RIVOEVOSOFIA.129-“Attualità-Energia”-7.2.2014

0RES: Vengono inviati messaggi in lingua italiana ed inglese a vari utenti, tutti quelli che l’energia disponibile consente di contattare. Coloro che non sono pronti a ricevere in.form.azioni evolutive al collegamento diretto con l’energia non ce ne vorranno.

A tutti coloro che credono opportuno iniziare ad interessarsi per come agire utilizzando la rete neurocerebrale a vantaggio della qualità della vita e della sua durata, chiediamo di avere la pazienza di organizzarsi alla lettura delle attuali 128 pubblicazioni di Rivoevosofia. Chiunque voglia chiedere ulteriori indicazioni potrà farlo su worpress.

Rivoevosofia indica di fare del tutto perché vengano implementati i dati di conoscenza all’evoluzione energetica individuale, quindi tutti potranno avere risposta alle loro domande che al tempo stesso diverrano un dono di energia per altri simili a loro. Molte pubblicazioni sono state elaborate sulla scia di commenti e risposte di lettori-cacciatori che vanno al collegamento diretto con l’energia. Sono facilmente reperibili e da un panorama generale delle pubblicazioni sarà possibile attingere ad una vasta messe di dati utili per trattarsi bene, che non è possibile reperire in altro modo.

silver-robot-with-cosmos

Gli scenari che si aprono ai lettori-cacciatori sono impensabili, tanto quanto accessibili a tutti, senza limitazioni di età o di energia. Tutti potranno avere una chance di capire e agire conformemente a quello che la specie umana farà nella sua ultima fase evolutiva: quella energetica.

Tutta la conoscenza necessaria alla specie umana per evolversi al collegamento diretto con l’energia, quindi allo scopo ultimo per cui questo universo è stato posto in opera, coagula con Rivoevosofia.

Si apriranno i mondi della realtà neurosensoriale e il cervello umano di ultima generazione raggiungerà livelli e qualità in costante evoluzione da ogni precedente.

Attualità:

DNA_telecomando-638x425Questa notte tra le 04.28 e le 05.08 ho aperto numerosi woho continuando ad incidere sulla comunicazione per il collegamento con gli AR della MOG, gli agenti regolatori del 98% dell’intera massa del genoma, quella materia definita oscura fino a non molto tempo fa dall’organizzazione mondiale ENCODE. Il comportamento del dna, rna e isa, rispettivamente consolidamento della trascrizione “dna”, risposta dell’attività sulla base di quella trascrizione “rna” e intervento militare su ospiti indesiderati ed eliminazione dei rifiuti “isa”, sono infatti regolati da agenti che risiedono nel 98% dell’intera massa del genoma. Mentre dna e rna sono acidi nucleici ben conosciuti, gli isa sono le immunoglobuline specifiche anticorpali ovvero la totalità dei nostri elementi immunitari.

Gli AR, agenti della MOG, in grado di governare una regolazione ben al di là di quella computata nei 22.000 geni della trascrizione, sono gli stessi che opportunamente stimolati possono intervenire modificando la trascrizione a vantaggio dell’operatore cacciatore.

gatto-lettore

Rivoevosofia ha indicato modo e metodo per raggiungere questi agenti e in questa sede viene ratificata la terza telefonata al Consorzio Energetico Geni.

Durante la notte ho avuto una immissione di dati che rappresentavano la più alta somma di conoscenza in cui Rivoevosofia mi ha immerso da quando sono divenuto il suo primo emissario. Mentre i dati si snodavano senza soluzione di continuità lasciandomi estasiato nella loro contemplazione, allo stesso tempo ero consapevole che mi sarebbero rimaste delle briciole, già subito poco dopo. Infatti anche se mi levassi di corsa e andassi a cercare di riversarli non potrei fare granché, visto che li perdo con la stessa velocità di come si ammassano nella mia rete neurale. In sostanza devo cercare di essere come una lastra di piombo spessa chilometri per cercare di catturare un neutrino o addirittura un neutralino particella elementare degli wimp. La rete neurocerebrale umana si mette in modo impiegando particelle elementari, cosicché c’è molta poca fantasia nella conoscenza che Rivoevosofia indica, spesso in modo divertente alla stregua di una “battuta”.

