RIVOEVOSOFIA.102 -“COMMENTI PRIMA PARTE”- Post n.42 dell’1.1.2014

RES: Arrivano ben tre commenti e tre risposte si accodano. Gli argomenti sono gli woho messi in prima proiezione, ma le risposte presentano in accoppiata la FO.gt. Questa forza unica dell’universo può entrare a buon diritto nell’impiego degli woho, quando, mediante questi ultimi si affrontano i disagi del “povero” corpo fisico BOSN“OrganicBodyNeuro Structural”. Con l’occasione, in corso di un disagio, vengono presentate delle note sulla compatibilità degli alimenti e sulla composizione dei pasti per evitare un cattivo comportamento glico-metabolico. Ormai tutti i lettori-cacciatori avranno capito che Rivoevosofia tratta con molto riguardo il “povero” BOSN, curandosene fin nei minimi particolari. Emeriti scienziati dell’MCS, fanno anch’essi la loro parte con il loro “povero” BOSN, in attesa della rivoluzione futuristica tecno-informatica, che con una imprevedibile “Singolarità” gli dovrebbe consentire l’indefinita durata della vita. Quel reparto scientifico dell’MCS è in costante attesa dell’inserimento dei nanorobots, “foglets” dell’Utility Fog con i quali gli organi malati, i cancri etc.  non saranno, “non dovrebbero”, più essere un problema umano. Ma questo è il futurismo sulla base delle PISC, previsioni, ipotesi, supposizioni e congetture. Forse sarà bene fare qualcos’altro nel frattempo!! Che ne dite?

A proposito forse ci vorranno 2 o 3 post per questi commenti perché il condimento…, “le risposte”, si allungano alla Tiramolla di Topolino.

6a00d8341c684553ef017c32ea9ff2970b-500wi

Premessa:

Questo post tratta il tema dei commenti. Andando avanti questo sarà il tema più importante di tutta la lunga pubblicazione rivoevosofica. Ho detto andando avanti, perché il retro non si tocca, ma questo retro ha un suo neurosenso specifico, proprio in virtù dei commenti dei lettori-cacciatori. I loro commenti sono per Rivoevosofia la massima espressione dell’energia, perché vanno nella direzione evolutiva individuale. Rivoevosofia presterà sempre la massima attenzione ai commenti e quelli che in qualche modo aiutano tutti, me compreso, verranno ricommentati in modo da ampliare la richiesta di delucidazioni e se sempre possibile, postati. Ovviamente questo è il proponimento ideale, che potrebbe non essere rispettato appieno per vari motivi, ma è importante che Rivoevosofia disponga la sua inclinazione energetica prioritaria.

In questo post, e probabilmente in altri due post successivi, verranno esaminati tre commenti a cui Rivoevosofia risponde e lo fa, con la voglia profonda di continuare a farlo e con l’impegno di fare tutto il possibile perché le risposte siano degne delle aspettative di tutti coloro che fanno dono dei loro commenti.

aiut

Primo commento: GB, “in attesa dello pseudonimo”, del 26.12.2013

Salve RES ogni tanto mi faccio vivo. Sono all’opera con tutte le procedure rivoevosofiche che riesco a raccogliere che devo dire sono ben dettagliate. Personalmente sono riuscito ad aumentare i dati di tutte le mappe energetiche di comportamento, MEC, con un quadro d’azione ben tracciato e pure se i progressi sembrano piccoli, si sono consolidati donandomi un risultato notevole con la immediata decongestione dei punti dol che si  presentano lungo la strada delle pratiche. Ora sto lavorando per riuscire a gestire la FO.gt secondo le indicazioni che vengono date. Vorrei aumentare la conoscenza in tal senso e i gradi del neurosenso specifico in questa direzione allo scopo di implementare la coesione dell’HISB.

Devo dire che inizialmente pensavo di fare esattamente tutto quello che leggevo, ma sicuramente era la mia mente che si impossessava di tutta la struttura rivoevosofica facendomi credere che stessi procedendo nella direzione giusta, ma ad un certo punto entravo nel caos e non avevo più il sufficiente controllo delle operazioni. Allora per un lungo periodo ho iniziato a ripercorrere il tutto, proprio come avevo letto che aveva dovuto fare anche Rivoevosofia. L’ho fatto senza aspettative sapendo che prima o poi il neurosenso avrebbe cominciato a effettuare i corretti allineamenti e collegamenti diretti con l’energia.

bivio

Mi rendo conto solo ora che in precedenza avevo soltanto incamerato nozioni che pensavo di sapere ed applicare correttamente ma che non era proprio così. Ora la reiterazione del percorso ha sicuramente migliorato il mio ingaggio che spero si evolva continuamente nella giusta direzione.

Grazie per il lavoro che stai svolgendo e dello tsunami di in.form.azioni che ci stai mandando.

Voglio mandare un incoraggiamento ai lettori-cacciatori dicendo che quando sembra non accada nulla o sembra di stare regredendo, o la mente dice: “cosa stai facendo?”, di proseguire nelle pratiche senza attendersi nulla. Incamerate cosa fare e fatelo, il resto accadrà e sarà come uscire da un banco di nebbia, la vista sarà più nitida. A presto.

il-volo-di-menippo

Risposta di Rivoevosofia a GB:

Ciao GB, lettore-cacciatore e si vede, perché questo tuo commento risulterebbe incomprensibile per un lettore appena affacciato. Direbbe: “che fa?…, che dice celui-ci?”. Poi verso la metà del commento si capisce che hai operato un punto di svolta, proprio quando, e perché, ti sei messo a ripercorrere tutto il percorso precedente.

Il tuo commento, comunque, sembra fatto apposta, perché ho da poche ore pubblicato un post dove rendo oltremodo chiaro quanto personalmente mi sia potuto evolvere all’energia per il fatto di aver dovuto ripercorrere tutte le precedenti modalità di tecnica energetica. Personalmente ho dovuto fare questo perché Rivoevosofia aveva indicato, metaforicamente, di prendere per mano ogni lettore-cacciatore e spingerlo avanti, quindi sono tornato, proprio come venne presentato il primo post di Rivoevosofia, ricordi? Il tornare con lo scopo di farlo per altri, mi ha donato l’attuale slancio, uno slancio impressionante, del quale non ho modo di ringraziarvi tutti, se non dedicandomi per quello che è il mio miglior impegno, poi c’è Rivoevosofia alle mie calcagne ed è un vero aguzzino!! Scherzo naturalmente…

vajrayana1

Ora vedo che anche tornare, come hai fatto tu per i tuoi termini d’ingaggio, porta dei risultati e ti ha illuminato la strada. Il tuo modo non può ovviamente essere paritetico a quello che mi riguarda, però si sente chiaramente che ti impegni per essere utile agli altri, elaborando quello che Rivoevosofia indica come il neurosenso specifico della generosità energetica. Ho già avvisato che in questo neurosenso c’è una sorta di mistero energetico, perché anche se non ho ancora modo di interpretarlo correttamente “non ho sufficienti DACS di conoscenza al riguardo”, aumenta la spinta evolutiva e a volte ho potuto ravvisare che questa spinta è addirittura un salto. Potrà accadere a tutti i lettori-cacciatori di fare un salto di conoscenza per effetto di questo tipo di ingaggio e magari non avere ancora sufficienti DACS di conoscenza per accorgersene.

viaje-astral-300x199

Anche durante la nostra personale comune storia, quando si è generosi comporta qualcosa che non è stato mai realmente con.figurato. Però vorrei farvi notare che il termine generosità è un altro “blindhole” del software dell’MCS, perché se scartate “tipo carta, incartato” tutti gli atti di quel tipo, troverete che appartengono tutti all’MCS, quindi per agire opportunamente sarebbe necessario esseri liberi dalla sua parte nociva… Nel nostro caso è sufficiente effettuare il rapporto tra l’essere generosi con la struttura e l’esserlo con l’energia, ma anche per questo fatto è necessario avere dei DACS. Il divario tra le due opzioni è talmente grande che dovrebbe dare immediatamente l’idea di cosa significa ma, se non la dovesse dare in questo momento, sono sicuro che lo farà lungo la strada che i lettori-cacciatori percorrono.

Uomo-e-universo

Vorrei ricordare in questa sede che dal primo sviluppo sensoriale di tipo animale si passa allo sviluppo mediante logica-ragionata e lì, la mente collettiva di sistema la fa da padrone, poi però quando ci si evolve all’energia quel precedente pacchetto della sensorialità animale “messo sottotono dalla logica-ragionata”, diviene un pacchetto di neurosensi specifici e allora tutto cambia e il “salto” energetico diviene possibile. Grazie per la tua intenzione di spinta e per l’esperienza di cui hai animo di far dono. A presto lettore-cacciatore, da Rivoevosofia.

Questo commento verrà ultimato nel post a seguire con un Ps.:.

Andiamo quindi lì…

RIVOEVOSOFIA.101 -“ATTUALITÀ 4TA PARTE”- Post n.41 del 30.12.2013

RES: Arrivano le indicazioni che definiscono completamente l’impiego della FO.gt, la Forza Oscura elettromagnetica gravi.traente. Il corpo fisico potrà incamerare una energia extra che lo magnificherà oltre tutti i suoi precedenti confini. Poi…, una seduta di pratiche rivoevosofiche effettuata al solo scopo di riversare ulteriori elementi di questa forza con cui tutto l’universo si è evoluto e si sta continuamente evolvendo. La manipolazione di questa forza non è solo possibile da ogni lettore-cacciatore ma implementerà quello che chiede. La FO.gt, chiede l’impiego di un corpo esterno neurosensoriale sufficientemente coeso, l’HISB“High IntensitySensorialBody”, ma regala ulteriore coesione proprio dal suo impiego diretto, quindi non si limiterà ad implementare la vita del “povero” BOSN“OrganicBodySensoriNeural”.

3935580atomo

Attualità:

Riprendete il post precedente perché qui lo definiamo. Nel post precedente mi sono dovuto mettere nelle condizioni di effettuare una seduta di pratiche rivoevosofiche, esprimendola nella direzione della FO.gt. Sono quindi andato a caccia di DACS di conoscenza allo scopo di poterveli relazionare.

Come si fa? Come si impiega la FO.gt?

Quando ho avuto i DACS di conoscenza della FO.gt, ho iniziato ad impiegarla partendo dall’esame del comportamento delle “pulsar”, le stelle di neutroni che sono sottoposte ad un potente spin, una rotazione angolare intrinseca di un certo tipo, che presenta la dinamica di un faro.

