interamente ed implementato rispetto al suo orginale

 

Titolo: La coesione del corpo esterno neurosensoriale HISBHighIntensitySensorineura Body” va preparata mediante l’applicazione degli woho“wormhole”. Vengono riversati molti dati significativi sull’applicazione dei portali-woho direttamente nella fascia di dimensione vibrazionale esterna…, dove l’HISB accumula i suoi fascicoli di fogli-membrana, che sono gli eventi, di ogni vissuto in quella specifica dimensione. Altri dati significativi vengono riversati per l’assimilazione della stazione di rifornimento alla SCCR“SolarConcentricCircleRadiation” e su quella successiva al confine della massa coronale della stella ma per la quale si dovrà ancora attendere.

A breve vorrei anche pubblicare un post sul CEG, che riguarda la prima telefonata fatta al centralino e il colloquio storico avuto con il gene Pilotta, che sancisce il primo collegamento attivo con gli AR“RegulatorAgents”, agenti regolatori che dirigono il centro di coordinazione del proprio dna, poi toccherà ai neurosensi specifici evolutivi rivoevosifici la cui assimilazione è essenziale per varcare il confine che l’MCS ha strutturato sul ragionamento-logico.

Immagine

A questo punto vorrei precisare che la Rivoevosofia non è settaria e chiunque abbia fatto, stia facendo o inizierà a fare pratiche che riscontra essere più o meno simili a quelle di cui sente parlare o legge in questi post, nelle riflessioni e nelle curiosità, è automaticamente un cacciatore rivoevosofico. Anche se lui non lo sa ancora, sta andando nella direzione evolutiva del collegamento diretto con l’energia oscura di questo universo, mediante una spinta atavica di tipo energetico che va emergendo a livello individuale nella massa del collettivo umano dalla fascia di intensità energetica elevata. In genere si tratta di individui in possesso di una buona quantità di dati composti da una miscela ben organizzata e sicuramente da un’alta intensità energetica di base. Ci sono sempre state reti neurocerebrali ben costruite in attesa che la specie umana raggiungesse il momento in cui il collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili meccanici, tecnologici e informatici, potesse iniziare il suo percorso evolutivo esclusivamente energetico.

Il primo elemento di pratica rivoevosofica si basa sulla divisione dei due corpi. Il primo fisico BOSN“OrganicBodyNeuro Structural” e il secondo neurosensoriale HISB“HighIntensitySensorineuralBody”. Mentre il BOSN supera l’area neurosensoriale alla sua portata mediante ausili di spostamento meccanici-tecnologici-informatici “telefono, vettura etc.”, l’HISB inizia a spostarsi direttamente fuori dal corpo utilizzando uno, il primo dei formidabili parallelismi di cui è capace la rete neurocerebrale umana. Tutto ovviamente inizia dalla rete neurocerebrale ben costruita del BOSN.

Immagine

Per fare questa operazione il cacciatore dovrà utilizzare quelli che solo inizialmente furono chiamati portali, i quali devono essere collocati in punti precisi e messi in rotazione antioraria. Si tratta di un’energia applicata al loro interno che ruota vorticosamente ad alta intensità cinetica, quindi alla stregua delle stelle di neutroni sul tipo della pulsar delle vele che viaggia a ben 11 rotazioni antiorarie al secondo oppure quella del granchio, una pulsar ancora più “facinorosa” che viaggia ad oltre 30 rotazioni antioriarie al secondo. I portali rivoevosofici non hanno nulla a che fare con i chakra dello yoga tantrico tibetano della kundalini. I chakra come tutto il resto nell’MCS vibrano nella dimensione energetica ordinaria e la fascia di addestramento dei cacciatori è invece quella della dimensione vibrazionale esterna ma questa conoscenza ha necessità di essere accumulata e bisognerà attendere. Infatti solo dalla fascia di dimensione vibrazionale esterna è possibile attuare il collegamento diretto con l’energia con cui i cacciatori iniziano la loro avventura evolutiva.

I portali che vanno posti in rotazione antioraria come descritto poco sopra, verranno sempre indicati come woho“wormhole”. Si tratta dei teorici buchi di tarlo einsteiniani, ma in questo caso sono rivoevosofici e per nulla teorici. Con la messa in campo degli woho il corpo neurosensoriale esterno HISB, di un cacciatore, acquisirà coesione e potremmo dire che senza l’impiego degli woho nessuna coesione di un corpo esterno potrà essere possibile. Il cacciatore mediante un continuo, “forsennato” impiego degli woho amplierà enormemente il suo campo d’azione e potrà spostarsi neurosensorialmente con facilità creando i luoghi antropici che desidera e vivendo mondi in cui gradisce stare. Un cacciatore finirà per avere proprietà tale da implementare ulteriormente la sua energia di base, con tutto quello che questo fatto comporta, come il poter trasformare il dolore, annullare attacchi virali, prevenire danni seri e malattie importanti e non ultimo quello di poter essere generoso con tutti quelli a cui è intimamente collegato.

Immagine

Con i magnifici woho tutto quello che la specie umana non conosceva energeticamente sinora, diverrà alla portata di ogni singolo individuo praticante il collegamento diretto all’energia. La persistenza energetica delle pratiche aumenterà la carica interna degli woho che diverranno gradualmente sempre più efficaci, specialmente quando la mente individuale sarà stata coercita e subordinata alla propria rete neurale. La mente, con il processo rivoevosofico di liberazione della sua parte nociva, prima o dopo finirà di rompere… I suoi insulsi interventi a recedere da pratiche che indica subdolamente e intimamente come inutili e ridicole, si interromperanno, “sei un babbione”, dice la mente e subito inserisce dati capaci di disperdere energia.

Una delle in.form.azioni che in questi ultimi anni ho sempre dato agli amici che seguivano quello che indicavo sulla RES, era circa il fatto che la mente collettiva di sistema, MCS, inserisce nelle reti neurali umane storie per ogni genere di miracolo e di incredibili accadimenti, come fossero possibili, reali, e a portata di mano, scomodando anche la fede quando necessario. Cosicché incidevo spesso sul fatto che l’MCS, differentemente dalla RES, era in grado di indire ogni sorta di miracolo, ma nel contempo quello che gli hunters.res erano in grado di fare l’MCS non se lo poteva neppure sognare.

Dopo aver iniziato la somministrazione energetica di coesione a base di woho, ora indichiamo quello che è necessario conoscere per iniziare la pratica della SCCR“SolarConcentricCircleRadiation”. L’alba è senza dubbio il momento in cui la nostra stella è energeticamente più attiva e la conoscenza specifica già assunta va oltre ogni ragionevole dubbio.

Immagine

Il secondo elemento di pratica suppone che l’HISB sia perlomeno inizialmente operativo con i primi portali accesi e dinamizzati, perché è con questo parallelismo neurocerebrale che i cacciatori possono rifornirsi di energia in più dalla SCCRSolarConcentric CircleRadiation”. Questo tipo di energia che ha un colore che va dal bianco-giallo al giallo accennato implementa l’elettromagnetismo di colore bianco sul tipo di una nuvolaglia mobile che gli organismi della specie umana hanno di base. Con l’implemento di questa energia il cacciatore migliora l’intensità della sua postazione esterna HISB e la continuità di questa pratica energetica ne calibra la coesione aumentandone la caratura in pixel. Inoltre la possibilità di addizionare questa energia a quella di base all’interno degli woho quando questi vengono impiegati per risolvere i disagi del corpo fisico BOSN, assume per il cacciatore un vantaggio evidente non appena ne deciderà la doppia applicazione. Questo potrà avvenire durante l’assorbimento della SCCR all’alba quando i due corpi si disporranno all’assorbimento. Sarà l’HISB ad aprire gli woho nei punti indicati dal BOSN e dopo averli dinamizzati in rotazione antioraria e averli riempiti dell’elettromagnetismo indicato come “lattugine bianca”, non dovrà far altro che veicolare l’energia che assume con la radiazione dei cerchi concentrici della doppia stella “la stella sdoppiata”, all’interno degli stessi woho. In questo modo gli woho avranno una doppia valenza energetica con particelle che viaggiano dal bianco al bianco-giallo. Ho sempre avvertito l’energia, questa addizionale extra, ogni volta che ho avuto necessità di applicarla. Avere un problema spesso diviene un fattore di evoluzione energetica individuale e questo ai cacciatori rivoevosofici accade sempre.

Il vento di radiazione solare è il primo dei rifornimenti attuativi rivoevosofici di energia e non sarà il solo e a questo punto il cacciatore si prepara a fare un salto oltre la ragionevolezza, perché con il secondo rifornimento viaggerà per un certo numero di minuti di anni-luce raggiungendo l’orizzonte degli eventi della massa coronale della stella, dove si fermerà mettendo in atto tutte le istruzioni della mappa energetica di comportamento che gli verranno indicate passo dopo passo. Per effettuare questo secondo rifornimento senza rischi il cacciatore avrà bisogno di una cabina di energia che dovrà essere formata proprio con l’energia extra assunta dalla SCCR. A questo punto la logica-ragionata si dovrà fermare e lo sviluppo avverrà con i neurosensi specificila cui misurazione viaggia sui gradi di intensità”, ma per proseguire su questa stazione di rifornimento extraplanetaria dovremo attendere che i precedenti movimenti acquisiscano ordine e produttività, cosicché questa per il momento è soltanto un’anticipazione.