8850325047p400

Solo per amore di casistica devo ricordare che anche in questo momento siamo attraversati da particelle definite della materia oscura calda, i neutrini, e da quelle definite della materia oscura fredda, i neutralini, i quali ultimi sono elementi wimp “WeaklyInteractiveMassive Particle”. Tutti elementi che non hanno carica elettrica ne colore, che rappresentano il 22% della materia oscura di questo universo, e che interagiscono molto debolmente con la materia ordinaria “presente al 4%”. Si tratta di microaspetti dell’energia indicata da Rivoevosofia in modo unificato per fare in modo che i cacciatori la possano manipolare a proprio vantaggio. Questa conoscenza dell’MCS fa parte di quella zona inutile che può essere convertita in utilità rivoevosofica”.

header

Tornando a prima è accaduto che poco dopo mi sono attivato andando alla “crab nebula”, dove ho sostato per accumulare energia. E’ la mia quinta stazione di rifornimento che quindi sinora non ha avuto priorità d’ingaggio. Invece questa volta ci ho stazionato a lungo e ho potuto osservare come l’energia che si accumulava fosse ben diversa da quella delle altre stazioni. In quella sede con l’HISB protetto dalla cabina ho attivato tutto quello che ho già descritto del mio genoma mediante l’apertura degli woho specifici che ho irrorato costantemente di energia extra di provenienza da questa “pulsar”.

Ho sentito che l’energia era diversa e aumentava l’interazione con gli agenti regolatori del genoma. Ho addebitato questo fatto a due fattori. Il primo dei due fattori è quello scontato dovuto al fatto che la ripetizione degli atti che riguardano il collegamento diretto con l’energia, implementa i gradi del neurosenso specifico e di conseguenza il risultato ottenibile. Il secondo fattore è dato dall’applicazione del sonoro dovuto alla formidabile rotazione di questa “pulsar” che viaggia a circa 30 rotazioni al secondo. Il suo intenso rumore fa dr.r.r.r.r.r.r…, dove tra le “r” si frappone un singhiozzo di un piccolo formidabile colpo. In settimana avevo estratto questa rivelazione da un programma televisivo di argomentazioni cosmologiche e finalmente disponevo di questo rumore, proprio come avevo assunto il rumore dell’altra pulsar, quella delle vele, che fa ta.ta.ta.ta.ta…, con una rotazione più lenta, si fa per dire, perché dovete figurare una massa corrispondente ad un piccolo pianeta che ruota ben 12 volte al secondo.

magnetar-1

Probabilmente l’associazione delle onde sonore ha magnificato la qualità dell’energia che è possibile raccogliere in quella stazione e questa energia ha rilasciato qualcosa in più nei confronti della stimolazione che ho effettuato sugli AR perché perorassero favorevolmente la causa antidegenerativa del mio BOSN.

Sembrano piccoli passi, ma accade sempre così all’inizio. Oltre a questo è emerso comunque un ulteriore dato interessante per il fatto che le due “pulsar” che impiego come stazioni di rifornimento extra senza alcuna pretesa né aspettativa, hanno un lato ancora oscuro da sviluppare.

immagini_divertenti_gattino3

Le stazioni di rifornimento sono in tutto 5. Le due “pulsar”, quella delle vele e quella della “crab nebula”, di cui era necessario avere suono e distanza, venivano sempre associate alle escursioni effettuate alle prime 3 stazioni, quando si avesse ancora sufficiente energia per effettuare questi ulteriori collegamenti. Le prime 3 stazioni sono il “vento di radiazione solare” indicato come SCCR, la “grotta terrestre” e il “bordo della massa coronale del sole”, quindi si tratta di due stazioni all’interno della stratosfera e di una all’esterno “quest’ultima con cabina protettiva”. Ricordo che l’unica stazione ad essere accessibile all’esposizione congiunta di BOSN ed HISB è la sola SCCR“SolarCircleConcentricRadiation”, che è auspicabile attuare ogni volta che se ne presenti l’occasione. L’alba è il momento migliore dove si incamera energia anche dagli occhi del BOSN che provvede a rinforzare maggiormente aspetti dell’organismo di natura strutturale.

gu_neutron-star3_550sq

Riuscire ad isolare i cerchi concentrici solari, riuscendo quindi ad assorbirne le peculiarità, aveva sorpreso non poco alcuni cacciatori nel vedere la manifestazione di inequivocabili vantaggi e un evidente incremento di energia. Esponendosi poi nelle sole prime due ore del mattino alla stella avevano potuto evitare le protezioni, abbellirsi, abbronzarsi e curarsi la pelle come mai prima. Poi con il tempo la loro sensibilità ai raggi solari era diminuita fortemente e i pruriti non si verificavano più anche per brevi esposizioni alla parte tossica delle radiazioni”.