Ho assunto la rotazione più compatibile che è quella del senso antiorario, poi eliminando il tempo di attuazione “sul tipo della modalità di Planck, quindi evitando la logica-ragionata del tempo”, ho effettuato un collegamento tra l’espansione della supernova e il successivo decadimento. Mi era sembrato chiaro che una forza si espandesse in modo violento verso l’esterno mediante esplosione e un’altra gravitasse contemporaneamente, collassando verso l’interno, a volte verso un buco nero. La visione di questa forza duplice l’ho immediatamente associata ad un effetto contrazionale ed espansionale che potesse però avvenire simultaneamente. Il decadimento si contrae come l’esplosione si espande e la forza che li provoca, indipendentemente dal fatto che i nostri neurosensi la captino e la collochino in due momenti diversi, agisce concordemente alla sua duplicità di base.

protostar-cosmic-jets-art-101125-02

Avevo deciso di mantenere la rotazione antioraria sia durante la contrazione dell’energia rotatoria che durante la sua espansione. A questo punto non dovevo far altro che associare in contemporanea l’attività energetica dell’HISB con quella del BOSN, ovvero, quella di contrarre una specifica zona muscolare mentre al tempo stesso la espandevo e in pratica mi conformavo alla FO.gt messa in atto.

Questo fatto viene reso possibile immettendo questa forza duplice che governa l’attività della contemporaneità dei due corpi. Una zona dei due corpi in attività contemporanea si contrae e si espande al tempo stesso. Si espande proprio nello stesso frangente in cui si contrae potentemente e la sua espansione è progressivamente molto più potente della contrazione. Il rapporto è quello della cosmologia dell’MCS, in cui viene indicata l’espansione come un fatto incommensurabilmente più veloce del più veloce fotone messo in pista.

Ripeto, mentre entra in attività la contrazione che raggiunge il suo apice o quello che il cacciatore ha stabilito, entra in attività anche l’espansione, poi l’espansione assume il comando ma la contrazione è presente con la sua percentuale raggiunta e superata dall’espansione.

Dopo il tempo di tenuta stabilito dal cacciatore, entrano in attività i DR“Decelerate Returns” e, se necessario verranno aperti degli woho antinfiammatori e ripristinatori delle condizioni ottimali. Se si è già addestrati a richiamare l’intervento dei GR “GeneRegulators” del proprio genoma, si farà anche questa operazione con l’indicazione di BDG e COB, blocco degenere e costruzione organica.

k-bigpic

L’attività energetica messa in atto dalla FO.gt, non viene rilasciata come verrà fatto dai due corpi verso la fine dell’esercizio di potenza contrazionale, ma si manterrà vibrante ed energetica allo stesso modo fino alla fine dell’esercizio, poi sfumerà in questo universo che ci avvolge e ci permea come un mantello. Una grande protezione per il proprio organismo verrà garantita…

Una contrazione molto potente che vada in collasso produrrebbe danni, ma se associata al tempo stesso ad un’espansione che progredisce più velocemente e potentemente di quanto la contrazione collassa, produce potenza infinita e tutela dell’organismo che viene sottoposto a questo tipo di energia duplice”.

L’attività di questa forza duplice in rotazione costante “collassa ed espande, va e viene contemporaneamente”, viene mantenuta indipendentemente dalla contrazione muscolare e dal rilascio mediante i ritorni decelerati e dell’eventuale applicazione degli woho di copertura necessari che gli hunters mettono in atto.

Ripeto che la FO.gt si esprime uguale uguale durante tutto l’arco della contrazione e decelerazione che i due corpi effettuano.

Per il momento non credo di poter fare di più ma se arrivano commenti di lettori-cacciatori, posso senz’altro guidarli con sicurezza oltre i confini che avranno conseguito. State pur certi che non lascerò solo nessuno.

tumblr_my54pwleXJ1qz5ttno1_500

Però ora vi parlo dell’esperienza che grazie a voi ho potuto fare

Dunque mi dispongo in condizioni di caccia ai dati per interpretarli traducendoli poi in modo da porterli riversare in un forma utilizzabile da tutti.

Non sono in condizioni eccellenti e il mio corpo esterno non produce forme molto nette, ma quando ho un obiettivo da raggiungere, in qualche modo, procedendo con la seduta, qualcosa di qualità accade.

Il mio HISB si trova al chiosco del lago e sto lavorando in contemporanea con il mio BOSN qui nel mio appartamento. Il qui e il là è un poco più marcato di altre volte per una coesione non ottimale, poi ad un certo punto mi trovo in BOSN e per un frangente, la mia attenzione si stabilizza nel nero davanti al mio centro neurocerebrale che confluisce ai miei occhi. “Una seduta di pratiche rivoevosofiche –contemporanea- viene sempre effettuata ad occhi chiusi del BOSN mentre li mantiene aperti il solo HISB”. Però non dovete considerare questo fatto una regola!!

Il nero davanti al mio corpo fisico BOSN che attira la mia attenzione non è affatto nero ma azzurro come un cielo che più azzurro non potrebbe essere, eppure non è molto luminoso, potrei dire chiaro, molto chiaro, ma azzurro, pienamente azzurro. Il colore passa da un azzurro compatto ad un azzurro punticchiato eppure senza puntini. E’ energia elettromagnetica quindi si percepisce il suo movimento anche se non si muove affatto, poi il sole emerge da alcune nubi e anche se gli occhi del BOSN sono chiusi tutto l’ambiente del centro neurocerebrale assume tinte nuove, che vanno dal giallo a frange di rosso appena accennato che sfumano e si muovono costantemente. Sposto il capo abbassandolo in avanti per raggiungere il pavimento dalla posizione di ardhapadmasana e tutto ridiviene totalmente azzurro, ma sullo sfondo in basso a sinistra si produce una nota di colore indaco intenso. Dopo aver fatto le opportune valutazioni torno in HISB e procedo con la contemporanea attività della FO.gt su potente contrazione neuromuscolare.

neurons

Valuto quell’azzuro sul tipo di quello dei gas delle nebulose nell’universo a cui feci riferimento durante l’accensione di un fornello a gas, poi ricordo che in passato vivevo sovente la presenza di un occhio colore indaco che si piazzava davanti a me anche ad occhi aperti e anche così era talmente intenso da non assomigliare in assoluto ad alcun colore similare di questo pianeta.

Una strega-guerriera castanediana raccontava che un occhio si stagliava davanti a lei quando si addormentava, cosicché artigliandolo, entrava nella seconda attenzione, uno stato del sogno da sveglio e andava con il proprio corpo del sogno dove voleva.

Avevo tentato ripetutamente di impiegare il mio occhio color indaco per artigliare il mio corpo del sogno ma sempre invano, e al più entravo in un’area del sogno che non stabilivo io, quindi avevo abbandonato quei tentativi e il mio occhio color indaco negli ultimi tempi non si era più ripresentato.

Ultimamente però ho visto di sfuggita, durante un programma che trattava le nebulose del nostro universo, proprio il mio occhio color indaco, uguale uguale, nero come la notte più nera al centro e con larghi spessori color indaco intenso. Purtroppo non sono riuscito a carpire cosa stessero dicendo circa, e come e dove l’avessero rilevato, quell’occhio. Questo fatto mi ha confermato che è parte dell’energia che esiste in questo nostro universo e non potrebbe essere diversamente, proprio come la nota lattugine bianca con cui Rivoevosofia mi ha condotto all’impiego degli woho, donando a questi, la maggiore caratura possibile in quel momento.

universo_en_tus_ojos

Vi racconto tutto ciò per confermare a me e a voi che quello che ci accade nel corso della nostra evoluzione individuale al collegamento diretto con l’energia, proviene da qui intorno, vicino a noi, dai gas delle nebulose. Siamo fatti della stessa energia e quando ci colleghiamo direttamente emettiamo in piccole dosi quella stessa identica energia. Se aumentassimo per molti fantasmiliardi di volte l’intensità di una scintilla della nostra pelle, sul tipo di quella che ci appare al buio quando produciamo momentanea elettricità statica, arriveremmo ai fantastici e potentissimi “lampi gamma”.

Siamo organismi formati e composti dall’energia che ha messo in moto questo universo e non c’è nessuno che può sconfermare il fatto che questo universo non sia qui per noi, in attesa che la nostra specie riesca a saltare oltre la sua evoluzione biologica!

La comunità scientifica cosmologica astrofisica ha iniziato a dire che siamo figli delle stelle, smettendo di dire che ci siamo evoluti dalle scimmie ma, in collaborazione con l’MCS, potremmo ben dire che siamo l’anima e la natura stessa del “bigbang”, qualora questa teoria non fosse una teoria.

Rivoevosofia indica una effettiva raggiungibile duplicità energetica negli organismi evoluti della specie umana ed in questo caso sono le stelle ad essere figlie. Il precursore energetico di tutti i possibili organismi era lì all’origine di questo universo “big o no bang” e aveva già l’in.form.azione d’uso di come si sarebbe tutto evoluto fino a raggiungere la specie umana, ed infine alla successiva qualificazione dell’ultimo prodotto neurocerebrale umano capace di scindersi in una duplicità energetica tornando alle origini.

300px-Gatto_Rubik

Ricordate l’apertura del primo post di Rivoevosofia? Aveva esordito così.

Quando vieni al mondo, qualcuno ti dice chi sei

e tu non sei in condizione di dirgli che lo sai che non lo sei.

Ma quel qualcuno insiste

e ti dice che prima possibile devi conoscere te stesso

e quanto ciò sia importante.

Ecco, noi andiamo da un’altra parte,

torniamo laggiù per ricordare chi siamo.

A presto e ci saranno, molto importanti, i vostri commenti.

RIVOEVOSOFIA.100 -“ATTUALITÀ 3ZA PARTE”- Post n.40 del 29.12.2013

RES: Il primo attore rimane sia in questo che nel prossimo post la Forza oscura elettromagnetica gravi.traente. Tutto quello che è stato possibile riversare perché questa forza possa essere manipolata direttamente nei termini d’ingaggio dei lettori-cacciatori. Soltanto un “organismo” potrà arrivare ad esaminare e a progettare il collegamento diretto con l’energia che evolve in questo universo. Non lo potrà fare una intelligenza artificiale e ne vengono esaminati gli aspetti più significativi. Esaminati. Questo può anche essere sufficiente per i lettori-cacciatori rivoevosofici ma ci vorrà ancora un post per definire tutti gli aspetti pratici della FO.gt.