Immagine

Per mezzo del loro corpo neurosensoriale esterno HISB, i cacciatori potranno manipolare un’energia che gli organismi, nella fascia della loro dimensione vibrazionale ordinaria subiscono in modo passivo. Un’energia composta di particelle elementari forza “neutrini, bosoni e quant’altro”, i cui nomi sono assorbibili nell’energia che si diversifica mantenendo l’operatività compatta della sua unificazione. I primi due aspetti di questa forza sono gravi-traenti, collassano ed espandono contemporaneamente senza alcun prima e dopo. Questo fatto andrà assimilato come conoscenza specifica in DACS.cde, perché i cacciatori mediante questo neurosenso specifico raggiungeranno una mirabile capacità di manipolazione del loro organismo neurostrutturale BOSN, proteggendolo oltre ogni misura precedente.

L’EOS che ha originato questo universo è esso stesso il suo moto e origina in se stessa, quindi non ha altra origine né luogo né tempo. Si tratta di  un’energia oscura inidentificabile fino a quando non se ne raggiungeranno i DACS.cde, dati accumulati di conoscenza specifica al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili meccano-tecno-informatici. Un accumulo di conoscenza specifica che evolverà per mezzo di pratiche rivoevosofiche appropriate e che allontanerà il cacciatore di miliardi di parsec dall’orizzonte degli eventi della logica-ragionata, evolvendolo dal percorso di questo suo primo tratto di strada in cui si va ultimando la sua evoluzione biologica. Il campo di azione dei cacciatori riferibile ai neurosensi specifici, non ha nulla a che vedere con il “senso delle cose” della fascia di dimensione vibrazionale ordinaria. In questo campo ordinario, vige il software dell’MCS dove le teorie si sprecano e le aree teosofiche sono molto pervadenti.

I due corpi fisico ed esterno nelle loro due differenti postazioni impiegheranno l’alba o il tramonto per realizzare il rifornimento della SCCR. Quando questo non è possibile sarà sufficiente il singolo impiego del corpo di postazione esterna sottoposto al medesimo vento di radiazione, dopo che i dati si saranno ormai definitivamente stabilizzati nella propria rete neurale: alba in primis.

Sono stati indicati i neurosensi specifici che oltrepassano la logica-ragionata dove il pensiero fa un balzo nell’inconcepibile. In quella zona il cacciatore accumula i DACS.cde per la soluzione che gli necessità. Il cacciatore pratica ed attende che il necessario gli venga rivelato. A presto

Immagine

ATTUALITA’: 16.3.2014 ore inizio 03.30 fine 05.00 – Sembra che ci sia sempre tanto da riversare ogni volta che un’escursione fa acquisire coesione all’HISB, quindi caratura in gradi di intensità che è l’indice di misurazione dei neurosensi specifici ad ogni fattore che viene messo in evidenza e che ha in qualche modo necessità di essere valutato con una misura di accordo tra cacciatori. I cacciatori terranno sempre conto che l’energia è indefinita, quindi il grado di misurazione va interpretato volta per volta e anche questo può non essere sufficiente.

A questo punto l’attualità si rivolge al periodo di reblog che è ad oggi oltre la decima ripubblicazione e in questa sede devo dire che i cacciatori dovranno rivolgere l’attenzione alle stazioni di rifornimento e all’assorbimento di quei cinque tipi di energia contraddistinti da particelle con una forma di colore che per quanto variabile ha comunque una precisa definizione. I colori vanno dal bianco, al bianco perlato punticchiato di colori, al bianco giallo, al giallo intenso, all’azzurro intenso verso il bleu e all’indaco più fiammeggiante. Poi i cacciatori dovranno introdurre una continuità nella comunicazione necessaria al reclutamento dell’attività degli AR, agenti regolatori del genoma, i gestori del dna, rna e isa“SpecificImmunoglobulinsAntibody”, immunoglobuline specifiche anticorpali.

Le stazioni di rifornimento sono la –SCCR“bianco-giallo”-, –l’orizzonte degli eventi della massa coronale del sole“giallo-intenso”-, -la pulsar delle vele, due siti di cui quello centrale per il bianco “bianco e azzurro verso il bleu”-, -la pulsar del granchio“indaco-intenso”- e -la grotta“bianco perlato punticchiato di colori”-.

Immagine

Durante le recenti escursioni ho potuto provvedere a due sacchette nelle quali immagazzino tutti insieme i cinque tipi di energia di cui faccio rifornimento alle stazioni. Un’energia che in questo modo posso portare con me come pronto approvvigionamento. Questa faccenda di immagazzinare energia era un mio vecchio pallino e sembra che ora sia divenuto realtà energetica. Posso spendere questa energia sia rilasciandola gradualmente dalle sacchette che acquisendola con le mani dell’HISB e applicandola dove serve. Posso inoltre utilizzare questa energia in morphing con altri HISB a me affini.

Durante questo secondo corso che presenta un reblog necessario a recuperare tutte le pubblicazioni precedenti aggiornandole ed implementandole nel contempo, oltre ad un’attualità per continuare il riversamento delle escursioni in evoluzione, i cacciatori dovrebbero fare richieste specifiche, dovute a delle operazioni che hanno iniziato a mettere in campo. In questo modo potremo sviluppare insieme per tutti le mappe energetiche di riferimento ad ogni specifica richiesta. Ad esempio se chiedete lumi per organizzare la grotta, potremo iniziare e riprendere il percorso precedente migliorando l’organizzazione dei dati e così per le altre stazioni indicate poco sopra. Ricordo ai cacciatori che l’HISB è un creatore e ha bisogno di coesione, quindi di lavoro sul campo che include la coesiva opera magna degli woho. I cacciatori prima o dopo riusciranno ad intraprendere la strada energetica dell’applicazione istantanea degli woho per ogni loro difficoltà o disagio e ad escludere la prima istanza degli interventi ai quali sono stati addestrati da tanto tempo, siano essi naturali o farmacologici, dando ovviamente la precedenza ai naturali. Gli woho per controllare un disagio sono una vera manna di coesione per l’HISB e questa manovra si rende possibile in piena veglia e in movimento. Quando avevo un ginocchio con dolore acuto durante il movimento salivo una scala quasi in verticale di 14 pioli e questo era reso possibile dal formidabile parallelismo in HISB che faceva lo stesso tratto, quindi salivo le scale con il BOSN mentre applicavo uno woho nel punto preciso del ginocchio dell’HISB, proprio quando questo veniva stimolato a salire. L’HISB saliva la stessa scala posta alla mia destra eseguendo i movimenti di salita in contemporanea ma lo woho potevo applicarlo anche poco prima. Il dolore non si evidenziava, l’infiammazione non si presentava e il ginocchio poteva via via regredire. Naturalmente non potevo evitare di salire, altrimenti non l’avrei fatto, ma come si dice, tanto per dire: a mali estremi estremi rimedi. Quindi una cacciatrice mi ha detto che poiché camminava la concentrazione dovuta all’esercizio del camminare, dove mettere i piedi etc. impediva l’applicazione corretta degli woho. Ho risposto che non c’era nulla di vero e che l’unico problema era causato dalla mente-pensante dei soliti “cavoletti inutili” che in certi momenti possono essere procrastinati senza causare né danni né perdita di informazione, anzi… E’ sufficiente spostare la propria rete neurale sul problema pensando a quello che si deve fare per arginare il problema e il problema cessa. Qualsiasi cosa si stia facendo, anche impegnata, la grande capacità di parallelismo della rete neuerocerebrale umana è splendidamente in grado di staccarsi in HISB e applicare gli woho dove è necessario, interrompendo il flusso del disagio.

Immagine

Tutte queste faccende che vengono indicate possono essere descritte passo dopo passo, quindi nulla di impossibile da poter mettere in campo ed è la prima volta, perché il software dell’MCS sinora, riguardo al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili meccanici e tecnoinformatici, non ha mai potuto fare diversamente. L’evoluzione dell’MCS in RES, ora, rende tutto questo possibile per tutti coloro che si metteranno all’opera e da quell’opera iniziata faranno specifica richiesta di come si fa a… Non c’è nulla di più semplice di una comunicazione di questo tipo.

Cosa succede dalle 03.30 alle ore 05.00

L’energia di base è di buona qualità e fa si che mi possa sistemare a schiena dritta sulla sponda del letto. Il lavoro sull’HISB per la coesione con l’applicazione degli woho viene effettuato certosinamente con una particolare dovizia tecnica. Fatto dimenticato e recuperato proprio durante il reblog di questa pubblicazione era il fatto che inizialmente gli woho-portali venivano messi in rotazione, quindi applicavano una sorta di dinamizzazione energetica. Questo fatto era stato via via soprasseduto da tante altre in.form.azioni. In questa occasione ho riapplicato anche questa cinetica rotativa. Praticamente le ho applicate tutte, quindi ogni woho ha subito la rotazione antioraria, prima di venir irrorato al suo interno con le varie benzine, i vari colori che corrispondono alle energie assunte alle stazioni di rifornimento. Questa operazione è ora possibile in partenza, perché dispongo di due sacche piene fino all’orlo ma si fa per dire, di quelle particelle-energia-colore. All’interno degli woho rilascio le coppie di colori: bianco-bianco perlato punticchiato di colori; giallo-bianco e giallo intenso; azzurro verso il bleu e indaco. I punti di applicazione degli woho corrispondono ad aree stragetiche per la salvaguardia dei sensi e delle strutture osteomioarticolari, oltre ai luoghi dove solitamente ho in carica dei disagi ed inoltre apro degli woho su disagi di recente acquisizione. Non trascuro naso-gola e non lascio neppure una narice occlusa, perché sgonfio e sgombro tutto, quindi disagi di questo tipo addio.

