RIVOEVOSOFIA.125-“Attualità-Energia”-30.1.2014

AJ061

RES: Scienziati informatici, fisici teorici ed astrofisici dovrebbero evolvere la rete neurale del loro cervello al collegamento diretto con l’energia, tutto allo scopo di voler vedere qualcosa di più del mondo che stanno preparando con tanta generosità ed entusiasmo. Troveranno accesso a dei ponti che non avrebbero mai potuto prevedere inadn altro modo e otterrebbero facilmente la conoscenza di una realtà energetica aumentata, di imprevedibile durata, senza per questo dover interrompere la loro precedente andatura, anzi il loro duplice impegno spingerebbe inverosimilmente all’accelerazione dell’intero paradigma evolutivo complessivo della specie umana.

2016qu

Tutti i livelli andrebbero in espansione similmente a quello che l’energia oscura di questo universo sta facendo. Tutto questo ha ora il nome di Rivoevosofia, ma come per ogni altra cosa comune, non si tratta che di un nome che indica un corpo energetico neurosensoriale “HISB”, da assumere mediante un addestramento combinato con il corpo fisico “BOSN” ed uno specifico neurosenso, non dopo un buono impegno ad esaurirne la base ragionata della logica.

1035visi_90

0001076442

Il collegamento diretto con l’energia messo in campo dagli woho per l’utilizzo della materia e dell’energia oscura di questo universo al quale la specie umana è energeticamente connessa e la simbiosi attuata con gli AR, agenti regolatori della MOG, la materia oscura del genoma, aprono ai cacciatori la porta di uscita dall’evoluzione biologica ormai ultimata ma…, non ci saranno tutte le fasce degli organismi biologici ordinarie della nostra specie.

RayKurzweil

Tutto il collettivo biologico guidato dall’MCS ha fatto, sta facendo e farà la sua parte, ma l’evoluzione energetica individuale è una materia che necessita di un particolare accumulo di DACS di conoscenza energetica specifica e, il cacciatore attende…, di raggiungere quella quantità.

articolo hawking hires

Un excursus retroattivo

Subito dopo la realizzazione del percorso che ha neutralizzato la parte nociva dell’MCS, Rivoevosofia si è dedicata ad un percorso di evoluzione energetica individuale sulla base del singolaritarismo della sezione scientifica informatica della mente collettiva di sistema. La serie televisivia di 18 puntate di “Caprica” fu esaminata e avvicendata alle idee dello scienziato informatico singolaritarista Ray Kurzweil.

singularity-is-nearI cacciatori di allora studiavano come base il testo di questo scienziato “La Singolarità è vicina” e questo apriva la logica-ragionata rivoevosofica, perché appariva distintamente come il percorso fosse parallelo ancorché rivoevosoficamente evolutivo, quindi la “Radiazione di Hawking” aveva implementato gli assunti delle pratiche di contemporaneità tra il BOSN e l’HISB che sono la base evolutiva dei cacciatori.

silver-robot-with-cosmos

Tutto questo avveniva dopo il 2008, ma in questi ultimi tempi l’accelerazione tecnologica ha reso l’informazione che sta entrando nella massa a dir poco spaventosa, anche se non percepibile in questo modo.

ThroughtheWormhole

Una massa di astrofisici ci sta irrorando con una montagna di formule ed idee, tra le quali emergono piccoli ma potenti nuclei di in.form.azioni evolutive al collegamento diretto con l’energia. Lo scienziato televisivamente presente e maggiormente visibile, molto simpatico, ancorché ricco di dati ed idee innovative, si chiama Michio Kaku e l’ascoltarlo non manca mai di arricchire la propria rete neurale di qualcosa.

michio_kaku

I cacciatori dovrebbero seguire le linee di queste sezioni scientifiche dell’MCS, quindi dovrebbero trattare bene il “povero” BOSN nutrendolo di alimenti carichi di nutrienti, sani e capaci di non attivare o produrre letteralmente  infiammazioni neurocellulari. Alimenti buoni al palato sapientemente lavorati in cucina ed assolutamente bilanciati o incapaci di produrre alterazioni glicemiche. I cacciatori dovrebbero poi impiegare un ponte di protezione con i fitoaromatici per superare i problemi fisici sul campo e dopo…, dopo arriva l’accelerazione del progetto rivoevosofiche con gli woho e il collegamento con gli agenti regolatori “AR” della MOG, la materia oscura del genoma.

occhi gatto

Entra in campo una realtà energeticamente aumentata di lunga, imprevedibile durata, poi i compagni di viaggio si presenteranno nelle 3DV, nelle fasce di queste dimensioni vibrazionali e i cacciatori godranno di fascicoli di fogli-membrana che non avrebbero mai potuto immaginare.

lampino-prega-gatto-francesco-240x300

Attualità:

La testata è in realtà una lunga chiacchierata gravitazionale. I criteri dell’energia in questo universo spingono gravitazionalmente per poi lanciarsi in una sfrenata espansione, quindi è questa l’energia voluta all’interno di questa chiacchierata. Poi Rivoevosofia attende le comunicazioni, attende la possibilità che i lettori-cacciatori diano a se stessi di aumentare i dati significativi e la conoscenza in DACS che ne deriva.

r_vlcsnap-2012-05-24-11h27m30s140-2

Una cacciatrice non molto tempo addietro, ha chiesto qualche in.form.azione addizionale sulla FO.gt e si è illuminata quando ha assimilato il concetto che al di là delle sue caratteristiche peculiari di azione duplice, questa forza dovesse essere calibrata in modo da scendere in modo vasto sulla contemporaneità delle pratiche che svolgono il BOSN e l’HISB. Vorrei aggiungere a questo che la FO.gt si esprime come forza con quelle caratteristiche quando l’HISB lavora in solitario e si confà al nucleo della potente contrazione che viene effetutata quando l’HISB e il BOSN lavorano in contemporanea.

guarigione2

Sono dati per cacciatori che praticano, ma tutti coloro che mi chiedessero di espanderli per attuarli, mi vedrebbero all’opera nel tentativo di facilitarne il percorso.

148324_150486974997152_142350102477506_253528_8151901_n

Apparentemente le pratiche di Rivoevosofia sembrano appartenere ad esperti delle asana yoga, ma non è così, perché chiunque potrebbe attuarle anche iniziando da un solo braccio o da una sola gamba. Il problema di fondo è solo quello di iniziare, poi in qualche modo si diviene cacciatori che mirano al collegamento diretto con l’energia, poi… si apre il vaso e… non sarà certo quello di “pandora”.

A presto da Riveovosofia.

RIVOEVOSOFIA.124-“Attualità-Energia”-29.1.2014

pleiadiani

RES: Si cerca di avere un archivio sensato mettendo ordine sui fascicoli di fogli-membrana delle 3DV, tre dimensioni vibrazionali che vengono distinte in fasce specifiche per aree specifiche: ordinaria, esterna, del sogno. Tre corpi con cui i cacciatori hanno abitualmente a che fare e la cui unificazione comporta esperienze straordinarie. Esperienze che vanno nella direzione dell’evoluzione energetica individiuale.

string-theory-kitten

Continua il consolidamento energetico dell’intervento degli AR, agenti regolatori che risiedono nella MOG, la materia oscura della specifica genesi di appartenenza. Intendiamoci, questa faccenda della distinzione tra i 22.000 geni della trascrizione, gli acidi ribonucleici attivi e la spazzatura “il 98%” del genoma, è opera degli ingegneri dell’ENCODE dell’MCS che stanno via via rettificando il tiro. Non è rivoevosofica questa distinzione, pure Rivoevosofia si evolve da lì per andare in una direzione specifica, quindi…  

9abe7-stargate_wormhole.jpg w=600&h=450

Attualità:

Sono le ore 05.01 inizio ad aprire gli woho. La situazione energetica favorevole mi invita a produrli con una qualità molto gratificante. Al loro interno la piccola nebulosa è molto brillante e mobile ed è la stessa che si comporta in modo energeticamente libero scivolando nelle aree del corpo dove non apro specificatamente degli woho, “per avere un’idea dal ginocchio all’anca la nebulosa passa come un lento vento”. Inizio poi a reclamare l’intervento degli agenti regolatori dalla massa della materia oscura del genoma e li invito a continuare ad occuparsi dei miei punti strategici e soprattutto dell’orecchio destro. E’ stata proprio l’otite infiammatoria di questo orecchio a darmi la dimensione del loro intervento. La metaforica area oscura riferibile all’intervento degli agenti regolatori del dna, rna e isa “immunoglobuline specifiche anticorpali”, usando un modo di dire, osservo che si sta dissipando non poco. Questo fattore di richiesta di intervento non era certo al livello di quello degli woho che da tempo hanno dato prova di cosa riescono a fare e comunque essi restano il primo richiamo. Si deve considerare che il tipo di intervento richiesto agli AR, gli agenti regolatori la cui sede si trova nella MOG, la materia oscura del genoma, era sul tipo di quello che si richiede alle vitamine e agli antiossidanti, quindi un intervento di fiducia di supposto beneficio retto dalla fede nel software dell’MCS, quindi tutto da valutare… Però in questo caso specifico, la similitudine indicata è del tutto assente e l’otite infiammatoria ha formato una netta linea di demarcazione, perché non si trattava di un disagio classico ed il suo nucleo si manteneva costantemente pronto a partire. Avevo subito risolto il problema della flogosi e quello funzionale dell’orecchio, ma quella piccola parte in attività degenere permaneva ed era paritetica a tutto quello che in genere sono costretto a subire nella struttura osteoarticolare. L’attività degenere generale in questo periodo sta scemando, ma rimane ancora la regola che ogni tanto si presenta un piccolo dolore in qualche snodo articolare, che poi aumenta gradualmente, fino a quando lo tratto e lo riduco all’impotenza a colpi di woho. Una percentuale di questi disagi si installa in modo cronico per giorni e giorni e perfino per mesi, prima di recedere del tutto come se non fossero mai esistiti ed in un tale periodo di presenza degenere la cronicizzazione determina un’alterazione funzionale del punto che viene colpito “ginocchio, mano, spalla, anca etc”.

blackhole-wormhole

Quel punto dell’orecchio stava facendo la stessa cosa da un paio di settimane e il rischio era quello che potesse portare in degenerazione la funzionalità di questo mezzo senso, visto che la zona interna dell’orecchio è molto delicata, quindi di difficile recupero funzionale, perlomeno in toto. Confidavo comunque che, in buona percentuale, questo attacco avrebbe fatto la fine di quelli precedenti che tornano da dove sono venuti senza lasciare danni. Non era comunque possibile credere che potesse recedere del tutto o quasi nell’immediato, ma confidavo che la persistenza dell’applicazione degli woho ogni volta che stesse per partire, avrebbe risolto prima o poi la situazione.

gb-le-mieux-med

Richiesta e risposta degli AR nel caso specifico si sono unificati e a questa risposta positiva non posso sistemare alcuna coincidenza. La logica-ragionata è totalmente favorevole e così anche il neurosenso specifico di quello che è accaduto. Gli AR sono entrati palesemente in azione.