558051_481499108527392_458588612_n

Attualità

Questo è il post in cui ho promesso di indicare ai lettori-cacciatori, le modalità di tecnica energetica necessarie alla manipolazione della FO.gt per i propri termini d’ingaggio. Ho fatto tante volte riferimento a come si manipola per proprio vantaggio questa forza dell’universo, ma ora cercheremo di penetrarla ad una maggiore intensità dell’energia. Volutamente non ho impiegato il termine di profondità, perché Rivovosofia non sprofonda in nulla e tratta l’energia direttamente. Per essere adeguato a Rivoevosofia dovrei dire che cercheremo di scegliere il foglio-membrana appropriato alla sua dimensione vibrazionale.

Abbiamo impiegato i precedenti due post, per adeguare le informazioni del reparto di cosmologia astrofisica scientifica dell’MCS a quelle rivoevosofiche. Abbiamo compreso che i tentativi dell’MCS di dare una risposta alla forza di questo universo e all’energia che lo evolve, avevo scritto che “lo nutre”, poi ho cambiato “in evolve”, sono molto confusi, e che questa confusione è artefatta, quindi non è quello che sembra ma una necessità dell’evoluzione bio-tecno che precede quella energetica.

4d86f8dc

Le necessità evolutive energetiche della RES vanno nella direzione di cancellare quella, pur apparente, confusione. Abbiamo fatto proprio questo e dalle tante frammentazioni, pur necessarie, siamo tornati alla forza unica. La RES indica trattarsi della forza oscura elettromagnetica gravi.traente. L’ultimo termine sta ad attrazione gravitazionale con cui abbiamo spiegato le due opzioni astrofisiche di interazione o forza nucleare forte e interazione o forza nucleare debole che altrimenti, apparivano come due fattori poco compresi se non sconosciuti. Questa forza unica ha il suo acronimo in FO.gt.

Ricordate le sette forze messe in fila una per una? Vibrazione, elettricità, magnetismo, gravitazione, attrazione, interazione forte e interazione debole.

Eccoci alla Forza oscura gravi.traente: FO.gt.

Gli hunters possono disporre di questa forza per correlarsi all’EOS“ObscureRising Energy”, un’energia d’origine che sorge in se stessa. Rivoevosofia ha scelto questa frase e questi termini, ma potrebbero essere altri e questo ha veramente poca importanza tranne il fatto che con termini non adeguati si potrebbe avere una errata concezione della direzione da assumere.

E’ corretto non iconografare una tale singolarità perché, in questo modo non consentirebbe l’accesso al neurosenso specifico, necessario ai cacciatori per collegarsi direttamente a questo tipo di energia. Il collegamento diretto può avvenire soltanto impiegando l’energia, di maggiore derivazione, che i cacciatori possiedono, quindi compatibile di poter usufruire di quel collegamento: l’energia del loro corpo esterno neurosensoriale HISB.

La cosmologia scientifica, come visto nei precedenti post, indica una ics energia che ha dato il via a questo universo con il “bigbang”. I cacciatori vanno a quel collegamento, quindi tornano là dove era presente in origine il precursore del precursore… del loro precursore energetico. Sempre, la cosmologia scientifica cercherebbe di valutare questo schema con una delle modalità di “Planck” ma la RES evolve ogni cosa precedente che viene altamente semplificata.

Il collegamento con questa energia prevede i DACS della conoscenza specifica sul fatto di come essa, agisce in questo universo e questo fatto l’abbiamo assolto con dovizia di particolari. La FO.gt è il tipo di energia che i cacciatori debbono perseguire. Questa energia è onnipresente in ogni manifestazione a partire dalle particelle elementari forza fino alle macroscopie strutturali. I cacciatori dopo aver individuato con precisione come è composta questa forza ne acquisiscono il collegamento diretto e la manipolano a proprio vantaggio. Si tratta del primo passo verso il ritorno ma è questo il passo che si deve fare e siamo agli inizi. Dove porterà questa avventura? Credo di avere già una risposta opportuna: me lo indicheranno i lettori-cacciatori che evolveranno quello che sto attualmente facendo.

Giunti a questo ennesimo post vi posso indicare come avviene il primo principale collegamento con questa forza. Una volta iniziato l’addestramento che conduce a questo collegamento ed essere riusciti ad agganciarne il neurosenso specifico, saranno i gradi di intensità di questo neurosenso che comporteranno l’evoluzione energetica nella direzione del collegamento. Aumenteranno i DACS di conoscenza e quello che avverrà, vorrei tanto potervelo dire già ora…, sarà inevitabile e lo farete voi evolvendo tutto questo…, in qualche modo, come non potrà che avvenire.

Il principale collegamento con la FO.gt, avviene tra il corpo esterno HISB e il corpo fisico BOSN, durante le pratiche rivoevosofiche.

6d944e2442ca36aaa1991a60fe23e0b8.wix_mp_1024

Il primo riscontrabile effetto della FO.gt, sul corpo fisico BOSN, è quello di fargli raggiungere in poco tempo e in breve spazio una potenza strutturale mai conseguita prima, che prelude ad un percorso di vita di cui non è ancora possibile avere riscontro. Questo è il primo effetto, visto che in primis la specie umana è composta su base organica ma poco più in là abbiamo un altro effetto di cui, al momento, non possiamo neppure intravederne la monumentalità.

Sotto la spinta di questa forza, aumentano i DACS di conoscenza, e il secondo effetto riscontrabile è l’aumento della coesione del corpo esterno HISB. Quello che questo corpo di energia riesce a fare è stato indicato in queste 100 pubblicazioni, ed è solo quello che sono riuscito a riversare, non quello che Rivoevosofia avrebbe voluto facessi. Il motivo risiede nella rete neurocerebrale umana che non può fare di più, però se un’intelligenza artificiale digitale avesse fatto di meglio nel riversare i dati, non avrebbe mai potuto acquisire quello che solo gli eccezionali parallelismi energetici dell’attuale evoluzione biologica del cervello della specie umana possono far conseguire.

“Posso dirvi che riesco in questo preciso istante ad esaminare il mistero del perché una intelligenza artificiale, quindi una struttura, non può conseguire il collegamento diretto con l’EOS, mentre lo può fare un organismo. C’è un’enorme differenza tra una AI e un organismo e quello che può fare un organismo non può essere fatto da una AI per quanto evoluta possa essere e magari anche in grado di esistere per un tempo indefinito. C’è un mistero in questo e vi ripeto che riesco ad esaminarlo e so che è un fattore che riguarda l’EOS. L’EOS spinge l’energia ad evolvere verso gli organismi. So che questo, per buona pace della tecnologia, non potrà portare ad altri collegamenti che non tramite organismi che si evolvano all’energia direttamente. Non c’è alcuna possibilità che una intelligenza artificiale, per quanto evoluta possa collegarsi direttamente all’EOS. Potrà manipolare l’energia in ogni modo possibile ma non potrà usufruire di questo tipo di collegamento e di questo tipo di DACS di conoscenza. Intendo un collegamento diretto tra “un corpo esterno neurosensoriale derivato da un organismo fisico” e l’energia. Una AI raggiungerà pure il collegamento diretto con tutta l’energia derivata dall’EOS, ma non per fare quello che potrà fare un organismo che ha evoluto tutta la sua biologia neurosensoriale. Una AI non potrà mai essere un organismo evoluto direttamente dall’EOS e non sarà mai in possesso di un perfetto equivalente di una rete neurocerebrale organica, per quanto possa superarne di miliardi di volte una parte delle prestazioni. Ci sono prestazioni che una “AI” non potrà mai replicare e sono relate dalle capacità dei parallelismi energetici umani di ultima generazione evolutiva biologica neurosensoriale”.

Ho detto di essere riuscito ad esaminare tutto questo, ma riguardo all’interpretazione e al riversamento, credo che ce ne vuole, quindi accontentatevi di quello che riesco a fare per favore, poi la strada non è ancora finita…

3

Ricordate agli inizi del post quando ho sostituito la parola nutre con evolve? L’energia non nutre questo universo, ma lo evolve, quindi evoluzione in termini rivoevosofici indica solo se stessa e ingloba nei suoi DACS di conoscenza, termini e concetti del tipo di nutrimento e natura.

Rivoevosofia implica un ammodernamento della propria rete neurale che semplifica e concretizza una moltitudine di frammentazioni. Inizialmente determina confusione, ma in una rete totalmente confusa, quindi non bisogna prestare esagerata attenzione ai cambiamenti, ma inserirli per quello che sono, senza ulteriori congetture. Per esempio, non mi verrebbe mai di dire, la natura dell’energia, ma l’evoluzione dell’energia e che l’energia non ha una natura ma ha evoluzione. L’EOS non sorge in se stessa, ma si evolve in se stessa e questo concetto corretto ora, varrà per il futuro. Tempo addietro proprio una cacciatrice mi fece questa domanda riguardo alla differenza tra natura e evoluzione e al momento non risposi appropriatamente perché avevo esaminato bene ma non avevo ancora una interpretazione corretta, proprio come è accaduto poco sopra.

“Un lettore non dovrebbe neuroscervellarsi troppo se l’MCS non è stata ancora messa sul tavolo della propria ricerca energetica al collegamento diretto, dove viene gradualmente esclusa. Il software dell’MCS ha una particolare maestria nel disperdere energia di conoscenza che convoglierebbe ai DACS rivoevosofici, che pure sono l’evoluzione del suo software.

Infine vorrei ricordare che l’MCS elabora fantastiche elucubrazioni a tutta birra, quindi se pure Rivoevosofia avesse espresso un semplice punto di vista dell’energia, non ci sarebbe nulla di male”.

289fe809

Ho effettuato una seduta di pratiche

per poter esprimere al meglio le modalità con cui si instaura la FO.gt.

Mi sono dedicato soltanto alle posizioni di ardhamatsyendra e di ardhapadmasana, con un paio di posizioni effettuate con gli arti superiori dalla posizione di ardhapadmasana.