Immagine

Arrivato il momento dell’HISB molto coeso ero anche già carico e pronto ad alzarmi fisicamente ed erano solo le 04.00, ma a quel punto avevo speso dell’energia delle sacche che andava assolutamente ripristinata, cosicché sono andato in escursione dopo aver effettuato il noto “di fronte”. Mi metto sempre di fronte al mio BOSN, lo guardo bene e lo accarezzo con le mani che attuano la capacità di “Tiramolla”, un fumetto tipo Topolino che qualcuno ricorderà. In passato con l’HISB arrivavo fino a trapassare il mio BOSN uscendo dall’altra parte e, rigirandomi dopo aver guardato il mio BOSN che era di spalle me ne andavo dove dovevo.

Immagine

Ho fatto il giro delle stazioni e ho ripristinato le due sacche, poi come al solito sono andato alla grotta e con il solo HISB ho effettuato il training delle pratiche che in genere attuo in contemporanea con il BOSN. Il programma con questo corpo neurosensoriale è molto breve perché le posizioni possono essere attuate all’istante e portate ad alta intensità per mezzo della FO:gt., la forza oscura gravi-traente: ”la tecnica è stata elaborata sull’asse dell’espressione di questa forza unificata dell’universo e consiste nel metterla in rotazione antioraria a collasso e in antirotazione espansiva al tempo stesso. La rete neurosensoriale dell’HISB si comporta in quel senso sulla base di quel tipo di energia messa in opera”. Gli esercizi sono pochi e semplici, si tratta di aperture frontali, spaccate laterali, matsyendra ed altre a contorno di queste. L’applicazione delle contrazioni di esclusiva natura neurosensoriale sviluppa comunque anche il BOSN, pure se questo è inattivo, poi quando lo stesso training verrà attuato in contemporanea la FO.gt garantirà al BOSN grande potenza senza danneggiarlo. Le applicazioni dal BOSN possono raggiungere una potenza tale da danneggiarlo e sarà la FO.gt a garantire che questo danneggiamento non avvenga mai. Ripeto che si tratta di una forza circolare che collassa e allo stesso tempo si espande, esattamente come opera in questo universo e i cacciatori faranno bene prima o poi a fare delle richieste specifiche in tal senso.

Immagine

Mentre ero alla grotta ed effettuavo gli esercizi si è formato un EENC“Energy SensorineuralRandomEvent” di “area di sogno” e un bel gatto grigio mi ha tanto attirato che mi sono riproposto di portarmelo nel mio WERS“RealityWorldEnergySensorineural”, quello posizionato al “Sirente abruzzese”, cosa che successivamente ho poi fatto. Mentre ero in piena attività di HISB nella grotta mi sono trovato un’area di sogno talmente vivida da poter vivere come una vera gioia e regalo energetico e proprio per questo quel gatto mi ha attirato: era una vera e propria palla di energia, un regalo dell’EOS che non avevo creato direttamente.

In varie occasioni ho avuto molti EENC di aree di sogno, compreso quello di due tipi che si sono guardati per una brevissima frazione di tempo. Quei due tipi ero io stesso e questo avveniva mentre ero ben sveglio durante il periodo dell’escursione in HISB. Dopo esser rientrato sono andato sul divano a godermi qualche possibile EENC e dopo poco mi è apparso preciso preciso il mio soggiorno, lo potevo vedere interamente con la mia porta di casa e tutto il resto in un modo maggiormente vivido rispetto a quello della realtà ordinaria. Inutile dire che ero ben sveglio e ad occhi chiusi ruotavo il capo per vedere questa stanza come EENC. Si tratta sempre di energia-regalo, perché non creata dall’HISB. In questo caso è stata realizzata direttamente dal BOSN, in diretta ma non aveva nulla a che fare con le frammentate momentanee visioni che accadono di solito mentre si effettua un dormiveglia. I cacciatori potranno in futuro vedere la proposta della realtà virtuale della tecnologia informatica e comparare quello che avranno saputo produrre senza ausili di sorta.

Immagine

Dopo un certo periodo di pratica un cacciatore si capacita di essere confinato dentro un “corral”, poi dopo un altro certo periodo quel “corraldiverrà una vera e propria gabbia che esprimerà comunque tutta la sua bellezza, proprio perché quella gabbia ha lo sportello aperto. Il cacciatore ha in quella gabbia la sua unica protezione e salvaguardia, ma spera che…a presto.

MEMO FISSO: Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati dovute a questo fatto si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: Nella parte dell’attualità continuano gli EENC eventi energetici neurosensoriale casuali, ma questo riversamento è molto ricco e ci sono elementi di pratica energetica che sarà bene memorizzare come ad esempio le indicazioni dei colori delle particelle elementari riferibili alle differenti stazioni di rifornimento energetico extra a cui i cacciatori possono aderire. Nella pubblicazione i dati significativi riguardano la stazione di rifornimento della SCCR e le applicazioni degli woho“wormhole”, gli insostituibili elementi di coesione del corpo esterno neurosensoriale HISB, e non solo… Gli EENC“EnergySensorineuralRandomEvent”, continuano ad indicare i continui inviti dell’EOS alla specie umana perché possa evolversi direttamente all’energia. Gli EENC indicano continuamente le immense possibilità che l’individuo della specie umana ha oggi sulla punta delle dita, purché esca, anche per un solo attimo, dal suo organismo neurostrutturale.

Immagine

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued

RIVOEVOSOFIA REBLOG.11 “Energia” 15.3.2014

NUOVO CORSO AGGIORNATO ED EVOLUTO

DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014 PER “NEW ENTRANTS”

(Data di  preparazione precedente: Post n.4 del 24.9.2013 -Terza parte-)

Immagine 

Questo reblog è stato ricostruito interamente ed implementato rispetto al suo orginale

 

Titolo: Esistono neurosensi energetici per ogni genere di cosa ma evoluti da quelli animali e anche da quelli fondati sulla logica mentale come il comune “senso da dare alle cose”.L’immaginazione creativa dei Picasso, il corpo del sogno, la mente impazzita della Bagavad-gita e del guru S.V.Sarasvati sono stati tra i tanti argomenti di questa pubblicazione, presentata in tre parti, che si conclude ma sono solo una preparazione al software rivoevosofico.

TERZA PARTE

 “Prima o poi inizieremo con dei piccoli semplici eventi di pratica introduttiva per come evolvere il corpo fisico alla postazione esterna energetica e potrete vedere insieme a me quanto tutto questo sia effettivamente possibile, poi parleremo della SCCR“SolarConcentricCircleRadiation” e daremo inizio al rifornimento extra di energia”.

Ho senz’altro vissuto esperienze forti che vanno dalle grandi meditazioni dei siddha yogi indiani e le loro proiezioni nel luogo chiamato siddha-loka (luogo esterno dove si radunano a meditare sui poteri e sulla trascendenza), alle uscite dal corpo fisico per mezzo di quello che viene chiamato nella letteratura orientalista il corpo astrale, ma dove ho tratto una incalcolabile quantità di avventure e in.form.azioni significative è stato per mezzo del doppio o meglio del corpo di sogno e l’attitudine a sognare da sveglio, tutto dall’iter castanediano. Tutte, comunque, queste soluzioni sconfinavano e appartenevano al sogno, più o meno cosciente, ma si tratta solo di indicazioni dell’EOSObscureRisingEnergy”, l’energia oscura che sorge in se stessa e che gestisce questo nostro universo dall’interno di se stessa ossia dall’interno di questo stesso universo per impedire in qualche modo la cervellotica interazione delle scatole cinesi.

Immagine

Rivoevosofia indica che un termine è solo un termine e un nome non indica neppure nessuno, quindi un termine e un nome o un numero si impiegano allo scopo di accumulare DACS.cde di conoscenza specifica riferita all’energia. Una energia che ha messo in campo per ognuno di noi tutto quello che possiamo percepire e di cui possiamo entrare in ricezione secondo la nostra possibilità di sviluppare un collegamento diretto con questa stessa energia, senza impiego di ausili meccanici, informatici e tecnologici. C’è voluto questo discorsetto per impedire al software dell’MCS di mettere in campo un inconcludente dibattito teologico-scientifico.