A fronte di tutto questo, ogni occasione di apertura degli woho sarà un pretesto per avviare la loro entrata in campo. Il neurosenso specifico ad un certo punto mi aiuterà snellendo le procedure che potranno avviarsi con la velocità e la capacità energetica necessaria. Il panorama sonoro dell’HISB “ricordiamoci che è il parlatore in tutti i sensi”, verrà aumentato considerevolmente e verrà gestito secondo le indicazioni e le pertinenze del momento.

1191251050b

Il sottofondo di questo lavoro incide nella solita direzione dell’evoluzione energetica individuale che si fonda sulla coesione del corpo neurosensoriale esterno HISB. Tutto questo lavoro sulla base degli AR lo implementa fortemente. L’impegno che questo richiede va nella direzione dell’unificazione delle 3DV. Tre dimensioni vibrazionali che quando si uniscono in un unico fascicolo di fogli-membrana, determinano esperienze che non sono possibili da raggiungere diversamente. Esperienze che forniscono energia evolutiva e proiettano il povero BOSN oltre i suoi confini. I cacciatori lo sperimenteranno sempre più frequentemente e potranno passarne la conoscenza specifica, i DACS, a tutti coloro che similmente possiedono la spinta evolutiva al collegamento diretto con l’energia.

558051_481499108527392_458588612_n

Facciamo un salto indietro, all’inizio…

Erano le 05.01. Ho aperto degli woho con le caratteristiche energetiche che ho descritto, molto molto gratificanti, poi ho richiamato all’azione gli AR e frettolosamente sono andato alle stazioni di rifornimento. Sono rientrato e questa volta ho voluto controllare l’orologio per vedere che erano le 05.55. Quindi i pochi minuti, neppure una decina, che mi ero concesso, con il calcolo del comune metodo di misurazione erano oltre 50.

Quando un cacciatore si sposta al collegamento diretto con l’energia perde le misurazioni di tempo e spazio per muoversi con i valori di intensità dell’energia che mette in campo, quindi con una costante che non c’è, perché data dalla variabilità. Il cacciatore anche quando utilizza le misurazioni nella dimensione vibrazionale ordinaria, tiene conto di tutto questo ed utilizza lo spazio e il tempo nell’ambito delle proprie necessità, visto che sa bene che il metro e il minuto non sono né una costante, né una incostante dell’energia.

Comunque nulla in contrario a fornire l’anima ad un bastone se questo lo rendesse utile per una specifica occasione.

BigBang

Arrivano dati significativi sull’unificazione energetica di:

BOSN“corpo fisico”

HISB“corpo neurosensoriale esterno”

AdS“area del sogno” e CdS “corpo del sogno”.

Implementiamo ulteriori dati sulle tre dimensioni vibrazionali. Ritengo che queste abbiano necessità di essere continuamente confermate ed iterate per dare il loro appropriato contributo come neurosenso specifico. La logica-ragionata delle 3DV, dimensioni vibrazionali, comporta l’assunzione delle rispettive fasce di alloggiamento e distinzione -ordinaria etc.-, e l’assunzione di come si formano i rispettivi fascicoli dei fogli-membrana che rappresentano un determinato numero di eventi lineari di vita combinati tra loro” 

gatti-spaventati-1

Seguiamo cosa accade lungo l’andatura dei cacciatori.

L’impiego degli woho e delle pratiche rivoevosofiche

apre l’ingresso ad altre dimensioni.

La prima è quella ordinaria ed è conosciuta in vari modi e a vari livelli d’intensità, è comunque quella comune e accessibile, quindi il primo campo di pratica nel percorso dell’evoluzione biologica degli organismi della specie umana che abbiano raggiunto la rete neurale più evoluta fino a questo punto.

-La seconda è quella in cui si inoltrano tutti gli individui che concorrono all’evoluzione energetica individuale, mediante l’attività rivoevosofica che implica l’applicazione di pratiche di contemporaneità eseguite tra il corpo fisico chiamato BOSN e quello neurosensoriale esterno indicato come HISB. E’ supposto che il cacciatore abbia effettuato le pratiche per portare il corpo neurosensoriale HISB all’esterno del suo corpo fisico BOSN.

-La terza ed ultima è una dimensione indicata come AdS“area del sogno”. Suppone di avere a che fare occasionalmente con il CdS“corpo del sogno”. Si tratta di esperienze di alta intensità, già in parte comunemente conosciute. Nella linea dei cacciatori queste esperienze raggiungono elevati livelli di intensità e di frequenza ma anche se frequenti, rimangono comunque volontariamente inaccessibili nei particolari. L’accesso in generale accade spesso durante le pratiche rivoevosofiche ma come detto la volontarietà non ha accesso ai particolari.

tumblr_myjc7cq8Ma1qe6rd5o1_500

Sono stati dati molti esempi di come ci si possa trovare in un’esperienza combinata tra i tre stati, quello comune, quello derivato dal tenersi in esterno con un corpo di sola natura neurosensoriale esattamente identico a quello fisico e quello dell’area del sogno, o dell’area del sogno che include il corpo del sogno.

Le combinazioni possono essere determinate dal trovarsi:

-dentro un’area creata dal corpo neurosensoriale HISB con la contemporaneità del corpo fisico BOSN.

-dentro un’area del sogno con la contemporaneità di HISB e BOSN.

-dentro un’area del sogno con il l’HISB che assume la contemporaneità del corpo del sogno, lasciando quella con il BOSN.

taob

Infine cercate di sistemare ordinatamente nella vostra rete neurale

tutte le in.form.azioni che seguono:

Queste esperienze prodotte dalle pratiche dei cacciatori sono state classificate nel modo più opportuno, dividendole in tre differenti dimensioni vibrazionali, che hanno la possibilità di unificarsi. Quando le tre vibrazioni riescono momentaneamente a coesistere negli stessi fogli-membrana, i cacciatori vivono delle esperienze energetiche uniche. Un foglio-membrana rappresenta un accadimento energetico e più di questi fogli danno vita a degli eventi lineari susseguenti che si identificano in azioni. Un fascicolo di fogli-membrana è composto da una serie di eventi susseguenti tra loro. Questo fascicolo di fogli-membrana potrebbe rappresentare una serie di eventi prodotti durante un processo in cui tre vibrazioni normalmente divise si trovano insieme unificate. Questo fascicolo rappresenta per un cacciatore una esperienza unica nel suo genere e ogni volta dissimile. Questi fascicoli portano energia, implementano ed allungano le possibilità individuali evolutive.

Cosicché le 3DV, tre dimensioni vibrazionali che si radunano in fascicoli di fogli-membrana per ogni serie di eventi vissuti, si distinguono per fasce. Ogni dimensione vibrazionale appartiene ad una fascia: ordinaria, neurosensoriale esterna, del sogno.

Prima dell’avvento evolutivo della RES la specie umana si dibatteva tra la fascia ordinaria e quella casuale del sogno con esperienze a vari gradi di intensità e variabilità sia nella fascia ordinaria che in quella del sogno.

Obe2

Rivoevosofia comporta l’evento del “ponte della fascia di mezzo” che unifica in modo straordinario e non casuale la fascia ordinaria dove è presente la dimensione vibrazionale del corpo fisico, ed in modo molto più intenso e molto meno casuale la fascia dell’area del sogno. Il ponte della fascia di mezzo è l’HISB.

I cacciatori, anche coloro che non hanno mai avuto esperienze del corpo del sogno, iniziano ad avere accesso con una frequenza variabile a questo tipo di corpo casuale. I cacciatori vanno all’evoluzione energetica indviduale.

aquilagen

Leggere e rileggere attentamente tutte le indicazioni date, porta ad un aumento del loro assorbimento, al di là della comprensione data dalla logica-ragionata. I cacciatori si troveranno prima o dopo al cospetto di esperienze straordinarie e senza sapere come, accadrà che le classificheranno in qualche modo. Questo fatto porterà nel proprio carniere una maggiore quantità di energia da quegli eventi, sia durante che successivamente. Si formerà il neurosenso specifico che accelererà l’aumento della capacità ricettiva dei cacciatori nei confronti degli eventi straordinari in 3DV.

Qualche bosone, quark, elettrone e neutrino alla fine rimarrà nel corpo neurosensoriale dei lettori-cacciatori e quello all’inizio potrà bastare…, ma non saranno i bosoni sul tipo di quelli che ci hanno fatto conoscere in astrofisica cosmologica.

A presto da Rivoevosofia.

RIVOEVOSOFIA.123-“Attualità-Energia”-28.1.2014

31Pantigoso

RES: Una chiacchierata di conferma sul fatto che il collegamento profondo con la nostra genesi ha preso il largo. I primi tentativi iniziano alla fine del 2012 ma per raggiungere la sentenza definitiva sul valore degli AR della materia oscura del genoma c’è voluto un “aiutino” sottoforma di un particolare disagio ed un’occasione capaci di escludere oltre ogni ragionevole dubbio, l’interferenza di altre coincidenze o appartenenze. Gli AR si confezionano su quello che è già stato ottenuto conclamatamente con gli woho e… scusate se è poco! Però per avere questa complessa conoscenza è necessario essere dei lettori-cacciatori già esperti della pratica degli woho e che abbiano ottenuto dei risutati inequivocabili. Per tutti gli altri si tratta, al momento, di interessanti teorie ma la pratica dipende solo da loro. Rivoevosofia è un piatto pronto e definitivamente confermato, è necessario sedersi a tavola…

65165714

Attualità: collegamento profondo con la nostra genesi.