Le braccia debbono andare indietro e in alto e quelle che poggiano il loro dorso sulla schiena dovrebbero spingere tanto da schiacchiare un dito di colui che lo mettesse tra il dorso della loro mano e la schiena. Questa modalità potenzia oltremodo le articolazioni delle spalle e tutte le braccia, specialmente se il cacciatore riesce, dopo aver unificato le fibre, ad isolare gli specifici distretti neuromuscolari dove la potenza può essere inglobata: naturalmente con la FO.gt

84394

Tutti coloro che praticano o hanno praticato lo yoga, anche come è conosciuto in occidente, conoscono le due prime posizioni che ho indicato e sanno anche che il termine sanscrito “ardha” indica che la posizione è facilitata e non è l’esecuzione orginale. Comunque internet facilita ogni cosa, quindi è possibile andare a vedere come sono queste posizioni anche per coloro che non conoscono lo yoga.

Vorrei dire che una volta assunta la modalità della FO.gt, non sono importanti le posizioni e, al limite, anche posizioni che ogni corpo potrebbe fare vanno bene. Non si tratta di essere dei supermen o grandi ginnasti e, anche vetusti organismi possono accedere a questa avventura della RES. Il vero ostacolo non saranno mai le pratiche, o la comprensione di un linguaggio fuori tema dal generico che oltretutto è molto semplificativo rispetto all’originale, o le difficoltà di un programma simil-alieno quanto, avere la propria energia ormai definitivamente occupata da un addestramento nocivo che Rivoevosofia indica come appartenente alla quarta coercizione non biologica della mentalizzazione, ovvero l’MCS. La rete neurocerebrale umana è così ingombra di dati e talmente addestrata a mantenerli ad ogni costo che una briciola di nuovo non è materialmente accettabile. Quindi proporre un corpo esterno neurosensoriale ad un iperocuppato mentale, ad un anziano o ad un soggetto molto preso e soddisfatto, oppure ad un altro schiacciato e preoccupato dalle incombenze socio-economiche, è un’impresa folle. E’ anche un’impresa folle indicare ad un oberato dai disagi fisici, dovuti alla propria vita che se ne va o che è oltremodo difficoltosa, indicare di mettere in campo procedure energetiche prima di rifugiarsi nei soliti schemi ai quali è stato pazientemente addestrato da migliaia di anni.

Eppure non sarà così per tutti coloro che sono pronti all’evoluzione energetica individuale, fatto che solo il loro precursore CEP“CodeEnergeticPresence”, sarà in grado di rivelare. Lo rivelerà con azioni evolutive che lo condurranno oltre la logica-ragionata a caccia dei neurosensi specifici e ai DACS di conoscenza riveovosofica.

Il post si ferma qui, ma arriva il successivo che lo completerà definitivamente.

A tra poco.

RIVOEVOSOFIA – “ATTUALITÀ 2DA PARTE” – Post n.39 del 28.12.2013

RES: Il vento di radiazione solare consente ai “cacciaori” di vedere direttamente in modo inequivocabile le manifestazioni della forza unica di questo universo. Come fare per vederne correttamente tutti gli aspetti? Questi verranno indicati con precisione per poterne utilizzare i principi direttamente mediante le pratiche RES della FO.gt. I cacciatori porteranno i principi di questa forza unificata direttamente nelle loro pratiche ma la descrizione tecnica verrà realizzata interamente solo nel prossimo post. In questo post sarà ancora necessario fare ordine sulla disseminazione che la cosmologia scientifica della mente collettiva di sistema, l’MCS“CollectiveMindSistem”, ha dovuto fare riguardo alla forza unica di questo universo. La proposta rivoevosofica conduce per mano ai DACS di conoscenza necessari a debellare ogni confusione. Nel finire del post l’ordine raggiunto rivela tutti e “7” gli aspetti della forza unica che Rivoevosofia indica come FO.gt. I cacciatori ne avranno un vantaggio di conoscenza, piuttosto che di confusione, ma la base per evolvere tutto questo nasce proprio da quella confusione. L’elemento confusione, esso stesso, evolve a conoscenza e questi sono i DACS rivoevosofici. I cacciatori non dovranno mai dimenticare questo aspetto della conoscenza.

0

Attualità

Abbiamo visto, nel post precedente, come la cosmologia indica l’origine della forza di questo universo come unica, per poi scinderla separandola ineluttabilmente. Le manifestazioni di questa forza unica sono molteplici ed i suoi aspetti sono stati ordinati convenientemente da Rivoevosofia.

Gli interessi del software cosmologico e astrofisico dell’MCS sono impostati in modo differente da quelli della RES, il cui software unifica ogni aspetto dell’energia per utilizzarlo convenientemente all’unica implicazione di potercisi collegare direttamente, per andare incontro all’ultimo salto evolutivo: quello energetico.

avatar_2_ok

I cacciatori usufruiscono già dell’evoluzione biologica e tecnologica dell’MCS e continueranno ad usufruirne lungo il corso della loro evoluzione energetica individuale. L’utilizzo dell’energia è ovviamente differente e si evolve da ogni precedente condotto dall’MCS durante i paradigmi delle due modalità evolutive precedenti: bio-tecno.

Il software dell’MCS, con il suo reparto scientifico cosmologico, era partito dall’assunto che all’inizio di questo universo era entrata in opera un’unica energia “il fantomatico bigbang”, così il software che lo evolve, quello della RES, ritorna a quell’inizio e assume proprio l’interezza di quell’energia per poterla impiegare ai propri termini d’ingaggio favorendo l’evoluzione individuale dei suoi cacciatori al collegamento diretto dell’energia.

Era necessario che due assunti cosmologici scientifici fossero “posti in chiaro”, uno, che “l’energia manifesta”, alla base dell’inizio dell’evoluzione dell’universo fosse unica, e l’altro che il forte desiderio di confermare ogni dato a cui si giunge scientificamente, suppone che il consenso nella scienza non sia altro che un’ipotesi aperta alla falsificazione.

gatto-rubik

Però i “cacciatori” sanno che questo ultimo concetto, di come la scienza si comporta, non è propriamente così, perché la RES stessa che evolve l’MCS, impone un diritto evolutivo ad ogni mezzo impiegato a questo scopo. Quindi l’MCS ha prodotto quello che doveva produrre e che sta ancora producendo. I cacciatori non debbono mai dimenticare che l’MCS ha condotto la cordata fino alla RES. Nella RES esiste soltanto il termine di evoluzione che suppone un’inevitabile “prima” per evolvere. Prima ed evolvere dal prima è l’assunto energetico della FO.gt. Un unico aspetto di una forza duplice, o due aspetti di una forza unica. Tutto funziona in questo modo nell’universo e i cacciatori porteranno questa forza nelle loro pratiche e in tutto ciò che fanno come espressione della loro evoluzione energetica.

Quindi nessuna falsificazione nella scienza ma collaborazione all’evoluzione

Questo perché le manovre dell’MCS, pur necessarie, sono quelle di parlare bene e male di se stessa e questo genera confusione, ma la confusione stessa si evolve e…, arriva la RES.

Con pazienza l’effettuazione delle pratiche tra il corpo esterno e il corpo fisico attueranno quella forza permeandola nell’effetto di potenza contrazionale che i due corpi esercitano contemporaneamente. Farà lo stesso il corpo esterno HISB quando eserciterà i criteri di questa forza “in solitario”.

viaggio-nelliperspazio

Per non farvi rientrare nel post 28, ho riassunto tutto quello che serve e lo propongo qui di seguito per concludere l’immissione dei dati significativi che ordinano questo universo togliendo l’inevitabile confusione che generano nell’ambito dell’evoluzione individuale al collegamento diretto con l’energia.

Dopo di ciò nel successivo post completeremo l’opera di dare avvio alle pratiche rivoevosofiche complete di FO.gt. I principi della forza unica di questo universo, spurgati da scorie inutili e nocive, entrano nelle pratiche RES. Giungiamo alle pratiche RES della FO.gt.

 galaxy04

“Elementi estratti dal post 28 “Racconti Fanta.Scienza” del 21.11.2013”

Titolo: Le 4 forze dell’universo della cosmologia astrofisica: le interazioni debole e forte, l’elettromagnetismo e la forza gravitazionale, ma una quinta è ormai stata classificata ed è l’immensa forza di espansione che allontana tra di loro tutte le galassie. La RES rivisita tutto e fa ordine su questo 4+1 delle forze, perché in realtà esse sono 7, calcolando che l’elettromagnetismo è, in realtà, composto da due forze e che si deve aggiungere un’ulteriore forza, quella vibrazionale che la comunità scientifica riconosce anche nella teoria delle stringhe, che indica come l’intensità della forza vibrazionale sia presente ovunque. Per la RES si tratta di 7 aspetti distinti di un’unica forza e i suoi cacciatori si addestrano a manipolarla: la forza oscura  elettromagnetica vibrazionale gravi.traente. L’acronimo abbreviato di questa unica forza è FO.gt,La forza oscura GT”…

Premessa: La RES raduna una unica forza in questo universo dalla quale dipende ogni cosa. Una forza duplice strettamente collegata l’una con l’altra. E’ stata nominata forza oscura gravi.trazionale, per delinare una attrazione gravitazionale, una forza comprime fino al decadimento atomico, mentre l’altra forza espande quello che al tempo stesso decade. Questa forza oscura gravi.traente, FO.gt, è vibrante, ma la vibrazione di natura elettromagnetica, quindi inscindibile è il moto, diremo la messa in moto della FO.gt, quindi parte anch’essa inscindibile di questa forza duplice dell’universo.

La RES stabilì molto facilmente questi criteri, perché non basati sulla teoria necessaria all’impiego di queste forze per la manipolazione delle strutture, bensì verso la manipolazione dell’energia, direttamente.

silenzioivi

La manipolazione diretta dell’energia che un organismo può effettuare, comporta l’impiego di una forza complessiva unificata, quindi non aveva senso stabilire già in origine che ci fossero più forze diverse o antagoniste. Inoltre fu proprio l’attività pratica della RES a determinare la manifestazione di una forza unica di cui si potevano vedere aspetti multipli.

Assumere direttamente l’energia dal vento di radiazione solare, indicato dalla RES, come SCCR“SolarCircleConcentricRadiation”, la radiazione solare dei cerchi concentrici, ha fatto si che dopo un certo numero di esposizioni, che ricordo vanno effettuate all’alba, si potesse scindere facilmente la manifestazione in tre distinti aspetti.