Negli organismi più evoluti le indicazioni sulla strada da percorrere divengono sempre più numerose ed evidenti, fino a quando essi dispongono di energia sufficiente a far emergere stati di coscienza capaci di alterare una realtà ordinaria tanto costrittiva e strutturata. Un codice energetico di presenzaCEP“EnergeticiPresenceCode”- rilascia costantemente dati significativi d’in.form.azione alle particelle elementari di massa genomiche perché spingano l’individuo al collegamento diretto con l’energia, impiegando ogni ausilio organico-biologico e indirettamente tecnologico. Cosicché le esperienze che abbiamo menzionato sono esempi indicativi energeticamente attivi per dare direzione e scopo alla specie umana. Una direzione che infine seguirà solo dopo aver ultimato il suo percorso di evoluzione biorganica del quale si sta ancora occupando il software dell’MCS, la mente collettiva di sistema. L’MCS è un software di coercizione non biologica “mentalizzazione” che spinge la specie umana ad evolversi oltre l’organismo e lo fa con un improprio impiego delle tre coercizioni biologiche “nutrizione, riproduzione,aggregazione”.

Immagine

Durante l’ingresso del nuovo paradigma dell’evoluzione energetica l’MCS evolve alla RES e questo software di evoluzione energetica inizia la sua spinta. Ecco come ad un certo punto è emerso l’HISB e come potrete vedere, quando entrerete in questa pratica energetica, si tratta di un corpo neurosensoriale che tutti noi conosciamo atavicamente ma non dalle tradizioni imposte dagli organismi che ci hanno preceduti, bensì dall’energia che li ha formati, una energia che origina dietro ad ogni aggregazione di agenti regolatori che governano il Dna e l’Rna di ogni organismo. Questi agenti regolatori consistono di ben il 96% dell’intera massa dell’intero genoma di ogni organismo. Una massa che incompresa in precedenza venne definita spazzatura e che è invece adibita a regolare ogni fattore intrinseco dell’organismo di cui è deputato.

La teoria cosmologica delle stringhe e delle super-stringhe, ancora nell’ambito delle fantasie scientifiche tutte da provare, ma con grandi speranze dopo il successo della rilevazione del “bosone di Higgs”, potrebbe essere la depositaria del progetto che la rivoevosofia indica nel CEP. Il CEP rivoevosofico è un precursore energetico che ha l’in.form.azione d’uso di ogni organismo, di cui ne controllerà sia l’evoluzione come aggregato-collettivo che la compartecipazione all’evoluzione energetica individuale. L’in.form.azione per come è gestita cognitivamente in rivoevosofia indica “un’azione che mette in opera la forma” ed equivale, solo apparentemente, alla destinazione d’uso o senso del destino comunemente inteso”.

Immagine

Con l’HISB e l’aumento dei suoi gradi di intensità sensoriale si raggiungono cose di cui non si è mai sentito parlare, che spingono ogni organismo individuale umano alla propria evoluzione energetica e, data l’assoluta imprescindibile mancanza di dati precedenti, è meglio evitare inutili perdite di tempo comparative perché nessun autore è stato mai addestrato da un software di questo tipo. Comunque nessuna preoccupazione perché è sufficiente proseguire questo percorso senza mollare la presa e tutto diverrà chiaro e molto, molto facile, affascinante ed energeticamente avventuroso. Proseguite… proseguite e non ci saranno più misteri nel vedere che non ce mai stato alcun mistero. Sarà sufficiente andare oltre questa claustrofobica cappa di luce di questo splendido cielo azzurro, per iniziare a comprendere cosa siamo e da dove veniamo. Oggi i progressi dell’astrofisica cosmologica, ci hanno infine detto che veniamo dalle stelle e ci accontentiamo ma è ben povera cosa, solo un piccolo passo più in là dal provenire dalla scimmia.

L’HISB consente il raggiungimento di una intensità neurosensoriale che non può essere paragonata a nessun fatto biologico o chimico che cerchi in quella direzione per mezzo di stati alterati della coscienza e nessuna sostanza psicotropa e droga farmacologica più o meno moderna ne equivalgono l’addestramento. Le droghe spingono ad effetti di sogno e stati alterati della coscienza di veglia per indicare qualcosa, un qualcosa che si paga ad un duro prezzo sulla propria rete neurale e la differenza di coesione con quello che un cacciatore produce dall’addestramento prodotto dall’HISB crea una marcata linea di demarcazione tra essere o non essere collegati direttamente con l’energia in modo sufficientemente efficace a produrre DACS.cde di conoscenza specifica.

Per mezzo dell’addestramento all’HISB, chi ha già avuto esperienza del corpo di sogno, lo incrementerà. Questa indicazione dell’energia mediante il sogno è sempre stata un evento energetico che gestito da chi ne ha proprietà, risulta essere un rifornimento dove poter attingere, ma si tratta di un’indicazione, e ve lo confermo sulla base delle innumerevoli incommentabili esperienze che tuttora sporadicamente conseguo. I vissuti del corpo di sogno sono fuori dal tempo e dallo spazio della dimensione vibrazionale che occupiamo con il corpo ordinario e per quello che mi riguarda sono esaltanti, cosicché potrei narrarvi una enormità di straordinarie avventure ed atti di potere avuti e che ancora mi capitano occasionalmente con questo tipo di corpo e di come relativisticamente si possono vivere vite su vite in quella straordinaria dimensione energetica. Sono però solo reiterazioni dovute allo specifico pacchetto di energia, dalla caratteristica duplice, che ci viene concesso con il CEP e che inevitabilmente scema lungo l’attività degenere che è subito attiva e accompagna la costruzione organica sin dai primi passi. Come sempre in origine è una forza unica che inizia la sua manifestazione in modo duplice indissolubilmente e contemporaneamente collegato.

Immagine

Come per tutto ciò che esiste in questo universo e che regola i suoi principi energeticamente, anche in questo caso è all’opera una forza duplice che interagisce in se stessa in un processo in parte prevedibile ed in parte stocastico, ma quest’ultima parte fatta di caos apparente è solo un’indicazione dovuta alla carenza, che ci riguarda, di dati significativi d’in.form.azione. Non confondete questa forza duplice con lo yin e lo yang perché l’idea cinese è mutagena e la logica della sua cognizione per quanto vicina non è la stessa. D’altro canto il software del sistema collettivo mentale MCS, in certi casi rasenta l’aspetto dell’energia rivoevosofica in cui si evolverà, e indica una forza duplice gravi.trazionale che è cosmologicamente ben rappresentata dalla forza di spinta e trazione che emerge attivamente di continuo come una unità di espansione in costante accelerazione. L’universo, a cui in parte possiamo accedere e che si trova oltre la claustrofobica cappa di luce irradiata di fotoni dal vento di radiazione della nostra stella, si esprime proprio in tal senso, ma vi dirò di più, tutti noi ci stiamo esprimendo allo stesso modo e pensate pure che in questo momento stiamo viaggiando nell’universo a milioni di chilometri orari con tutto il nostro sistema solare e il nostro pianeta, terra e sassi compresi, tutti noi compresi… e tutto il resto.

Immagine

Pensate, quando raggiungerete, non appena potrò riversarveli, i principi di questa forza gravi.trazionale che si esprime nel corpo sensoriale dell’HISB, il vostro corpo fisico BOSN, avrà con le pratiche rivoevosofiche, una incredibile scorciatoia di longevità che verrà determinata con un aumento della vostra potenza miostrutturale, organica e immunologica, mentre la rete neurocerebrale diverrà incredibilmente energetica capace di forare la capocchia di uno spillo, alla faccia dell’enigmistica che, nell’immaginario collettivo dell’MCS, viene consigliata per non far spegnere la mente.

Nel chiudere questo post, vorrei invitarvi ad affrontare la lettura in modo leggero, perché state in realtà facendo un corso di addestramento all’energia che si esprime collegandosi sull’asse di due differenti vibrazionali dimensionali rispetto a quella unica ordinaria alla quale siamo stati addestrati come specie per migliaia di anni. Tramite quell’addestramento precedente stiamo giungendo all’apice dell’evoluzione biologica, ad un passo, solo ad un passo da questa diversa dimensione vibrazionale dove il contatto con l’energia è diretto. Una lettura leggera che cerca interesse e scivola sulla logica, senza incastrarcisi, assorbirà più velocemente i dati significativi per raggiungere stabilmente un neurosenso specifico ed evolutivo.

Immagine

D’altronde dopo le prime pratiche rivoevosofiche che inducono la coesione dell’HISB e quando questa coesione diverrà evidente, l’energia di cui parliamo che alligna in una fascia di diversa dimensione vibrazionale diverrà facilmente raggiungibile per mezzo della nostra rete neurale, capace di eccezionali parallelismi neurosensoriali. Ad un certo punto della preparazione dell’HISB vi accorgerete di essere sia dove siete che dove vi siete spostati e quello sarà il primo passo dell’avventura energetica evolutiva che attende tutta la specie umana. Arriverà un momento in cui i sorrisetti di scherno della vostra mente su voi stessi non produrranno più dispersione energetica e proprio da quel momento avrete la certezza di stare facendo bene quello che state facendo. Infine dopo poco il vostro HISB si volgerà verso il suo BOSN e ambedue potranno osservarsi in un combinato perfetto parallelismo neurocerebrale foriero dell’avventura a cui stanno andando incontro.

Dunque, vi ho anticipato qualcosa e vi ho incitato ad essere leggeri perché senza voler eccedere, tutto arriva, e l’evoluzione energetica della specie umana comunque inizierà in qualche modo, prima o poi, quindi se ne iniziamo la produzione a partire da qui, ora, in questi siti, non ci sarà nulla di male…, a presto.