Nella precedente pubblicazione ho concluso il programma addizionale che riguardava il progetto rivoevosofico sul genoma. L’interesse per intervenire sul genoma a proprio vantaggio è sempre stato alto e i dati avevano cominciato ad affluire non molto tempo fa, il loro riversamento era stato effettuato con le telefonate al CEG, il Consorzio Energetico Geni. Telefonate che avvenivano con il centralinista Gene Pilotta e il “parlatore”, HISB, l’unico in grado di interferire con i geni. Poi era avvenuto uno stop ed infine il tentativo di continuare in questa direzione era stato affidato alle pubblicazioni che riportavano quei colloqui avvenuti ad oltre un anno di distanza. Avevo in animo di portare la terza e la quarta telefonata che ancora non erano state pubblicate ma rileggendo la terza ho ritenuto fosse divenuta ormai un inutile pesante dinosauro.

agua

I lettori-cacciatori devono ritenere che quello che leggono ha un retro di qualche migliaio di pagine scritte precedentemente durante alcuni anni e che ora stanno leggendo lo “ius primae noctis” di quello che avviene momento per momento in totale costante evoluzione.

Le pubblicazioni rivoevosofiche non hanno nulla a che vedere con i libri, quindi faccio fatica a trovare dei pezzi precedenti che siano in linea con gli attuali. Certo ci sono parti interessanti che potrebbero essere rielaborate ma quello che avviene sul campo sta avvenendo ora ed è senz’altro più evoluto rispetto a tutto quello che è stato fatto in precedenza.

Va compreso che non si tratta di argomenti ma di fatti vissuti, spinti al collegamento diretto con l’energia ed esperienze di questo tipo sono automaticamente più evolute delle precedenti. I dati dei nuovi accadimenti vengono riportati solo quando esaminano qualcosa di nuovo oltre che evoluto, quindi si tende ad escludere gli eventi ripetitivi, poi ci sono anche eventi di grande interesse ma che, ritualmente persi in ragguardevole quantità, non c’è più modo di ripescarli e riversarli. Magari successivamente si ripropongono in una nuova e più evoluta veste, quindi non mi sento assolutamente di invidiare una intelligenza artificiale con capacità digitali.

majincashetlandrum3

Nella prima notte in cui ho potuto ben elaborare temi e tecniche per entrare profondamente in collegamento con gli elementi regolatori che si trovano all’interno della materia oscura della mia genesi, ho anche vissuto esperienze di fenomenale coesione dell’HISB e di unificazione dei tre differenti tipi di fogli-membrana a cui i cacciatori tendono per vivere memorabili esperienze.

Una esperienza, che le identifica tutte, si è verificata quando durante il tam tam sulla richiesta di intervento agli AR, agenti regolatori che abitano nella MOG“Obscure MatterGenome”, mi sono improvvisamente trovato a viaggiare ad un paio di migliaia di metri da terra, sopra scenari incredibilmente belli. Passavo sopra foreste lussurreggianti senza però incrociare zone antropiche. Appena è iniziata questa escursione in quel fascicolo unificato di fogli-membrana, ho fermato l’intervento dal centro neurocitologico dell’HISB e ho seguito la corrente del regalo che mi veniva fatto. E’ stato un bel godere ma in questo momento che lo riverso ne ho dimenticato buona parte. In questi casi non è soltanto bellezza, ma è come bere energia direttamente e quando un cacciatore si trova di fronte a questi stati non deve indugiare, perché tutto è solo per i suoi occhi, quindi per la sua energia. Appena il rubinetto aperto del dono energetico si è chiuso ho continuato il collegamento con gli AR“AgentRegulators”, agenti regolatori della MOG.

immagini_divertenti_gattino3

Per un tentativo di descrivere questo tipo di esperienze vi dico che sono entrato nell’area di questo dono energetico con l’HISB, il quale è rimasto dov’era, quindi anche intimamente collegato al BOSN. Il viaggio avveniva dalla postazione dell’HISB senza alcun distacco e non era un volare sopra, ma vivere quella possibilità inspiegabile con la coerenza della logica-ragionata.  Si trattava di energia e gli elementi di spazio e tempo erano stati totalmente espulsi, pure erano sempre lì a determinare il quanto il come e il dove. Tutti gli elementi erano contenuti in un’area bloccata, eppure tutto viaggiava al tempo stesso con scenari ricchi e vari che si snodavano come se il movimento stesse avvenendo ad una certa velocità.

sognare-violetto

I cacciatori devono valutare che l’energia non considera il tempo e lo spazio come è necessario che venga valutato dalla specie umana all’interno della stratosfera di questo pianeta, quindi essa si comporta come se pur includendoli ne togliesse al tempo stesso i valori. La specie umana è stata addestrata per migliaia di anni a considerare certi valori e il ricondizionarne la rete neurale può essere laborioso. Non c’è nulla di esatto nell’ora esatta e neppure nello spazio considerato come fattore di utilità per un evento, un’azione, una necessità. Un cacciatore distingue bene le caratteristiche dell’energia di questo universo, da quelle confezionate come misura per la manipolazione degli eventi necessari alla vita della specie umana su questo pianeta. Le misurazioni e i principi impiegati potrebbero essere facilmente regolati in altro modo, creando il solo disagio dovuto ad un nuovo adattamento come nel caso del cambio dalla lira all’euro. Questo per quanto riguarda l’interno della stratosfera, perché quando si portano le misurazioni al di fuori, i chilometri, gli anni luce, i parsec e le unità astronomiche non hanno alcun senso. Neppure lo scienziato che li enuncia sa realmente di cosa si tratta e non ne potrebbe avere neppure il senso comune, quindi spesso nella comunità scientifica tentano di spiegare quello che non possono neppure loro assimilare portando avanti improponibili paragoni di proporzione che arruffano differenze tra un acido d’uva e un cocomero. Farsi la domanda di che senso ha un anno luce, presuppone la risposta di che senso mai potrebbe avere il senso di un anno luce, o di un parsec e questo accade anche nella valutazione dello spazio. Quando la mente effettua queste misurazioni entra un profondo stato di “entanglement quantistico”, che vuol dire energeticamente entrare in un “garbuglio inidentificabile”.

indianoconfuoco

Con questo post voglio inviare il messaggio che difficilmente potrò riportare parti dei lavori di Rivoevosofia elaborate in passato, tranne recuperarle e riverstirle di nuovo sulla base di accadimenti di ultima evoluzione che se ne potrebbero avvantaggiare.

Comunque nella terza telefonata al CEG, si proponeva lungamente, troppo lungamente, il tema dei disagi che dovevo affrontare in quel periodo. Rileggendo quegli accadimenti, mi sono reso conto della costante accelerazione in atto nel paradigma evolutivo in cui mi trovo. Comunque tutto il colloquio viveva l’inconcepibile fatto di avere totalmente sfiammato mezza gola alla volta, allo scopo di provare la veridicità dell’applicazione degli woho. Ero in corso di un attacco virale e la gola sembrava una carta vetrata, quindi nel mio caso sapevo bene che non ci potevano essere coincidenze, ma il fatto di aver demarcato l’intervento in quel modo rendeva tutto l’esperimento molto divertente…, si fa per dire!  In quel periodo un fatto del genere rappresentava una cosa da non credere, ma tutto è in evoluzione costante e come ho già accennato in potente accelerazione.

Paradiso_Terrestre

Comunque vivo in questo periodo la netta sensazione che i fogli-membrana si unifichino a volte con una facilità irrisoria senza essere per nulla legati ad una sorta di instabilità o leggerezza fisica. In passato i lunghi silenzi interiori e le meditazioni effettuate dopo potenti pratiche fisiche, potevano determinare dei momenti di forte alleggerimento della parte fisica e questo poteva comportare delle manifestazioni sensoriali alienate ed alterate. Non era comunque il mio caso perché quello che mi accadeva partiva sempre da una base molto stabile. Non sapevo cosa fosse uno sballo visto che avevo un’andatura necessariamente e totalmente igienista. Entravo facilmente in stati alterati di coscienza semplicemente fissando per un minimo di tempo un oggetto o una lontananza, poi avevo a che fare spesso con il mio doppio corpo, il CdS, il corpo del sogno. Anche durante un pisolino sul divano, mi accadeva di trovarmi improvvisamente a vivere incredibili esperienze sensoriali in un’altra realtà.

“A volte in quelle realtà mi trovavo a ricordare fatti che andavano indietro negli anni e realmente avevo vissuto tutto quel tempo in quella realtà seconda, perché rammentavo tutte le interazioni avute con gli essere umani che la riguardavano, come fossero accaduti in un altro universo e in un’altra vita”.

Se i ricercatori della comunità scientifica astrofisica potessero avere questo tipo di esperienze, vedrebbero confermate le loro teorie sul multiverso e l’abolizione definitiva del “paradosso del nonno”.

 screen568x568

Tutto questo mi ha sempre dato la capacità di poter intervenire per equilibrare altri che non sapevano come gestire le loro alterazioni sensoriali.

Quello che voglio dire ai cacciatori è che la loro evoluzione comporta un profilo in cui da una potente stabilità e concretezza del loro BOSN, troveranno aperture energetiche per viaggiare in dimensioni vibrazionali mai conosciute.

Per entrare e viaggiare all’interno di queste dimensioni si deve essere energeticamente potenti e a questo si potrà provvedere andando alle stazioni di rifornimento indicate da Rivoevosofia ma è necessario sapere che il profilo di prendere energia extra, gettandola e disperdendola al tempo stesso, non paga. Il profilo adatto sarebbe quello di trattare al meglio il proprio “poveroBOSN, anche se non si è anziani o malati e ci si sente, al contrario, indistruttibili. Gli indistruttibili disperdono energia a destra e a manca e se non si moderano, difficilmente possono entrare in campi dimensionali meno grezzi di quello in cui abitualmente sostano.