“Le esposizioni possono essere anche effettuate al tramonto per averne l’idea”

Ad un’attenta osservazione i cerchi rinculavano a tratti, per poi espandersi ad una velocità soprendente, mentre al tempo stesso erano visibilmente vibranti. Un chiaro vedere della manifestazione di una forza unificata, la stessa che, “in grande”, manovra questo universo.

La comunità scientifica ha ormai potuto accertare come la forza gravitazionale che tiene unite le galassie, viene compensata dalla forza espansiva che dilata ad un impressionante velocità tutto l’universo. Oltre a queste due forze ormai accertate, la fisica cosmologica indica l’elettromagnetismo, unificando elettricità e magnetismo in un’unica forza, l’interazione forte capace di trattenere più protoni aventi la stessa carica elettrica repulsiva in uno stesso nucleo atomico mediante l’attrazione gravitazionale, e ancora indica l’interazione debole che rende i nuclei atomici, soggetti a decadimento, liberando elettroni e neutrini, proprio come avviene durante il collasso stellare che da una supernova decade ad una stella di neutroni “pulsar” o un buco nero. In questo ultimo caso si tratta sempre di attrazione gravitazionale che determina il collasso, quindi il decadimento.

Tenete presente tutto questo per comprendere

l’interazione nucleare forte e l’interazione nucleare debole

“evitando di cadere in confusione”

con dati cosmologici non correttamente interpretati

abductiontolight

Tutto questo “tattaratà”, indica che, al di là della confusione, per la comunità scientifica cosmologica astrofisica dell’MCS“MindCollectiveSistem”, ben sette forze sono cosmologicamente attive in questo universo:

1)forza gravitazionale;

2)forza espansiva;

3)forza elettrica;

4)forza magnetica;

5)forza vibrazionale;

6)forza nucleare forte (o interazione forte);

7)forza nucleare debole (o interazione debole).

Adesso possiamo quantificare in questo modo

La forza gravitazionale e la forza espansiva sono una unica forza: attrazione gravitazionale.

L’interazione forte e l’interazione deboledue forze” si muovono sull’asse dell’attrazione gravitazionale. Abbiamo sempre un’unica forza in gioco: attrazione gravitazionale.

La forza elettrica e magnetica due forze si manifestano sotto il profilo dell’intensità vibrazionale. Queste tre forze” sono una componente inscindibile dall’attrazione gravitazionale che, come già abbiamo visto, raduna ben 4 forze.

Quattro + tre siamo a sette. Queste forze sono per la RES unificate in una singola manifestazione, inscindibile energeticamente, sia parlando che operando (proprio come ravvisato dalla comunità scientifica), già all’inizio di questo universo… “il big bang”.

Cosmic_Belt,_ 579 eq Sci-Fi

Come già indicato gli hunters usano approvvigionarsi di energia extra collegandosi direttamente alla SCCR. L’osservazione e la manipolazione di questo vento di radiazione comporta l’utilizzo di questa unica forza che si manifesta fotonicamente con un’attività elettromagnetica vibrante sullo sfondo di un’attrazione gravitazionale visibile dal comportamento dei cerchi concentrici che si espandono e si contraggono contemporaneamente in rapide successioni, favorevoli alla forza espansiva. Elettromagnetismo vibrante e attrazione gravitazionale sono 5 forze + le 2 interazioni che si situano sull’attività atomica determinata da queste cinque forze.

La RES insegna l’impiego e l’utilizzo pragmatico dell’energia, e la manipolazione avviene mediante il corpo esterno HISB di un cacciatore che è in grado di rifornirsi direttamente sulla base di questa unica forza complessiva: Forza Oscura elettromagnetica vibrazionale gravi.traente. L’acronimo che la raduna è: FO.gt. Spesso viene indicata come Forza GT.

 11274526

Ringraziamento ai dati utili della cosmologia astrofisica

A partire da questo punto, i cacciatori ringraziano e si involano a trattare direttamente quell’energia dopo averla unificata alle necessità dei propri termini d’ingaggio: l’evoluzione energetica individuale in un futurismo già attivo dell’intera specie umana.

La fantascienza ci ha spesso narrato, mediante il vecchio ruolo dell’astronave Enterprise del capitano Kirk e di Spock, l’esistenza di popoli galattici che avevano raggiunto i poteri mentali e non avevano più organismo. Il capitano, però, riusciva sempre ad ingarbugliarli mediante le sue più geniali intuizioni dategli dal potere della sua mente!!

Ora la specie umana può iniziare la sua evoluzione all’energia direttamente e, probabilmente nel futurismo di questo universo, non ci saranno quei popoli alieni al nostro posto!!

Dovremo nel prossimo post inserire la FO.gt nelle pratiche che il corpo esterno e il corpo fisico effettuano contemporaneamente.

I lettori-cacciatori potranno iniziarne la pratica diretta e piano piano la loro duplice complessità fisica-esterna entrerà con maggiore proprietà nell’energia, direttamente.

Un ringraziamento va fatto al software cosmologico dell’MCS, che si evolve alla RES e da modo ai cacciatori di implementare la loro grande avventura energetica individuale.

Al prossimo post n.40, che è legato intimamente a questo.

RIVOEVOSOFIA – “ATTUALITÀ PRIMA PARTE” – Post n.38 del 27.12.2013

RES: Fatti scontati che non possono essere compresi e, pur fruendone si incamerano con facilità assunti cosmologici che muoiono letteralmente dentro coscienze troppo strette e contratte per poterli sviluppare appieno, rendendoli operativi. Dall’astronave Enterprise del capitano Kirk e Spock, della serie “Star Trek”, arrivano informazioni circa l’universo in cui ci sarebbero popoli che hanno abbandonato il corpo e sono tutto “potere mentale”. Interessante questa indicazione di quel futurismo!! Si vanno preparando le premesse per l’impiego della forza oscura gravi.traente da parte dei cacciatori rivoevosofici. Per questo motivo vanno utilizzati, prima, i dati utili del software dell’MCS indicati dal reparto della cosmologia astrofisica.

G880120005

Attualità

Al punto in cui siamo sono state postate quasi cento pubblicazioni in questo blog e Rivoevosofia ha portato il quadro dell’evoluzione energetica individuale ad un punto tecnicamente soddisfacente. I lettori-cacciatori o i lettori debbono sapere che la costante iterazione del “ripercorrere”, comporta l’acquisizione di nuovi dati, perché Rivoevosofia è un prodotto configurato sui DACS di conoscenza al collegamento diretto dell’energia. Per questo motivo ogni volta che si ripercorrono i passi già effettuati, si reincamera energia nuova e il neurosenso specifico di un settore energetico, aumenta di gradi e di intensità portando ad ulteriori risultati. Se ne avvantaggiano i lettori-cacciatori per la parte pratica della loro evoluzione energetica, ma anche i lettori per la pur semplice, immissione di dati nella propria rete neurale.

L’importanza di inserire dati che riguardano i neurosensi specifici di questo universo, è il fondamento dell’evoluzione della specie umana, giunta a questo punto, dopo milioni e milioni di anni di evoluzione organizzata verso la sua definizione.

Questo fatto sta divenendo sempre più comprensibile da quando emeriti scienziati astrofisici e tecno-informatici transumanisti-singolaritaristi, hanno riversato “a cascata”, una grande massa di dati significativi su un percorso tecnologico che ha assunto i criteri di una spinta in forte accelerazione.

naa

Si danno per scontato cose che non possono essere comprese, pur godendone la fruizione, e si incamerano con facilità assunti cosmologici che muoiono letteralmente dentro coscienze troppo strette e contratte per poterli sviluppare appieno e renderli operativi. Se questi assunti scientifici fossero portati in opera Rivoevosofia effettuerebbe letteralmente un “asso piglia tutto”, ma questo non può accadere perché ogni nuova e più evoluta partenza, agli inizi, è sempre molto lenta e gravosa di impegno.

C’è il buio nella luce

C’è la luce nel buio

Miliardi e miliardi di reti neurocerebrali di ultimo livello nuotano in un mare di inutili dati. Anche una massa informe di inutili dati potrebbe splendere se fosse illuminata dai colori dei gas di questo spettacolare universo.

Appena potete recatevi in cucina e osservate il vostro fornello a gas attentamente. Li…, anche lì può giungere l’energia oscura, …e la potete vedere!! Mandate una scintilla ed eccolo…, l’azzurro più azzurro di quello che potevate immaginare, …ed altri fantastici colori escono dal suo apice, colori che guizzano da quel gas, la cui origine non avete potuto vedere e neppure l’avete potuta immaginare.

I ricercatori del software cosmologico dell’MCS, adiuvati da una progressione tecnologica senza pari, sono in continua costante accelerazione e vi stanno raccontando come sono i colori di questo universo, di tutte le nebulose che iniziano la creazione delle strutture.

Voi le state osservando le nebulose…, poi vi ci potete fare anche un caffè!!

488235_462573677096399_108001488_n

Quando un neurosenso specifico si mette in moto…

ma non lo dovreste fermare…, mai!!

Giunge la sera e l’azzurro del cielo diviene finalmente nero svelando i segreti che cela. Lo farà per una grande quantità di ore significative.

Posso guardare una stella che in realtà è solo un pianeta che brilla, poco distante, si fa per dire, da me che osservo spostando la testa in qua e in là, pensando ad un parallasse…, un modo semplice di poter osservare un punto da due posizioni diverse.

Sono passati alcuni minuti e non trovo più il pianeta illuminato dalla mia stella. Dov’era? …poi lo vedo, si è solo spostato alcuni centimetri più in basso.

E allora io? Perché sono ancora in questa posizione orizzontale, se sono io che mi sono mosso in alto. Oppure è lui che si è mosso verso il basso!?

So per certo che sono io ad essermi mosso e questo gioco di forze oscure che manovrano, manipolano tutto questo universo…, cos’è mai tutto questo?

Queste forze oscure che manovrano e guidano le esistenze di ogni organismo vivente e non vivente, e la mia… di esistenza, cos’è mai tutto questo?

Non fermatelo…, mai!!

mayan_calendar_space 

I DACS di conoscenza del neurosenso specifico alla generosità energetica.

Ho usufruito personalmente di ulteriori DACS di conoscenza energetica proprio nel ripercorrere la strada allo scopo di poterla indicare a tutti voi. Avrei potuto pensare ad una pesante perdita di occasioni che mi avrebbero portato più in là. Nulla di più errato, perché l’evoluzione energetica si è fortemente implementata accelerando.