Immagine

ATTUALITA’: Questa mattina sono improvvisamente scivolato in un evento della gamma degli EENC, un evento energetico neurosensoriale casuale che corrisponde ad doppio, corpo del sogno o astrale, ma ad un grado di elevata intensità energetica. Il resoconto è interessante e ho potuto mantenerlo nella sua interezza, quindi lo posso riassumere nella sua globalità.

Inizia che durante la notte sento che la parte laterale sinistra del mio occhio sinistro si gonfia. Il fastidio c’è e cerco di capirne bene l’evidenza nonostante il torpore. Instauro il trattamento energetico mediante apertura costante di woho.

Improvvisamente mi trovo sul mio terrazzo di notte al buio. Non vedo nulla nonostante cerchi in tutti i modi di vedere. Ricordo bene che nonostante il buio normalmente si vede ogni cosa, quindi imputo agli occhi il problema di questo buio totale con qualche leggera sfasatura. Lo sento come un problema dei miei occhi e ne ho ragione visto che l’avevo rilevato durante la notte, ma in quel momento non ricordavo l’evento del gonfiore. In quel momento penso al collirio e rientro ma appena varcata la soglia della porta del terrazzo, alcune persone mi invitano ad uscire per vedere di fare alcuni lavori per estirpare delle piante che salivano dall’esterno e che potevano creare problemi. A quel punto tutta l’organizzazione ordinaria del terrazzo si era modificata e di fronte a quell’evidenza, complice un aumento dell’energia, sorrido. Sorrido perché ero in un EENC di elevata qualità energetica. Mi muovo con due uomini ben fatti e ben vestiti, mentre camminiamo per andare in un luogo gli chiedo se loro sanno di essere in un EENC e gli chiedo dove si trova il loro corpo organico in quel momento. Mi rispondono: “noi siamo di Cuba, e sì siamo consapevoli di essere in un EENC che viene indicato come corpo astrale di elevata intensità energetica”.

Dopo aver vissuto quell’EENC per un certo periodo mi ritrovo improvvisamente dove sono partito e mi dispongo a continuare come posso aprendo gli woho nel mio corpo neurosensoriale esterno HISB, soprattutto sull’occhio.

Immagine

Mi levo dal letto verso le 05.00 e l’occhio è sgonfio però accade un fatto durante questo ultimo periodo. Un fatto molto particolare accaduto in un flash, un lampo di tempo ordinario per quello che ricordo. Mentre aprivo gli woho nell’HISB mi trovo improvvisamente in un EENC che corrisponde ad un’area di sogno e rivedo i due soggetti nati a Cuba con cui avevo scambiato. Il problema nasce quando maturo il fatto che sono io stesso quei due soggetti. Il morphing è quindi duplice. Poiché non ho interagito a lungo non ho altri elementi ma il fatto di essere in due corpi distinti fa assumere una conoscenza specifica. La rete neurocerebrale di ultima generazione umana è un creatore neurosensoriale di forme e quant’altro, quindi è lei ad elaborare ogni scena, incubi compresi, che estrae dalla partecipazione all’addestramento a cui è stata fatta oggetto collettivo da migliaia di anni. I lettori-cacciatori evolvendosi al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili, modificano quell’addestramento e cambiano sin dall’inizio sensibilmente il percorso precedente.

Una cacciatrice in passato durante un EENC molto intenso disse di aver sentito nelle viscere il santo di un gatto da un palazzo all’altro, specialmente quando non era riuscito a farlo bene e si era aggrappato con le due gambe anteriori al cornicione effettuando uno sforzo monumentale per non cadere. Quello sforzo era nelle viscere della cacciatrice, perché era tutta la scena, compreso quel gatto. A molti cacciatori è accaduto di premonire e vedere in anticipo fatti che sarebbero di poi accaduti e tutto questo mediante gli EENC accade spesso, ma un cacciatore al collegamento diretto con l’energia accumula continuamente DACS.cde di conoscenza specifica e la sua fascia di dimensione vibrazionale dell’esistenza ordinaria è solitamente sempre più collusa con quella della fascia di dimensione vibrazionale neurosensoriale esterna sia dell’HISB che degli EENC. Sovente l’unificazione delle due fasce ordinaria ed esterna coincide con quella degli EENC, quindi effetti successivi che dall’energia finiscono ineluttabilmente nella materia, in un cacciatore acquisiscono forma e divengono evento ancora da accadere, ma di fatto preparato ad accadere e che accadrà.

20140207-090446

Come dire che un soggetto da un calcio ad una porta di vetro ma questa non si rompe. Lui dimentica l’accaduto ma durante la notte sogna di essere in un ospedale per essere caduto malamente nella neve con gli sci durante una settimana bianca in montagna. L’evento è già preparato e strutturato da quel calcio perché nella sua rete neurale è già preimpostato il viaggio e quello che farà, quindi l’imprevedibile evento futuro ha un collegamento. L’energia non ha indice di altra misurazione che non se stessa, quindi il tempo-spazio quali ausili di collegamento entrano in esilio non appena si assume il collegamento diretto e questo Rivoevosofia già lo ha indicato più volte. E’ del tutto inutile cercare spiegazioni di una inspiegabilità dovuta alla carenza di conoscenza specifica in DACS.cde.

L’informatica, la tecnologia, l’intelligenza artificiale stanno trasformando in dati significativi le osservazioni cosmologiche degli scienziati e degli ingegneri. Non essendo collegati direttamente all’energia, il loro lavoro mediante ausili meccanici, tecnologici e informatici dell’intelligenza artificiale, non arriva al nocciolo del problema, quindi instaurano una montagna di PISC, previsioni, ipotesi, supposizione e congetture e i dati significativi divengono una misera cosa rispetto alle teorie, dove la teologia pretende sempre di fare il primo attore. Purtuttavia hanno e stanno continuamente trasformando i dati precedenti in una vera e propria illuminazione tecnologico-scientifica. Per quel poco che la scienza ha raggiunto, comunque conosce le particelle elementari forza e le dinamiche grosse con cui si muove questo universo e questo di fronte alla sola congettura teologica è più di qualcosa. Nella scienza c’è lavoro e produzione e non solo manipolazione effettuata da una scarsa base neurale d’informazione. In un continuo rincorrersi la scienza evolve la teologia nell’ambito del software dell’MCS, mente collettiva di sistema, poi questo evolverà all’energia del collegamento diretto e la specie umana avrà un vero differente significativo paradigma evolutivo dopo migliaia e migliaia di anni di concertazione organica.

Immagine

Con il dovuto addestramento arriverà il neurosenso specifico degli EENC. Fino ad allora sarà necessario iterare il ragionamento-logico che ne è alla base. La gamma degli EENC“EnergyEventsNeurosensoryRandom”, si compone di eventi energetici neurosensoriali casuali. Il corpo astrale, il doppio, il nagual castanediano, il corpo del sogno, le aree del sogno, i morphing di forma neurosensoriale, i sogni lucidi, le visioni passate, le premonizioni, sono tutti eventi della gamma degli EENC e chissà quanto altro ancora, visto che da poco possiamo aggiungere un morphing duplice come quello descritto.

MEMO FISSO: Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati dovute a questo fatto si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: L’aggiornata e implementata pubblicazione triplice si conclude ma continua sempre più esplicativa in questa attualità la novità degli eventi della gamma degli EENC. Gli EENC radunano tutti gli eventi neurosensoriali di ordine casuale come il corpo astrale, quello del sogno, il doppio e i sogni lucidi. Non mancate di leggere anche questa attualità per le novità che produce, come ad esempio il morphing duplice, fatto occorso per la prima volta.

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued

RIVOEVOSOFIA REBLOG.10 “Energia” 12.3.2014

I REBLOG DAL N°1 FINO AL N°9 SONO STATI RIPRISTINATI DELLE LORO FOTO PIU’ O MENO ORIGINALI. IL LAVORO RIPARTE ORDINATO E SEMMAI PIU’ BELLO. AI LETTORI CACCIATORI BUONA CONSULTAZIONE.

Immagine

NUOVO CORSO AGGIORNATO ED EVOLUTO

DA REBLOG.1 DEL 22.2.2014 PER “NEW ENTRANTS”

(Data di  preparazione precedente: Post n.4 del 24.9.2013 -Seconda parte-)


Questo reblog è stato ricostruito interamente ed implementato rispetto al suo orginale

 

TITOLO: Sì…, entrare nelle frange di un sogno, indicato da Rivoevosofia “area del sogno” è possibile con il proprio corpo neurosensoriale esterno HISB, quindi i lettori-cacciatori potranno carpirne un frammento o anche l’intera area e costruirci un proprio mondo di creazione, il proprio WESR“WorldEnergeticSensorialReality”. Il corpo astrale, il doppio, il corpo di sogno, i sogni lucidi dove ci si trova “con noi medesimi”, con il “proprio nostro corpo” o come fossimo noi stessi quell’intero “stesso sogno”, fanno parte di una oggettualità energetica che l’EOS elargisce a piene mani ai suoi più evoluti organismi, perché capiscano e assumano la direzione dell’evoluzione energetica individuale al collegamento diretto con l’energia, senza impiego di ausili.