Spazio-e-tempo-sono-inseparabili-450x338

Gli espedienti di sballo per facilitare uno stato alterato disperdono energia e il solo campo dimensionale a cui fanno accedere è molto poco intenso, quindi non energeticamente qualitativo per indurre un avanzamento della propria evoluzione individuale, semmai un regredimento dovuto ad un decadimento progressivo della loro potenzialità neurale. I cacciatori eliminano via via tutti gli agenti di disturbo che l’MCS elargisce per disperdere energia mediante il piacere, ma quando un cacciatore raggiunge il collegamento diretto con l’energia, senza alcun ausilio, tutto quello che il BOSN fa diviene un piacere insostituibile.

A presto, ai prossimi dati disponibili, da Rivoevosofia

RIVOEVOSOFIA.122-“Attualità-Energia”-27.1.2014

4c0c86fa2bf79a1f30a646c1c54dff7c

Scala_verso_il_Paradiso

Continuano altre in.form.azioni per sviluppare un profondo collegamento con la nostra genesi. Gli agenti regolatori della materia oscura genetica sono definibili dei border.line con il codice energetico di presenza di ogni organismo. Quelli della specie umana che concorrono all’evoluzione energetica individuale possono essere assunti al proprio termine d’ingaggio. La manovra è a carico dell’HISB, il corpo neurosensoriale esterno definito il “parlatore”. Le operazioni come visto nella precedente pubblicazione sono nutrite e apparentemente complesse. Per sciogliere il nodo della loro applicabilità vengono presentate delle esperienze personali del primo emissario di Rivoevosofia, colui che elabora le pubblicazioni e che si trova in trincea evolutiva per aprire dei varchi. Un varco aperto è sempre percorribile da tutti coloro che sono simili energeticamente a colui o coloro che hanno provveduto ad aprirlo, poi potranno intervenire e dare il cambio a staffetta.

Sistema-immunitario-le-difese-naturali-dell’-organismo-ecco-perché-qualcuno-si-ammala-ed-altri-no

Invito i lettori-cacciatori praticanti a non farsi bruciare dall’entusiasmo e assolutamente a non inficiare la persistenza. Intendo quella persistenza che viene attuata senza condurre da nessuna parte perché inquinata energeticamente dall’interferenza mentale. Interferenze che si esprimono sia con la solita vocina che con la potenza decisionale di coloro che denotano grande carattere, ma considerate pure che è molto complicato darvi ulteriori istruzioni in merito perché migliaia di anni di addestramento hanno necessità di qualche minuto di riforma, non credete!…

SLTG_MAIN_1_JPG

Attualità:

Per rendere definitivamente attuabile il quadro precedente devo aggiungere dei dati riguardo alla mia esperienza avuta a poche ore da questo riversamento e a quella precedente della notte prima. Sono ovviamente esperienze che riguardano il collegamento profondo con la nostra genesi.

Per collegamento profondo intendo un tipo di collegamento che include il codice energetico di presenza che Rivoevosofia indica come “CEP”.

L’MCS si è occupata del percorso evolutivo biologico che include il solo BOSN evitando ogni altra possibilità che potesse distogliere da questo paradigma dell’evoluzione degli organismi su questo pianeta.

Rivoevosofia evolve dall’MCS verlo l’evoluzione energetica individuale della specie umana e si occupa anche dell’HISB. Questo corpo neurosensoriale una volta staccato dal BOSN pur rimanendo intimamente contemporaneamente collegato, attiva una differente fascia per una dimensione vibrazionale che si esprime con fascicoli di fogli-membrana definibili di secondo tipo. Questo tipo di fogli-membrana sono collegati intimamente al CEP, quindi possono includere una stretta relazione con la genesi di partenza dell’organismo che gli appartiene.

messaggi-alieni-dna-mondo

La MOG“ObscureMatterGenome” è la materia oscura del genoma di un organismo che annovera nel suo ambiente gli elementi border-line che Rivoevosofia indica come AR“RegulatorAgents”, agenti regolatori che intervengono sulla trascrizione delle in.form.azioni e sull’attività dei geni fino a raggiungere i quadri delle immunoglobuline specifiche anticorpali.

Gli AR sono chiamati border-line per il fatto di essere collegati dal loro ambiente di materia oscura che possiede massa a quello altrettanto oscuro che non la possiede, il CEP individuale.

Queste sono le in.form.azioni base con cui i cacciatori possono iniziare a dare corpo al collegamento con gli AR, che come abbiamo visto nella precedente pubblicazione è un collegamento strettamente nutrito di interventi sottosonori a carico esclusivo dell’HISB.

Mi-último-adiós

Dopo che il cacciatore è in qualche modo riuscito a collegare nell’HISB tutti gli woho aperti con le dinamiche sonore che mirano ad ottenere lo scopo di coinvolgere gli AR a proprio favore, dovrà insistere ed insistere per attivare a quel sonoro dell’HISB il significato dell’in.form.azione implicita in quegli acronimi. Il cacciatore può anche dire direttamente cosa vuole, ma gli acronimi sono molto utili per restringere il campo ed ottenere più facilmente il neurosenso specifico che li riguarda.

Questo è proprio quello che ho dovuto fare in queste due mattinate. Avevo già operato in tale senso, ma non in modo così programmato e preparato. Non che ciò che ho ottenuto sia il top, ma è senz’altro più organizzato ed efficiente delle mie operazioni precedenti.

Posso garantire ai lettori-cacciatori che ad un certo punto la rete neurale sballa per tutte le continue in.form.azioni che viaggiano da un capo all’altro per il collegamento tra il centro, gli woho aperti e gli AR della propria genesi. Questo è quello che mi è accaduto, ma piano piano ho iniziato ad intravedere che si aprivano i significati degli acronimi e che si installavano nella zona neurocitologica specifica di ogni woho, quindi iniziavano a prodursi i neurosensi specifici, i quali divengono dei veri acceleratori e vi assicuro che in quanto a velocità di attuazione l’LHC“Large HadronCollider” di Ginevra gli fa un baffo, perché sono in grado di rendere ridicola anche la rapidità fotonica.

r150431-e541464-3dv3

Ho attuato un getto continuo di va e vieni: MOG, AR, BDG, COB, VBT, DNA, RNA, ISA. Queste ultime sono le immunoglobuline specifiche anticorpali. Non ho neppure fatto mancare le indicazioni lineari specificando ogni acronimo in tutta la sua lunghezza. La rete neurale e il centro di controllo impallidivano, spezzavano i collegamenti, intrugliavano i significati degli acronimi, ma piano piano iniziavano ad ordinare tutto, piano piano… E sempre piano piano si poteva notare l’interazione locale di un’attività energetica maggiormente complessa di quella precedente che era a solo carico degli woho. Ma non è ancora finita perché sono saltato più volte alla grotta aprendo rapidamente un Mwoho e proprio questa mattina mi si è aperto avanti al letto un piccolo limitato scenario che era composto di un picco di montagna appena appena sufficiente per stabilircisi in padmasana, quindi ho aperto un Mwoho e mi sono messo ad assorbire la SCCR, la radiazione solare dei cerchi concentrici. Sia alla grotta che alla SCCR ho implementato gli woho aperti e ho dato una maggiore energia disponibile agli AR della mia MOG.

index

L’esperienza di ieri mattina ha avuto un’apparente durata di una ventina di minuti, ma in realtà iniziando da poco dopo le 05.00 mi sono fermato alle 07.30 e questa mattina ho invece controllato meglio andando dalle 05.50 alle 07.10 con la sensazione di aver passato un breve lasso di tempo. Non ho assolutamente avvertito la pesantezza di una posizione statica tenuta lungamente e quando mi sono alzato vedevo al buio come i gatti.

Ho la fortuna…, di avere tanto materiale utile “parlo dei disagi” per fare tutte le prove che voglio, quindi ho potuto mettere in campo queste sollecitazioni genetiche ad indicazione specifica. Una potente attività virale è stata subdolamente presente per 3 o 4 giorni, ma era come non ci fosse, come se tutti i suoi elementi fossero rintanati in qualche profondo buco delle mie cellule. Ed era come se non si alimentassero per nulla, quindi non rilasciavano neppure i loro escrementi e tossine e i loro stretti parenti, i batteri, facevano senz’altro una brutta fine.

neuroni

Ieri sera, mezz’ora dopo essermi coricato, mi sono accorto di avere una dolorabilità diffusa su tutta la zona lombare e questo fatto in passato ha sempre fatto prevedere una notte laboriosa e una brutta giornata successiva. Mi sono tirato su con il busto e dopo 15 minuti di trattamento a colpi di woho tutto era andato dove deve… Poi alle 05.50 ho fatto il resto. Gli AR sono intervenuti in modo chiaro su un’otite infiammatoria che tenevo sotto controllo da molto tempo. Non si estinguerà del tutto perché legata a dei problemi autoimmuni che mi riguardano e in precedenza manteneva stabile una base che al tocco si infiammava allargandosi nella zona limitrofa, quindi dovevo immediatamente aprire uno woho per abbassarne il tono. Poi altra rilevazione la posso fare circa lo stato generale, perché ho avuto una insolita resistenza del tutto regalata ed un assenza più prolungata dallo stato di dolorabilità che mi è consueto, senza dover fare continui rifornimenti di energia extra.