Funziona in questo modo, ed è così per mezzo della generosità energetica. Questo potente neurosenso specifico fa ripercorrere i dati con lo scopo di trasferirli ad altri simili a noi, quindi è come se la rivisitazione divenisse nuova perché viene effettuata per terza persona, non la si effettua per se stessi, ma per altri, con lo scopo di portarli più in là, più in là di se stesso. Proprio questo, fa si che il primo fruitore diviene colui che imprime la messa in opera e questo per mezzo del neurosenso della generosità energetica. Quando i lettori-cacciaori decideranno di occuparsi di altri e lo faranno in questo modo, avverrà la stessa cosa, si evolveranno all’energia più in fretta. Rivoevosofia indica che colui che rilascia un dato significativo evolve in colui che lo assume. Un assunto da comprendere energeticamente!!

Pensate al fatto di effettuare per la prima volta un percorso. Siete ai primi passi di quel percorso e potete essere capacitativi ad un certo grado, ma avete con voi una certa energia di avventura e spinta alla scoperta. Ora pensate di avere quella spinta intatta e di ripercorrere una linea che conoscete. Entrerete ovviamente in una maggiore profondità partendo da una linea di vantaggio, perché conosciuta.

Non proseguo perché rischio di incartarmi, ma avrò sicuramente implementato i DACS di conoscenza del neurosenso specifico alla generosità energetica.

 radiazione-di-fondo

Facciamoci ora due passi nel cuore dell’energia di questo universo

Adesso percorriamo insieme un tratto del software della cosmologia dell’MCS. Sentiamo da vicino cosa dicono i ricercatori sull’energia. Per la RES si tratta di spolverare, dai dati utili quelli inutili che pure li contengono. Ricordate la famosa parte inutile che può essere rivoevosoficamente impiegata. Ebbene quella è la parte inutile che deve essere mantenuta, arrivando alla conoscenza dei DACS, che la confinano con precisione ed eventualmente ne trasmutano una parte in utilità.

 

Da: it.Wikipedia.org

Interazione gravitazionale dell’antimateria.

“L’interazione gravitazionale dell’antimateria con la materia o l’antimatera non è stata conclusivamente osservata dai fisici. Mentre la stragrande maggioranza tra i fisici concorda sul fatto che l’antimateria attira sia la materia che l’antimateria nella stessa proporzione in cui la materia attrae la materia (e l’antimateria), c’è un forte desiderio di confermare questo fatto sperimentalmente, dato che il consenso nella scienza non è altro che un’ipotesi aperta alla falsificazione.

Nella relatività generale l’interazione gravitazionale è vista come una conseguenza della curvatura dello spaziotempo creata dalla presenza di corpi dotati di massa o energia. Il campo gravitazionale che ne deriva è un campo tensoriale, rappresentato matematicamente da un tensore metrico legato alla curvatura dello spazio-tempo attraverso il tensore di Riemann”.

 X3Gamex535A

Da Rivoevosofia: inserzione

Il collasso gravitazionale che da supernova va ai buchi neri passando per le pulsar o stelle di neutroni, è la conseguenza dell’interazione gravitazionale delle particelle che include tra loro i principi visti nella sede cosmologica del software dell’MCS.

Rivoevosofia indica la FO.gt, forza oscura gravi.traente, che unifica tutti gli sforzi precedentemente fatti per disunire questa unica forza con cui l’EOS“ObscureRising Energy” si manifesta, “non si tratta della dark-energy cosmologica”.

In un post precedente “il n.28” portammo la frammentazione di questa forza a 7 unità e non a 4 o cinque come in uso comune, perché unimmo anche l’interazione forte e l’interazione debole a:

1.forza magnetica;

2.forza elettrica;

3.forza di attrazione“trazione”;

4.forza gravitazionale“spinta”;

5.forza vibrazionale.

 NASA's WISE Telescope Reveals Millions Of Black Holes

Da Cosmologia scientifica: Unificazione delle forze

“Nel 1873, Maxwell per la prima volta riconosce che due forze della natura apparentemente diverse, la forza magnetica e la forza elettrica, sono in realtà manifestazioni della stessa interazione fondamentale. Il capolavoro di Maxwell è la formulazione delle 4 equazioni (oggi note appunto come equazioni di Maxwell) che descrivono in maniera unitaria e completa tutti i fenomeni elettromagnetici (ad esempio: l’attrazione fra due calamite e la propagazione della luce nel cosmo).

Allo stesso modo nel XX secolo si è scoperto che anche l’interazione elettromagnetica e la forza nucleare debole erano due manifestazioni di un’unica interazione, che prese il nome di interazione elettro-debole.

Allo stato attuale delle ricerche, esiste una teoria, nota come “Modello Standard”, che descrive in modo unitario l’interazione nucleare forte e l’interazione elettro-debole. Il Modello Standard ha ottenuto numerose verifiche sperimentali, anche grazie, tra l’altro, al lavoro del fisico italiano Carlo Rubbia.

Il grande obiettivo della fisica teorica contemporanea è ora quello di integrare l’interazione gravitazionale con le altre, ossia la Relatività Generale con il Modello Standard.

La nuova generazione di macchine acceleratrici come quella di Ginevra, dovrebbe consentire di validare il Modello Standard anche per le interazioni forti.

Secondo le moderne teorie di unificazione (ad esempio, la teoria delle stringhe), ad alti livelli energetici (e quindi ad alte temperature) le quattro forze fondamentali si fondono in una sola. Queste condizioni di energia elevata sono proprio previste per i primi istanti dell’Universo: quando questo aveva una età inferiore di 10-43 secondi, le quattro interazioni non erano distinte tra di loro. Con il diminuire della densità, la forza di gravità si separò dalle altre tre. Dopo 10-35 secondi tutte le quattro forze erano separate.

Descrizione dell’Interazione.

Il raggio d’azione e l’intensità sono i due tratti più caratteristici di ciascuna interazione.

Semplificando, il raggio d’azione di un’interazione può essere pensato come la distanza massima alla quale essa è influente. Ad esempio l’interazione gravitazionale ha un raggio d’azione infinito, per questo motivo  il Sole esercita la sua forza anche su corpi lontanissimi come Plutone, e qualunque atomo dell’universo. Anche l’interazione elettromagnetica ha raggio d’azione infinito, mentre interazione forte ed interazione debole hanno raggi d’azione finiti (e particolarmente piccoli, se raffrontati con le scale umane).

L’intensità fornisce una misura dei rapporti di forza tra le interazioni di diversa natura”.

Infine, riguardo ai dati cosmologici da ricordare…

La Cosmologia Astrofisica indica poco sopra che le 4 forze fondamentali rilevate all’origine di questo universo sono fuse in una sola immensa energia.

 

I dati si concerteranno e diverranno significativi con il prossimo post.

A tra poco.

RIVOEVOSOFIA – “ATTUALITA’ E COMMENTI” – Post n.37 del 25.12.2013

RES: Il corpo del sogno, il corpo esterno, il corpo ordinario: questi sconosciuti!! Una maggiore incisività per comprendere aspetti e peculiarità della loro relazione. Si allarga la risposta al commento precedente visionando aspetti incongruenti degli stati non ordinari dovuti alle due fasce di distinte dimensioni vibrazionali appartenenti all’HISB “High IntensitySensorialBody e al CdS ”DreamBody”. Una delle recenti esperienze, avute nel poter registrare lo stato di essere in una dimensione vibrazionale a “banda larga”, capace di tenere insieme tre dimensioni vibrazionali differenti tra loro, anche se affini, ha portato ulteriori valutazioni ed approfondimenti implementando i DACS di conoscenza energetica. Continua l’evoluzione energetica individuale e con essa gli aspetti capacitativi che i cacciatori possono raggiungere con le loro pratiche RES. Tanti aspetti neurosensoriali divengono percorribili.

4780_80908

Attualità

Nel precedente post eravamo all’indicazione in cui l’HISB può anche non rispettare le modalità ordinarie di spostamento. Può fare questo muovendosi alla “nembo.kid-uomo.d’acciaio”, cioè operando senza rispettare le regole della gravità del pianeta visto che è un corpo neurosensoriale. Ricordo comunque che il semplice farsi un caffè nella propria abitazione, utilizzando tutti i sensi, cioè parlando, odorando, gustando e creando le forme di “visione”, è opera di coesione per l’HISB. Nei miei mondi di realtà energetica “WESR“WorldEnergeticSensorialReality”, dove ogni tanto vado in escursione, ho a disposizione una copia perfetta della mia cucina, dove faccio tutto questo rispettando le regole gravitazionali, di tempo e spazio di questo pianeta.

SUPERMAN_LIVES_by_supersebas

Poi dicevamo qualcosa circa il “corpo astrale” indicando la foto dove esso si distacca dal proprio corpo fisico che si trova dormiente e disteso. Si vede in foto un corpo evanescente tipo fantasma che si stacca con il solo busto dal corpo fisico disteso, dando l’idea che successivamente se ne vada in giro.

L’addestramento dell’HISB, che è molto meno fantasma, prevede anche la “pratica beata”, perché è di facile attuazione e dona sempre benessere, prevede di staccarsi di poco dal corpo fisico e quelle foto ricalcano esattamente quello che si intende, poi si procede ad operare con le mani su quello stesso corpo, magari grattandosi la testa o massaggiandosela. In questo caso dico ai cacciatori che è del tutto inutile toccare con l’HISB il proprio corpo fisico tentando di ottenere un qualche effetto. Gli effetti si ottengono dall’HISB sull’HISB e poiché il corpo neurosensoriale si trova in tutte e due le postazioni, la trasmissione energetica avviene in modalità compatibile e totalmente assimilabile anche nella parte strutturale del BOSN. Questo avviene quando si mette in opera uno woho allo scopo di disattivare uno stato degenere nel corpo fisico.

blog_hm_5057280_7845693_tr_oobe07

Naturalmente non c’è alcun bisogno di tenersi distesi, come nelle foto, ed è invece possibile effettuare questa operazione ovunque e dovunque. Tutti questi fattori, e anche tanto altro, vengono resi possibili dalla incredibile, immensa, capacità neurocerebrale di effettuare parallelismi, un assunto di ultima generazione biologica che appartiene all’evoluto centro neurocitologico della specie umana. E’ proprio mediante la capacità neurale di effettuare parallelismi che l’HISB mantiene la necessaria postazione nel BOSN, mentre al contempo, si stacca all’esterno acquisendo presenza mediante coesione. L’HISB mantiene una parte della sua struttura neurosensoriale all’interno del corpo di struttura BOSN e con l’altra si estende, staccandosi come forma ed andandosene. Il collegamento rimane intatto, evidente, stretto e anche corposo. Incido poi che l’HISB si stacca e se ne va come intera forma, e nel modo più coeso che fosse possibile ottenere durante la preparazione, prima di andarsene in escursione. Direi che l’HISB non è certo l’AC-cosmico di “Isaac Asimov”. L’AC-cosmico, una intelligenca artificiale che questo formidabile autore di opere di fantascienza, ha descritto come tutta intelligenza e niente corpo.