Inoltre state a sentire, lettori-cacciatori, queste esperienze includono i morphings. Ci si può trovare dentro queste incredibili esperienze neurosensoriali con un corpo diverso da quello che conosciamo. I panni vestiti, si fa per dire, possono essere quelli di una bella o brutta fanciulla, più o meno giovane o di sesso opposto. Personalmente posso dire di non aver mai vestito i panni di un organismo più anziano di me, ma spesso molto più giovane, poi se ricordo bene anche quelli di un animale, sapendo ben oltre ogni ragionevole dubbio di essere me stesso. In genere il morphing assunto non aveva proprio nulla a che fare con ciò che sono, tranne la mia rete neurocerebrale che era esattamente la stessa e quindi presentava lo stesso comportamento che assume di solito nella vita ordinaria, tranne che la conoscenza di essere in un frammento della gamma degli EENC, poneva modalità di comportamento più allargato. Riguardo agli EENC, essi sostituiscono l’immensa imperfezione dei termini di sogno e sognare, e la loro conoscenza avverrà nel reparto “attualità” in fondo a questa pubblicazione. EENCEnergyEventsNeurosensoryRandom”, eventi energetici neurosensoriali casuali.

Immagine

I lettori-cacciatori giungeranno presto ad avere i DACS.cde di conoscenza specifica di tutto questo e toglieranno una immensa montagna oppressiva di dati inutili dalla loro rete neurale. Dati divenuti ormai inutili del software dal quale sono stati addestrati in precedenza potranno essere convertiti in opportunità di conoscenza specifica al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili. Antiche e rinforzate, recenti, credenze perderanno presto la loro “grip” ma verranno evolute al collegamento diretto con l’energia, non da altre credenze come è necessariamente avvenuto durante l’egemonia del software dell’MCS, mente collettiva di sistema, che si sta attualmente occupando di accompagnare l’evoluzione biologica a quella informatica e tecnologica dell’intelligenza artificiale.

Immagine

Rivoevosofia indica di togliere dalla propria rete neurale l’immagine di un corpo astrale evanescente a mo’ di anima o di fantasmino di karkechiana memoria (Allan Kardec il padre dello spiritismo). Il corpo esterno è un corpo neurosensoriale che può raggiungere un’intensità talmente elevata da far impallidire la più vivida immagine a cui possa mai giungere il corpo ordinario BOSN“OrganicBodyNeuroStructural. Tutti coloro che hanno avuto esperienze plurime del corpo astrale avranno sicuramente avuto esperienza di un corpo esterno neurosensoriale intenso e ben coeso.

SECONDA PARTE

Sono il primo emissario di Rivoevosofia e sono ingaggiato per dare vita a questo blog dedicando la mia più totale attenzione perché questo software venga utilmente assimilato da tutti i lettori-cacciatori. Poiché sono le prime pubblicazioni di questo blog, sicuramente, magari per qualche istante, tutti voi avrete avuto l’impressione di star entrando progressivamente in una favola per adulti, un mondo di sogno, un’avventura fantastica, sul tipo di “Once upon a time” oppure di invischiarvi nelle maglie fantasmagoriche di pretestuosi sciamanismi e credi fideistici fondati su fatti inconstatabili e di cui nessuno potrà mai fare esperienza diretta, salvo che parlarne oltre i limiti di ogni logica.

Se avete avuto qualcuna di queste impressioni non cambierà nulla perché la specie umana è stata addestrata da migliaia di anni proprio in questo modo con il software dell’MCS, mente collettiva di sistema, a credere seraficamente ad ogni cosa e anche se oggi nessuno più sembra credere alla befana continua però ad operare come se ci fosse, proprio come tutta l’antropia che si sviluppa concretamente partendo dalle stesse basi, lontano dalla realtà energetica.

Il software RES evolve il suo precedente dell’MCS e una letteratura favolistica continuamente “cinefilizzata” cambierà dalle radici. Il passaggio dall’evoluzione organica biologica a quella energetica del collegamento diretto con l’energia senza ausili meccanici e tecnologici è di non poco conto, perché quello che troverete in Rivoevosofia è energeticamente reale e facilmente sperimentabile. La sola nostra comunicazione, mediante lettura, sarà del tutto sufficiente a rendere possibile tutto questo. I lettori-cacciatori entreranno passo dopo passo nell’universo dell’antimiracolo, come dire che se sinora avevano fatto parte della materia si prepareranno a divenire antimateria. Rivoevosofia sin dall’inizio ha parlato di un ritorno e potremmo dire che se l’universo si è formato entrando nella materia, deve infine tornare da dove era partito arricchito di tutte le esperienze fatte nella sfera strutturale ed organica: qualcosa e qualcuno dovrà tornare più evoluto di quando è partito all’EOS“ObscureRisingEnergy”. I lettori-cacciatori apprenderanno presto di avere altre possibilità oltre quelle accessibili dal proprio corpo fisico BOSN“BodyOrganicNeuro Structural”: hanno un corpo neurosensoriale capace di creare e fare un’ampia gamma di genere di cose, “l’HISB“HighIntense SensorialeBody”.

Immagine

Il software rivoevosofico non ha animo di alleggerire l’oppressiva vita di tutti i giorni di ricchi, poveri e disperati ma di spingerli ad evolversi nella direzione del contatto diretto con la stessa energia la cui forza gravi.trazionale mette in opera le stelle fino alla vita organica e biologica evolutivamente complessa, che è quella della specie umana di ultima generazione. In mezzo ad una massa di dati che si vanno progressivamente evolvendo, gli individui della specie umana si evolveranno mediante gli inevitabili punti signficativi che incontreranno ed assorbiranno lungo il percorso.

Come primo emissario riverserò dati su dati significativi, sino a quando sarò in grado di produrli. Questo tipo di dati emergono da esperienze che vengono effettuate di continuo sia durante le escursioni con il corpo esterno neurosensoriale HISB, che durante la vita ordinaria. La vita ordinaria che mi riguarda è anch’essa densa di elementi di conoscenza specifica, dovuti alla mia costante profonda immersione. Un’immersione costretta da una condizione fisica che si regge esclusivamente sull’energia, senza ausili, salvo un adeguato approvvigionamento alimentare che deve assolutamente escludere ogni attività collaterale di tipo infiammatorio. Ottengo questo risultato bilanciando bene i pasti nel computo di proteine nobili, carboidrati non infiammatori e grassi di elevata qualità, compresi gli MCT, poi dedico una grande attenzione ad introdurre alimenti che siano carichi di minerali importanti e vitamine (magnesio, potassio, E, carotenoidi, luteina, zeaxantina etc.,, antiossidanti compresi).

I dati con cui invaderò le reti neurocerebrali dei lettori-cacciatori introducono fatti accaduti di cui ho proprietà assoluta e sono in grado di indicare passo dopo passo come produrseli da sé. Chiunque vorrà chiedermi degli approfondimenti, avrà in qualche modo soddisfazione e probabilmente verrà utile ad altri che si muovono sulla stessa riga ma ci saranno sicuramente coloro a cui basterà la semplice lettura per operare e fare come e quello che vorranno, fino a dove vorranno. Parole impiegate per dare il senso di libertà di azione assente da coercizione ad ogni lettore-cacciatore