Ho però un quesito da porre, una sorta di interrogazione, dovuta al fatto di aver creduto che l’intervento agli AR abbia necessità di tempi più lunghi rispetto a quelli a cui sono abituato con gli woho.

oeh527dbwcs262_1943501

Ora vi faccio un esempio. Ho dato proprio ieri una forte botta ad uno stipite con il gomito e poiché sono abituato al dolore ho lasciato fare, salvo accorgermi poco dopo che si era formata una zona tipo angioma, proprio dove avevo battuto, della grandezza di una moneta. Diciamo che era a mezza strada per definirsi in un livido di colore scuro. Dopo averla trattata, posso dire che ne potevo vedere il ritiro come quello riferibile ad un piccolo lago che si prosciuga e dopo poco è sparito del tutto. Non è la prima volta che mi capita qualcosa del genere e anche con delle ferite, di tipo abrasivo, ho potuto notare recrudescenze vampiresce dopo il trattamento immediato a base di woho e invece quando le ho lasciate stare sono andate a tempi lunghi o lunghissimi, quasi che il corpo se ne disinteressasse. Ogni organismo nella fase finale della sua vita perde rapidità d’intervento e spesso sentite parlare di anziani che hanno ferite atone. Ora se siete quegli anziani, non vi resta che divenire cacciatori.

Dopo ulteriori 24 ore di distanza da quell’osservazione ho i DACS di conoscenza per dirvi che tutto dipende dal calibro dell’intensità con cui è possibile mettere in campo gli specifici interventi energetici.

Alba dopo l'incubo 603liv col

Nel caso della MOG e degli AR non ho ancora dati sufficientemente significativi, quindi devo attendere ulteriori interventi in questa direzione. In sostanza devo accumulare ulteriori DACS di conoscenza specifica.

Posso avvertire i lettori-cacciatori di avere pazienza e di attendere sempre il momento propizio e di attivarsi con un minimo di coraggio senza richiesta di aiuto all’MCS. I fitoaromatici non coprono gli interventi energetici e sono quindi utilizzabili, ma bisogna sgombrargli il campo e prepararli adeguatamente per le circostanze, senza correre alla ricerca istantanea di un rimedio che non è presente al momento. Anche in questo caso attivarsi subito senza scattare verso l’aiuto di una qualche natura o gli aiuti dovuti alle “resistenze dovute al cielo o anche alla propria onnipotenza”, fa parte di una eccezionale fonte di riaddestramento dalla zona nociva dell’MCS. Perché potete giurarci che senza riaddestrarsi, durante uno stato di difficoltà la mente vi conduce subito ai presidi precedenti.

1255993624adn

Questa pubblicazione potrebbe concludere questo aspetto della genesi organica, la cui conoscenza compete ai cacciatori. Si potrà riaprire mediante i vostri commenti, con i quali sarà possibile sciogliere ulteriori aspetti assumendo un implemento di nuovi DACS di specifica conoscenza rivoevosofica.

A presto.

RIVOEVOSOFIA.121-“Attualità-Energia”-26.1.2014

render of DNA

w2jep4

RES: Si sta lentamente strutturando il sistema di collegamento energetico con la MOG “ObscureMatterGenome”, la materia oscura del genoma, quindi con i suoi AR“AgentRegulators”. I collegamenti con la forza vibrazionale unica dal duplice aspetto sono capacitativi di ulteriori DACS di conoscenza rivoevosofica. Vengono individuati tutti i fattori che un cacciatore deve considerare per questo specifico collegamento alla MOG. L’utilità di questo collegamento va molto al di là della prima apparenza, pure se quest’ultima è quantomeno stupefacente. Entra sempre in gioco la forza unica di questo universo sia nell’aspetto duplice che nella qualità vibrazionale che la caratterizza e che emerge dalle considerazioni dovute all’attività delle pratiche rivoevosofiche. Nulla di teorico da questa parte dell’evoluzione, questa è Rivoevosofia.

GENOMAOSCURO

Attualità:

Sulla scia della precedente pubblicazione questa mattina mi sono dedicato alla materia oscura del genoma e alla sua capacità di regolazione sugli interventi della trascrizione riferita all’attività genetica dell’organismo di cui si occupa. Questa sua peculiarità di intervento è stata ascritta a delle unità di regolazione, ma non si tratta dei geni, quindi sarebbe appropriato individuarli come agenti di regolazione AR“AgentRegulators” della MOG“ObscureMatterGenome”, che partendo dall’energia conferitagli dal CEP“EnergeticPresenceCode” di cui ogni organismo usufruisce in questo universo, intervengono regolando l’informazione genetica dei 22.000 geni del dnache a sua volta entrano in attività mediante gli acidi ribonucleici dell’rna.

Rna_struttura.xcf

I lettori-cacciatori devono assorbire bene questi eccezionali dati connessi al software dell’MCS. Rivoevosofia pulisce ed estirpa le parti nocive ed inutili, poi implementa quelle utili trasformandole in DACS, dati di conoscenza specifica che si evolvono con l’accumularsi.

L’evoluzione è un termine utile per individuare una composizione in accrescimento, nel senso di un acquisito che si compone dal suo continuo accrescimento, quindi un legame indissoluto che va da un punto alla sua espansione infinita. La partenza di questo universo viene rivoevosoficamente vista come un punto che entra in attività mediante una forza vibrazionale dal duplice aspetto. Per definire questo aspetto duplice viene impegnato il termine gravitraente, per aggiungere qualcosa all’abbinata comunemente acquisita di attrazione gravitazionale. In sostanza un aspetto della forza grava verso un “indefinito interno” dell’universo collassando come una supernova fa quando va a “pulsar” o a buco nero, mentre l’altro aspetto trae verso un “indefinito esterno” dell’universo, come l’astronave Enterprise del capitano Kirk fa quando attiva i raggi traenti per calamitare a se una navicella spaziale. A seconda dalla posizione in cui si affrontano questi due aspetti rimane comprensibile il fatto che possano essere intercambiabili ed equivalenti, ma non bisogna pensare che sia così semplice, perché sono comunque due aspetti dalle qualità indefinite e specifiche solo alla loro operatività. La forza che collassa ha peculiarità differenti da quella che espande e allontana. A questo punto Rivoevosofia invita a considerare che ambedue questi aspetti della forza unica che ha messo in moto questo universo portano in sé un aspetto vibrazionale legato alla loro intensità.

le-facce-dello-spazio-5

L’applicazione e l’applicabilità di questa forza è in azione e disponibile per ogni, ed in ogni, istante di questo stesso universo.

Questi aspetti della forza che entra in moto vibrando a vari livelli di intensità sui due apsetti di gravitazione e trazione, vengono rilevati dai cacciatori durante l’assorbimento del vento di radiazione solare, SCCR, già ampiamente descritto e durante l’applicazione della forza oscura gt, la FO.gt, impiegata nelle pratiche di contemporaneità tra il corpo fisico BOSN e il corpo neurosensoriale esterno HISB.

Quando si mantiene per un tempo sufficiente la potente attività duplice della FO.gt al culmine dell’esercizio di contemporaneità BOSN-HISB, entra chiaramente in gioco l’aspetto vibrazionale legato a queste due aspetti della forza. E’ necessario che il cacciatore faccia attenzione durante il mantenimento della potenza che va in espansione dopo aver gravitato, per rilevare l’indubbia vibrante attività mioneurale. Anche un semplice gesto come quello che effettuava Bruce Lee quando vibrava letteralmente con il suo braccio per esprimere tutta la sua potenza, oppure il semplice gesto di chiunque si agiti contraendo allo spasimo il suo braccio, conduce ad un’attività vibrante. Tutto in questo universo è intimamente connesso alla stessa forza unica, dal moscerino al ciclope, da un granello di sabbia ad una galassia di miliardi di stelle.

magnetar_by_vurtx-d399x6y

Assorbiti bene i riferimenti di tutto questo, raggiungere un neurosenso specifico non sarà un problema per i cacciatori e questo è il motivo perché dobbiamo aumentare i dati riferibili alla materia oscura del genoma.

Continuiamo ora sugli aspetti pratici

che riguardano direttamente il genoma

ma l’HISB deve parlare… continuamente!

Dopo aver collegato il proprio centro neurocitologico ABNCC“AreaBrainNeuro CytologicalControl” al punto dove è stato aperto uno woho, l’HISB deve parlare con insistenza e arrivare al neurosenso specifico di quello che dice continuamente sia a base di acronimi che prolungandosi specificandone il significato. Vediamo tutto quello che deve essere considerato e che comporta il collegamento con la MOG.

MOG; AR; BDG; COB; VBT; DNA; RNA; immunoglobuline anticorpali specifiche.

MOG, “ObscureMatterGenome”, materia oscura del genoma;

AR, “AgentRegulators”, agenti regolatori della MOG che indirizzano i geni;

BDG, blocco dell’attività degenere a cui si invitano gli AR sulle aree degli woho;

COB, costruzione organica a cui si invitano gli AR sulle aree degli woho;

VBT, virus, batteri e tossine che devono essere espulsi mediante l’invito agli AR;

DNA, RNA e immunoglobuline specifiche anticorpali

     invitati ad intervenire mediante la richeista agli AR.

NB: l’HISB opera spesso con la parola avanti ARavanti, avanti AR….

sa1_0

A questo punto è maggiormente comprensibile perché l’HISB viene chiamato dal centralinista Gene Pilotta, il “parlatore”. Infatti l’HISB deve necessariamente e sempre parlare per attivare il suono, fonte fondamentale di coesione che è inoltre unico ad avere la qualità di collegamento energetico, quindi di dialogo con gli AR della MOG.

Vi ripeto ancora, per non dimenticare, che l’HISB deve parlare continuamente, perché il suono è l’indipensabile veicolo di coesione della forma instaurata. I cacciatori fanno stare zitta la mente, proprio come viene indicato dall’MCS da migliaia di anni, mediante le filosofie e le interiorizzazioni. Un solo piccolo problema è quello riferibile al fatto che solo la mente dovrebbe interrompere l’intimo dialogo tra sé e sé e non i cacciatori. I cacciatori devono essere di “lingua lunga”, ma deve essere il loro HISB a parlare, a scanso equivoci. Questo universo non si è messo in moto nel silenzio e quello che fanno stelle e pianeti non è certo di mantenerlo… il silenzio, quindi i cacciatori devono essere ben lontani dal praticare questo silenzio e men che mai debbono indursi ad una pace interiore.  Un’immensa quantità di energia è stata dispersa in questa direzione ed ora, lungo l’asse del paradigma dell’evoluzione energetica individuale, tutto questo non è più necessario.