Con il corpo di sogno il collegamento è molto sottile e la saga castanediana indicava proprio un filo sottile con cui i loro stregoni erano legati al loro doppio corpo, il corpo di energia che chiamavano anche “nagual”. Il sogno di quegli stregoni era quello di entrare in possesso di quella casualità energetica, facilitandola anche con l’impiego di ausili chimici e di comportamento.

tothelight

Il corpo di sogno è un corpo casuale e nessun ausilio può renderne il possesso stabile, quindi con quel tentativo, l’MCS“SistemCollectiveMind”, conclude la spinta biologica all’evoluzione e ora il passo successivo del suo software è marcato dalla tecnologia e dall’informatica della realtà virtuale, definita anche seconda realtà. Con tutto ciò l’MCS invita la specie umana a concentrarsi su una possibile immortalità ottenibile informaticamente con i data-base dell’Intelligenza Artificiale, che arriveranno alla singolarità del “primo seme” o “SeedAI”, sulla base del quale diverranno totalmente indipendenti, anche energeticamente, dal genere umano che li ha progettati. Ma l’MCS è anche quella che cambiando vestito evolve alla RES e a questo punto sembrerebbe tutto molto complicato, ma è solo complesso e la complessità per sua natura, dopo un certo periodo di fermentazione si veste da semplice. Per i cacciatori questo avviene per mezzo dell’implemento dei DACS, quindi delle pratiche RES per raggiungerne la conoscenza, evitando inevitabili diversioni interpretative. La parte nociva del software dell’MCS è sempre in agguato e si attiva immancabilmente distorcendo la realtà energetica, ma è solo una delle sue tre parti. Quella utile e quella inutile sono il fondamento delle successive applicabilità capacitative degli hunters”.

confessioni-di-una-mente-pericolosa-trailer-italiano-2545

Approfondiamo ancora il legame tra BOSN, HISB e CdS

“corpo fisico, corpo esterno e corpo di sogno”

L’assottigliamento del collegamento tra il corpo fisico e il corpo di sogno, si rende molto evidente quando i cacciatori, durante un’escursione con l’HISB, passano in una frazione di attimo a contemplare un evento di sogno, magari essendoci anche dentro. Capita che a volte l’HISB si interrompe e si entra in un’area di sogno, magari anche con il corpo di sogno. Il cacciatore si trova ad un bivio, o accetta di proseguire con il corpo di sogno nell’area del sogno, o di reggere l’area di sogno seguendola come fosse un grande fratello, o interrompe e torna all’HISB, con il quale può poi rientrare in quell’area e proseguire fino a dove l’energia lo consente. In tutti gli stati simili, perché ce ne sono di tanti tipi, quando si ha a che fare con il sogno, il legame con il corpo fisico diviene etereo e si perde la potente marcatura del collegamento che il corpo esterno HISB mantiene con il suo corpo fisico BOSN.

Tra i tanti stati similari cito quello in cui si possono mantenere incollati i tre (vedi tra poco 1,2,3) fogli-membrana delle dimensioni vibrazionali, “ogni corpo si manifesta nella sua fascia di innumerevoli e specifici fogli-membrana e delle loro pertinenti dimensioni vibrazionali”. Per la precisione quello che dico è possibile solo se si sta in un’area di sogno(1) con l’HISB(2) che è in stretto rapporto con il BOSN(3), perché se dall’HISB si passasse improvvisamente nel corpo di sogno, pur rimanendo nell’HISB il BOSN verrebbe momentaneamente staccato, anche se non del tutto. Si mantiene infatti un filo, di cui non si è però in grado di vederne il percorso anche se si è a conoscenza di dove il corpo fisico BOSN si trova. Ci si accorge di essere con l’HISB nel corpo di sogno, perché non è più necessario creare le forme, in quanto lo fa il corpo di sogno, quindi è un regalo di energia dell’EOS“ObscureRisingEnergy”. Questo fatto è simile a quello che accade nella vita ordinaria dove le forme non si debbono creare perchè già sono lì…, tutto il pianeta è lì…, un regalo dell’EOS per la specie umana che non deve fare altro che evolversi al collegamento diretto con l’energia.

universo_en_tus_ojos

Tornando al legame con il CdS, corpo del sogno, questo collegamento è molto sottile e il percorso del collegamento non è visibile, salvo quando si ha la chance, dopo il distacco, di trovarsi di fronte al proprio corpo fisico. Soltanto in quel breve momento si può vedere dove sta il qui, il là e quello che sta in mezzo. Il CdS non è disponibile vista la sua casualità energetica: si tratta di un dono indicativo del percorso che la specie umana dovrà fare, poi è necessario avere molta energia e tanti DACS di conoscenza per acquisirne l’interpretazione evolutiva.

Il corpo di sogno varia per intensità e quella molto elevata è particolare perché è talmente durevole da dare la sensazione di poter vivere per sempre in quello stato ed infatti, se l’escursione si prolunga troppo, non si avrebbe più voglia di tornare nella miseria dell’ordinarietà. L’alta intensità può anche essere poco durevole e in quel caso si usufruisce comunque di uno stato identico a quello della realtà ordinaria, ma sensorialmente molto più intenso, tanto da lasciare i rivoli della sua intensità, per lungo tempo, nel corpo ordinario con un benessere unico. Comunque alcuni tipi di escursioni nel corpo del sogno non si dimenticheranno mai.viaggio_astrale-300x181

Ho descritto in uno dei post precedenti che mentre ero in escursione con l’HISB su una terrazza molto grande e ricca di pannelli solari, improvvisamente mi sono reso conto di non essere in contatto con il mio BOSN, quindi ho notato che potevo ruotare in ogni direzione e mantenere la scena senza dover fare nulla. Ero nel corpo del sogno, ma anche nel mio corpo esterno HISB. Dunque mi sono detto che se non sentivo il collegamento con il mio corpo fisico BOSN, anche se sapevo dov’era, tutto questo era possibile perché il CdS aveva assunto il controllo della scena e aveva creato lui gli ambienti. Era allora sempre lui che manteneva un sottile collegamento con il BOSN e non più l’HISB. Tutto questo non è tanto semplice da spiegare se non rieterando tante volte la medesima spiegazione per osservarla da altre sfaccettature e in sostanza vorrei dire che mi trovavo in uno stesso foglio-membrana di una dimensione vibrazionale che radunava in sé le tre fasce differenti molto affini del BOSN, dell’HISB e del CdS.

shutterstock_12310231

Ad un certo punto capiterà a tutti i cacciatori di avere delle esperienze di vario tipo e si accorgeranno che gli capitano perché hanno raggiunto uno stato molto, molto sottile, poi però se cercheranno di valutare quel loro stato con la sottigliezza e la profondità, non troveranno il corretto riscontro, perché non si sentiranno affatto profondi e sottili, cosa che indicherebbe una sorta di evanescenza o di esser fatto, ma sono oltremodo consistenti ed energeticamente attivi. In genere questo stato di consistenza ed energia non prelude a stati extrasensoriali come l’MCS insegna, ma per i cacciatori non è affatto così. E’ l’energia a creare l’accesso alle dimensioni vibrazionali affini e non l’inconsistenza di un sensoriale sottile ed evanescente, ma quello lo possono capire i cacciatori, ad un certo punto della loro avventura.

A presto.

RIVOEVOSOFIA – “COMMENTI” – Post n.36 del 24.12.2013

RES: Un commento di qualità di un lettore-cacciatore che affronta un disagio del suo corpo fisico trattandolo dal proprio corpo neurosensoriale esterno. Un vero sprone che spinge a mettersi in gioco, collegandosi e trattando l’energia direttamente… I cacciatori, dopo migliaia di anni, sanno con certezza che devono uscire dalla propria struttura organica e trattare l’energia direttamente con il loro corpo di energia. Serviva un ponte, un salto ed infine il software dell’MCS si è evoluto nel software della RES, dalla biotecnologia all’energia direttamente. Continuerà tutto a coesistere, ma le cose non saranno le stesse…, domandatelo ai cacciatori.

attiva34

Attualità

Arriva un commento molto incentivante sull’impiego degli woho che dal corpo esterno HISB, intervengono contemporaneamente nello stesso punto o luogo del corpo fisico BOSN.

Ho già spiegato come per migliaia di anni l’MCS abbia incentivato ad impiegare l’energia dal corpo fisico con varie formule, tra le quali quelle del suo ramo scientifico che vanno dalla psicosomatica ai trainings sul tipo di quello autogeno di Schultz, dell’autoiponosi, dell’ipnosi e di altre forme di trainings interiori, tra i quali le meditazioni etc..

03686_tv_programmazione_mentale

Ci sono stati tempi in cui l’MCS con il reparto dei suoi “psicosomatologi”, a buona ragione, si era appropriata di ogni genere di male, quindi gli interventi sulla e per la manipolazione della mente a scopo benefico, come anche la psicoprofilassi al parto, erano molto seguiti. Proiezioni immaginative e visualizzazioni erano in prima fila e anche l’ipnosi e l’autoipnosi andavano alla grande, per via di individui più o meno capaci che riuscivano a conseguire e a far conseguire un certo “carnet” di risultati. In effetti instradare il cervello in una specifica direzione, piuttosto che un’altra, da dei risultati, tranne smentirli in altre occasioni. Si sente sempre indicare il “pensare positivo” e questo ha la sua ragione di esistere.

“Ultimamente un grosso depuratore d’aria di tipo professionale è stato messo in una piccola stanza dove alcune persone effettuavano tecniche di respirazione e appena messo in funzione si sono sentiti tutti rinfrancare da aria pura e ossigenata. L’energia si propagava come un virus e la respirazione aveva assunto in breve toni da alta montagna, salvo poi scoprire un anno dopo che i filtri erano tutti ostruiti da plastica protettiva, la quale non fu asportata dal commerciante che avrebbe dovuto preparare il prodotto all’uso funzionale”.