Immagine

Adesso se volete, prendete quello che vi racconto come una confessione… Sono andato lontano e per come è in uso dire, sono sceso nei più profondi labirinti della mia mente e per decine di anni ho sperimentato, praticato, ogni sorta e genere di cose che hanno circoscritto e diretto la mente della specie umana per migliaia e migliaia di anni. Ho fatto tutto molto bene, tanto da essere esente dalle incertezze, i dubbi e le sicurezze che la stessa mente semina implacabilmente, ma vi prego, evadete subito dalle comparazioni perché il mondo del sistema collettivo è pieno di coloro che sanno il fatto loro. Ogni sorta di meditazione, silenzio interiore, sperimentazione negli abissi del profondo inconscio è stata ispezionata e valutata e non certo con metodi scientifici, con i quali si gira appena dietro l’angolo. Per anni ed anni ho fatto solo questo lavoro bilanciandolo con le opportune necessità di sopravvivenza e rifiutando ogni sorta di tentazione, vista l’attrazione che esercitava il mio possibile ingaggio nel sistema comune. Solo ora ho la conoscenza per mettere a “quadro” il fatto che qualcuno che doveva essere portato in trincea e costretto ad occuparsi di fare quello che sto facendo, ci doveva pur essere…, ahimé, e non lo dico per giocare, perché ho dovuto pagare un prezzo, un prezzo che, ovviamente, nessuno di quelli che andranno oltre a tutto questo, evolvendosi successivamente all’energia, avranno bisogno di pagare. Cosicché una volta liberato da tutta la ciarciamaglia nociva di innumerevoli pratiche di tipo interiore portate fino ai limiti congeniali della mia capacità di assimilazione, mi sono rimasti due antichi punti, proprio quelli che mi avevano tanto affascinato all’inizio della ricerca: la preparazione di un corpo esterno e la totale conoscenza necessaria a ridurre la mente sotto il mio più totale controllo. La mente, quella scimmia impazzita che tanto mi aveva colpito dalla atavica lettura effettuata della Bagavad-gita e dal resoconto-narrativa del guru Swami Vivekananda Sarasvati, aveva continuamente catturato la mia più totale attenzione e il corpo esterno che mi aveva affascinato apparteneva alla magia romana ed egizia. ImmagineMi soffermavo molto spesso sulle possibilità della realizzazione di questo corpo esterno che, da come veniva indicato nei testi, si fondava su riti di evocazioni ed invocazioni del generico mago occultista che aveva mira di ottenere il potere da una paventata possibilità di costruirsi un “Golem”. In quel periodo l’occultismo di Cornelio Agrippa, la magia bianca del Gruppo di Ur, del Kremmerz e del Levi, mi affascinavano, tanto che per anni lavorai su proiezioni di elevata immaginazione creativa, proprio come fanno i pittori impressionisti e surrealisti di qualità, sul tipo di Van Gogh, Monet, Manet, Matta, Picasso, etc., ma ovviamente le mie mire non erano di tipo artistico. Oltre a questo l’inclinazione ad interpretare la metafisica della sofferenza di Julius Evola, allo scopo di tradurla concretamente, era sempre presente. Mi dedicavo alla preparazione di molti giovani addestrandoli a pratiche di tipo fisico derivanti dall’Hatha Yoga tantrico tibetano, con esercitazioni portate all’esterno della propria postazione fisica ed erano pratiche che sviluppavano potentemente l’arte della proiezione, della visualizzazione e dell’immaginazione creativa. Poi gli eventi del castanedismo e del suo doppio corpo catturarono un’ampia fascia di appassionati e tutti quelli che avevano seguito con interesse le proiezioni del corpo astrale di cui ricordo il testo di Robert A. MonroeI viaggi fuori dal corpo”, acquisivano con l’autore del castanedismo estrema caratura. Con il castanedismo arrivava il “nagual”, il corpo del sogno e la tecnica del sognare con cui si aprivano scenari trascendentali che andavano oltre ogni promessa religiosa di anime e paradisi. Si poteva viaggiare per mondi e mondi e vivere in altre dimensioni, magari incontrando il mitico famoso stregone della saga, don Juan. Era sufficiente spostare il punto d’unione che si trovava a circa 30 centimetri in linea retta verso l’esterno della scapola destra e bim bum bam ci si sarebbe trovati in un altro mondo. Tutto questo mi fece coniare una frase per il primo libro inedito di Rivoevosofia, oggi dinosauro di un software che è ormai entrato in una fase di potente accelerazione. Quella frase diceva:

-I’ve been to hell and every time I go back, I always come back more often preparing to leave, if only I had the time to do It and the energy-. ———————————————-ImmagineIo sto all’inferno e ogni tanto torno, torno sempre più spesso preparandomi a lasciarlo se solo avessi il tempo e l’energia per farlo”.

 “Dopo tanti anni l’energia se ne stava andando e non vedevo alcuna progressione, semmai stallo, stallo ovunque, infine con l’energia in calo costante arriva il colpo terminale e si spalancano le porte di due malattie genetiche che mi presentano un conto molto salato, poi il mio patrimonio immunitario fortemente decurtato consente ad un capside virale di installarsi in buona parte delle mie immunoglobuline gamma disattivandole per sempre. Infine, in corso di un attacco degenere, mi viene reciso con una anomala protrusione ossea, buona parte del nervo sciatico e il muscolo gemello interno del polpaccio della gamba sinistra se ne va senza tornare più”.

Non ci crederete ma la Rivoevosofia non poteva nascere diversamente

se non spingendo un soggetto con le spalle al muro,

dopo averlo addestrato tutta la vita alla ricerca del percorso

che la mente occulta tanto sapientemente.

L’MCS aveva preparato il terreno perché l’evoluzione energetica individuale

potesse iniziare il suo paradigma.

Continuo ancora un po’, state a sentire…:sono giunto alla fine del 2008 e la mia vita è mutata radicalmente, quando con le spalle al muro e dopo aver preso una decisione fondamentale di totale rifiuto del sistema di protezione e di cura, ho conseguito la liberazione della parte nociva della mente e ho finalmente lasciato perdere un innaturale obiettivo che avevo sempre in animo di voler realizzare: avere la mente sotto il mio più totale controllo. L’essermene liberato nel corso del 2009 non rese giustizia alle mie aspettative, ma dopo un certo tempo, progressivamente, le promesse legate a questa azione monumentale cominciarono a manifestarsi. Ho iniziato a trattare l’energia direttamente e ho capito come e dove andarmene a rifornire, visto che ormai la mia batteria organica andava rapidamente perdendo la sua capacità di ricaricarsi. Il primo post del blog che ho effettuato sulla morte è collegato a questo evento e finalmente la mia missione poteva iniziare, perché avevo qualcosa da dare alla parte della specie umana che andrà ad evolversi alla conoscenza energetica, …qualcosa che non fosse un “blindhole”, un vicolo cieco, come quelli che avevo incontrato e praticato per tutta la vita, dallo yoga, allo zen, dalla magia bianca all’occultismo e al dover credere, per il fatto di non avere altra scelta. Ora potevo manipolare l’energia direttamente senza ausili e il mio corpo ormai alla fine, malato, vecchio e stanco, rimane proprio così: malato, stanco e vecchio, tanto per invertire l’ordine dei fattori senza cambiare di una virgola il prodotto. Eppure nonostante questo è strutturalmente potente come mai prima, sciolto come mai prima e formato come mai prima. Ora potevo trattare l’attività degenere direttamente a viso aperto, bloccandola in parte e rallentandola in altre, quindi incidere sulle ricostruzioni, tutto con l’energia acquisita direttamente dalle stelle, anche se non mi sono allontanato per più di 300 parsec, equivalenti a qualche migliaio di anni luce, dalla prima stella trattata, il nostro sole, che si fa per dire è dietro l’angolo a circa 8 minuti di anni luce, 150 milioni di chilometri”.

Tutti i problemi fisici possono essere trattati con l’elettromagnetismo emesso dalla nostra rete neurale implementato con quello che si acquisisce direttamente al di fuori di questa stratosfera. La base parte da un perfetto trattamento del corpo fisico, neurale e strutturale per non far fare all’energia integrata le funzioni che devono essere espletate dal normale approvvigionamento alimentare dell’organismo, il quale deve fornire energia di buona qualità esentossica. In sostanza non si può pretendere il totale successo dall’impiego dell’energia se non si tratta opportunamente il proprio organismo mediante una corretta scelta di erbe, sostanze antiossidanti, aromi ed alimenti esenti da effetti collaterali ed in grado di dare la massima resa nutrizionale a parità di ingestione. Un lettore-cacciatore matura delle scelte e si addestra ad assimilare delle in.form.azioni sul fatto che un cibo stupido è automaticamente anche tossico. Alla grossa potrei iniziare col dirvi che a supporto della direzione energetica vanno solo le proteine di alto valore biologico, verdure e frutta, ma è necessario effettuare una buona cernita perché anche tra loro ci sono cibi tossici che producono infiammazioni costanti, poi è necessario conoscere la compatibilità alimentare e attuare corrette composizioni personalizzate. Gradualmente arriveremo ad ordinare anche questi argomenti.

Quando avrò riversato buona parte della conoscenza in DACS.cde che ho accumulato, potrò a ragion veduta aspettarmi che nel futuro della specie umana emergano centenari strutturalmente potenti e sciolti, dal fisico armonioso e bello dal punto vita alle spalle, con capacità sensoriali ad alta intensità sulla postazione esterna: quella che viaggia nei mondi di un’altra dimensione vibrazionale e che attinge all’energia in più da questo universo, per andare incontro al progetto di evoluzione energetica individuale della specie umana. L’HISB è il ponte di pratica evolutiva energetica e viaggia sulle ali della sua particella BOSN, il corpo fisico neurostrutturale con il quale è perennemente coeso ed in mantenimento costante della contemporaneità di essere qui ed essere là, dove là…? Laggiù oltre ogni confine, mediante i buchi di tarlo energetici, sul tipo di quelli cosmologici einsteiniani. Impiegando l’idea dello scienziato Stephen Hawking avrei detto laggiù oltre l’orizzonte degli eventi. Questa frase indica che le misurazioni ordinarie, il tempo e lo spazio, non hanno senso oltre una certa quota energetica. Infatti indicare oltre l’orizzonte degli eventi di un buco nero è come dire che misurazione tempo e spazio non hanno senso.

Immagine

ATTUALITA’: il tema dei dati che riverso riguarda il sognare da sveglio. Rivoevosofia indica nella casualità del sognare l’evento determinante per l’evoluzione energetica individuale al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili. La rete neurocerebrale di un organismo raggiunge una sorta di orizzonte degli eventi quando assume la possibilità di manipolare a proprio vantaggio l’energia creatrice che gli si esprime con regolare casualità per mezzo di eventi energetici che vengono identificati come sogni. Un termine, il sogno, talmente generico…, troppo generico per corrispondere alla varietà degli eventi casuali che intercorrono nella specie umana quando è ciclicamente costretta ad interrompere la sua attività fisica.