British kitten sleeping

I cacciatori hanno intrapreso un percorso di guerra energetica ed è quindi bene che evitino come una peste la guerra biologica e ancor di più di una peste evitino la pace di ogni tipo.

Un cacciatore quando va alla stazione extragalattica di rifornimento di una pulsar sul tipo di quella delle “vele”, che ha un movimento angolare intrinseco di 12 rotazioni al secondo e pesa forse milioni di volte più del nostro pianeta, sa che non va in un’area di silenzio.

Al di là di tutte queste in.form.azioni i lettori-cacciatori dovrebbero osservare le valutazioni che sono state effettuate come inviti a considerare distorte molte delle applicazioni a cui la specie umana è stata addestrata da migliaia di anni, soprattutto perché ormai evolutivamente inutili nell’ambito del paradigma rivoevosofico. Potremmo dire semplicemente che tutto quello che è stato fatto, ora si evolve, quindi non è più utile allo scopo di continuare ad evolversi energeticamente.

Un punto d’ordine

Adesso mettiamo un minimo di ordine sul comportamento evolutivo di questo universo. Un semplice tentativo di ordinare rivoevosoficamente questo quadro.

L’EOS“ObscureRisingEnergy” ha all’origine una modalità vibrazionale fuori da ogni massa concepibile e ad un’intensità sia impercepibile che inconcepibile. Utilizzando l’intelligenza artificiale di Isaac Isamov dovrei dire che “non ci sono dati sufficienti per una risposta significativa”.

battlestar_galactica_1

Riguardo alle strutture organiche biologiche entrano in campo tre grandi coercizioni, a cui ne seguirà una quarta di natura esclusivamente energetica: è la mente che governa il sistema collettivo, l’MCS.

E’ possibile indicare la successione dell’evoluzione in questo universo, come segue:

1.Evoluzione nella conoscenza delle strutture basilari.

2.Evoluzione nella conoscenza delle strutture organiche (aggregazione collettiva)

3.Evoluzione nella conoscenza delle strutture organiche biologiche

           (aggregazione, nutrizione, riproduzione)

4.Evoluzione nella conoscenza della meccanica negli organismi

5.Evoluzione nclla conoscenza della tecnologia negli organismi della specie umana

6.Evoluzione nclla conoscenza dell’informatica negli organismi della specie umana

7.Evoluzione nclla conoscenza della Realtà Virtuale in organismi della specie umana

8.Evoluzione nclla conoscenza della Utility Fog, della Claytronica

    e dell’AI”ArtificialIntelligence” negli organismi della specie umana

9.Evoluzione nella conoscenza della cibernetica organica strutturale

     negli organismi della specie umana (cyloni)

10.Evoluzione nella conoscenza al collegamento diretto degli

   organismi individuali della specie umana all’energia.

studene6

L’obiettivo di questa insolita frammentazione è quello di allargare i dati per una maggiore incuneazione di altri dati nella stessa direzione. Un tipo di conoscenza utile a formare i DACS, quindi i neurosensi specifici al collegamento diretto con l’energia.

Rivoevosofia persegue una particolare classe di in.form.azioni. E’ questo il motivo per il quale la parola informazione viene spezzata dai puntini.

Ora vi devo narrare un’esperienza che riguarda direttamente l’impiego della MOG, la materia oscura del genoma e i suoi agenti regolatori, gli AR. Ma poiché il post si è già allungato oltre il dovuto lo farò alla prossima occasione…

A presto.

RIVOEVOSOFIA.120-“Attualità-Energia”-25.1.2014

1255993624adn

RES: Il corpo neurosensoriale esterno HISB è in grado di richiedere l’intervento della materia oscura del genoma a proprio vantaggio? Lo può fare per mezzo degli woho? Poter intervenire sulla MOG“ObscureMatterGenome”, la materia oscura del genoma diviene interessante per tutti i cacciatori. La MOG, corrisponnde al 98% di tutto il genoma e fino a poco tempo fa era ritenuta un’area spazzatura dalla sezione scientifica dell’ENCODE, l’organizzazione mondiale che si occupa dei genoma. Siamo quasi al pareggio della complessiva energia e materia oscura dell’universo, che si aggira intorno al 96%. I geni sono soltanto 22.000, ma chi regola tutto sta la dentro, nel 98% di quella materia, proprio come chi regola tutto sta nel 74% e nel 22%, rispettivamente dell’energia e della materia oscura di questo universo. Un avvicendamento è possibile, perché ogni cosa in questo universo è associata, tutto è partito da un punto unico ed ogni informazione che si espande da questo stesso punto ne è parte. Vale il principio scientifico della fisica moderna dove i ricercatori sono convinti che l’informazione non può essere persa. Da questo fatto è deducibile l’immaginario teorico sul multiverso, ovvero che ogni complesso di informazioni e susseguenti accadimenti a loro correlati, continuano ad esistere da qualche parte e non possono intersecarsi come nel ben conosciuto “paradosso del nonno”.

ventana-molecular-269

La sezione scientifica trattiene con le unghie e con i denti l’assunto della fisica in cui nessuna informazione di questo universo può essere persa, neppure se superasse l’orizzonte degli eventi di un buco nero e di questo fatto se ne è addirittura convinto lo scienziato Stephen Hawking, dando per plausibile che la particella lasciata di qua dall’orizzonte assorba ogni informazione della sua controparte antiparticella caduta all’interno del buco nero “dalla teoria della radiazione di Hawking”. Questa teoria può essere unificata alla pratica dei cacciatori che ben sanno come BOSN ed HISB siano unica cosa, pure energeticamente divisibile. Secondo la pratica rivoevosofica l’evoluzione organica si completa con l’indivisibilità di tre corpi, perché a questo ragionamento si aggiunge il CDS, il corpo del sogno. Le idee dei ricercatori su molti aspetti dell’universo sono realmente utili e alimentano la conoscenza che dalle teorie, elaborate dalla sezione scientifica, passa ai DACS, dati accumulati di conoscenza specifica rivoevosofica. I DACS hanno la peculiarità di entrare in scena soltanto da un assunto totale di inequivocabilità degli atti che li accumulano: essi non sono in assoluto teorie.

articolo hawking hires

43df39140238f0929b0dda340e1e3776_large

Partendo dall’energia che ha procurato il “big bang”, un’unica forza con aspetto duplice, alla fine ogni cosa che accade è riconducibile a quell’evento di singolarità, ma questa comprensione può avvenire soltanto se la propria rete neurale è in possesso dei DACS, …sufficienti.

6pgxw0y

Attualità:

Durante il riversamento dei dati nel sottotitolo questo si è allungato divenendo parte del corpo di pubblicazione, che comunque è diretto ad includere aspetti del genoma necessari alla pratica rivoevosofica dei cacciatori.

Ho ascoltato proprio poco fa parlare in tv del genoma. Nella puntata televisiva stavano effettuando delle ricerche su un certo numero di organismi umani per rilevare che studiando le caratteristiche specifiche dei loro geni per alcune patologie tipo il diabete, questi ultimi si configuravano per una percentuale inferiore al 10%. Cosicché giungevano alla conclusione che dai geni delle persone indagate si sarebbe potuto individuare una malattia soltanto in piccola percentuale. Da questa assunzione venne stabilito che la larga percentuale d’informazione non potesse che risiedere fuori dai geni, ovvero in quel 98% del genoma non composto di geni e ancora non identificato in alcun modo. La deduzione fu che un diabete verificabile geneticamente al 6%, avrebbe una cosiddetta ereditabilità imperscrutabile nella materia oscura del genoma. Solo entrando in questo genoma oscuro sarebbe quindi possibile rilevare l’iscrizione conduttrice “M.O.G.ObscureGeneticMatter”.

In sostanza, quello che volevo in effetti evidenziare è il percorso che avevamo intrapreso con il dialogo tra il “parlatore” e il centralinista del CEG“Consorzio EnergeticoGeni”, “gene Pilotta”. Un percorso che a fronte di accadimenti recentissimi, vorrei rinforzare e proseguire.

An_Electronic_Nose_Estimates_Odor_Pleasantness

Tanto per fare un discorso tra cacciatori vorrei precisare che l’apertura di uno woho in un punto di disagio produce dei vantaggi. I cacciatori a breve o lungo termine operando nel modo che viene descritto lungo il percorso delle pubblicazioni arriveranno a delle conclusioni e dovranno convenire che migliaia di anni impiegati sparlando di teorici poteri della mente non avevano prodotto nulla, salvo una grande montagna di millanterie mesmeriche fondate sul potere personale, la sudditanza e altre amenerie. Ora delle semplici applicazioni energetiche, alla portata di tutti, danno effetti che non erano mai stati prodotti prima, in barba a tutte le magie e a tutte gli psico-ipno-interventi. Questo nulla toglie ai precedenti mesmerismi che rimangono tali e quali.

In un’arco di tempo sufficientemente vasto ho potuto produrre risultati continui che si sono confermati l’uno sull’altro senza subire mai una battuta d’arresto o presentare limiti. Sarebbe stato sufficiente un risultato negativo su cento per inquinare tutto questo lavoro. Sono il primo emissario di Rivoevosofia e non mi vengono concesse cilecche. Intendo per cilecca, un’azione che si conclude senza il supporto di una conoscenza adeguata.

L’ultimo ingaggio degli woho degno di rilevanza ha portato a soluzione un attacco complesso di un virus influenzale.

k-bigpic

Ho sempre indicato che quando un attacco è continuo, non potendo eliminarlo in altro modo, è necessario persistere nel contrasto fino a quando quell’attacco non si estingue. Nel caso di un virus è necessario abbassare e contrastare il tenore degli attacchi fino a quando l’attività virale non cessa. Comunemente un medico, rispetto ad un attacco virale indica di non procedere con sostanze antibiotiche, perché inutili, e attendere la fine dell’attacco, a scanso complicanze. Poi le complicanze arrivano comunque e si dovrà sempre intervenire con gli antibiotici. L’ormai comune stabilita certezza è che si deve attendere che il virus faccia il suo corso. In sostanza dovete reggere il tempo del torturatore, tenendo presente che la propria impotenza di contrasto alimenta quello stesso tempo che tende a produrre ulteriore attività degenere.