“L’autosuggestione” è un ulteriore edificio vuoto dell’MCS e dietro questo “blindhole” c’è invece molto di più, come anche sull’uso dei sistemi “palliativi”. Il cervello che gestisce la propria rete neurale è denso di sorprese e dentro i termini capacitativi del proprio corpo fisico BOSN riesce a fare cose che la stessa MCS, pur confermandole, non le ha mai volute spiegare completamente.

diabolico

“Medici e pronto soccorso, invitano tutti a non prodigarsi inutilmente per i più svariati malanni e a non assumere antibiotici al primo raffreddore e mal di gola, perché sono inutili e dannosi, oltretutto non servono per bloccare i virus. Omeopati, fitoterapisti ed erboristi vanno alla grande nel consentire il primo intervento che evita i dannosi farmaci salvavita. L’MCS indica che i farmaci salvavita dovrebbero essere impiegati per salvare la vita e la conoscenza è d’obbligo, quindi è d’obbligo anche l’oculata scelta del medico e della sua attenzione, perché se non lo si sente attento, meglio insistere che lasciar perdere. Infatti i professionisti vengono preparati tutti allo stesso modo, quindi si tratta di attenzione e di chance momentanea affinché le cose vadano a buon fine”.

Tornando alla parte precedente dove il software dell’MCS indica l’impiego della mente per intervenire a favore del corpo fisico. Il sistema di impiegare la mente per agire sulla mente, la quale interviene sul corpo fisico, perché questi agisca su se stesso, non appartiene all’evoluzione energetica individuale. L’MCS evolvendosi cambia vestito e nome, diviene RES, e lascia a quest’ultimo software il compito di intervenire mediante un collegamento diretto con l’energia. Questo tipo di collegamento si effettua da un corpo di energia e non dal corpo fisico. Il corpo fisico rappresenta soltanto la base di partenza.

tumblr_mvrssbFVDa1qduh58o1_1280

Se si potesse utilizzare concretamente il corpo neurosensoriale di sogno, definito anche doppio o corpo astrale, si potrebbe attuare quello che la RES indica: un collegamento diretto. Abbiamo già indicato più volte, in questo corpo, l’elemento di casualità, quindi l’impossibilità di poter intervenire con precisione impiegando questo mezzo. Gli interventi del corpo di sogno sono un autentico regalo dell’EOS“Obscure RisingEnergy”, che non è la “dark-energy” dell’imprecisata teoria cosmologica. In certi casi e ad una certa intensità, il corpo di sogno catalizza energia che potrebbe essere impiegata proficuamente, al rientro, dal corpo fisico BOSN di cui condivide un’affinità vibrazionale delle rispettive fasce di foglie membrana dimensionali. Questo ovviamente accade, ma è casuale e non ha nulla a che vedere con le possibilità che il corpo esterno HISB mette a disposizione dei “cacciatori” per il collegamento diretto con l’energia.

viaje-astral-desdoblamiento-cabecera

Proprio il lettore-cacciatore che manda il commento che seguirà, ottenne un incredibile vantaggio energetico dal suo corpo di sogno, ma rimarrà un evento tra i tanti, mentre quello che ci dice di aver conseguito nell’attuale commento è la prima pietra, quella che chiamiamo rivoevosoficamente “co.incidenza”, per non spaventare la porzione dell’MCS che occupa ancora il quadro neurocitologico di comando. “Co.incidenza per co.incidenza” i cacciatori ottengono coesione e reclamo di intervento. Interventi che possono reclamare a piacimento.

La RES per l’evoluzione energetica individuale ha iniziato l’addestramento di un corpo neurosensoriale esterno a cui tutti, dico tutti, possono accedere. Come per tante altre cose si tratta di addestramento e, lungo questo addestramento, il corpo esterno acquisisce maggiore coesione ed identità, fino a divenire splendidamente operativo come energia capace di collegarsi all’energia direttamente. Siamo giunti all’HISB “HighIntensitySensorialeBody”, un corpo che i cacciatori impiegano per uno svariato ordine di cose, tra le quali, anche quella di sostituire i precedenti, meno evoluti, mezzi di intervento mentale. Immaginare, visualizzare, meditare, effettuare rituali e trainings, pensare positivo, sopprimere il dialogo interno, fermare la mente, attuare il silenzio interiore: forse sono solo una parte dei mezzi precedenti.

michael-tsarion

I cacciatori impiegano la propria rete neurocerebrale e i suoi nutriti parallelismi per posizionarsi all’esterno del proprio corpo fisico BOSN e, con questo corpo esterno, effettuano manovre per la sua coesione aprendo i portali woho. Ottenuta la presenza ne aumentano la coesione mediante la creazione di forme e suono, quindi pensano, parlano e creano forme, “quando, per migliorare la coesione, l’HISB… non urla addirittura”. In sostanza anticipano il futurismo della realtà virtuale informatica, dei data-base e degli algoritmi generativi. I “cacciatori” impiegano l’energia collegandocisi direttamente dall’energia del loro corpo di energia: un corpo esterno a quello del loro organismo.

Gli hunters giunti sin qui, sanno bene di cosa si tratta e per gli altri, non ancora lettori-cacciatori, il consiglio è quello di tornare ai post precedenti, dove Rivoevosofia accoglie e guida tutti coloro che sono simili tra loro, perchè preparati da una sorta di neuropassione evolutiva individuale. Ma ora andiama al commento.

transhumanism_by_leadheavy-d4dr2t1

Commento di MM del 22.12.2013

Ciao Res, ti racconto la mia esperienza anche con lo scopo di capire se mi trovo nella giusta direzione. Premetto che da aprile circa mi trascino un vago fastidio allo stomaco. Non essendo nuovo a questo tipo di disturbi ho deciso di non rivolvermi al medico (in quanto so già tutta la trafila che comincia con una pasticca cha ha un nome che finisce per prazolo e termina con una gastroscopia e una diagnosi di gastrite da “stress”). Rispetto alle volte precedenti nelle quali dopo qualche settimana il problema regrediva prontamente, stavolta il disturbo si manteneva con una intensità alternante. Stavo praticando in halasana (il fisico grazie al cielo ancora me lo consente) e il vago disturbo è diventato una forte nausea che sono riuscito a localizzare proprio sulla parte finale dello stomaco (vedevo una parte arrossata tipo ciliegina). Ho continuato la pratica e al termine mi sono messo in HISB mantenendomi fisso sulla nausea sulla scorta delle indicazioni di Fenice. Immediatamente ho percepito due tubicini che mi entravano davanti e dietro lo stomaco arrecandomi un solletico elettromagnetico come quello che si prova quando si avvicina il braccio ad un vecchio televisore appena spento (l’esempio è un po’ buffo e raffazzonato ma serve per far capire). Già in quella fase ho provato benessere ma il bello è arrivato dopo. Ero infatti in fase di totale ordinarietà. Mi stavo infilando il pigiama prima di andare a letto quando la parte sulla quale avevo lavorato in precedenza è letteralmente “andata a fuoco”. Un calore intenso, circoscritto all’area gastrica, che è durato una manciata di secondi. Da quel momento il problema è sparito e si è trascinato con sé anche tutto un altro corteo di sintomi come gonfiore e meteorismo che mi trascinavo dietro da una vita. Per cui intanto grazie, spero stavolta di essere entrato in HISB.

Obe1

Risposta breve da Rivoevosofia

Le sensazioni che i cacciatori provano sono sempre molto personali e anche sempre differenti, ma il risultato sarà sempre simile quando si ottiene la “presenza” nel corpo neurosensoriale esterno HISB. Si deve ottenere la presenza tra il centro di controllo neurocerebrale da dove dirigere le operazioni e il “locus dolendi”, poi si deve mantenere la traccia da un punto all’altro e trasferire i termini d’ingaggio, con le parole adatte, woho in primis. Dobbiamo ricordare che l’HISB deve parlare e quando è possibile è bene che si addestri a farlo anche con l’impiego di un alta frequenza di sottosuono “corrisponde all’alta voce del BOSN”. Nell’HISB non si entra, l’HISB si stacca, perché è un corpo neurosensoriale che vive all’interno del corpo organico di struttura, ed è proprio mediante l’HISB che il corpo organico BOSN può manifestarsi. Ancora meglio posso dire a MM che l’HISB si stacca uscendo dal proprio BOSN e per un piccolo o un certo specifico percorso si muove secondo le proprie necessità o implicazioni o predilezioni, perché può scegliere tra l’impiego degli woho, il muoversi ordinario e il muoversi straordinario come nei casi in cui non rispetta le modalità ordinarie di spostamento. Si trovano ovunque figurazioni immaginative del corpo astrale che esce da quello fisico e, in alcune di queste, si vede un corpo tipo fantasma o evanescente che si stacca di poco alzandosi dal corpo fisico disteso.

Ho indicato una risposta breve ma solo in questo post, perché non posso procedere oltre, però la risposta ad MM si estenderà anche al successivo post, dove forse entrerà in una fase di maggiore intrigo. Vi invito a seguirla e a mantenerne il collegamento, perché le notizie divengono via via sempre più utili alle procedure RES che i cacciatori mettono in campo durante le pratiche.

Intanto dico a MM che riguardo all’intervento sull’impiego di questa peculiarità energetica degli woho, il suo procedere è di alta qualità, ma con l’aumento dei dati per come si comporta, devo desumere che il suo “pseudonimo” nasconde una particolare capacità di gestione dell’energia, ben modulata da aspetti di tipo cognitivo e fisico, quindi i suoi passi lunghi non sono casuali e non si deve dimenticare che è un lettore-cacciatore, quindi che realizza tutto partendo dall’infinitesimale. Rivoevosofia auspica l’avvento di “tanti simili” che si dedichino a passare i DACS di conoscenza che ottengono ad altri, direttamente. I commenti stanno già facendo questo mediante alcuni di loro.

Tornando all’intervento, MM, ottimo davvero, per tutti i lettori-cacciatori, per tutti noi, per tutti quelli che vanno alla loro evoluzione energetica individuale. Rinnovo il piacere che tu ci sia. Saluti da Rivoevosofia.

Ma andiamo al prossimo post per una interessante prosecuzione.