Continuiamo ora la telefonata iniziata nella pubblicazione precedente, che concluderemo con un’ulteriore pubblicazione. Purtroppo l’aumento a tre puntate si rende necessario per il fatto che l’attualità si è prolungata, ma da come si può capire non potevo fare diversamente perché le esperienze vissute sul campo hanno sempre la precedenza e devono essere rilasciate a breve distanza dalla loro acquisizione. Sono state proprio queste esperienze riversate in tempi brevi a caratterizzare questo tipo di comunicazione rivoevosofica.

diapo 1

Ecco la seconda parte della telefonata con il CEG

GP.: Devo dire parlatore che la comunicazione che hai effettuato è molto precisa visto che hai delineato esattamente l’area di intervento.

P.: Si, esattamente, infatti tutto parte da un punto preciso e si prosegue. E’ sufficiente avere scarsa perizia o insufficiente energia per rendere tutto vano, ma questo gli hunters lo sanno e sanno pure che se si affronta l’energia con il rispetto delle regole rivoevosofiche, la MEC, la mappa energetica di comportamento, indicata per l’attività di collegamento neurocitologico tra il centro e il luogo scelto per l’applicazione degli woho, corrisponde sempre ad un’azione efficiente. Vedi gene Pilotta, rispetto all’energia le azioni sono molto differenti da quelle comunemente impiegate, quindi la MEC di partenza è la prima di ogni avventura che un hunter si appresta a percorrere. Già la sua individuale personale seconda azione sulla stessa scia si comporrà su una MEC derivata dalla prima che ha già messo in opera e sarà differente quel tanto che basta per continuare la sua efficiente azione primaria. La RES tratta il collegamento diretto con l’energia e in questa direzione le operazioni non possono mai essere standardizzate, quindi un hunter arriva a conoscere tutti i passi da fare, ma questi sono, appunto, di natura energetica diretta e non solo strutturali.

neutronDIGI

Proseguo…: dopo aver iniziato questo tipo di comunicazione tra il centro neurocitologico sito all’interno del cranio e la prima area interessata, sono andato avanti in questo modo effettuando tutti gli altri collegamenti, area per area neurocitologica che, mano a mano si evidenziavano in progressiva successione e proprio come tu avevi accennato, ho trattato esclusivamente l’area di sinistra della gola fino a quella dove nella mia controparte fisica, BOSN“OrganicBodyNeuro Structural”, è presente una ciste tiroidea evidentemente collusa con l’attacco degenere alla gola.

Lavorando a fondo, con gli AR, le aree a piccoli tratti, potevo evidenziare con estrema accuratezza come le piccole chiazze trattate perdevano la loro attività degenere e alla fine mi sono trovato con l’intera area di sinistra della gola, partendo dalla retronarice, tonsilla compresa, totalmente sfiammata e pressoché normalizzata.

GP.: Dunque “parlatore” avevi la gola sinistra a posto e quella destra infiammata in attività degenere?

genoma-humano-cdigo

P.: Proprio così gene Pilotta, e potrai immaginare che nonostante la moltitudine di co.incidenze e i DACS di conoscenza specifica che ho accumulato in questi ultimi anni, non riesco a non continuare a stupirmi, nel senso che mi fermo un attimo, un solo attimo può bastare…, a contemplare certi avvenimenti. Ti assicuro che altri spettacoli a questo mondo non sono equiparabili a questi, per la situazione neurosensoriale che riescono a provocare ogni volta con la loro entrata in scena.

GP.: Credo, “parlatore”, che questo accade per il fatto che nessun addestramento di questo genere è mai accaduto con il precedente software dell’MCS. Sono fatti apparentemente semplici ma anomali e assolutamente non previsti, quindi una rete neurocerebrale umana si trova ad essere stimolata come non poteva supporre e questo determina quello che provi. E’ per caso cosi?

To be continued

La telofonata si chiuderà con la prossima terza parte. Nell’occasione l’attualità indicherà le colorazioni dell’energia-benzina che è disponibile alle 5 stazioni di rifornimento. Alla prossima da Rivoevosofia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...