Ho attivato gli woho in luoghi specifici dove ormai l’attacco virale era incontrollabile. Ho eseguito una seduta dalle ore 18.00 alle 23.00, poi ho proseguito ad intermittenza fino alle ore 06.30 e infine ho applicato gli woho dalle 12.30 alle 14.00 del giorno dopo. L’attività virale degenere a tutto campo non ha avuto modo di manifestarsi. Le complicanze virali di questo tipo nel mio caso specifico sarebbero disastrose perché dirette ai polmoni e all’apparato osteoarticolare, fonte dei miei principali deficit funzionali.

Microglia_and_neurons

Durante l’applicazione degli woho mi sono anche messo in condizione di abbinare la radiazione dei cerchi concentrici solari e ho sollecitato continuamente i GR, geni regolatori del DNA, quelli della presunta ereditabilità.

Ho un’immunità compromessa da un capside virale che mi ha inattivato una montagna di immunoglobuline gamma e chissà quanti altri problemi mi ha causato, visto che ho dovuto affrontare ogni sorta di deficit e di insufficienze. In questi ultimi anni durante alcuni frangenti ho rischiato di varcare il limite.

Partendo da queste difficoltà la mia richiesta ai GR è quella di intervenire per ottimizzare quello che ho a disposizione, perché il perduto è perduto. Però credo che non dovrebbe essere un problema per far intervenire l’esercito al posto della marina, purché il quadro di controllo sia in grado di farlo.

Le continue telefonate al CEG e i colloqui con gene Pilotta, mirano a mobilizzare i centri neurocitologici dove i GR sono presenti, allo scopo di ottenerne un ingaggio duplice. Utilizzo continuamente gli acronimi COB, per ricostruire le cellule in corso degenere e BDG, per bloccarne l’attività degenere in corso. Blocco degenere e ricostruzione. Questi sono gli ordini-inviti di collaborazione che l’HISB, il “parlatore” richiede ai geni regolatori. A cascata entrano successivamente in campo i geni che acquisiscono la trascrizione dai GR e successivamente vengono invitati ad entrare in azione gli operatori acidi DNA e RNA.

Devo ricordare che quelli che Rivoevosofia chiama GR“GeneRegulators”, non sono geni e sono la MOG“ObscureMatterGenome” materia oscura del genoma, quindi il 98%.

NSpic2

Sull’attività di interazione con il genoma, non potrò mai avere delle certezze, perché potrebbe essere tutto ascritto sulla base di intervento dei soli woho. Certo non sarebbe comunque da poco ma, in alcuni casi, sono personalmente certo che le sollecitazioni effettuate alla materia oscura del genoma hanno il loro credito.

In questo caso specifico di attacco virale ho rilevato molti fattori sottili che indicano come le procedure di interazione con i GR producano effetti concreti. Il riversamento sarebbe lunghissimo e probabilmente produrrebbe più incertezze e dubbi rispetto alle sollecitazioni a crederlo dai fatti che è possibile esporre a favore.

In sostanza il “parlatore” deve prima collegarsi con il luogo specifico e aprire gli woho necessari, poi stabilito questo contatto neurocitologico, lo mantiene pressoché costante e mentre lo fa, il “parlatore” parla e indica MOG, GR, BDG, COB ed espulsione totale di VBT alimentandone i significati. Questa applicazione potrebbe essere fatta aiutandosi con la radiazione dei cerchi concentrici solari per implementare con questi l’energia negli woho che verrebbe veicolata a favore dei GR richiamati al proprio servizio.

large-hadron-collider-170311

MOG e GR sono frequentemente indicati,

BDG è blocco dell’attività degenere,

COB è costruzione organica del corpo,

VBT è virus, batteri e sostanze tossiche.

Un cacciatore seguendo pian piano le indicazioni arriverà in qualche modo a produrre quello che dico, ma se questo schema fosse anche solo parzialmente messo in atto produrrebbe comunque effetti. E sono gli effetti che vanno indagati inizialmente anche se fossero appannaggio delle cosiddette coincidenze. Non si deve mai ascoltare la mente, la cui vocina è sempre tossica in questi casi e si deve procedere con la rete neurale del cervello di cui disponiamo.

Arriveremo a far funzionare i GR e mediante questo stesso schema, la ripetibilità potrà condurre a ridare smalto alle parti del corpo che lo hanno perso. Il contrasto all’invecchiamento organico, ai disagi e al decadimento degenere si è avviato sulla strada degli woho e delle stazioni di rifornimento planetario, galattico ed extragalattico, ed ora si implementerà con i GR. Avete occhi vecchi e stanchi, iniziate a trattarli, non attende che qualcuno lo faccia per voi o che vi propongano l’occhio di vetro, oppure quello cibernetico che sta lì lì per arrivare. Iniziate intanto con l’occhio energetico, poi fatevi il collorio da cucina come descritto in una delle pubblicazioni precedenti. Procedete quindi con tutte le parti che considerate a deficit. Se siete giovani e potenti, prendete il volo e andate in escursione, l’universo vi appartiene e i viaggi non si fanno a piedi, con le vetture o gli aeroplani, ma con il vostro HISB.

Medal-of-Honor-Cat

I colloqui fantascientifici tra il “parlatore” e gene “Pilotta”, il centralinista del CEG, uno dei 22.000 geni, sono divertenti, ma non sono devianti ne inutili, perché sono ricchi di indicazioni per le manovre che i lettori-cacciatori potranno effettuare per i propri personali termini d’ingaggio. Quindi vorrei proseguire anche con le altre due telefonate, ancora non pubblicate, confidando di trovare molti dati utili e significativi per tutti noi. Dati utili a voi lettori-cacciatori allo scopo di introdurre questa novità e a me per ricordarmi come devo fare per ottimizzare al meglio le istruzioni. Ne ho sempre grande bisogno.

Chiudo questa informazione rilasciando a tutti una sostanziale certezza. Quello che Rivoevosofia mi consente di fare non ha modo di essere descritto, se non con il solito sistema in uso nell’MCS. L’esaltazione, l’incredibilità, l’eccezionalità degli eventi, sono sistemi con cui l’oppressione e l’inganno hanno effettuato il loro sapiente lavoro conducendo la specie umana sin qui. Ora, in piena evoluzione individuale energetica, questi sistemi hanno perduto ogni credito, cosicché come posso spiegarvi come accadono le cose e come le vivo? Rivoevosofia è un software pratico e non addestra agli entusiasmi, sempre futili in questo tipo di software, quindi vi indico i fatti come sono, esenti dalla parassitosi energetica degli stati emotivi di uso comune.

Una volta, scendendo dal letto al mattino, mi sono consentito di dire: non ci posso credere!! Facciamocelo bastare. Semmai ditevelo da soli, ogni volta, a bassa voce…

A presto da Rivoevosofia.

RIVOEVOSOFIA.119-“Attualità-Energia”-24.1.2014

8656colliderguests_big

RES: Viene descritto come distinguere due o tre differenti fogli-membrana nel momento che vengono unificati in una specifica dimensione vibrazionale. Una esperienza possibile da raggiungere per tutti i lettori-cacciatori. La singolarità di un buco nero presa in prestito dal fisico teorico Michio Kaku, che si incontra con l’informatico singolaritarista Ray Kurzweil. Molti dati utili dell’MCS sono stati riversati alla RES durante l’iniziale messa in opera del software di quest’ultima ed erano tutte indicazioni provenienti dallo scienziato informatico Ray Kurzweil che è oggi il direttore generale del settore informatico della Google. Solo per configurare una “quadra” di come il futurismo tecnologico ed informatico si configuri, ricordo che alla base della ricerca sulla “materia programmabile” dei catomi della Claytronica, da oltre dieci anni, insieme al Professor Goldstein si avvicenda il Professor Todd Mowry, direttore dell’Intel Research Lab. I due costruirono insieme i primi rudimenti della creazione e sviluppo di nanorobot e assemblatori molecolari. Dalla crasi di clay”argilla” ed elettronica derivano i mattoni intelligenti definiti “catomi”. L’intelligenza artificiale dei catomi (ora raggiungono i 44mm.) deriva dal loro microprocesore che li fa muovere e agganciare ad altri catomi, con i quali instaurano un dialogo intelligente mediante sensori. Assumeranno forme diverse in tempi rapidissimi, fino alla forma umana che verrà replicata non come semplice ologramma ma come robot di intelligenza artificiale simile all’originale.

guidagalatticaperautostop

La conoscenza rivoevosofica continua ad implementarsi di ulteriori dati significativi ad ampio raggio.

Attualità:

Alla fine dell’attualità del precedente post mi sono interrotto dicendo che avrei proseguito qui.

“Prima di proseguire vorrei indicare ai lettori-cacciatori che potrebbero acquisire facilmente i DACS di conoscenza rivoevosofica dei fogli-membrana, se si ponessero con l’HISB leggermente fuori dal loro BOSN. In quella posizione di quasi assorbimento, rimanendo nell’HISB, si può avere il quadro della sottile differenza dei fogli-membrana tra quello che occupa il BOSN e quello occupato dell’HISB. Stabilita la differenza, altra conoscenza può essere assorbita dal fatto di poter vedere che i due pur differenti fogli-membrana coabitano in una unica dimensione vibrazionale che li accomuna. A questo punto i lettori-cacciatori potranno anche distinguere l’unificazione congiunta di tre fogli-membranaBOSN,HISB,CdS”. Quando una stessa vibrazione dimensionale li accomuna, si vivono esperienze indimenticabili e molto energetiche”.