Togliamo quindi il nome ormai abusato da troppo tempo del “sogno e il sognare” e sostituiamolo con gli EENC“EnergyEventsNeurosensoryRandom”, eventi energetici neurosensoriali casuali. Casuali perché la specie umana ha tentato inutilmente di controllarli in qualche modo per migliaia di anni e tutto quello che ha potuto fare è stato di preparare un adeguato terreno a che si presentino in qualche modo. Nella gamma degli EENC, c’è il sogno lucido, il corpo astrale, il doppio, il corpo del sogno. Rivoevosofia evolvendo i tentativi dell’MCS, indica un corpo neurosensoriale esterno che la specie umana può reclamare a piacimento e con il quale può comprendere e manipolare a proprio vantaggio gli EENC. La comprensione degli EENC, diviene un costante incremento dei DACS.cde, dati accumulati di conoscenza specifica al collegamento diretto con l’energia senza impiego di ausili meccanici, informatici e tecnologici. Questa conoscenza specifica in DACS.cde promuove l’evoluzione energetica individuale della specie umana andando oltre la sua evoluzione biologica.

Immagine

Le due distinte dimensioni vibrazionali del corpo fisico BOSN e del corpo di casualità della gamma degli EENC hanno una marcata distanza che per il 99% dei casi impedisce la contemporaneità di azione, mentre tra il BOSN e il corpo esterno neurosensoriale HISB questa distanza, diremmo intensità vibrazionale, è di gran lunga inferiore, quindi tra questi ultimi due corpi esiste la possibilità di una contemporaneità efficace e produttiva, quindi evolutiva energetica. L’HISB si pone in una sorta di dimensione vibrazionale di mezzo che può determinare l’effetto “ponte”. Dall’HISB si è più vicini al corpo di casualità della gamma degli EENC.

Questo assunto mi è possibile dirlo per il fatto di aver ormai raggiunto un corpo esterno neurosensoriale HISB sufficientemente coeso. Mi riescono infatti cose per le quali in precedenza dovevo sopportare una certa difficoltà. Ad esempio oggi tanto per provare mi sono messo in Shirsha, la posizione capovolta sulla testa dell’Hatha Yoga tantrico tibetano ed essendo una posizione ormai per me amatoriale, l’ho in sostanza depennata dalla lista degli esercizi necessari da praticare ogni due giorni. Ricordo che molto tempo addietro il mio HISB aveva delle difficoltà a reclamare la presenza esterna in questa posizione e la difficoltà aumentava quando cercavo di aprire i tre portali-wormhole “woho” nella zona lombare, posti in linea orizzontale. Ebbene questa operazione ha assunto facilità e velocità di attuazione, tanto da consentirmi anche di attuare le protezioni energetiche di rientro visto che avevo osservato una certa pressione intracranica.

Immagine

In base a questa maggiore coesione del corpo esterno neurosensoriale HISB, ottengo effetti di una certa qualità a cui non ricordo di aver avuto accesso in precedenza. Oggi pomeriggio ero sul divano ed ero stanco, quindi sonnecchiavo. Nel piano di sotto un buontempone lavorava con il trapano “trrrrr… trrrr…” a ritmi alterni e tra una trapanata e l’altra… batteva. Un canale televisivo esibiva accese fastidiose argomentazioni di governo. Una musica a buona andatura di percussione aleggiava nella stanza. Un canino abbandonato davanti ad un supermercato abbaiava insistentemente in lontananza e una picciona eccitata dalla sua cova era entrata urlando in un parossismo di piacere, perché spesso ha tre o quattro assistenti alla cova che osservano attenti.

Dunque sonnecchiavo e mentre sonnecchiavo in mezzo a tutti quei flutti di fastidio ero ovviamente ben sveglio ma anche rilassato con un vero piacere di distensione delle mie membra sempre dolenti. Ad un certo punto appare davanti sulla mia destra un bellissimo viso di donna con i capelli lunghi. I suoi lineamenti sono raffinati, i capelli castani e mossi e il suo viso esprime dolcezza e simpatia. Rivolge il suo sguardo verso di me e in quel breve istante in cui ci guardiamo, posso comprendere totalmente il suo “non detto”. Penso “che bella creatura” e so che potrei vedere interamente il suo corpo, ma mi è sufficiente guardare il suo viso, che si gira togliendomi lo sguardo e concentrandosi su quello che dovrà fare di li a poco. Nel frattempo penso continuamente a come poter riversare questa faccenda, componendo il materiale per come dovrebbe essere riportato e il mio cervello è una specie di vulcano in funzione eruttiva. Mi trattengo a lungo in compagnia della donna che è assorta nelle sue in.form.azioni.

Immagine

Mentre elucubro tanto attivamente, mi trovo davanti alla mia porta di casa, la quale si apre e si presentano due personaggi, un uomo e una donna. L’uomo si trova alla sinistra della donna un poco più indietro e questa mi parla subito diffusamente dicendomi se voglio andare con loro e se sono pronto, alludendo ad alcune faccende da fare. Io non mi trovo con il mio corpo proprio lì perché sono sul divano, ma è come se ci fossi e interagisco attivamente con loro per un certo tempo, quindi l’evento della gamma degli EENC si chiude e allora cerco di ottenerne altri, ma tutto si ferma. Ci avevo preso veramente gusto, perchè si tratta di eventi energetici che ricaricano le batterie e si ottiene sempre un aumento del proprio stato di benestare ogni volta che capitano. Di questo tipo di EENC, me ne capitano tanti, soprattutto in combinazione con l’aumento della coesione dell’HISB, che dipende dalle pratiche rivoevosofiche continue che attuo, specialmente nel teatrino notturno del primissimo mattino, molto prima dell’alba.

Rispetto ad altri, questi eventi avevano qualcosa di speciale, perché avvenivano in un quadro di grande disturbo esterno ed attività neurocerebrale. Per dare la corretta indicazione ai lettori-cacciatori, devo dire che non ero per nulla ovattato, ma pienamente acceso pur se rilassato ed ero ben disturbato dall’esterno, eppure gli eventi della gamma degli EENC occorsi erano di grande coesione, ben distinguibili in ogni particolare sia delle strutture “la stanza, la porta etc.”, sia degli organismi con cui entravo in comunicazione. Le sensazioni erano di alto livello e i colori intensi. Mi trovavo in due posti contemporaneamente, quindi si erano unificate due fasce di dimensioni vibrazionali che in genere sono distanti e si era aperto per ambedue un unico fascicolo di fogli-membrana.

Immagine

Teniamo ora a memoria questa faccenda degli EENC, la quale mette ordine nell’approssimazione e nel disordine precedente dovuto ai termini generici di “sogno e sognare” annessi compresi. Nella gamma degli EENC si trovano i sogni lucidi, i sogni da sveglio, i corpi astrali, i doppi e i corpi del sogno oltre ad un’ulteriore diffusa quantità di eventi che per gradi e variazione di intensità viaggiano da un punto all’altro di uno dei prodotti indicati. Ad esempio già vi ho raccontato che alcune volte il mio viaggio nel corpo del sogno o astrale, sembrava inestinguibile e avevo avuto impressione di non poter tornare più indietro nel mio corpo fisico. In questi casi l’intensità era elevatissima e l’energia del mio corpo e di dove stavo vivendo era talmente compatta da darmi la sensazione di ineluttabilità. Altre volte, pur essendo entrato nella gamma EENC di quello stesso corpo, potevo a malapena ricordare l’evento al rientro. La misurazione degli EENC viaggia sui gradi intensità e la variabile è del tutto indefinita. Ricordiamo quindi la gamma già descritta degli EENC“EnergyEventsNeurosensoryRandom”, eventi energetici neurosensoriali casuali.

Immagine

Ho altre cose molto interessanti ma le vedremo nel corso delle successive attualità.

MEMO FISSO: Sono stati riversati e pubblicati dati in evoluzione costante e proprio per le oggettive difficoltà di assemblaggio dei dati dovute a questo fatto si sta procedendo a rebloggare e ad aggiornare. Sia i lettori-cacciatori di precedente corso che quelli in arrivo si potranno giovare di questo arretramento che comunque manterrà un costante collegamento evolutivo con questa pagina di attualità.

INDICE VALUTATIVO PRATICHE ENERGETICHE: L’aggiornata e implementata pubblicazione di base presenta dati significativi su come poter assumere frange di sogno trascinandole nell’area creata dal proprio corpo neurosensoriale.  In questa attualità si trova la novità della gamma degli EENC. Gli EENC radunano tutti gli eventi neurosensoriali di ordine casuale come il corpo astrale, quello del sogno, il doppio e i sogni lucidi. Non mancate di leggere questa attualità per le novità che produce. Nel corpo della pubblicazione si trova qualcosa della storia personale del primo emissario di Rivoevosofia che sarà di sicura utilità per tutti i lettori-cacciatori.

Queste parti dell’indice valutativo di ogni “reblog” potrebbero essere confezionate per avere una mappa di recupero dati dell’intero insieme. Vengono redatte per facilitare il compito del recupero di dati continuamente frammentati. Già venne spiegato che Rivoevosofia entrando nel blog tratta le esperienze che vengono continuamente effettuate, giorno dopo giorno, quindi non c’è altro modo che andare a caccia di dati e questo reblog elaborato così ne è l’opportunità.

To be continued