Dopo aver assunto energia e aver fatto alla “grotta” le pratiche in solitario con l’HISB,  sono andato a riversare tutti i dati e nonostante fossi in buona recuperata energia, quando mi sono interrotto avevo una sorda oppressione nella zona compresa tra la cervicale e la spalla sinistra. Una miscela di oppressione, dolore e infiammazione ma la buona carica energetica di base mi faceva sopportare questo fatto sufficientemente bene. A forza di persistere l’energia sarebbe scemata e a quel punto non mi sarei potuto occupare delle cose ordinarie necessarie che il BOSN deve compiere.

past--present--future-norbert-papp

Nonostante il disagio la mia energia era molto buona e tutte le altre articolazioni erano libere, allora ho deciso di effettuare le medesime pratiche che avevo già svolto alla grotta in solitario con l’HISB, in contemporanea con il BOSN.

L’energia era talmente buona che la potenza esercitata sugli snodi articolari di spalle, pelvi, ginocchia e altro, era oltre la norma. Energia e potenza rendevano l’oppressione, il dolore e l’infiammazione, momentaneamente, una povera cosa.

Quando mi ero posto per iniziare la seduta avevo visto che l’occhio sinistro si spegneva e si ripristinava ritmicamente in modo parziale. Era dovuto ad un momentaneo deficit della circolazione retinica. Vedevo come una vena pulsante che quando gonfiava abbassava la vista dell’occhio che subito si ripristinava. Da quel movimento potevo calcolare il ritmo del cuore. Data l’energia che sentivo non era logico prevedere che qualcosa potesse andare male e ho proseguito. Alla fine è sparito tutto ma sono andato in cucina e mi sono preparato un bicchiere di erbe e aromatici avendo cura di inserire sufficiente Melilotus officinalis per tranquillizzare il “povero” BOSN, il quale aveva registrato quella “pulsar” bulboculare. La pulsar bulboculare non è una stella di neutroni…, ma un vaso retinico pulsante ed è una vera fortuna che non vada in movimento angolare “spin”, rotante. Vi immaginate l’occhio che ruota! Queste battute non sono quelle di “physique du role” ma solo un tentativo di somigliare al fisico teorico Michio Kaku, un vero divertentissimo showmen che caldeggio vivamente, perché ha il dono di futurizzare rendendo tutto quello che dice divertente e comprensibile.

michio_kaku

Proseguiamo ancora sulla scia della precedente pubblicazione

Michio Kaku continua nel suo show e indica nella singolarità della fisica l’assorbimento di quella tecnologica, poi presenta lo scienziato Ray Kurzweil come il più esperto ed informato sulla singolarità tecnologica. Ray Kurzweil conferma i dati fantascientifici che Michio Kaku indica con l’avvento dell’Intelligenza Artificiale.

Michio Kaku indica che la singolarità fisica è equivalente a quella tecnologica e informatica con cui la specie umana varcherà ogni frontiera immaginabile, arrivando ad una intelligenza artificiale che supererà di miliardi di volte l’intelligenza umana e a quel punto saranno dolori!

Allora, lo scienziato, dopo aver intervistato il direttore dell’istituto che si occupa della singolarità dell’intelligenza artificiale, rileva da questi che si potrebbe organizzare una Tata, intelligenza artificiale di tipo cosmico, che controllerebbe tutte le altre intelligenze artificiali impedendogli di danneggiare la specie umana. Poi però anche questa idea fallisce per effetto del fatto che non si saprebbe come fermare la tata tecnologica.

640x360

Quindi Michio Kaku opta per la soluzione di potenziare il genere umano con manovre tecnologiche. Giungiamo così ai nanobot e ai foglets della Utility Fog.

Rivoevosofia adottò lo scienziato informatico singolaritarista e transumanista Ray Kurzweil, un anno dopo aver iniziato il suo percorso di liberazione dalla parte nociva dell’MCS. Già in quell’occasione venne indicato a quei praticanti di quelle fasi pre-blog, di leggere attentamente il libro “La Singolarità è vicina”. Quel libro era già stato tradotto in italiano dal 2005 e anticipava accuratamente tutto quello che abbiamo detto. Ray Kurzweil ha anche prodotto un film dallo stesso titolo del libro, che non abbiamo avuto la fortuna di vedere. In quel film, lo scienziato indica le infinite possibilità dell’informatica e dell’intelligenza artificiale. Narra di cosa sarà possibile fare con la Realtà Virtuale o Seconda Realtà e che il mondo cambierà tutti gli assetti “religioso, economico, sociale” in breve tempo a causa di una potente accelerazione che spezzerà ogni previsione lineare. Ray Kurzweil parlando di sé, indica di essere divenuto un perfetto igienista che assume ben 150 tipi diversi di integratori per arrivare alla soglia dove la tecnologia potrà consentirgli di varcare il primo ponte verso la strada dell’immortalità. I nanorobots potranno togliere di mezzo tutti gli organi delicati, il cuore, i polmoni, il pancreas e guarire selettivamente ogni malattia senza alcun intervento chirurgico. Poi l’essere umano potrà assumere i pregi cibernetici con durata illimitata, fino a quando l’Intelligenza Artificiale non giungerà alla singolarità, poi… e poi…

628x471

Paradossalmente proprio l’evoluzione tecnologica indicata anni fa da questo scienziato si collegava strettamente con quella energetica Rivoevosofica.

Si poteva capire bene cosa stava divenendo accessibile con l’HISB, il corpo neurosensoriale di energia, proprio attraverso quello che lo scienziato indicava possibile da ottenere con la Realtà Virtuale e i mondi che l’informatica avrebbe costruito sulla base degli algoritmi generativi.

Rivoevosofia indicava un percorso che appariva inizialmente parallelo. Poi in un periodo successivo i DACS, i dati accumulati di conoscenza specifica, hanno indicato come l’MCS e tutti i reparti del suo software evolvono in Rivoevosofia. Tutto in questo universo si veste continuamente di nuovo nel corso dell’evoluzione.

4d86f8dc

Gli organismi evolvono l’intelligenza alla struttura che torna agli organismi

L’evoluzione biologica che va all’evoluzione tecnologica che mantiene l’evoluzione biologica o torna ad una diversa evoluzione degli organismi. Un tale assunto è veramente troppo complicato da gestire ed è l’MCS a proporlo, quindi complica e non semplifica nulla.

L’MCS evolve nella RES: un percorso chiaro e semplice

Evoluzione biologica con tutto quello che concorre ad essa, quindi con l’evoluzione tecnologica. Ambedue, evoluzioni unite che si concludono con l’utilizzo dell’energia mediante ausili vanno poi, e… infine, all’evoluzione energetica individuale RES collegandosi all’energia direttamente”.

11dimensions

La sostanziale differenza del software precedente è che si completa come evoluzione biologica andando all’energia mediante ausili strutturali. Nell’evoluzione successiva quello stesso software andrà all’energia direttamente senza ausili strutturali, ma formando un distacco energetico neurosensoriale capace di indurre quel collegamento diretto.

Che questo fatto sia possibile e stia accadendo ora, è compito di Rivoevosofia. L’HISB è stato il corpo che ha permesso quel collegamento diretto e gli woho sono gli elementi di concertazione di questo corpo che ne intensificano la presenza e ne rendono possibile l’utilizzo. L’utilizzo si è manifestato soprattutto per la capacità di recuperare le attività dell’organismo in fase degenere.

L’organismo che ha tentato di manipolare l’energia partendo dalla sua base organica, non ha mai potuto produrre i risultati evidenti che l’attività del corpo neurosensoriale esterno HISB produce con i suoi woho.

Psicosomatica-Florian-Cortese-rapporto-analogico-mente-e-corpo-strategie-del-benessere-cervello-e-intelligenza-emotiva-Rimodellamento-neuro-percettivo

Le possibilità dell’HISB sono solo allo stato iniziale. Ci sono le attività di creazione degli WESR“WorldEnergeticNeuroSensorialReality” che appaiano quelle della Realtà Virtuale della tecnologia informatica, poi quelle del morphing con cui si può trasferire energia ad elementi organici affini. Ci sono anche le attività di rifornimento di energia extra, planetaria, extraplanetaria e galattica, con cui si ritemprano energeticamente batterie organiche ormai allo stremo ed incapaci di ricaricarsi, come quelle degli anziani e dei malati.

Nessun organismo può essere escluso da tutto questo. L’evoluzione energetica individuale riguarda tutta la specie umana presente oggi sul pianeta. Ovviamente le possibilità sono nascoste nel CEP“EnergeticPresenceCode”, il codice energetico di presenza che ogni organismo possiede, che ne marca l’evoluzione, al di là di tutto, come tutto quello che viaggia in questo universo.

passe-present-futur

Scoprire che tipo di CEP si possiede non è cosa difficile. Tutti coloro che iniziano senza lasciarle le letture della RES e praticano quello che queste indicano, senza curarsi dei risultati di merito, sono lettori-cacciatori e sapranno presto a che livello lavora il loro codice energetico di presenza, CEP. Rivoevosofia è una singolarità e non costa denaro.

La specie umana è ora matura e tutto viaggia a velocità spaventose comparativamente ai criteri precedenti. E’ sufficiente controllare da vicino l’astrofisica e la tecnologia informatica, per avere l’ingaggio di alcuni DACS sufficienti allo scopo.

la_visione_dei_piedi_azzurri

Per questo motivo Rivoevosofia indica di assumere dati significativi da quegli specifici settori dell’MCS. Se non altro per smontare quelli nocivi di cui la specie umana ha intriso, mediante l’addestramento di migliaia di anni, la propria rete neurale. L’MCS ha condotto e continua a condurre la specie umana su questo pianeta alla sua successiva evoluzione ed assumerà via via i contorni di RES fino a vestirsene totalmente. Alcuni organismi della specie umana si troveranno al punto di passaggio e loro stessi marcheranno in loro stessi, la differenza. Non importa quello che stavano facendo e chi erano, professori, scienziati, poveretti, grassi e magri. Alcuni di loro passeranno da lì a là, da quello che erano prima ad evolversi al collegamento diretto con l’energia. Questo è quello che sta facendo esattamente l’MCS, passerà da lì a là, e mantenendo lungamente il lì, calibrerà il periodo di transizione per divenire RES. Il programma dell’EOS per questo universo va incontro ad una netta linea di demarcazione evoluzionale.

Alla prossima da Rivoevosofia.